Elena ed Eric

420Report
Elena ed Eric

Crescendo, pensavo di sapere come sarebbe andata a finire la mia vita. Mi ero diplomato al liceo 3 anni prima e ora stavo studiando il college. Alla fine mi sarei laureato, avrei trovato un lavoro da qualche parte, avrei risparmiato denaro e avrei ottenuto un posto tutto mio. Ho pensato che prima o poi avrei trovato anche una ragazza carina da portare a casa e presentare alla famiglia, ma sfortunatamente per me sono un po' timido quando si tratta di donne. È stato un problema che mi ha afflitto da quando ho sviluppato la mia prima cotta in seconda elementare. Mi vengono le farfalle nello stomaco, il mio corpo trema e la mia voce sembra tremante e nervosa. Ho avuto qualche appuntamento, ma non ho mai avuto una vera ragazza. Basti dire che guardo molti porno sul mio telefono. Tornando alla vita, non mi sarei mai aspettato le due palle curve che la vita avrebbe lanciato a me e alla mia famiglia. Uno era buono, l'altro era cattivo. Lo spiegherò di seguito.

La mia famiglia viveva in una semplice casa a due piani, tre camere da letto e due bagni. Non appena sei entrato dalla porta principale, c'erano le scale che portavano al secondo piano dove si trovava la mia camera da letto con Elena, così come al bagno del secondo piano che condividevamo. A sinistra della porta d'ingresso c'era il nostro soggiorno, completo di divano, TV e caminetto. In fondo al soggiorno, a destra c'era un corridoio che conduceva al secondo bagno e, più in basso, alla camera dei nostri genitori. Sempre in fondo al soggiorno, a sinistra, c'era la cucina. Fuori dalla cucina, sul retro della casa, c'era una piccola area salotto. In quella parte della casa c'erano anche la lavanderia e l'ufficio.

I miei genitori erano persone insignificanti, o almeno così pensavamo. Avevano lavori basilari, papà lavorava come contabile, la mamma era infermiera. Entrambi lavorano dalle 9:00 alle 17:00, 5 giorni a settimana. Non eravamo una famiglia ricca, ma lavoravano abbastanza duramente per dare a me e a mia sorella tutto ciò di cui avevamo bisogno. Mio padre, Logan, aveva 39 anni. Alto, 6' 3", capelli scuri, occhi azzurri, un uomo molto bello. Mia madre, Chloe, 38 anni, era una delle donne più belle che avessi mai visto. Aveva 5' 8", capelli scuri, occhi scuri, un corpo a clessidra e un seno grande e rotondo (so che è mia madre, ma non ho potuto fare a meno di fissarla). Anche con un lavoro a tempo pieno trovavano comunque il tempo per fare cose insieme e potevo dire che, anche dopo tutti questi anni insieme, i nostri genitori erano ancora molto innamorati. Avrei voluto poter avere un amore come il loro un giorno. Insieme hanno avuto mia sorella Elena ed io 21 anni fa. Elena è come una versione più giovane di mia madre. 5' 8", capelli scuri, un incredibile paio di occhi grigi, seno 32DD, anche lei è magra come un bastone, fatta eccezione per un culo rotondo e ben fatto, che ammetto di aver guardato apertamente più di una volta. Ad eccezione di un sedere più stretto mento, potrebbe quasi passare per una sosia di Alexandra Daddario. Anche il suo metabolismo è più alto del mio, il che significa che può mangiare qualsiasi cosa e non ingrassare di un chilo. Io non sono così fortunato. Quanto a me, mi chiamo Eric, io sono il "fratello maggiore" di Elena di appena 2 minuti, sono alto un metro e 80, capelli scuri, occhi nocciola. In effetti, se mi facessi crescere i capelli e la barba e mi mettessi qualche tatuaggio, probabilmente potrei passare come controfigura per Jason Momoa. Non sono grosso come lui, ma sono abbastanza in forma grazie all'esercizio e al taglio della legna.

Io ed Elena siamo molto legate. Siamo più che fratello e sorella, siamo migliori amici. Siamo sempre lì l'uno per l'altro se uno di noi ha un problema o se ha bisogno di qualcuno con cui parlare di qualcosa. Lei e io non abbiamo mai avuto una grande cerchia sociale a scuola, avevamo alcuni amici, ma non molti. Dopo il diploma di scuola superiore, i nostri rispettivi circoli sociali si sono gradualmente ridotti con il passare degli anni. Elena ha avuto un paio di fidanzati, ma niente a lungo termine. Ciò che ammiro e rispetto di lei è che non ha bisogno di un uomo che la renda felice. Esce quando ne ha voglia. È perfettamente contenta di stare semplicemente nella sua stanza a leggere un libro, o giocare ai videogiochi e guardare film con me. Siamo anche grandi amanti dell'outdoor. Durante l'estate, la nostra famiglia andava spesso in campeggio. Adoriamo fare escursioni, apprezzare la natura e ascoltare semplicemente il suono del vento che si muove tra gli alberi. Ho perso il conto di quante smore ho mangiato attorno a un falò.

Elena ed io eravamo in pausa invernale dal college. Negli ultimi giorni è caduta la neve e oggi si prevede nevicherà ancora di più. Era lunedì mattina e i nostri genitori erano alzati e si preparavano per andare al lavoro. La sveglia sul mio telefono è suonata e ho gemito e ho fatto scorrere il dito verso l'alto per spegnerla. Mi sono seduto, sentendo rigidità nella colonna vertebrale, quindi mi sono girato e ho sospirato mentre la mia schiena si spezzava udibilmente. Non ho mai avuto grossi problemi ad alzarmi la mattina. Dopo qualche minuto di intontimento sono a posto. Sbadigliando, mi sono infilata un paio di pantaloni della tuta neri, una felpa con cappuccio e ho infilato i piedi nel mio paio preferito di pantofole Ugg. Sono andato di sotto in cucina dove ho visto i miei genitori che stavano per uscire,

"Buongiorno, amico." Mio padre mi salutò, vestito con i suoi soliti pantaloni, camicia abbottonata e cravatta.

"Buongiorno, tesoro." Disse mia madre dolcemente, vestita con il suo camice.

"Hey ragazzi." dissi mentre prendevo un bicchiere dall'armadietto e lo riempivo di tè freddo.

"Ho avuto un piccolo problema stamattina." Papà ha detto: "La batteria del mio camion è scarica, ho anche provato a saltarlo e non voleva partire. Allora, tua madre mi porta al lavoro oggi. Non so se hai qualche programma, ma mi farebbe piacere" se andassi al negozio di automobili e prendessi una batteria sostitutiva. Ho lasciato dei soldi sul tavolo per te."

Ho annuito: "Certo, papà. Me ne occuperò io".

"Grazie, figliolo. Ti amo." disse papà mentre si infilava la giacca e si dirigeva verso la porta d'ingresso.

Anche la mamma si è infilata il cappotto e mi ha baciato la guancia mentre passava: "Buona giornata, tesoro. Ti vogliamo bene".

"Ci vediamo." dissi mentre la porta d'ingresso si chiudeva. Ho sentito l'auto di mia madre partire, ho guardato fuori dal finestrino e li ho visti andarsene. Ho passato in rassegna il telefono per qualche minuto prima che il mio stomaco brontolante mi dicesse che avrei dovuto iniziare a pensare alla colazione. Tornai di sopra nella stanza di Elena. Se era sveglia, volevo vedere se aveva fame. Mi sono fermato davanti alla sua porta e ho incoccato. Ho sentito un leggero mormorio dall'altra parte, così ho girato la maniglia ed sono entrata. La stanza di Elena era buia, fatta eccezione per la luce che faceva capolino dietro le tende della finestra della sua camera da letto. Elena giaceva nel suo letto, coperta di coperte, e una delle sue braccia si copriva gli occhi. Mi inginocchiai sul pavimento: "Buongiorno, mi chiedevo se avessi voglia di fare colazione".

"Mm-hmm." Elena mormorò, sempre coprendosi gli occhi. Elena non è mai stata una persona mattiniera.

Ho sorriso vedendola così: "Di cosa hai voglia?" Ho chiesto.

"A scelta dello chef." Disse, togliendo il braccio e guardandomi. Sono rimasto affascinato dai suoi occhi meravigliosi.

"Il vostro desiderio è il mio ordine, mademoiselle." dissi con un finto accento francese mentre mi alzavo.

Sembrava che accadesse al rallentatore. Elena ha afferrato uno dei suoi cuscini e me lo ha lanciato in faccia. Ma il movimento improvviso sul letto le ha costretto ad abbassare le coperte, e ho potuto ammirare il suo seno grande e perfetto e la sua straordinaria scollatura, che tremava mentre mi lanciava il cuscino. Rimasi lì a fissarlo stupidamente finché il cuscino non mi colpì in faccia. Questo è quello che ottengo fissando

"Sei così stupido." Disse ridacchiando.

"Oh, lo sono?" Allora come mai non mi hai battuto in Call of Duty?" le ho chiesto mentre mi trovavo sulla sua porta.

"Mi scusi? La sorellina qui ti ha completamente preso a calci in Call of Duty!" Disse con aria di sfida.

"Oh sì? Dimmi una volta." dissi prendendola in giro.

Gli occhi di Elena si muovevano a destra e a sinistra mentre cercava, senza riuscirci, di ricordare quando mi aveva battuto: "Non riesco a ricordare, ma è successo!" Lei ha insistito.

"Va bene, va bene. Avrai la possibilità di battermi più tardi oggi." dissi ridendo mentre chiudevo la porta. Tornai in cucina e tirai fuori due padelle. Ho preso uova, muffin inglesi, burro, formaggio, pancetta, olio d'oliva, sale e pepe. Non sono un grande chef culinario, ma posso preparare un buon panino per la colazione. Ho acceso i due fuochi del fornello e quando le pentole sono state abbastanza calde ho aggiunto l'olio. In una padella ho messo la pancetta e nell'altra le uova. Ho imburrato i muffin e li ho infilati nel tostapane. Quando l'uovo è stato sufficientemente cotto ho aggiunto sale, pepe e formaggio. Ho preso i muffin dal tostapane e ho messo insieme i panini. Ho tirato fuori il telefono per mandare un messaggio ad Elena,

Io: La tua colazione è pronta, vuoi che te la porti? Pochi secondi dopo arrivò la sua risposta.

Elena: No, grazie. Scendo tra un minuto.

Ho preso un bicchiere dall'armadietto e l'ho riempito di succo d'arancia per lei. Ho anche tirato fuori degli yogurt alla fragola per entrambi. Poi, Elena entrò strascicando i piedi nella stanza. Si era cambiata con un paio di leggings, una felpa con cappuccio e pantofole pelose. Ha sorriso alla colazione che le avevo preparato e mi ha dato un bacio sulla guancia per ringraziarmi. La pelle della mia guancia formicolava nel punto in cui mi aveva baciato. Abbiamo fatto colazione in silenzio, guardando video sui nostri telefoni,

"Allora, cosa stai facendo? Hai programmi per oggi?" Ho chiesto.

Elena scosse la testa: "Niente, a parte un po' di bucato."

Ho annuito: "Bene. Devo andare al negozio di automobili e prendere una nuova batteria per il camion di papà. Dopo il mio ritorno, possiamo sprecare il pomeriggio giocando a Call of Duty, se vuoi."

Elena sorrise e annuì: "Sì, assolutamente!" Abbiamo finito di fare colazione e dato che avevo cucinato, Elena si è offerta volontaria per pulire. Mi sono messo dei jeans, degli stivali e una giacca invernale. Presi anche uno zaino per portare la batteria. Sulla porta Elena mi porse cappello e guanti: "Fammi sapere quando sei vicino a casa e ti preparo una cioccolata calda".

Sorridendo mi sono infilata il cappello e i guanti: "Va bene, grazie sorellina." Elena mi baciò di nuovo sulla guancia e io mi trascinai fuori al freddo. L'improvviso cambiamento di temperatura mi ha fatto rabbrividire, ma mi sono abituato. La passeggiata di 2 miglia non è stata poi così male. La mia mente vagava e guardavo i vari alberi coperti di neve. Pensavo soprattutto ad Elena. Era così bella e così perfetta. Avrei voluto trovare una donna come lei. Alla fine ho raggiunto il negozio di auto. Trovare la batteria è stato facile e presto sono tornato indietro. Quando ero a cinque minuti da casa ho mandato un messaggio a Elena per farle sapere che sarei tornata a casa tra pochi minuti. Quando entrai dalla porta principale, Elena era lì con in mano una tazza fumante di cioccolata calda. Mi sono tolto la giacca e gli stivali, l'ho ringraziata e ho bevuto un sorso, godendomi il liquido caldo che mi scaldava le viscere.

Sono andato nel garage dietro casa e ho installato la nuova batteria sul camion di mio padre. Aveva una Dodge Ram 1500 Hemi del 2017 grigio scuro. Ho chiuso il cofano, ho aperto la portiera del camion e mi sono messo al volante. Ho inserito la chiave nel quadro e il camion si è avviato con un ruggito gutturale. Sorridevo e speravo di ereditare un giorno il camion di papà. Lo amavo. Con il mio lavoro completo per la giornata, Elena ed io abbiamo perso un paio d'ore giocando ai videogiochi e guardando film. Non è riuscita a prendermi a calci in culo, il che l'ha portata a saltarmi addosso e a farmi il solletico. Le ho fatto il solletico fino a quando i nostri fianchi non erano doloranti dalle risate. Quando guardavamo i film lei si sedeva vicino a me e io la abbracciavo tenendola stretta.

Nel corso della giornata, verso la notte, la neve ha ripreso a cadere. A poco a poco divenne più pesante, finché fuori fu quasi una bufera di neve. Quando si fece buio, pensai che era strano non aver avuto notizie di mamma e papà. Se uno di loro fosse stato trattenuto al lavoro, o se fosse stato in ritardo, almeno uno di loro avrebbe chiamato o ci avrebbe mandato un messaggio. Col passare del tempo, e senza alcuna notizia da parte loro, ho iniziato a preoccuparmi. Ho chiamato entrambi i loro cellulari, ma entrambi sono andati direttamente alla segreteria. Forse entrambi i loro telefoni sono morti? Ho provato a ragionare con me stesso. Ma questo non ha alleviato la mia preoccupazione. Elena è scesa portando un cesto della biancheria e mi ha chiesto se avevo notizie di mamma o papà, io ho scosso la testa in senso negativo. Sembrava preoccupata, ma ho cercato di alleviare le sue preoccupazioni così come le mie.

Arrivò l'ora di cena e loro non erano ancora a casa così ho scaldato un po' di pizza avanzata. Abbiamo buttato giù le fette di peperoni e formaggio, innaffiandoli con bicchieri di Pepsi. Mentre mangiavamo abbiamo guardato una puntata di Mr. Iglesias su Netfiix. A volte ci soffocavamo con la soda mentre bevevamo, lo spettacolo era divertente. Mentre stavamo ripulendo la cena, suonò il campanello. Ci siamo guardati,

"Chi potrebbe essere?" Ho chiesto. Elena alzò le spalle. Ho guardato attraverso la finestra del soggiorno e ho visto un'auto della polizia nel vialetto. Il cuore mi si è insinuato in gola. Non potrebbe essere una bella cosa, "Elena". ho chiamato.

"Sì?" Ha richiamato.

"C'è un'auto della polizia nel vialetto." Ho detto.

Elena è apparsa accanto a me: "Forse chiede indicazioni?" Disse incerta.

"Scopriamolo." Ho aperto la porta e ho visto un agente di polizia dall'aria cupa in piedi lì. Si tolse il cappello,

"Buonasera. Sono l'agente Jones. Questa è la residenza degli Stevens?"

"Sì, agente." dissi lentamente.

"E tu sei..." Tirò fuori un piccolo taccuino, "Eric ed Elena?"

"Sì, agente. Di cosa si tratta?" Ho chiesto.

Esitò: "È successo qualcosa di terribile. Posso entrare?"

"Ovviamente." Ho aperto di più la porta ed è entrato l'agente Jones. Elena era in piedi accanto a me e mi ha preso la mano, l'altra mano era avvolta attorno al mio bicipite.

"Eric, Elena, mi dispiace molto darvi queste notizie, ma i vostri genitori..." Il nodo in gola mi divenne duro come la pietra, ed Elena mi strinse più forte, "... i vostri genitori... sono morti . Sono rimasti uccisi in un incidente d'auto." Elena fece un respiro profondo e i suoi occhi si spalancarono di lacrime non versate. Anch'io mi sentivo gli occhi gonfi,

"Quello che è successo?" chiesi con voce tremante.

"Da quello che possiamo dire, la loro auto ha perso il controllo ed è uscita fuori strada. Le strade erano bagnate, fangose ​​e in cattivo stato. L'auto ha attraversato un guard rail ed è caduta giù da una collina. Mi dispiace molto, non l'hanno fatto. fallo."

Elena stava piangendo in modo udibile adesso, e io non ero molto indietro. Mi sentivo come se il cuore mi fosse stato strappato dal petto: "Allora cosa facciamo adesso?" ho chiesto dopo aver elaborato questo.

"Qualcuno verrà domattina per portare te e tua sorella all'obitorio. Abbiamo trovato il biglietto da visita di un avvocato nel portafoglio di tuo padre. Lo abbiamo chiamato e ha detto che ti avrebbe contattato domani riguardo alla volontà dei tuoi genitori."

"Va bene, agente. Grazie." Gli ho aperto la porta per andarsene.

L'agente Jones si fermò sulla soglia e mi diede il suo biglietto da visita: "Per favore, chiamami se hai bisogno di qualcosa. Ancora una volta, le mie condoglianze per la tua perdita".

"Grazie, agente." Ho chiuso la porta mentre l'agente Jones se ne andava. Elena ed io siamo rimasti lì in silenzio mentre lasciavamo che la realtà della nostra situazione penetrasse. Poi ci siamo precipitati l'uno verso l'altro e ci siamo afferrati come se le nostre vite dipendessero da questo. Le lacrime di Elena scorrevano dai suoi bellissimi occhi grigi. Anche a me è caduta qualche lacrima, ma le ho asciugate. Alla fine, il pianto di Elena si trasformò in singhiozzo, e io le presi un fazzoletto. Ci soffiò dentro e lo gettò nel cestino dei rifiuti. Prendendo la mano di Elena nella mia, la condussi su per le scale fino alla mia stanza. Mi sono spogliata e ho indossato boxer e maglietta, ed Elena si è tolta la felpa con cappuccio e i leggings e si è messa un paio di mutandine e una canottiera. Non ho potuto fare a meno di fissare la scollatura di Elena e le gambe lunghe e lisce così come mi si sono rivelate. Abbiamo tirato indietro le coperte del mio letto e ci siamo sdraiati insieme. Ero sdraiato sulla schiena fissando il soffitto, Elena era sdraiata metà su di me e metà sul letto. Una delle sue gambe era sopra entrambe le mie e le sue braccia erano avvolte intorno alle mie spalle. Rimaniamo lì per un po', ascoltandoci l'un l'altro respirare, pensando ai nostri pensieri privati. Elena ha rotto il silenzio,

"Eric?" Disse guardandomi.

"Sì?" dissi piano, guardandola.

"Per favore, promettimi che non ti succederà nulla. Non avrei mai immaginato che avremmo perso mamma e papà, ma... se dovessi perdere anche te. Non sopravviverei." Le lacrime scorrevano di nuovo dai suoi occhi mentre diceva questo.

L'ho abbracciata e l'ho stretta a me: "Te lo prometto, non andrò da nessuna parte. Non ti lascerei mai e poi mai. Ti amo troppo per questo. Sei la luna della mia vita". Ho detto riferendomi al nostro programma televisivo preferito, Il Trono di Spade.

Elena si tirò indietro e mi guardò: "E tu sei il mio sole e le mie stelle". Disse piano. Ci siamo guardati e, prima che me ne rendessi conto, Elena si è avvicinata e mi ha baciato dolcemente. Una volta superato lo shock iniziale, mi sono tirato indietro e ho guardato mia sorella gemella: "Nei suoi occhi ho visto la paura che aveva di perdermi. Quello che ho visto anche, era l'adorazione e l'amore totale che aveva per me." . Sapevo che i miei occhi riflettevano gli stessi sentimenti. Per tutto il tempo mi ero chiesta quando avrei trovato qualcuno che mi amasse, con cui mi sarei sentita a mio agio per condividere i miei pensieri più profondi, per cui avrei fatto qualsiasi cosa. come se fossi stato appena colpito con un taser, Elena era la persona che stavo cercando. Certo eravamo fratelli, e quell'incesto era disapprovato dalla società, ma lei era l'amore della mia vita, e non l'avrei mai lasciata andare. . Con un solo bacio, mi ero innamorato. Fanculo la società, non mi importava se fosse mia sorella. La baciai a mia volta, attirandola a me. Elena gemette e si mise a cavalcioni sul letto. Il suo fantastico petto era premuto duro contro il mio petto, le sue gambe aperte, a cavalcioni del mio corpo mentre giaceva sopra di me. Il mio cazzo divenne duro come una roccia in un tempo record. Sapevo che Elena poteva sentirlo premere dentro di lei, e con mio grande stupore, sembrava che fosse strofinandosi contro di essa,

"Dio ti amo." dissi mentre ci baciavamo ancora e ancora.

"Anch'io ti amo!" Elena sussultò mentre mi baciava. Le mie mani correvano su e giù per il suo corpo. Volevo così tanto prendere uno dei suoi seni tra le mani, ma non volevo affrettare le cose. Alla fine abbiamo smesso di baciarci e ci siamo semplicemente abbracciati. Ho guardato l'orologio, erano le 21:30. Erano passate 2 ore da quando abbiamo appreso la notizia della morte dei nostri genitori. Elena scivolò via da me e si girò su un fianco. Mi tirò il braccio con sé e io scivolai dietro di lei, con il braccio sul suo stomaco: "Buonanotte, mio ​​caro fratello". Elena disse stancamente,

"Buonanotte Elena." dissi, mentre mi prendeva il sonno.

Mi sono svegliato alle 8:00 del mattino successivo. Immediatamente ho capito due cose. Innanzitutto, la notte scorsa non è stato un sogno, Elena ed io avevamo perso i nostri genitori e abbiamo trovato un amore più profondo e intenso l'uno per l'altro. In secondo luogo, la mia mano destra era occupata a stringere a coppa il seno destro grande e perfetto di Elena. Non potevo crederci. Tante volte mi ero chiesto come si sentissero ed eccomi qui con esso in mano. Da quello che potevo sentire, erano rotondi, pieni, pesanti, ma comunque morbidi. Potevo sentire il suo capezzolo indurito contro le mie dita. Lentamente tolsi la mano cercando di non svegliare Elena. Non sono riuscito.

Gli occhi di Elena si aprirono e vide la mia mano lasciare il suo seno. Lei sorrise a quella vista. L'unico uomo che avesse mai veramente amato, e per il quale ora si rendeva conto di provare un amore più profondo e intenso di quanto avesse mai realizzato, la stava toccando dove nessun altro uomo aveva fatto. I suoi appuntamenti avevano cercato di stimolarla in passato, ma nessuno aveva avuto successo. Lei si girò e mi guardò: "Buongiorno, Eric."

I miei occhi andarono immediatamente al suo seno. Quello che non avevo realizzato in quel momento era che la canottiera le era scivolata giù nel sonno e io le tenevo il seno nudo. Quel seno adesso era proprio di fronte a me e lo vidi completamente nudo per la prima volta. Elena aveva piccole areole rosa, ricoperte da piccoli capezzoli. Come avrei voluto prenderlo in bocca, ma ho resistito. Quella vista però mi rese duro come l'acciaio. Elena abbassò lo sguardo e vide il suo seno scoperto: "Scusa". Ha detto recuperandolo.

Scossi la testa: "Non sono necessarie scuse. Mi dispiace solo di averla fissata". dissi cercando di essere modesto.

"Non mi dispiace che tu mi abbia fissato." disse Elena con un tono interessante nella voce. Prima che potessi chiederle cosa intendesse, parlò di nuovo: "Chissà a che ora andremo all'obitorio?" Chiese tristemente.

Prima che potessi risponderle, il campanello suonò di nuovo. Ci guardammo e annuimmo tristemente. La baciai sulla guancia, mi infilai di nuovo i vestiti di ieri e mi diressi verso la porta d'ingresso. Ho visto un'altra macchina della polizia nel vialetto. Ho aperto la porta e l'ufficiale che stava lì si è tolto il cappello,

"Buongiorno. Sono qui per portare te e tua sorella all'obitorio." Disse tristemente.

Ho annuito: "Grazie, usciremo tra pochi minuti". L'ufficiale annuì e tornò alla sua macchina. Mi infilai gli stivali e andai nella stanza di Elena. Quando sono entrato, sono stato accolto dalla vista del suo culo nudo mentre indossava un nuovo paio di mutandine e leggings. Il suo culo era perfettamente arrotondato e modellato. Le mie mani tremavano un po' mentre desideravo poterlo impastare. Quando Elena finì di mettersi i leggings, si voltò e mi guardò: "È ora". dissi tranquillamente. Elena annuì, si infilò un paio di scarpe e una felpa con cappuccio. Ho preso una chiave di casa e siamo usciti dalla porta principale.

All'obitorio, io e Elena abbiamo incontrato l'impresario delle pompe funebri e lui ci ha condotto a un paio di porte argentate incassate nel muro. Li aprì entrambi e tirò fuori i vassoi. In silenzio, fece scivolare giù le lenzuola, scoprendo i volti dei nostri genitori. Giacevano lì, immobili, senza vita e grigi. Questo bastò ad Elena che, dopo aver emesso un singhiozzo soffocato, si voltò e si diresse verso il corridoio. L'ufficiale che ci ha accompagnato ha detto che avrebbe aspettato con lei. Ho sentito a malapena l'impresario delle pompe funebri mentre mi faceva domande, ho dovuto chiedergli di ripetersi più volte. Alla fine, ricoprì i loro corpi, li fece scivolare di nuovo nel congelatore e chiuse le porte. Mentre si chiudevano, mi sentivo come se la mia anima fosse in frantumi. Ringraziai l'impresario di pompe funebri e me ne andai. Trovai Elena che aspettava su una panchina, con l'ufficiale lì vicino. Prima che potessi dire qualcosa ho sentito il mio cellulare vibrare, mi chiamava un numero che non era tra i miei contatti. Ho preso la chiamata e ho parlato brevemente con la persona dall'altra parte prima di riattaccare,

"Quello era l'avvocato dei nostri genitori. Ci ha chiesto di incontrarlo nel suo ufficio." Elena annuì, mi prese la mano e si alzò: "Ti dispiace darci un passaggio allo studio dell'avvocato prima di portarci a casa?" ho chiesto all'ufficiale.

"Nessun problema." Lui ha risposto. Il viaggio è durato solo dieci minuti, ma sembravano due ore. Tutta questa cosa sembrava così surreale. Quando l'ufficiale è entrato nel parcheggio, ha detto che ci avrebbe aspettato fuori. Elena ed io entrammo e fummo accompagnati nello studio dell'avvocato dalla sua segretaria. L'avvocato, un uomo calvo e occhialuto in abito grigio, si alzò dalla scrivania e ci strinse la mano, facendoci cenno di sederci.

"Buongiorno, sono Stan Welnick. Sono l'avvocato dei tuoi genitori. Mi dispiace che abbiamo dovuto incontrarci in queste circostanze. I tuoi genitori erano persone meravigliose."

"Grazie, hai detto che avevi qualcosa da mostrarci." dissi mentre Elena si sedeva accanto a me, con la sua mano nella mia.

Stan annuì: "Sì, i tuoi genitori hanno lasciato testamenti. Ciascun testamento copriva varie circostanze nel caso in cui un genitore morisse prima dell'altro. Questo specifico testamento copre se fosse successo qualcosa a entrambi. Mi è stato anche chiesto di darti questo." Stan prese una busta da una cartella e me la porse. L'ho aperto e ho trovato una lettera scritta a mano. L'ho riconosciuta come la calligrafia di mio padre. Elena si avvicinò mentre lo leggevamo insieme:

I miei figli,

Se stai leggendo questo, allora è successo il peggio. Io e tua madre non ci siamo più. Ragazzi, ci dispiace moltissimo che vi sia successo questo. Tua madre ed io abbiamo cercato di essere buoni genitori e di darti tutto l'amore, l'affetto e il sostegno che dovrebbero avere una madre e un padre. Ci dispiace che non saremo presenti mentre continui a crescere fino a diventare gli straordinari adulti che sei già diventato. Sappi solo che eri i migliori figli che qualsiasi genitore potesse mai desiderare, e tua madre e io ti amavamo più della vita stessa. Eric, prenditi cura di Elena. Adesso sei l'uomo di casa, avrà bisogno che tu sia forte per entrambi. Elena, prenditi cura di Eric. Avrete bisogno dell'amore e del sostegno reciproco per superare questo dolore che nessun figlio o figlia dovrebbe affrontare. Eric, il mio camion è tuo, per favore prenditene cura e usalo come necessario. La nostra casa, ora è la vostra casa, carissimi. Vorrei che fosse in circostanze migliori. Prendetevi cura di voi stessi e prendetevi cura l'uno dell'altro, io e tua madre veglieremo sempre su di voi.

Amore,

Mamma e papà

Tirammo su col naso e prendemmo i fazzoletti che ci venivano offerti. Quando abbiamo finito, ha continuato Stan, porgendoci fogli di carta che rappresentano diagrammi e grafici, "I tuoi genitori erano persone molto intelligenti, tuo padre in particolare. Sapeva dove erano i soldi e dove investire e dove no. Nel corso degli anni , dopo diversi investimenti e acquisti di azioni, i vostri genitori hanno accumulato un conto per voi due, con fondi intorno ai 20 milioni di dollari."

In qualsiasi altra circostanza salteremmo di gioia, ma siamo rimasti lì in silenzio. Poi, Elena scosse la testa: "Non mi interessano i soldi, rivoglio solo i nostri genitori!" Si alzò e lasciò la stanza.

"Mi dispiace." dissi, non sapendo cos'altro dire.

Stan scosse la testa: "Non preoccupatevi, voi ragazzi ne avete passate tante in poco tempo. Leggete semplicemente questi documenti qui, firmateli e farò in modo che i fondi vengano trasferiti sul vostro conto." , e che si prendano cura dell'organizzazione del funerale." Ho letto attentamente i documenti e li ho firmati entrambi, ho stretto la mano a Stan e me ne sono andato. Ho trovato Elena nella sala d'attesa, ha alzato lo sguardo mentre mi avvicinavo,

"Mi dispiace, Eric." Disse piano.

"Non esserlo." Ho detto: "Vieni, andiamo a casa". L'ufficiale ci ha accompagnato a casa e lo abbiamo ringraziato per il passaggio. Entrammo dalla porta principale, ma la casa non ci sembrava nostra. Ci è sembrato estraneo. Eravamo esausti dopo una mattinata così emozionante, quindi siamo tornati nella mia stanza, ci siamo sdraiati e ci siamo addormentati l'uno nelle braccia dell'altro.

Mi sono svegliato un paio d'ore dopo, Elena stava ancora dormendo. Mi staccai lentamente da lei e scesi le scale. Rimasi in soggiorno, incerto su cosa fare. Il mio sguardo si soffermò sui pochi pezzi di legna accanto al caminetto. Avevamo bisogno di legna da ardere. Mi sono infilato gli stivali e sono uscito. Non sono riuscito a trovare la buona ascia che io e papà usavamo per tagliare la legna, quindi ho dovuto prendere quella vecchia e schifosa dalla rimessa. Il legno della mano era ruvido e la lama non era così affilata, ma era tutto ciò che avevo. Ho sistemato la legna sul ceppo e ho iniziato a tagliare. Ho subito preso il ritmo. L'ascia non era delle migliori. La lama smussata non sempre riusciva a tagliare, così tante volte dovevo tagliarla una seconda volta, o sbattere il legno contro il terreno. Mentre tagliavo, la mia mente vagava. Ho provato a non farlo, ma non riuscivo a smettere di pensare ai miei genitori. Vedere i loro corpi pallidi e senza vita mi ha riempito di una tale tristezza da togliermi il fiato. Continuavo a sentire il rumore delle porte del congelatore che si chiudevano ogni volta che spaccavo un pezzo di legno. Ho gridato mentre un altro pezzo di legno si rifiutava di spaccarsi.

Elena si svegliò e si accorse che non ero a letto. Si voltò e si guardò intorno nella mia stanza, ma era vuota. Ha sentito dei rumori dall'esterno, ha guardato fuori dalla finestra della mia camera da letto e mi ha visto mentre tagliavo la legna. Si infilò le scarpe e uscì: "Stai bene?" Mi chiese mentre si avvicinava a me. Non la sentivo, ero assorto a spaccare la legna. Elena guardò più da vicino e vide del sangue per terra davanti a me. Guardò le mie mani e vide il sangue che mi scorreva tra le dita: "Eric, smettila di tagliare". Lei disse. Ancora non l'ho sentita: "Eric, fermati!" Ha gridato: "Le tue mani sanguinano". Disse mettendomi una mano sulla spalla.

Lasciai cadere l'ascia e aprii lentamente le mani, il legno grezzo dell'ascia mi aveva corroso le mani. Poi, caddi in ginocchio e lasciai uscire tutto quello che avevo trattenuto. Ho singhiozzato a lungo, forte e forte. Elena mi abbracciò e ci dondolammo avanti e indietro, piangendo insieme. Alla fine, ho pianto e mi sono asciugata le lacrime dagli occhi,

"Venga con me." Elena ha detto tirandomi in piedi: "Prendiamoci cura di quelle mani". Elena mi ha fatto sedere sul water nel bagno al piano di sotto mentre lei prendeva il kit di pronto soccorso. Dopo aver ripulito il sangue dalle mie mani, mi ha versato dell'acqua ossigenata sulla pelle e mi ha avvolto le bende attorno alle mani: "Ecco". Disse baciandomi la parte superiore delle mani. La pelle delle mie mani mi formicolava, guardavo il suo bel viso e sentivo crescere dentro di me questo intenso bisogno,

"Elena?" dissi piano. Lei mi guardò: "Ieri sera, e anche stamattina, non è stato un colpo di fortuna, vero? Provi quello che sento io?"

Elena si sentiva come se il suo cuore si stesse sciogliendo: "Oh, Eric." Disse dolcemente mentre ci alzavamo entrambi: "Hai ragione, non è stato un colpo di fortuna. Sono profondamente innamorata di te. Lo sono sempre stata". Disse piano. L'ho attirata a me e ci siamo baciati appassionatamente, le nostre bocche si sono aperte e le nostre lingue si sono toccate, gemiamo entrambi. Ci siamo separati e ho visto un desiderio profondo negli occhi grigi di Elena: "Prendimi". L'ho presa in braccio e l'ho portata nella mia stanza, le nostre labbra erano chiuse per tutto il percorso. Abbiamo iniziato rapidamente a toglierci i vestiti. Mi sono strappato la maglietta e ho visto Elena strapparsi la maglietta e la canottiera. Il suo seno glorioso e perfetto rimbalzò libero e mi chinai e presi uno dei suoi capezzoli in bocca, mentre le stringevo l'altro seno. Elena gemette e la sua mano afferrò il mio cazzo duro come l'acciaio attraverso i jeans. Il mio cazzo si contrasse quando sentii le sue dita sentire la mia lunghezza e stringermi la testa del cazzo.

Mi sono staccato dal seno di Elena e ci siamo abbassati i pantaloni. Alla vista della sua figa nuda e senza peli, mi sono preso un secondo per ammirarla. Era totalmente liscio, un perfetto camel toe, e ho potuto vedere che era fortemente eccitata considerando quanto sembrava bagnato. L'ho presa per i fianchi e l'ho trascinata sul mio letto. Mi sono appoggiato allo schienale, ho avvicinato la sua figa al mio viso e ho cominciato a leccare Elena. Lei gemette forte mentre la mia lingua scavava in profondità che nessun altro uomo aveva mai raggiunto prima. Le ho stretto il culo perfetto e ho stretto la sua figa al mio viso. Elena rabbrividì mentre un mini orgasmo le squarciò il corpo. Lei allontanò la mia testa dalla sua presa e mi baciò forte. Gememmo e le nostre lingue si incontrarono ancora una volta. Elena mi baciò lungo il corpo finché non si trovò faccia a faccia con il mio cazzo. Il pre-cum fuoriusciva dalla punta e la sua lingua lo leccò via. Mi ha baciato la testa del cazzo prima di prenderlo e tutto il mio cazzo in bocca, senza il minimo bavaglio.

La sua figa e il suo culo perfetti erano di fronte a me, quindi non ho perso tempo e ho iniziato a banchettare ancora una volta. Elena gemette sul mio cazzo e la sua figa divenne ancora più bagnata mentre la mangiavo. Le ho leccato il clitoride e l'ho fatto scorrere con le dita. La sua bocca lasciò il mio cazzo mentre gemeva forte, si voltò e mi guardò, i suoi occhi grigi bruciavano di lussuria. Le mie mani si alzarono, strinsero e afferrarono le sue tette perfette. Una delle sue mani ha afferrato il mio cazzo sodo ed eretto, lo ha allineato con la sua figa e se lo è fatto scivolare dentro con un movimento fluido. Ho sentito il mio cazzo penetrare attraverso il suo imene ed Elena ha subito urlato per il dolore, ma ha iniziato subito a gemere mentre il mio cazzo scivolava sempre più in profondità dentro di lei. Le mie mani scivolarono sui suoi fianchi e cominciai a spingermi dentro di lei. Le sue dita affondarono nelle mie spalle mentre il mio cazzo la colpiva ancora e ancora. I suoi seni rimbalzavano ad ogni spinta, e io mi chinavo e succhiavo ciascuno dei suoi capezzoli ogni pochi secondi.

Elena mi ha costretto sulla schiena, baciandomi, mentre il mio cazzo continuava ad assalire la sua figa, "Voglio guardarti mentre mi riempi con il tuo sperma!" Lei gemette. Finora non mi era venuto in mente questo pensiero, ma l'idea di venire dentro la mia sorella gemella era follemente eccitante. Con i suoi seni appiattiti contro il mio petto, mi sentivo quasi sul punto di scoppiare. Le mie mani sono scivolate sul suo sedere e l'ho stretta a me più forte che potevo mentre l'inevitabile mi colpiva,

"Sborrare!" Ho grugnito.

"Riempimi!" Elena ha gridato quando il mio cazzo ha sparato un'enorme quantità di sperma nella sua figa. Abbiamo sussultato, ci siamo abbracciati e ci siamo baciati dolcemente mentre riprendevamo fiato,

"God this is amazing." I said as lay there with Elena in my arms.

She smiled and kissed me, "I know, I feel the same."

A sudden thought occured to me, "You said earlier, that you've always been in love with me." She nodded, "Why didn't you ever say anything?"

"How was I supposed to? Was I supposed to go up to you and say, 'Hey, I know we're brother and sister and all, but I'm in love with you! Let's start dating!' ?"

I nodded, "Yeah, I wouldn't have known what to do either. I'm just glad that it finally happened."

"I wish it was under better circumstances." Elena said quietly.

I nodded, "Yeah." We lay there for a few minutes before Elena pulled herself from me,

"I gotta wash your cum out of my pussy. Join me for a shower?" The water quickly heated up, filling the room with steam. We stepped in together and I stood and watched as Elena soaped herself up. Watching the suds run down her body, not to mention between her breasts and ass was enough to make me hard again. I stepped behind Elena and palmed both of her breasts again, sliding my cock between her ass cheeks,

"Do you know what you do to me?" I asked as I kissed her neck.

"I think I have some idea." Elena gasped as my fingers found her clit again,

"I want you again." I growled into her ear,

"Then take me!" Lei gemette. I spread her legs and slid my cock into her wet pussy once again. The shower amplified the sounds of our hips slapping together. My hands groped her breasts and pulled on her nipples as we fucked. We repositioned and I pressed her up against the shower glass, flattening her breasts. I wiped some of the steam from the glass and could see her flattened breasts and perfect nipples reflected in the bathroom mirror. It didn't take long before I was cumming inside her once again. We cleaned each other up, stepped out and began to dry off. As Elena bent over to dry her legs, I was presented with a view of her perfect ass and pussy. I couldn't believe it, but I was ready for a third round. Elena tied the towel across her chest and I stepped behind her once again and squeezed her breasts through the towel. She felt my hard cock between her ass cheeks once again,

"Oh my God, again?" Lei gemette.

"I just can't help it, you're irresistible. Plus I've always wanted to do this to a girl." I reached up and untied the towel, it fell in a pool around Elena's feet, her breasts fell free. She spread her legs and braced her hands against the counter as I positioned myself behind her again,

"Do it, fuck me, Eric!" I slid into her well-fucked pussy again and fucked her for the third time today. The sight of her jiggling breasts in the mirror was totally fucking hot. I actually felt myself get harder as I fucked her. Elena turned her head and kissed me as I fucked her from behind. I pulled her up from the counter so she was standing upright, and I fucked her while squeezing her breasts. I slipped out of her, picked Elena up, and set her down on the counter. She kissed me and my neck as I slid my cock into her once again. Elena wrapped her legs around my waist and squeezed me tighter to her with every thrust. Her hands gripped my arms while mine held her hips firmly. Seeing her facial expressions change as she got closer and closer to orgasm almost made me bust my load more than once.

Eventually, the sight of her jiggling breasts, sexy moans, and the tightness of her pussy, was enough to bring me to the edge once again, "Oh God Elena, here it comes!"

"Fill my womb with your seed, Eric!" Elena cried out as I came inside her for the third time. We held each other tight and kissed over and over as I milked the last of my cum inside her. We made another trip to the shower and cleaned ourselves off again. We didn't have sex again, because we both needed a break. As we got back into bed, naked this time, we pulled the sheets over us and felt weariness take over our bodies. Before sleep claimed us, I looked down at my sister in my arms, and realized that despite the sadness of what we were both going through, we had both found the perfect person for each other. I didn't know what tomorrow would bring, or how we would make our newfound relationship work, but one thing was for sure: Elena was the love of my life, and I wanted to spend my life with her. Elena yawned, and I kissed her perfect lips one more time,

"I love you, Elena." I said softy.

Her arms tightened around me, "I love you too, Eric." We closed our eyes, and fell asleep.

Storie simili

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

989 I più visti

Likes 0

Sedurre tutta la famiglia parte 3

PARTE 3 Dopo le nostre entusiasmanti e molto energiche attività mattutine, sapevamo tutti come avremmo fatto parte del resto della giornata, ma a quel punto eravamo completamente esausti, quindi ci siamo separati per fare la doccia e, nel caso di Jim e me, fare un pisolino (ne avevamo bisogno, ok?). In realtà, come ho scoperto in seguito, Daniella ha invitato Tracey e Josh a unirsi a lei sotto la doccia e apparentemente un bel po 'di gioco dopo è andato avanti nel processo di ripulirsi a vicenda - vedi cosa ti perdi quando fai un pisolino? Ci siamo riuniti più tardi...

959 I più visti

Likes 0

Piccolo Popper.

La scorsa settimana la figlia del mio vicino è venuta a casa mia per vedermi per qualcosa e mi ha visto fare sesso con la mia ragazza a bordo piscina. All'epoca non ne ero a conoscenza, ma è venuta di nuovo per ottenere ciò che voleva dopo che la mia ragazza se n'era andata: stava aspettando che se ne andasse. Abbiamo fatto il bagno magro e abbiamo fatto sesso insieme lì la maggior parte delle volte: io ho 26 anni e la mia ragazza circa un anno più giovane. Holley, la ragazza dall'altra parte della strada, ha 17 anni. Quando è...

821 I più visti

Likes 0

Punizione dell'adultera

*** Dichiarazione di non responsabilità: questa storia ha forti temi di non consenso. Non perdono nessuno di questi atti nella vita reale e questa è una fantasia oscura - niente di meno, niente di più.*** Miranda si è svegliata in un grande container lungo circa 8 piedi per 40 piedi. Questo è tutto ciò che sapeva mentre veniva da qualunque cosa l'avesse drogata. Miranda Shaw era una bellissima ragazza di 23 anni. Era alta un metro e novanta, magra quasi al limite della minuta, con lunghi capelli color carbone, occhi castani, pelle pallida e seni perfettamente modellati che non erano né...

868 I più visti

Likes 0

Barbara lancia la sfida, parte 1

Barbara Lewis sedeva al tavolo della cucina nel suo appartamento con un'espressione preoccupata sul viso. Davanti a lei sul tavolo c'erano un mucchio di banconote. Era indietro con i pagamenti, alcuni anche di più di trenta giorni, e aveva bisogno di quasi 1000 dollari per ripagarli tutti. Non aveva la minima idea di come avrebbe realizzato quell’impresa. Bene, c'era un modo, ma non era sicura di poterlo fare. Circa due giorni prima, la sua amica Lena le aveva parlato di questo posto sotterraneo in cui era stata una volta nel quartiere a luci rosse. Si chiamava Il Guanto. La spiegazione di...

355 I più visti

Likes 0

Basta andare in giro

Basta andare in giro Stasera è iniziata proprio come tutte le altre sere. Io e i miei due amici uscivamo a bere e andavamo in giro. Io avevo quattordici anni, il mio amico Jason sedici e Max stava per compiere diciotto anni. Max conosceva un ragazzo che ci comprava birra e whisky senza fare domande. Era il mio turno di comprare, quindi ho dato a Max i due venti che avevo guadagnato falciando i metri la settimana precedente. Max era un ragazzo grosso, probabilmente alto un metro e ottanta o giù di lì e pesava circa centocinquanta chili. Aveva i capelli...

266 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt 5

Pochi giorni dopo il suo allevamento con D, ha chiamato e ha fissato un appuntamento per riportare il suo cane da allevare di nuovo. A causa della sua fitta agenda, Stephanie ha fissato l'orario subito dopo aver chiuso le normali operazioni. Stephanie era eccitata, perché questa sarebbe stata la sua prima volta con una donna. Circa un'ora dopo la sua chiusura ufficiale, qualcuno ha bussato alla porta dell'ufficio. Riuscì a malapena a contenere la sua eccitazione mentre apriva la porta per D, sua moglie e il loro cane. Ciao, sono Stephanie, gestisco il canile e facilito gli allevamenti, ha detto, offrendo...

2.3K I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.