Little Piggy 7 - Doppia detenzione, giovedì

430Report
Little Piggy 7 - Doppia detenzione, giovedì

Littler Piggy-7, Doppia Detenzione – Giorno 4

Giovedì

Il piccolo Piggy camminava lungo la strada lontano da casa diretto a scuola. Padroneggiava la cintura da allenamento e sapeva come accentuarne o meno gli effetti. Alla fine dell'isolato c'era l'allenatore Gray in piedi accanto a un grosso pick-up nero. "Ti senti meglio oggi?" disse guardandola. 'Si signore.' disse con un sorrisetto e un saluto.

"Hai fatto pratica?" Sapeva cosa intendeva. Sollevò la borsa delle palline e fece roteare il vestito in modo fluido e con grazia. "Sali. Ti do un passaggio." ordinò con un sorriso lascivo. Lei si arrampicò per salire sul suo camion alto. Sembrava nuovo e brillante, ma l'interno sembrava vecchio con un grande sedile gonfiabile. Saltando dentro notò una depressione sul sedile sotto la fodera. La stava spingendo verso il basso quando il coach è salito a bordo.

"Metti lì la palla e salici sopra." chiese. I suoi occhi si spalancarono e si precipitò a togliersi le mutandine e la cintura da allenamento. Posò la palla nell'incavo del sedile e salì mettendo in posizione i rebbi. Lei gemette leggermente e si dimenò sulla palla. L'allenatore si allungò verso di lei e le allacciò la cintura di sicurezza, stringendola quel tanto che basta per tenerla comoda. "Non voglio che tu voli via."

Cominciò a guidare e solo le vibrazioni del motore facevano volare piccole scintille. Quando l'allenatore colpiva un avvallamento o una buca, rimbalzava sul sedile e gridava. Aveva percorso solo un isolato o due quando notò che lei lo guardava dalla vita. Ha dato gas spingendo con forza la punta posteriore nella grinza del suo culo e poi colpendo i freni facendola rotolare su quello nelle pieghe della figa. 'OH.' ansimò.

Lo ha ripetuto un paio di volte con Little Piggy che ansimava e gemeva. I dossi sulla strada la fecero rimbalzare sul sedile. Adesso si stava contraendo con gli spasmi che crescevano. Stava guardando di nuovo la sua vita quando lui disse: "Gira la palla verso di me". Poi tirò fuori la carne del suo uomo dalla cintura e disse: "Mettiti al lavoro, signorina". Tirò sotto le gambe e si voltò. Adesso era di fronte a lui e si sporse in avanti. La palla in quella direzione le fece ruotare proprio nel suo grembo.

Stava proprio mettendo la bocca intorno al suo cazzo quando ha iniziato a parlare. 'Sig. Piaci a Newnen. Pensa che tu stia bene. Non sono venduto." Lei era concentrata sull'ingoiare il suo cazzo ma si chiedeva dove andasse a parare. «Hai molto coraggio, questo è certo. Ma l'amore per i cazzi non ti porterà da nessuna parte in questo mondo.' Le mise una mano dietro la testa mentre le spingeva ulteriormente in gola. Iniziò a contorcersi e contorcersi.

«Devi tenere il passo con i tuoi compiti scolastici. E stai lontano dai ragazzi immaturi.' Stava nuotando mentre il camion rotolava e rimbalzava lungo la strada. La palla sotto di lei e il suo cazzo che fanno lo stesso nella sua gola. Lei sbuffò e lui le lasciò andare la testa. Ci è rimasta il più a lungo possibile. Le sue piccole pieghe e le increspature del culo venivano colpite dal rimbalzo del sedile. Formicolio su tutto il corpo. Amava le sensazioni e capiva di cosa stava parlando l'allenatore Gray.

Si tirò su per riprendere fiato. "Sì, allenatore." disse senza fiato. Poi lei ricadde su di lui. 'Ti piace quello? Lo adorerai." svoltò all'improvviso in un vialetto che sussultava e sobbalzava ancora più forte. Ha sbuffato un paio di volte. Poi ha superato un dosso, un po' veloce. Il suo cazzo le si incastrò in gola. Lei saltò fuori, 'Oh, wow!' gemette. E si lasciò cadere di nuovo su di lui.

Questo è andato avanti un paio di volte prima che dicesse: "Per ora basta". Le sollevò la testa e la guardò negli occhi cercandola. "Rimettiti in sesto, ti porto a scuola." I suoi occhi tremolavano un po', ma salutò: "Sì, signore". Riuscì ad arrampicarsi a tentoni dalla palla e la rimise nella sua borsa. Mi infilò la cintura da allenamento con un gemito di desiderio e la allacciò. Poi l'allenatore le porse un piccolo asciugamano per asciugarle la bocca e l'inguine in modo che potesse infilarsi le mutandine. 'Bene!'

L'ha accompagnata a scuola e lei si è ricordata subito come si cammina. Sussultando e sussultando a ogni passo mentre arrivava alla sua prima lezione. Il resto della giornata è andato liscio. Si sedeva dritta al suo posto, ad ogni lezione. Ha ascoltato attentamente e ha risposto alle domande quando le è stato chiesto. Alla fine la giornata finì e lei si diresse direttamente alla punizione.

Tommy la raggiunse e le chiese se voleva vedere il suo cazzo. Lei sorrise e disse: "Grazie". Ma sono in punizione a causa tua e del tuo amico Jack. E i tuoi cazzi. Doppia detenzione!' Lei lo guardò per un attimo e poi tornò a sorridere. Questo lo zittì subito e lui disse docilmente: "Mi dispiace". Non è stata tutta colpa mia. Hai chiesto...' si interruppe. Lei si fermò e si limitò a fissarlo, poi continuò a trattenersi nascondendo un sorriso e un sussulto. Tommy non lo seguì.

Quando entrò nell'ufficio del signor Newnen si tolse le mutandine e la gonna e le posò sulla scrivania e andò a sedersi alla sua scrivania. Mettendo la borsa delle palline accanto alla scrivania. Stava correggendo i documenti come al solito e grugnì per avvertire il suo arrivo. Si sedette pazientemente e si dondolò solo un paio di volte emettendo piccoli sussulti. Alla fine si allontanò dalla sedia e la guardò. 'Tutta la notte?' chiese. Lei annuì e sorrise: "Sì, signore". «E la palla? Hai usato anche quello?'

Il suo sorriso si allargò. "Vuoi usarlo mentre aspettiamo l'allenatore Gray?" Pensò per un momento. "Hai visto l'allenatore Gray stamattina?" Lei sorrise e annuì: "Sì, signore". «È un po' burbero, ma ha buone intenzioni. Sotto tutti quei muscoli e quell'aspetto duro, è un uomo molto intelligente.' Ancora una volta sorrise e annuì. "Ti sono piaciuti i dossi stradali?" chiese il signor Newnen. Il piccolo Piggy fece un ampio sorriso.

Proprio in quel momento arrivò l'allenatore Gray e Little Piggy si alzò accanto alla sua scrivania. L'allenatore la guardò e sorrise: "Bene, cominciamo". "Hai sentito gli altri insegnanti?" chiese il signor Newnen. L'allenatore non le tolse gli occhi di dosso: "Il massimo dei voti oggi". Se riuscirà a continuare così, quest'anno sarà nella lista dei vincitori.' Il signor Newnen sorrise: "Te l'avevo detto. Ha solo bisogno di concentrazione e poco allenamento.' Lei sorrise e le sue gambe si contrassero.

Istintivamente si tolse la cintura da allenamento e raccolse la palla. Entrambi la guardarono. Alzò le sopracciglia in attesa delle sue istruzioni. L'allenatore la spinse sulla scrivania e le passò la mano tra le gambe. Tremava e gemeva. Il signor Newnen si sfilò i pantaloni e accarezzò la carne del suo uomo facendola crescere e irrigidire.

LP sentì l'allenatore spingere il suo cazzo nelle sue pieghe bagnate. Mentre l'attraversava, lei strillò e poi gemette sempre più profondamente, man mano che scivolava in profondità. L'allenatore iniziò lentamente a darglielo. Pompandolo lentamente, centimetro per centimetro. "Mmmm" sussurrò dalle sue labbra. Pensò a sua madre e suo padre che lo facevano. Tremò quando la vita dell'allenatore sbatté contro il suo sedere. Lui sussultò e pompò forte facendola sussultare e gemere di nuovo.

Lui tirò fuori e il signor Newnen prese il comando facendo scivolare la sua asta rigida nella grinza del suo culo caldo e umido. 'OH!' ansimò mentre lui si spingeva avanti e continuava ad andare avanti. Lui scivolò dentro e si spinse contro il suo sedere. Lui pompò e le gambe di lei si drizzarono e poi vacillarono mentre veniva schiacciata contro il bordo della scrivania. Ha pompato ancora e ancora riscaldandole il buco del culo. LP scricchiolava a ogni spinta profonda e tremava. Si sentiva debole, sdraiata sulla scrivania, con la palla da allenamento avvolta tra le braccia.

Dopo qualche minuto lui la tirò fuori e la tirò giù dalla scrivania. L'allenatore era seduto sulla sedia e le è stato detto di infilare le gambe nei braccioli di fronte a lui. Mentre saliva, Coach le fece scivolare la carne tra le pieghe. La sua piccola figa avvolta attorno alla sua verga dura. Cominciarono a dondolarsi avanti e indietro sulla sedia con le gambe che la sollevavano leggermente durante la corsa anteriore. Il signor Newnen si è messo dietro la sedia mettendo il suo cazzo nella bocca di LP.

Il dondolio spinse entrambi i cazzi dentro e fuori e presto lei cominciò a nuotare per l'eccitazione. Si contorceva e sussultava, accumulando sensazioni in tutto il corpo. Il suo corpo dondola sotto la spinta dei cazzi duri. Il dondolio ritmico era allo stesso tempo erotico e pacificante. Lei giaceva lì inerte mentre gli spasmi inondavano il suo corpo e la sua mente. Proprio mentre lei era completamente addosso al signor Newnen, si fermarono all'improvviso.

Lui si tirò fuori e camminò dietro di lei. Poteva sentirlo spostare il suo corpo in modo che il suo sedere pendesse dal bordo della sedia. Quando la sedia dondolò in avanti e poi indietro, il cazzo del signor Newnen era lì. Scivolò attraverso la sua piega e su. Ora, quando dondolavano avanti e indietro, veniva spinta prima su uno e poi sull'altro enorme muscolo. Raddoppiando i suoi spasmi.

'Oh si!' lei pianse. Le sue gambe si allungarono e la sua schiena si inarcò. Infilzata su entrambi i cazzi contemporaneamente, si agitò e sussultò. Il suo corpo sentiva tutte le sensazioni contemporaneamente mentre continuavano a dondolarsi. La sua testa cadde contro la spalla dell'allenatore e lui mosse il braccio per trattenerla lì. Si sollevò con la vita, stringendo ulteriormente il suo enorme cazzo durante la corsa all'indietro. Poi la spinse di nuovo verso il signor Newnen, macinandole la piega durante il colpo anteriore.

Al successivo colpo all'indietro l'allenatore si alzò in piedi. Il suo muscolo di carne era il gancio che le impediva di scivolare via. Lei si contrasse e strinse la sua verga mentre il cazzo del signor Newnen tirava fuori. Sentì la perdita e si chiese cosa sarebbe successo dopo quando Coach iniziò a farla dondolare sui fianchi mentre camminava intorno alla scrivania fino al centro dell'ufficio. Era come se il camioncino fosse ricominciato da capo e lei ha urlato: "Oh sì!" ogni rimbalzo.

Si fermò e rimase lì per un momento e Little Piggy dovette riprendere fiato. Il signor Newnen era di nuovo dietro di lei e si insinuò per gran parte del percorso. L'LP si sentiva pieno. Questo era meglio della palla. Lentamente l'allenatore tirò indietro il cazzo trasferendo il carico al signor Newnen. Il signor Newnen si è spinto in avanti sollevando LP per la grinza del sedere e poi lasciandola scendere. L'allenatore lo ha fatto dopo e hanno iniziato a sollevarla a turno per i loro cazzi.

Dopo pochi minuti cominciò a scoppiare in spasmi esplosivi. La sua voce era bassa e stanca: "Oh sì, oh". Mmm sì." Era senza fiato ed era inerte quando l'allenatore la sollevò. Sentì il suo sussulto e il suo spasmo afflosciarsi tra le sue braccia. "Non hai ancora finito, signorina." disse abbassandola a terra. Le sue gambe tremano e la sua schiena debole. Fece un respiro profondo e si raddrizzò: "Sono pronta, signore". I suoi occhi non sono ancora del tutto concentrati.

"Domani è il tuo ultimo giorno di detenzione." cominciò: "Hai imparato qualcosa negli ultimi quattro giorni?" 'Si signore.' mormorò mentre riprendeva fiato e ritrovava le gambe. Le diede una gomitata e lei si riprese prima di ribaltarsi. 'Bene. Assumere la posizione.' Egli ordinò. Si avvicinò alla scrivania e si sdraiò sulla schiena. Il suo petto continuava a sollevarsi.

L'allenatore si avvicinò alla scrivania mettendo il suo cazzo in bocca e lei lo tirò dentro e se lo scivolò giù per la gola. Lo spinse forte e lei sussultò e si contrasse. Quel piccolo sbuffo proveniva dal suo naso ogni volta che lo introduceva fino in fondo. Si ricordava che sua madre lo faceva quando papà era completamente dentro. Poi l'allenatore le afferrò i fianchi e li sollevò impalandola alla gola. Ancora una volta sbuffò e tremò.

La sollevò e lei sentì il cazzo del signor Newnen sostituire il suo mentre l'allenatore la deludeva. Quando la sollevò si scambiarono. Avanti e indietro, su e giù. Dopo un paio di questi il ​​Coach la tenne sul suo cazzo e la rimise sulla scrivania. Poi il signor Newnen la spinse tra le pieghe mentre la dondolavano avanti e indietro sulla scrivania. Uscirono entrambi e lei rimase lì, sorridente.

Proprio mentre stava riprendendo fiato, l'allenatore Gray la spinse di nuovo tra le pieghe e la sollevò dal tavolo. Il signor Newnen si unì entrando nella sua increspatura spalancata. Si dondolarono avanti e indietro riempiendo entrambi i buchi finché lei non ricominciò a crescere. Il suo corpo formicolava e si contorceva. Borbottava qualcosa di irriconoscibile e cigolava.

All'improvviso entrambi iniziarono a spingere contemporaneamente sollevandola su entrambe le loro aste dure e poi cadendo giù impalandola di nuovo sul fondo. Stavano iniziando a prendere velocità quando si rese conto che i loro cazzi stavano diventando sempre più grandi e duri. Proprio in quel momento entrambi iniziarono a schizzare. Poteva sentire il battito nel profondo del suo corpo. È esplosa. Tremava e si contorceva mentre gli spasmi la sopraffacevano.

Fece un paio di respiri profondi mentre gli spasmi rallentavano e poteva sentirli ancora schizzare in profondità nei fianchi. La sensazione era migliore di quando li aveva ingoiati e due insieme era incredibile. Lei sorrise e guardò entrambi. Erano sudati e anche loro respiravano affannosamente. L'allenatore la sollevò e la mise accanto alla scrivania.

Barcollò ma rimase in piedi, avrebbe voluto cadere sulla sedia della scrivania d'attesa. 'Riesco a farlo.' ripeté a se stessa. Fece un paio di respiri profondi e li guardò. L'allenatore le ha consegnato la cintura da allenamento. Se lo infilò e allacciò la fibbia. Poi le porse le mutandine e la gonna. Li indossò e si sistemò i vestiti. Alla fine le porse la palla nella sua borsa e un biglietto: "Questa è per i tuoi genitori". Spiegando che domani tornerai a casa un po' più tardi.

Quella notte diede il biglietto ai suoi genitori. Loro semplicemente lo esaminarono senza mostrarglielo e accettarono, dicendole che per loro sarebbe andato tutto bene. Più tardi era sdraiata sul letto e sentì suo padre russare. Lei sorrise e slacciò la cintura da allenamento, sfilandola. Aprì la confezione della palla e la portò con sé nella camera da letto di suo padre. Lei gli diede una gomitata come al solito e lui rotolò su un fianco.

Posò la palla e la montò. Si contrasse e tremò, dondolandosi avanti e indietro alcune volte. Nascose la testa sotto il lenzuolo e si mise velocemente in bocca l'hot dog. Ne fece rotolare la punta con la lingua e se la lasciò scivolare in fondo alla gola. Cominciò a gonfiarsi e sentì suo padre grugnire. Poi spinse in avanti il ​​fianco e lei deglutì.

Il suo cazzo le crebbe in gola e lei si dondolò sulla palla ricordando gli eventi della giornata. Appeso ai loro cazzi, alla sua figa, alle sue grinze e alla sua bocca. Ciò ha portato un'ondata di spasmi. Fece scivolare su e giù la sua verga carnosa e lui gemette di nuovo rumorosamente. Lei rallentò e attese per vedere se si stava svegliando. Lo sentì spingere con i fianchi e cercò di non saltare mentre veniva spinta contro i rebbi della palla.

Si spinse di nuovo in modo da premere ancora una volta il viso contro i suoi peli sulla vita. Suo padre dondolò i fianchi e spostò la gamba intrappolandole la testa. Il suo cazzo completamente rigido ora seppellito nella sua gola. Iniziò a dondolare i fianchi pompando dentro e fuori e facendola dondolare sulla palla. Gli spasmi del corpo la scuotevano ma cercava di contenerli per non svegliare suo padre.

Adesso tutti i suoi buchi erano pieni. Era completamente imbottita, per quanto poteva esserlo. Suo padre le fa dondolare il cazzo dentro e fuori dalla gola e i doppi rebbi si muovono nel suo corpo. Poi lo sentì grugnire e gonfiarsi. Lui schizzava con forti spinte e lei si contorceva e sussultava rimbalzando sulla palla.

Quando ebbe finito di squirtare lei gli diede di nuovo una gomitata e rotolò via liberando la testa. Poi se ne andò silenziosamente e tornò nella sua stanza, alla cintura da allenamento e a dormire.

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

411 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

1.9K I più visti

Likes 0

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15 Judy teneva gli occhi correttamente bassi mentre sedevamo al tavolo della mia cucina a bere il caffè. Rachel e Reese erano entrambe a un incontro di Narcotici Anonimi. Joey li aveva guidati. Judy aveva un colletto intorno al collo, stivali con il tacco alto e un plug anale di tre pollici di diametro conficcato saldamente nel suo retto. «Non sono sicuro di come mi sento al riguardo, Judy» dissi. “Anche io sono un po' confuso al riguardo. Ma sapendo cosa ha fatto Tory per ferire le mie ragazze, non voglio più essere responsabile. Mi...

1.7K I più visti

Likes 0

Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare. Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come...

1.5K I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 6

La vicina di casa insegna a Cathy a prendere lo stile missionario di Horas, ma non è tutto ciò che le insegna. Ho ricordato a Cathy che Brian e Leena sarebbero tornati il ​​prossimo fine settimana. In realtà sembrava triste. Era ovvio che si stava godendo l'accoppiamento notturno con Horas. Si era completamente arresa all'idea del sesso quotidiano con il suo amante cagnolino. Horas, d'altra parte, sapeva che sarebbe diventato una puttana, non importa chi fosse. Non l'ho detto a Cathy nel caso avesse iniziato a piangere. La settimana è iniziata normalmente ma mercoledì sera è venuta a bussare Elisabetta della...

787 I più visti

Likes 0

Io e il mio Konstantine -

Quindi eccomi di nuovo qui, perso nei miei pensieri, a chiudere tutti fuori. È uno di quegli stati d'animo che si insinua così lentamente, come una notte di champagne, una singola candela e una playlist che potrebbe far venire voglia di tagliarsi i polsi a una parata arcobaleno. Inizialmente, pensi di essere dell'umore giusto per lo champagne, solo perché ha un sapore così dolce ed è la bevanda preferita dei brindisi nei momenti di festa, quindi come potrebbe essere cupo. E, naturalmente, la candela simboleggia un senso di romanticismo, passione e persino meditazione pacifica e autoconservante. E ovviamente la scusa per...

2.3K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.