HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

574Report
HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

Copyright: Lesley Tara, 2010


Parare! – affondo! – parare! – le nostre lame emettevano un suono metallico acuto mentre si scontravano tra loro. Poi mi sono impegnato troppo in un attacco e ho lasciato un'apertura, che Miss Champney è stata pronta a sfruttare. Con velocità fulminea, la punta del suo fioretto colpì il colletto imbottito della mia tunica protettiva e il nostro incontro di allenamento terminò. Non ero deluso dal fatto che avesse vinto: è il mio allenatore e mi ha messo alla prova su alcune nuove finte che aveva dimostrato all'inizio della sessione di allenamento.

Mi chiamo Rebecca, ma tutti mi chiamano "Becky" in breve. Ho quasi sedici anni e mezzo e sono allieva alla Hirstmere Hall, un esclusivo collegio per ragazze nel sud dell'Inghilterra, quella che in Gran Bretagna chiamiamo una "scuola pubblica", ma che negli Stati Uniti si chiamerebbe una scuola privata . Dato che viviamo nella scuola durante il semestre, ha molte strutture per riempire le nostre ore di svago e occupare le nostre energie, anche se molti di noi si dedicano alle nostre attività molto non ufficiali... anche quelle energiche... beh, cosa ti aspetti con trecento adolescenti tutte rinchiuse insieme? Ho sentito dire che la scuola era piuttosto un focolaio lesbico in passato, negli anni '60 e '70; Non lo so, ma c'è sicuramente un sacco di azione da ragazza a ragazza disponibile ora, se sei incline a farlo. Io sono - sono così inclinato che non sono appoggiato, sono orizzontale; preferibilmente nella mia seconda posizione preferita, che è sulla schiena con le gambe divaricate, pronta per una festa del sesso femminile.

Ad ogni modo, uno degli sport aggiuntivi offerti dalla scuola è la scherma, che ho intrapreso con entusiasmo circa un anno fa, e ho fatto buoni progressi. L'insegnamento della scherma è tenuto da Miss Champney, una delle insegnanti di scienze; è molto abile nello sport e quando era all'università ha fatto parte della squadra nazionale. Essendo single e vivendo qui negli edifici scolastici (è una delle insegnanti che supervisiona anche il lato residenziale), è in grado di dare lezioni individuali di coaching in prima serata alle ragazze più grandi come me. Per questo prende in gestione la più piccola delle tre palestre della scuola, e chiude sempre a chiave la porta dall'interno – dice che potrebbe essere pericoloso se qualcuno entrasse di corsa per sbaglio, senza casco o altro, e anche che è necessaria grande concentrazione ed è essenziale che non ci siano interruzioni che distraggono.

In questa sera di primavera, stavo facendo una delle mie sessioni di coaching individuale bisettimanale con Miss Champney (partecipo anche agli allenamenti di squadra con le altre ragazze). Stavamo lavorando energicamente da più di trenta minuti ed era ora di passare all'altra parte del programma. Mi sono bloccato quando la lama di Miss Champney ha colpito il mio collo, e poi ho spostato solo il braccio destro per puntare il mio fioretto verso il basso e lontano dal mio fianco.

"Mi sottometto", dissi, guardandola direttamente. Dire questo, piuttosto che il solito termine "mi arrendo", era il mio segnale che sentivo di aver praticato abbastanza e - con la sua approvazione e se era soddisfatta dei miei sforzi - ora potevamo avere un tipo di allenamento piuttosto diverso. Ho trattenuto il respiro, poiché per un lungo momento è rimasta ferma come una statua, valutandomi, e poi ha fatto un passo indietro nella posizione di "riposo", ha portato il fioretto davanti all'elmo in segno di saluto formale, e annuì una volta in silenzio. Con un sospiro compiaciuto, mi tolsi il casco da scherma e lo posai con cura insieme al fioretto sul pavimento accanto a me. Poi ho assunto la posizione di sottomissione: mi sono buttato su un ginocchio, l'altro sul pavimento di legno, e ho guardato in basso pudicamente.

So benissimo di essere una ragazza attraente e non cerco di minimizzarlo. Sono abbastanza alto cinque piedi e dieci pollici (e sto ancora crescendo, probabilmente raggiungerò i sei piedi), e questo mi dà una lunga portata che è un vantaggio nella scherma - Miss Champney è un pollice più alta di me. Come lei, sono piuttosto snello con braccia e gambe snelle ma forti; così come le palestre, la scuola ha una palestra ben attrezzata con vogatori, biciclette, pesi, presse e così via: è un luogo piuttosto frequentato e popolare. Ci differenziamo per altri aspetti: io sono bruna, con i capelli quasi neri, abbastanza mossi e lunghi fino alle spalle – per la scherma me lo infilo sotto il casco – e in effetti sono più formosa di lei! La signorina Champney ha fianchi piuttosto sottili e seni piccoli, mentre i miei si sono riempiti nell'ultimo anno – non grandi, solo piacevolmente nella media o anche un po' meno, coppe C piramidali e appuntite. Miss Champney dice piuttosto con disapprovazione che il loro peso sul mio petto mi rallenterà solo un pochino che mi impedirà di raggiungere il livello più alto nello sport, anche se il mio occhio, i miei riflessi e il mio istinto sono tutti molto acuti. Tuttavia, non mi dispiace: mi piace schermare e posso battere la maggior parte degli avversari (non lei, ovviamente), ma non ho l'ambizione di entrare nella squadra olimpica, come ha fatto nel 2000 quando aveva vent'anni.

Mentre mi inginocchiavo, guardando in basso le scarpe bianche della mia insegnante, ho sentito ancora una volta il tocco del suo fioretto. La sua punta smussata si mosse sulla mia tunica imbottita e si fermò con precisione infallibile sul capezzolo del mio seno destro, che si indurì istantaneamente in risposta alla forte pressione. Miss Champney spostò la punta del fioretto in un traforo intorno alla punta di quel seno e poi attraverso per stimolare il suo vicino allo stesso modo, facendomi emettere un leggero gemito di dolce eccitazione. Poi lo ritirò, facendo un passo indietro nella sua posizione precedente, e ancora senza dire una parola. Non ce n'era bisogno, perché sapevo esattamente cosa fare: questa era molto lontana dall'essere la nostra prima volta. Anche allora, circa otto mesi fa (la signorina Champney aveva un po' anticipato la regola, ovviamente non scritta, della scuola secondo cui gli insegnanti non avevano rapporti sessuali con ragazze di età inferiore ai diciassette anni), ero stata tutt'altro che una novizia lesbica. Ho avuto una relazione con i miei compagni di classe da una settimana dopo essere arrivata come una nuova ragazza, all'età di quattordici anni, quando ho trovato un sacco di amanti disponibili per la masturbazione reciproca e il cunnilingus bagnato e sciatto, e ho perso la verginità non molto prima dei quindici anni per il cinturino- sul dildo di uno dei prefetti della Sesta Forma - ancora una volta, la mia altezza e la mia figura in crescita, facendomi sembrare più vecchio, l'hanno portata anche a eludere un'altra convenzione, che era che i diciassette e diciotto anni dei Sesti Formatori non si fottessero il sotto- sedici anni. Tuttavia, non mi sono lamentato né in quel caso né quando la signorina Champney mi ha fottuto per la prima volta, dopo circa due mesi di lezioni – infatti, ho deliberatamente allettato il prefetto, di cui avevo una bella cotta. La verità è che ho un appetito inestinguibile per il sesso lesbico e un gusto ampio e cattolico per gli amanti: chiunque dalla pubertà ai cinquant'anni, di qualsiasi razza o colore, con solo due turn-off totali - non posso fare il sovrappeso, o quelli con l'alitosi (e mi dispiace, ma questo include voi fumatori là fuori; voglio dire, seriamente, vorresti baciare o leccare un posacenere?).

Così, sempre in ginocchio, ho slacciato velocemente la tunica protettiva che copre dal cavallo al collo, gettandola di lato, e poi ho tolto il reggiseno sportivo che aveva tenuto confinato il mio seno sporgente durante la lezione di scherma. Ora che ero nudo dalla vita in su, ripresi la mia posa di pudica obbedienza. Il fioretto della scherma tornò in vista e ripeté il suo giro dei miei rigidi capezzoli rosa, il tocco dell'acciaio freddo aveva un effetto incredibilmente eccitante. La signorina Champney poi lo spostò un po' più in basso, facendo scorrere la punta sotto ciascuno dei miei seni, sollevandoli leggermente mentre lo faceva. Le mie narici si dilatarono, il mio respiro si fece un po' irregolare, ma non emettei altro suono. Poi il fioretto scese lungo il mio petto, fece due giri intorno al mio ombelico e si fermò alla cintura dei miei pantaloni da scherma bianchi lunghi tre quarti.

Ho trattenuto il respiro. Avrebbe, avrebbe... oh, avrebbe?

SÌ!!

La mia preghiera silenziosa fu esaudita, quando Miss Champney fece scattare elegantemente la lama del fioretto tra le mie gambe, dando un imperativo doppio colpo contro il cavallo dei pantaloni. Sono anche leggermente imbottiti, quindi ancora una volta non c'era disagio - infatti, mi ha entusiasmato il fatto che doveva fornire un po' di forza per ottenere una sensazione e un suono apprezzabili. Balzai in piedi con impazienza e rapidamente scartai tutti i miei indumenti rimanenti: scarpe, calze, pantaloni e le mutandine già umide che erano state sotto. Miss Champney mi porse il suo fioretto, che misi con cura accanto al mio, fuori dai piedi, e poi, come uno scudiero in un torneo medievale, le tolsi l'elmo e le slacciai la tunica. Quando fu libera dall'elmo, scosse la testa una volta, scuotendo di nuovo i capelli corti e biondi, ma per il resto rimase immobile e silenziosa come una statua.

I seni della signorina Champney sono belli ma piuttosto piccoli, penso piuttosto che siano solo coppe A, e non aveva bisogno di preoccuparsi dei reggiseni sportivi - in effetti, non aveva alcun reggiseno sotto la giacca da scherma, quindi quando l'ho tolto era nuda dalla vita in su. Mentre stava in piedi in silenzio, ma con un leggero sorriso che giocava intorno alla sua bocca e un barlume di desiderio nei suoi occhi, sono tornato indietro e mi sono piegato in avanti. Le presi il seno destro con la mano, le baciai il capezzolo e poi cominciai a leccarlo e succhiarlo con molta forza. Dopo alcuni istanti, quando ho sentito il suo respiro accelerare, mi ha dato un leggero colpetto sulla sommità della testa, che era il segnale per trasferire le mie attenzioni all'altro suo seno. Questo l'ho fatto, ma continuando a massaggiarle il seno destro con una mano, accarezzandole occasionalmente la tetta.

Il segnale successivo arrivò pochi istanti dopo: una decisa pressione verso il basso su entrambe le mie spalle, dal significato abbastanza inconfondibile. Abbandonai il suo seno sinistro con una certa riluttanza - possono essere piccolini, ma le sue tette mi eccitano davvero - e mi accovacciai sui fianchi davanti alla mia insegnante agile e attraente. Slacciai i bottoni e la cerniera ai lati dei suoi pantaloni e glieli tirai giù per le gambe; con uno scatto delle dita, indicò che anche le mutandine (un piccolo paio di bikini, solo di semplice cotone bianco) dovevano andare ora, e così seguirono i pantaloni sulle sue caviglie mentre sollevava prima un piede e poi l'altro per permettermi di rimuoverli. La signorina Champney ora era completamente nuda, tranne che per le scarpe ei calzini corti bianchi alla caviglia.

La mia posizione accovacciata significava che la mia faccia era al giusto livello per la sua fica, e mi sono preso un secondo per ammirare i suoi fianchi magri, i fianchi snelli e la curva del suo bacino - aveva uno spazio abbastanza ampio tra le sue gambe in alto, e il suo monticello si protendeva in avanti, ben rasato come sempre. Chinandomi in avanti, ho avvicinato le mie labbra, dando prima un dolce bacio sulle sue labbra esterne raggrinzite ed estese - un bacio di saluto e di riverenza. Poi sono diventato più deciso ed energico, e ho preso una presa sul suo culo per stabilizzarmi e prepararmi. Ho infilato la lingua nella sua vagina, assaporando i suoi succhi leggermente amari, scavando nel suo buco e poi tirando fuori per spazzare verso l'alto, come una carica di cavalleria, cercando il tesoro del suo clitoride. Le mie labbra si allacciarono intorno alla sua figa con una determinazione simile a quella di una patella, succhiando vigorosamente un secondo e poi nel successivo immergendo la mia lingua in lei, penetrandola il più fermamente e lontano che potevo.

La signorina Champney ha iniziato a perdere un po' del suo equilibrio e della sua freddezza - che era ciò che amavo di questa parte, perché guidare questa lesbica molto esperta all'orgasmo mi ha dato un incredibile senso di potere sessuale. I fianchi della mia insegnante iniziarono a sussultare in una ritmica controrisposta alle mie spinte orali, e il suo respiro si spezzò in ansimi irregolari. Si allungò di nuovo verso le mie spalle – non per inviare alcun segnale di desistere, ma semplicemente per stabilizzarsi. Poi, all'improvviso, la signorina Champney ha emesso un forte latrato, afferrandomi la testa e tirandomi la faccia quasi soffocante nella sua fica. Questo ha avuto l'effetto di strofinare il mio naso nella parte superiore della sua fessura vaginale e sotto il cappuccio del clitoride, e ho strofinato febbrilmente il suo naso gonfio. Allo stesso tempo, la mia lingua – accartocciata per un maggiore impatto penetrativo – non ha mai smesso di perforare il suo buco. Dopo il suo pianto rotto, ho sentito tutti i muscoli della mia insegnante bloccarsi in rigidità durante la potente esplosione del suo orgasmo, e la mia lingua ha assaporato il flusso di succo di figa fresco e pungente che quasi mi è schizzato sulla lingua e sulle guance.

La signorina Champney mi ha parlato delle sue prime difese dalla fine del nostro incontro di scherma:

'Grazie, Becky, è stato molto carino... davvero molto carino. Ora, prendi la tua posizione!'

Ho obbedito con prontezza, sdraiandomi sulla schiena sul tappetino di gomma sottile che usavamo per gli allenamenti e allargando le gambe – non mi depilo la figa (a noi scolarette non è permesso, per non farci male con il lame nude), ma lo tengo accuratamente tagliato, con solo un anello di corti capelli neri che attirano l'occhio sulla fessura rosa in mezzo.

Non appena ero a posto, la signorina Champney si è messa a cavalcioni su di me, assumendo la classica posizione del 69 con la bocca che scendeva sulla mia fica e il culo sopra la mia faccia, le sue gambe si inarcavano e mi dava una visione completa della sua fessura spalancata. Non vedevo l'ora di assaporarla di nuovo, e sono stato stimolato quasi alla frenesia da quello che stava facendo tra le mie gambe: stava usando sia le dita che la bocca per stimolare la mia vagina e il clitoride, e con un effetto esperto. Ho allungato la mano per avvolgere le mie braccia intorno alle sue cosce e tirare la sua figa verso il basso per premere contro la mia bocca, e ho iniziato la mia seconda sessione di cunnilingus.

Sono stato il primo a venire: quella donna ha un tocco così abile, sa suonarmi come un pianoforte! Lanciai una specie di urlo, e poi spasmodicamente il mio sedere sobbalzò verso l'alto e poi ricadde sul tappeto tre o quattro volte in rapida alternanza, e mentre arrivavo le mie gambe si piegarono di lato, ancora più divaricate. La signorina Champney ha dato un ultimo movimento delle sue dita sul mio clitoride, inviandomi ulteriori brividi orgasmici, e poi si è impennata verso l'alto, accovacciando la sua fica sulla mia faccia. Le sue mani andarono sui suoi piccoli seni, pizzicandole e tirandole i capezzoli, e si dondolava avanti e indietro, gli occhi chiusi e la sua vagina che strideva contro di me. Sono riuscito anche a infilarle una mano sotto di lei e le ho infilato due dita nella figa - in risposta, si è spostata leggermente più indietro, in modo che la mia bocca potesse divorare il suo clitoride mentre le infilavo rudemente e rapidamente le dita dentro e fuori da lei buco del sesso. In poco tempo, anche lei ha raggiunto l'orgasmo – il suo secondo orgasmo, e ho pensato che fosse potente almeno quanto il primo.

La mia insegnante è scesa dalla mia forma nuda prona, e poi si è chinata per darmi un dolce bacio, una delle sue mani ha percorso dolcemente il mio corpo per accarezzare prima i miei seni e poi teneramente per accarezzare la mia figa. Ho allungato e fatto le fusa come un gatto ... beh, sono un tale micio, mi sembra giusto! Inoltre, ero abbastanza sicuro che avrei ricevuto la mia piena ricompensa stasera - non sempre accade in alcun modo, a volte perché non c'è abbastanza tempo rimasto e a volte, anche se non spesso, perché non mi sono impegnato abbastanza o non mi sono concentrato correttamente durante la lezione di scherma vera e propria.

La signorina Champney mi ha guardato, e poi i suoi lineamenti leggermente aguzzi si sono sciolti nel sorriso attraente che amo, ma che mostra raramente in classe. Mi ha fatto un cenno del capo e mi sono arrampicato su mani e ginocchia, le gambe divaricate e il culo in aria. Dopo un momento, percepii la signorina Champney in piedi dietro di me, e poi sentii la fredda protuberanza d'acciaio del suo fioretto da scherma. Me l'ha tirato sulla schiena, e poi con una lentezza allettante – ma con un effetto meraviglioso – me l'ha fatto scorrere lungo la schiena per strofinarlo contro la mia schiena. Poi, mentre agitavo il culo in aria con la stessa entusiasmo di un cucciolo che scodinzolava, la punta appiattita della lamina si è spostata lungo la scollatura tra le mie natiche, intorno al mio ano, e così ha raggiunto il suo premio: la base della mia pudenda: morbida, bagnata e penzolante. La signorina Champney ha cambiato tattica; fino a quel momento aveva usato esclusivamente la punta della spada, ma ora ne fece scivolare la sua lunga e flessibile lunghezza lungo la mia fessura, spingendo la lama nella sporgenza della mia vagina, e poi premendo più saldamente, allentando la lamina da un lato all'altro per aprimi ulteriormente e poi fai scorrere lentamente il lato della lama avanti e indietro. Stavo tremando, quasi svenivo per lo stimolo e il desiderio, quando si fermò e ritirò il fioretto - con infallibile istinto, sapeva che stavo per arrivare, e questo non era ancora all'ordine del giorno.

La maestra di scherma posò il fioretto e prese un altro tipo di arma – una che mi era familiare, e la salutai come un amico perduto da tempo (era passato troppo tempo – una settimana! – dall'ultima volta). Si allacciò l'imbracatura di un cinturino lungo, spesso e ricurvo, e poi si inginocchiò dietro di me, urtando l'estremità del falso fallo contro le mie labbra dilatate. In risposta, inarcai la schiena e subito lei immerse il dildo quasi per tutta la sua lunghezza; Ero felice di avere la capacità di prenderlo, di portarlo fino in fondo.

La signorina Champney manteneva una corsa costante – in effetti, il suo ritmo regolare mi ricordava i vogatori nella palestra, mentre mi afferrava i fianchi e faceva perno avanti e indietro dietro di me. Questa è la mia posizione preferita: adoro essere presa con uno strap-on da dietro, alla pecorina, soprattutto da una donna più anziana. Di solito non sono il partner sessuale sottomesso - infatti, credo nel principio che è meglio dare che ricevere, e in particolare mi piace scopare altre ragazze in questo modo, ma con una bella lesbica esperta come Miss Champney, adoro arrendermi a me stesso e farmi davvero sfondare, davvero forato – più è duro, quasi più rude, meglio è. La signorina Champney lo sa bene; è uno dei motivi per cui sono più o meno il suo pezzo di culo preferito tra gli alunni (ovviamente fa sesso con altre ragazze – e anche con gli insegnanti, ne sono certo; non sono affatto geloso, dopotutto sono regolarmente nel letto di un altro insegnante, più due prefetti e circa cinque ragazze della mia stessa classe e quelle immediatamente sopra e sotto!).

Quindi, pochi secondi dopo avermi dato i primi colpi, la signorina Champney ha aumentato il ritmo e ha iniziato a sbattere davvero l'asta del dildo nella mia figa, la piastra frontale dell'imbracatura che schiaffeggiava contro le mie labbra esterne mentre veniva spinta a casa. Stavo lanciando strilli di gioia, accompagnati da suppliche che lei lo facesse di più, lo facesse più a fondo, lo facesse più forte – in pratica, solo per scoparmi a pezzi. La signorina Champney è molto in forma, e ha a malapena rotto il sudore mentre aggiustava il suo angolo di attacco, prendeva saldamente i miei fianchi e iniziava a battere il cazzo di plastica dentro e fuori di me con un'intensità quasi selvaggia. Mi sentivo come se mi stessero silurando e che molto presto ci sarebbe stata un'esplosione dentro di me.

Senza fermarsi nei suoi impalamenti più veloci e frenetici della mia fica, la signorina Champney mi ha tolto una mano dalla vita e l'ha usata per tirare fuori il fermaglio e il pettine che mi avevano tenuto i capelli legati in una crocchia stretta durante l'allenamento di scherma. So che i miei capelli neri lucidi e ondulati sono una delle cose che Miss Champney trova più attraenti di me, e ha lasciato che le mie lunghe ciocche mi cadessero sulle spalle e cadessero sul davanti, penzolando davanti ai miei seni che si agitavano selvaggiamente. Poi afferrò una grossa ciocca dei miei capelli dietro la mia testa e la usò come leva, sia per stabilizzarsi, sia per sollevare la parte anteriore del mio busto, sostenendo il mio corpo contro le spinte dei suoi fianchi che si contraevano.

Lacrime cominciavano a formarsi agli angoli dei miei occhi – non di dolore, certamente non di paura; erano le lacrime che ti vengono quando il tuo sistema sensoriale è sovraccarico, come sicuramente lo era il mio allora. La mia bocca era spalancata, i miei occhi erano vitrei e guardavano in avanti, e tutta la mia forma snella stava tremando e tremando in quel secondo starburst che arriva prima di un climax. Ho emesso una rapida serie di grugniti, ognuno forzato fuori dalle mie viscere da una penetrazione spietata ancora più profonda dal fallo di Miss Champney, e poi quasi senza preavviso tutte le mie articolazioni si sono trasformate in acqua e sono crollato a faccia in giù, contemporaneamente all'orgasmo. . Ho emesso un gemito ansimante e ululante mentre venivo – era l'orgasmo, come sempre uno scuotitore di ossa quando Miss Champney mi scopa in questo modo; è stata un'esperienza molto intensa, fuori dal mondo e volevo riconoscerla in qualche modo.

Mi ci sono voluti alcuni secondi per riprendere fiato, e durante questo la signorina Champney si è chinata in avanti e mi ha baciato dolcemente al centro della schiena, prima di flettere i fianchi e ritirare il dildo - è stata una sensazione straordinaria quando è stato estratto dalla mia fica , emettendo un suono schioccante mentre emergeva dal mio tunnel dell'amore. La mia insegnante mi ha massaggiato la schiena per un momento, dandomi una sensazione adorabile mentre le sue dita e le sue unghie mi accarezzavano la schiena e lungo i fianchi. Poi, quando la signorina Champney si è alzata in piedi, mi ha dato uno schiaffo scherzoso ma piuttosto energico sul culo.

'Brava ragazza, stai migliorando!' dichiarò.

Aprì la porta che collegava allo spogliatoio e alle docce degli alunni, e mentre raccoglievo la mia attrezzatura e mi infilavo di corsa, mi chiedevo se intendesse la scherma o il cazzo? Forse intendeva entrambi? Mmm – Spero che intendesse entrambi!


Se ti è piaciuto questo, dai un'occhiata alle mie altre storie... potrebbero piacerti anche a te... (per trovarle, segui il link dell'autore nella parte superiore di questa storia)

Storie simili

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

5 I più visti

Likes 0

Quel capodanno speciale_(0)

Lucy e Stace saranno qui presto, vuoi da bere? disse Amanda Senza troppe esitazioni accettai e le presi un grande bicchiere di baileys, Amanda era bellissima, a dire il vero. Era di circa 5 4' ma dall'altezza aggiunta dei tacchi che indossava stasera sembrava un facile 5 8'. Indossava un vestito bianco corto che era per lo più trasparente ed era abbastanza corto da poter vedere chiaramente la sua biancheria intima che quella sera era un perizoma leopardato se si chinava. Era morta di capelli rossi che erano perfettamente acconciati e stavano sempre benissimo. Mentre bevevo un sorso della bevanda, qualcuno...

378 I più visti

Likes 0

Cavalcando un grosso cazzo nero

Ero fuori a tarda notte di sabato. Ero stato in una discoteca con alcuni amici ed erano ubriachi. Ero sobrio, non bevo. (Probabilmente è per questo che mi hanno chiesto di accodarmi, così potrei davvero accompagnarli a casa e tenerli fuori dai guai.) Quindi, siamo saliti tutti sul mio SUV rosso e immacolato (sono una specie di maniaco della pulizia, un punto di sporco e io vado fuori di testa.) E ho lasciato i miei amici a casa loro. Ci vediamo, Kate!! Vado solo a guardare un po' di porno perché sono sempre così eccitata quando sono ubriaca!!! Ho sorriso e...

459 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

596 I più visti

Likes 0

Twat

Twat New York City è composta da cinque distretti, che equivalgono alle contee del resto dello stato. I cinque distretti sono Bronx, Brooklyn, Manhattan, Queens e Staten Island. New York City ha oltre 8,2 milioni di residenti. L'area metropolitana di Greater New York ha una popolazione di quasi 19 milioni di persone e si colloca tra le più grandi aree urbane del mondo. Quindi naturalmente mia figlia voleva andarci. Mia figlia Amanda odia il suo nome perché è troppo permaloso e corretto. Le piace che i suoi amici la chiamino acida. Ha attraversato il suo palco rosa da ragazza carina, il...

390 I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

526 I più visti

Likes 0

Giacomo ed Ellie.

Ciao Questa è la mia prima storia quindi per favore lascia critiche costruttive... Era l'ultimo giorno delle vacanze estive e James era seduto nella sua classe di educazione sociale. Per dire qualcosa su James, è un ragazzo di 14 anni, 5 piedi e 9 con i capelli biondi e gli occhi azzurri. Gioca a rugby e fa un po' di boxe, quindi è abbastanza muscoloso e ha un cazzo eccezionale da 7 pollici con un diametro di 2 pollici. Quindi James era seduto nella sua classe di educazione sociale mentre il suo insegnante divagava sulle vacanze estive e su come non...

492 I più visti

Likes 0

Miele in vendita parte 2

Miele in vendita 2 Stavo porgendo l'assegno a Jeb, ma non stava raggiungendo per prenderlo e ho iniziato a preoccuparmi che potesse recedere dall'accordo. Jeb si grattò le palle e si annusò le dita; l'odore deve aver incontrato la sua approvazione perché mi ha guardato, ha fatto rotolare il fiammifero in bocca dall'altra parte e ha detto. Ho un paio di stip-a-lations da aggiungere a questo accordo. Ha detto cercando di sembrare tutto avvocato. Che tipo di clausole? Lo guardai sospettoso. Bene, si fermò, prenderai la mia bambina e io non la vedrò almeno una volta al mese, perché mi mancherà...

684 I più visti

Likes 0

Amore a seconda vista

Nota: questa è una voce del concorso per il concorso non ufficiale del 1 maggio 2010 nel forum di Sex Stories. Se il paragrafo di apertura suona familiare, ecco perché. La nebbia leggera aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte l'avvolse come un asciugamano bagnato, mandandole un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa in cui viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Sapeva che non avrebbe dovuto essere qui fuori nella foresta di notte; in effetti, probabilmente non dovrebbe assolutamente...

658 I più visti

Likes 0

Un giro al supermercato

[b][/b] sei una donna sposata di 23 anni che è incinta di 7 mesi e fa la spesa. L'aspetto è capelli biondi leggermente arricciati, occhi azzurri, seno DD, altezza 1,5 m con una pancia incinta molto rotonda. Una blusa bianca abbottonata, una gonna a tubino nera e tacchi a spillo neri. le critiche sono molto ben accette, sii gentile a riguardo per favore e grazie! Comunque, divertiti! ;) Entri nel negozio di alimentari dopo una lunga giornata di lavoro in ufficio; sei stanca, ti fanno male i piedi e, cosa peggiore di tutte... i tuoi seni sono stati teneri e gonfi...

656 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.