Papà e figlia Emily

413Report
Papà e figlia Emily

Era tardi ed ero stanco. La giornata si era trascinata, ho lavorato fino a tardi e poi ho dovuto portare la moglie all'aeroporto: il traffico e il tempo non hanno aiutato affatto. Spengo la luce del soggiorno e mi dirigo verso la mia camera da letto. Emily era andata a letto prima, ho notato che la sua porta non era chiusa bene, quindi ho fatto capolino solo per assicurarmi che fosse tutto a posto prima di andare e saltare a letto.

Qualcosa non andava... i miei occhi impiegarono un secondo per adattarsi alla scarsa luce prima di rendermi conto che mia figlia era sdraiata sulla schiena, con i piedi sollevati fino al sedere e le ginocchia divaricate. Era nuda dalla vita in giù e faceva scivolare velocemente la punta del dito tra la vagina e il clitoride. All'improvviso mi resi conto che si stava masturbando e io mi stavo intromettendo. Potrei aver emesso un suono sottile mentre riprendevo fiato, ho fatto rapidamente un passo indietro e ho riportato la porta nella sua posizione precedente.

Corsi nella mia stanza il più silenziosamente possibile. Non so se ero più imbarazzato per lei o per me stesso. So che se fossi stato sorpreso a masturbarmi a 14 anni sarei stato mortificato. Spero che non mi abbia visto o sentito; domani la colazione potrebbe essere insopportabilmente tranquilla.

Ho chiuso la porta ma non l'ho chiusa a chiave, ho pensato che non ce n'era bisogno. Emily era impegnata con se stessa oppure, se mi avevano notato, probabilmente si era nascosta nell'armadio cercando di entrare in un buco nero dove non avrebbe dovuto affrontarmi in seguito. Ho gettato la maglietta su una sedia e mi stavo togliendo i pantaloni quando ho realizzato che avevo un'erezione. Questo mi ha sorpreso perché non avevo mai visto mia figlia in modo sessuale, certo, avevo notato il suo seno svilupparsi e i suoi fianchi e gambe riempirsi, ma l'ho sempre preso come il corso naturale delle cose. Ma poi l'avevo vista esposta e compiere un atto sessuale personale e il mio corpo aveva risposto.

Mi ero appena tolto i pantaloni quando ho sentito Emily dietro di me: "Papà?" Mi colse di sorpresa e mi voltai per affrontare il rumore inaspettato, era entrata nella mia stanza quando meno me lo aspettavo. Immediatamente mi sono reso conto che la mia erezione stava facendo uscire la tenda dai miei boxer ed Emily mi stava guardando l'inguine, ho fatto del mio meglio per tenere i pantaloni su davanti a me ma era troppo tardi; Potrei anche usare un lenzuolo pieno di buchi per proteggere mia figlia dalla mia esposizione sessuale. Emily guardò rapidamente il pavimento e fece un passo indietro contro il muro.

"Emmy?"

"Uhmm," balbettò per un attimo, "papà, va bene masturbarsi?"

La domanda ironica della notte, prima del suo arrivo, stavo riflettendo proprio su questo. Abbiamo sempre avuto porte aperte in termini di domande poste, il nostro motto avrebbe potuto essere L'unica domanda stupida è quella che non fai. Sapevo che le dovevo una risposta: "Beh, Emmy, è naturale fare le cose che ci fanno sentire bene. L'importante è che non ti lasci trasportare, esagerando."

Ho visto che stava sbirciando attraverso la frangia, cercando di intravedere di nuovo il mio inguine. "Uhm papà, mi hai visto, vero?" Mi ha fatto una domanda piuttosto diretta e un po' imbarazzante, le devo riconoscere il coraggio.

"Non volevo, tesoro, è stato davvero un incidente. Non voglio che tu ti senta a disagio, è solo natura..."

"Posso vedere il vostro?" sbottò.

"OH." Sono stato preso alla sprovvista. Normalmente non mi preoccuperei troppo di questa domanda se fosse sorta in una situazione diversa e probabilmente nemmeno contro l'idea, ma non volevo esporla alla sessualità adulta, vale a dire alla mia erezione. "Sarebbe un po' imbarazzante, tesoro."

"Papà, voglio solo vedere, sai, un maschietto."

"Lo so tesoro," stavo cercando di deluderla dolcemente, "è solo che..."

"Ma papà, mi hai visto, è giusto."

La guardai lì in piedi, indossava una di quelle magliette oversize che le arrivavano fino a metà coscia. Non volevo mettere in dubbio cosa indossasse sotto, ma ho notato i suoi capezzoli che premevano contro il tessuto sottile della maglietta, senza reggiseno. Ho avuto la sensazione che non si sarebbe arresa e ho deciso che potevo mostrargliene solo un po' e non mi avrebbe visto tutta l'erezione. Tenendo ancora i pantaloni davanti a me, ho tirato la cintura dei boxer in modo che la mia erezione si appoggiasse al mio stomaco, poi ho abbassato leggermente la cintura per esporre un centimetro o giù di lì del mio pene. Ho abbassato un po' i pantaloni in modo che potesse vedere.

"Papà, sei tutto di me." Lei si è lamentata.

Oh cavolo, un giorno questa ragazza sarebbe diventata un avvocato. Ho lasciato cadere i pantaloni sul pavimento e ho abbassato la fascia dei boxer fino a quando non hanno scoperto solo la tomaia. Ho sentito la sua lamentela sotto forma di uno sbuffo. Bene, mi sono abbassato i pantaloncini così anche lei poteva vedere le mie palle.

L'ho vista fissare la mia erezione e per un attimo è sembrato che volesse allungarsi verso di me. "Va bene," le ho detto, "puoi toccarlo." Non mi aspettavo la mia reazione alla sua mano attorno all'asta del mio pene. Forse era la morbidezza della sua mano o il suo calore, forse era perché era mia figlia, ma sentivo che stavo diventando sempre più duro. Dubito che abbia notato o sentito la differenza, ma ero duro come la roccia e le mie palle cominciavano a farmi male per la tensione. Avrei avuto bisogno di venire dopo tutto questo.

Da qualche parte tra il dispiacere e questa tensione sessuale altamente carica ho perso le mie inibizioni. Ho chiuso la mia mano sulla sua e l'ho mossa avanti e indietro per un po' poi l'ho lasciata andare, lei ha continuato ad accarezzarmi per un momento prima che la fermassi mettendo di nuovo la mia mano sulla sua. "Vuoi vedere di più?"

"Siiii." La sua voce era bassa e ansimante, ora vidi che i suoi capezzoli erano piuttosto prominenti attraverso la maglietta.

Ho stretto le gambe insieme in modo che i miei boxer cadessero. Ho tenuto la mia mano stretta sulla sua e mi sono girata verso il letto, lei è stata costretta a girarsi con me mentre la tenevo ferma, poi ho premuto sulla sua spalla in modo che si sedesse sul letto. Rimasi lì di fronte a lei, la mia mano stringeva la sua mentre la mia erezione era sul suo viso. Ho lasciato la presa su di lei ma lei ha continuato a trattenermi. "Succhialo, tesoro."

Non distoglieva mai lo sguardo dall'oggetto del suo interesse. L'ho vista aprire un po' la bocca e fermarsi, poi mi ha preso in bocca. Era bagnata e calda in un modo che poteva solo farmi sentire bene, potevo sentire la sua lingua liscia proprio sotto la punta del mio pene. Praticamente mi stava semplicemente tenendo in bocca ma era bello; Mi sono spinto in avanti solo un po' in modo che ne prendesse di più, poi le ho detto di nuovo di succhiarlo. Lo ha fatto. Succhiandomi la sua lingua si è stretta contro di me, ho spostato di nuovo la sua mano lungo di me e poi l'ho lasciata andare, ancora una volta ha continuato da sola. Mi stava segando nella sua bocca. La pressione dentro di me stava crescendo velocemente, stavo per decidere se venirle in bocca o tirarmi indietro e lasciarlo schizzare addosso quando ho deciso di fermarmi. Mi sono allontanato da lei e ho sentito l'aria fresca della stanza mescolata al suo respiro caldo sulla punta del mio pene. "Per ora basta, tesoro, voglio che ti sdrai sul letto."

Lei si spostò indietro finché la sua testa non colpì il cuscino, respirava affannosamente. Le sue gambe erano leggermente divaricate, la sua maglietta si era sollevata un po' e potevo vedere che non indossava mutandine. La sua figa era bagnata. Mi sono seduto sul letto accanto ai suoi fianchi e le ho accarezzato dolcemente la gamba, spostandomi dal ginocchio fino a metà coscia; ogni volta lasciavo che la mia mano si spostasse più in alto finché i suoi fianchi non iniziarono a sollevarsi per l'anticipazione. Ho dovuto spingere un po' per mettere la mia mano tra le sue gambe per afferrare il suo monticello nella mia mano, lei ha aperto ancora un po' le gambe per darmi accesso. Lasciai riposare la mano lì per un momento, poi feci scivolare la punta del dito medio tra le sue labbra vaginali bagnate ed entrò facilmente. Ho imitato quello che le avevo visto fare: muovendo il dito lungo la sua fessura da un'estremità all'altra. Lei gemette con una voce bassa e profonda che non mi aspettavo dal suo corpo minuscolo. "Ci si sente meglio quando lo fa qualcun altro, non è vero?"

Poteva solo gemere di nuovo in risposta. I suoi fianchi ora corrispondevano al ritmo della punta delle mie dita. Stava cercando di premere contro di me per aumentare la pressione ma io mi sono trattenuto, la stavo stuzzicando intenzionalmente, facendo deliberatamente aumentare la pressione in modo che venisse forte. Ci sono voluti solo un paio di istanti poi mi ha afferrato la mano con entrambe le sue e mi ha stretto a sé mentre raggiungeva l'orgasmo. Ho lasciato che la punta del mio dito la penetrasse quel tanto che bastava da poter sentire le sue contrazioni, lei ha provato a premere ulteriormente per avere più di me in sé ma non volevo che ciò accadesse. L'ho tenuta a coppa nella mia mano mentre gli spasmi si calmavano, tutto quello che poteva dire era: "Oh papà..."

Mi ha sorpreso girandosi su un fianco e chinandosi verso di me, prima che me ne rendessi conto mi aveva di nuovo in bocca. L'ho presa per le spalle e l'ho fermata: "Aspetta tesoro, non ancora." Lei mi guardò e io mi chinai per baciarla, dapprima un bacio gentile, poi le feci scivolare la lingua in bocca. Feci un bacio lento e sensuale, la sentii ricadere tra le mie braccia. "Rilassati tesoro. No aspetta, togliti questo." Cominciai a sollevarle l'orlo della camicia. Afferrò la maglietta e se la fece scivolare facilmente sopra la testa, lasciandola cadere a terra. "Ecco, ora rilassati."

L'ho guardata, mia figlia, nuda nel mio letto. Era bella. Le presi a coppa uno dei seni e lasciai che il pollice scivolasse avanti e indietro sul capezzolo. Fece un rumore che evidentemente dimostrava che per lei era un piacere. Lasciai che le mie dita scendessero lungo il suo stomaco e presi di nuovo il suo monticello nella mia mano. Questa volta le sue gambe erano già aperte e la mia mano scivolò facilmente in posizione. Lei inarcò la schiena in risposta. "È stato bello quando mi hai succhiato, Emmy. È stato molto bello. Voglio mostrarti come ci si sente per te."

Mi sono spostato tra le sue gambe e ho fatto scivolare un braccio sotto e attorno a una di esse per tenerlo contro di me, ho usato la mano libera per accarezzarla, sfiorandole il clitoride e giù e indietro per diffondere la sua umidità lungo tutta la lunghezza del suo piccolo rosa labbra. Ho premuto il pollice sulla pelle della sua coscia in modo che si aprisse e potessi vedere il suo sesso nascosto, poi ho premuto l'ampiezza della mia lingua contro di lei e l'ho leccata. Lei mi ha schiacciato con forza e l'ho fatto di nuovo, poi a turno ho succhiato il suo clitoride e ho spinto la mia lingua dentro di lei il più lontano possibile. Ogni volta che lo facevo, spingeva più forte che poteva, cercando di farmi entrare più profondamente in lei. Tenevo fermamente la sua gamba contro di me, la restrizione di ciò stava facendo aumentare notevolmente la sua tensione. Sono tornato a succhiarle il clitoride finché non ho saputo che stava per raggiungere di nuovo l'orgasmo, quando l'ha fatto l'ho aperta di nuovo e ho osservato le sue contrazioni mentre veniva.

Rimasi lì per un momento, lasciandola riprendersi. L'ho baciata sulla parte superiore delle cosce o sul clitoride; una o due volte ho fatto scivolare di nuovo la lingua dentro di lei. Quando si rilassò le chiesi: "Vuoi sentire di più?" Lei mi ha guardato, i suoi occhi erano sognanti, fumosi, avevano un'aria lontana, ha emesso un lungo "Unnnnnnn..." L'ho preso come una cosa positiva. Mi sono spostato tra le sue gambe e mi sono sdraiato su di lei per un momento, chiedendomi se sarei riuscito ad adattarmi a lei, ma una volta che le ho toccato la testa del mio pene e ha iniziato a scivolare facilmente, la preoccupazione è scomparsa. Nel momento in cui mi ha sentito entrare in lei ha cominciato a spingersi contro di me, ho premuto le mie cosce contro le sue per impedirlo. Lentamente, solo per gradi, ho spinto dentro di lei, la stava facendo impazzire: ora voleva la penetrazione completa. L'ho prolungato il più a lungo possibile. Alla fine ero completamente dentro di lei, era più calda e umida di qualsiasi donna avessi mai conosciuto. Invece di entrare e uscire da lei, ho premuto più profondamente dentro di lei, spingendo contro la sua cervice e premendo il mio osso pubico sul suo clitoride. Ha combattuto sotto di me, ha combattuto per ottenere di più e prendere di più. Mi sono spinto dentro di lei più che potevo e mi sono mantenuto lì. Poi la sentii iniziare ad avere l'orgasmo: "Fallo tesoro, vieni su di me. Vieni su di me, tesoro."

Ha emesso un piccolo grido mentre finiva, mi sono rilassato un po' e le ho permesso di riprendere fiato. L'ho baciata dolcemente e le ho detto quanto era bella, quanto si sentiva meravigliosa, quanto l'amavo. L'ho sentita rilassarsi sotto di me poi le ho detto: "Ho bisogno di venire tesoro, sono pronto a scoppiare". Lei annuì e mi attirò a sé.

"Aspetta, ho bisogno di te sopra. Ho bisogno di tirarmi fuori quando vengo." L'ho abbracciata e mi sono girata in modo che lei si sdraiasse su di me. "Siediti tesoro." Il suo peso mi ha spinto più in profondità dentro di lei, ho alzato i fianchi contro di lei e ho spinto un paio di volte. Non ci è voluto molto. "Ora." L'ho sollevata in modo da potermi ritirare, la mia erezione è ricaduta contro il mio stomaco e ha cominciato a fuoriuscire. Lo fissò affascinata, poi mi prese dolcemente in mano e mi fece una sega non appena finii. Ero senza fiato, avevo ricevuto una sborrata così forte da farmi male alle palle, ma in senso positivo.

Le ho chiesto di prendere un fazzoletto, lei ne ha preso un paio e mi ha ripulito. "Voglio che tu dorma qui stanotte, tesoro."

"Va bene." Sembrava molto interessata alla cosa.

"Voglio andare a dormire con te mentre sono dentro di te, tesoro."

La cosa l'ha attratta moltissimo. Ero seduto duro, la mia erezione non stava per crollare, lei ha giocato un po' con me in parte per naturale curiosità e in parte perché penso che volesse farmi sentire bene. Lei mi guardò e le dissi di sedersi di nuovo sopra di me e di farmi entrare in lei. Le ho lasciato fare tutto, era ansiosa di guidarmi di nuovo dentro di lei. Era fradicia e io ero ancora piuttosto duro, sono scivolato dentro di lei facilmente, entrambi siamo stati spinti l'uno nell'altro. Il suo calore e la sua umidità mi hanno fatto venire voglia di stenderla di nuovo e scoparla senza sensi, ma invece l'ho tirata su di me e siamo rimasti lì insieme. Non ricordo quando ci siamo addormentati.

Quando mi sono svegliato ero ancora parzialmente dentro di lei. La mia erezione era diminuita, ma realizzando che ero dentro di lei e sentendo ancora il suo calore e la sua umidità, è balzata indietro. Ho spinto un po' e ho cominciato a penetrarla di nuovo e il movimento l'ha svegliata, lei ha ricambiato la spinta e mi ha fatto entrare di nuovo in profondità. Ho iniziato a spingerla dentro ma lei mi ha fermato. "Aspetta papà, hai fatto così tanto per me ieri sera... lasciami fare questo." Lei scivolò su e giù da me poi si voltò e mi prese in bocca, questa volta non mi trattenne lì, mi stava succhiando con l'intenzione di farmi venire nella sua bocca. Mi sono abbassato e l'ho palpata, lei ha spostato i fianchi verso di me in modo che potessi infilarle un dito dentro. Cominciai a sborrarle in bocca, la sentii deglutire mentre scoppiavo, solo un attimo dopo le sue gambe si strinsero contro la mia mano mentre veniva di nuovo.

L'ho tirata verso di me e ci siamo abbracciati e poi ci siamo addormentati insieme.

Storie simili

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

2.2K I più visti

Likes 0

Rose, la mamma da sola

Rosa Nei giorni successivi ho ricevuto messaggi dai gemelli. Helen mi voleva più di ogni altra cosa ed era disposta a incontrarmi ovunque per mostrarmelo. Rose mi ha inviato un messaggio chiedendomi di incontrarci e parlare prima di incontrare una o entrambe le sue figlie. Il suo secondo messaggio mi invitava a incontrarla. Mi è stato appena dato un indirizzo e un'ora. Quindi quando sono arrivato sono rimasto sorpreso di trovarmi di fronte a una sala massaggi. Mentre varcavo la porta una giovane e carina donna ispanica mi ha salutato e mi ha chiesto che tipo di piacere volevo. Sono Mike...

261 I più visti

Likes 0

Camera Vergine

Questa è la terza storia che scrivo per questo sito e ancora una volta mi scuso se ci sono errori di ortografia o grammaticali o qualsiasi altro errore. Mi piace molto il feedback e se vuoi sottolineare eventuali errori fallo in modo costruttivo, non rispondo bene alle persone che criticano la mia punteggiatura quando il loro messaggio è scritto tutto maiuscolo o simili. Tieni presente che questa storia è completamente vera con una piccolissima quantità di abbellimenti per mantenere la storia in corso, quindi non pubblicare post dicendo che non potrebbe mai essere vero, perché lo è. Sono uscito con questa...

263 I più visti

Likes 0

Giochi per computer_(1)

Mandy Wilson sedeva tristemente sul sedile del passeggero mentre l'auto di sua madre Carol seguiva il grande camion di trasloco fuori Londra. Oh per l'amor del cielo, rallegrati, esalò la donna più anziana. Mandy, andiamo e questo è tutto. Le parole fecero semplicemente crollare Mandy sul sedile e incrociare le braccia ancora più strettamente sul petto sinuoso finché non le fece male. A volte puoi essere un bambino così piccolo, osservò Carol. Mandy rispose con il consueto ringhio di frustrazione e impotenza. Il motivo del suo umore cupo era stato messo in moto sei mesi prima quando, del tutto all'improvviso, sua...

286 I più visti

Likes 0

I sogni di Racos diventano realtà!!!_(1)

Mi chiamo Raco e ho 15 anni non sono atletico sono sempre stato quello a cui piacevano i libri e stare dentro... sono nell'armadio e nessuno sa che sono gay non ho mai avuto una ragazza o addirittura ho baciato una ragazza perché semplicemente non mi interessano... mio padre è via la maggior parte del tempo a lavorare a progetti di costruzione fuori città e quando è a casa dorme ed è difficile svegliarlo. ...mia madre non ci presta molta attenzione perché lavora e va a scuola...beh, questa storia parla di me e del mio fratellastro più grande e atletico Jacob...

889 I più visti

Likes 0

Fratelli curiosi (parte 1)

Tutto quello che riesco a ricordare di mamma e papà quando ero giovane era urlare e litigare. Vivevamo in una casa minuscola che non aveva molta privacy quindi potevi sempre sentire le urla. Per fortuna hanno divorziato quando ero giovane. Ci siamo trasferiti, mia sorella minore, mia madre e io. All'inizio è stato difficile non avere papà accanto, ma mi sono abituato presto. In ogni caso sono sempre stato più legato a mia madre. Era la mia sorellina che sembrava avere difficoltà, chiedendo di papà molto più spesso di quanto pensassi di lui. Ben presto si abituò al fatto che anche...

357 I più visti

Likes 0

Twat

Twat New York City è composta da cinque distretti, che equivalgono alle contee del resto dello stato. I cinque distretti sono Bronx, Brooklyn, Manhattan, Queens e Staten Island. New York City ha oltre 8,2 milioni di residenti. L'area metropolitana di Greater New York ha una popolazione di quasi 19 milioni di persone e si colloca tra le più grandi aree urbane del mondo. Quindi naturalmente mia figlia voleva andarci. Mia figlia Amanda odia il suo nome perché è troppo permaloso e corretto. Le piace che i suoi amici la chiamino acida. Ha attraversato il suo palco rosa da ragazza carina, il...

2K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Rachel scopa la coppia

Rachel scopa la coppia Un giorno, sono andato a una festa a casa di amici dove una giovane testa rossa che ballava ha attirato la mia attenzione; vederla ballare mi ha eccitato. Mi sono avvicinato a lei e ho iniziato a ballare anche io, presto stavamo ballando insieme. Dopo aver ballato per un po', ci siamo seduti e abbiamo iniziato a parlare. Mi sono presentata come Rachel, mi ha detto che si chiamava Jennifer. Dopo un po' di conversazione Jennifer e io abbiamo notato che la festa stava finendo e la gente se ne andava. Jennifer ha chiesto se può avere...

1.4K I più visti

Likes 0

Esperienza sessuale con la madre del mio amico 2

Vibratore tecno coniglio. Esperienza sessuale con la madre del mio amico -2 “Se ce ne sono più di uno, c'è un modo che devi fare per deviarli completamente in modo che io possa avere la possibilità di distruggere i dati. Le ho detto. Lei ha risposto che cosa devo fare? Devi provocarli per una penetrazione multipla, in modo che siano impegnati a fotterti senza sapere cosa sta succedendo intorno a loro “Ooooooh! No. Non posso farlo, non posso resistere ai loro fottuti cazzi che entrano in me alla volta, rispose in aggressività. “Se non puoi farlo, allora non posso aiutarti. ...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.