La piscina - parte 1 - La trappola

508Report
La piscina - parte 1 - La trappola

Di Patryxk B.

Mi sono appena trasferito in questo grande condominio. Ci sono 6 piani e 20 appartamenti per piano. Il prezzo è un po' alto perché all'interno c'è una grande piscina interna. Pertanto, chiunque può nuotare in qualsiasi giorno dell'anno tra le 7:00 e le 22:00. Anche se avevo circa trentacinque anni, non ero un bravo nuotatore e odio nuotare da solo. Quindi non è stato un fattore importante quando mi sono trasferito qui. Ogni giorno o giù di lì, ci passavo accanto e guardavo se le persone usavano la piscina. Non mi piaceva se c'erano troppi estranei nella stessa piscina in cui andavo. Non mi piacevano le piscine pubbliche. E tutti qui sono estranei per me. Non ho mescolato con nessuno di loro e probabilmente non lo farò. Ero un po' timido. Le uniche persone che conoscevo erano il vecchio padrone di casa e sua moglie. Dopo alcune settimane mi sono chiesto perché non avevo ancora utilizzato la piscina? Quindi, ho programmato un mercoledì sera di andare a nuotare per circa un'ora. Chissà, magari diventerà un'abitudine. Scelgo le 21:00, quindi nuoterei da solo.

Quindi il momento è arrivato e non me lo aspettavo molto. Ho indossato il mio costume da bagno blu (niente sotto ovviamente) con una maglietta. Ho anche riempito una borsa con un telo da piscina e un paio di pantaloncini. Ho preso le scarpe senza calzini ed eccomi lì. Incrociavo spesso gente in costume da bagno. Sembra che a loro non dispiaccia andare in piscina o tornare indossando ancora il costume da bagno. Tutti gli inquilini ci erano abituati. Per me, il mio costume da bagno sembrava un pantaloncino e indossavo una maglietta, quindi non sarei affatto imbarazzato se incrociassi gli inquilini.

La piscina è circondata da pareti e soffitto in vetro. Sentivo un forte odore di cloruro e il livello di umidità era piuttosto alto. La piscina è grande quanto una piscina olimpionica. Nessuno in giro. Grande. Ho toccato l'acqua con un dito del piede e la sua temperatura era vicina a quella di una sauna. Mi sono detto che forse avrei fatto qualche giro e sarei rimasto qui per un po’. È molto noioso stare da solo. Ma almeno avrò la pace senza bambini in giro. Non dirò mai a me stesso di non aver mai usato la piscina. Sarà molto rilassante. Avevo bisogno di relax.

Quando sono entrato nello spogliatoio, c'era un ragazzo sui vent'anni seduto lì, nudo. Mi ha sorriso e poi ha iniziato a giocare con il suo cazzo rigonfio. Distolsi lo sguardo, cercai di ignorarlo e mi sedetti a pochi metri di distanza. Ci sono un sacco di persone strane, ed è questo il modo di gestirle. C'era uno spogliatoio con una porta chiusa a chiave. Quindi sono entrato, l'ho chiuso a chiave e ho cambiato. Mentre mi cambiavo continuavo a pensare al cazzo di quello strambo. Mi chiedevo quanto tempo sarebbe potuto durare. Non so perché mi sia venuto in mente questo strano pensiero. Non ero né gay né bisessuale. Amo le donne. Ero attratto dalle ragazze. Poi sono uscito pronto, con l'asciugamano in spalla. Mi ci sono voluti circa 3 minuti per cambiarmi. Una volta uscito, era ancora lì. Cercai di non fissarlo mentre mi chiedevo se fosse ancora nudo o se stesse ancora accarezzando il suo cazzo. Con un piccolo picco, lo era. Non potevo vedere il suo cazzo, ma il suo braccio destro si muoveva ancora. Stavo pensando a come aggirarlo per raggiungere la piscina. Con mia sorpresa, si alzò e venne da me.

- EHI!

Continuavo a distogliere lo sguardo, anche se era difficile. Ero imbarazzato dalla sua nudità e dalla sua azione. Ed era così vicino a me. Perché sono venuto qui comunque! Me ne sono già pentito. A volte mi vengono delle idee stupide! Immagino che volesse che lo guardassi. Sicuramente non gli importa. Quindi ho smesso di comportarmi in imbarazzo e ho dato un'occhiata fantastica mentre lui toglieva la mano. Non so perché mi vergognassi, abbiamo le stesse parti del corpo, solo che non abbiamo la stessa dimensione. Il suo cazzo è tagliato, curvando leggermente verso l'alto. Nessun pelo intorno. È stato quasi difficile. Ero sicuro che avrebbe potuto allungarlo più a lungo se avesse continuato ad accarezzarlo. Più grande del mio. Mi chiedo perché la mia mente abbia fatto il paragone.

- Vorresti finirmi? Me lo ha offerto.

Non so perché, ma quell'offerta era davvero allettante. Non avrei mai pensato di potermi trovare in una situazione in cui avrei potuto toccare il cazzo di un altro ragazzo. Curiosità, immagino. So che questa opportunità non si ripresenterà. Quindi, gli ho detto:

- NO! Non mi interessa! Grazie!

Ho cercato di rimanere educato. Potrebbe essere pazzo. Ma lui non accettò quella risposta e il suo corpo mi impediva di andare in piscina. Ero davvero imbarazzato e pensavo a come avrei potuto ignorarlo. Ma prima che provassi, mi chiese:

- Non l'hai mai fatto con un amico prima?

- NO!

- Scommetto che ci hai pensato qualche volta, vero? Come sarebbe avere il cazzo di qualcuno in mano!

Aveva ragione, ma non potevo dire la verità.

- Io... forse... ma ragazzi, non eccitatemi!

- Dai! Sono sicuro che hai pensato a come sarebbe toccare un altro cazzo! Puoi toccare il mio! Nessuno lo saprà!

- Non dovrei! NO! Non voglio!

In realtà lo avrei voluto, ma avevo un po' paura. Uno sconosciuto voleva che gli toccassi il cazzo. E' troppo per me.

- Non devi nemmeno metterlo in bocca! Andare avanti!

- Scusa! Voglio solo nuotare! Potresti chiedere a qualcun altro!

Quindi questa è stata la mia risposta finale. Un giorno potrei pentirmi di aver perso questa opportunità, ma questa è la mia decisione. Questa volta, mi ha preso il polso e ha messo la mia mano sul suo cazzo duro, chiudendolo attorno!

Sono rimasto sorpreso. Non ho resistito.

- Vedi, non fa male!

Mi sono bloccato e non sapevo cosa fare! Avevo il cazzo di qualcuno in mano! Oh!

- Vai avanti, accarezzalo! Andare avanti! Sai come farlo!

Sì, l'ho fatto, ma... mai con un altro ragazzo. Ho spostato leggermente la mano verso il basso e poi verso l'alto lentamente. L'ho fatto per istinto. Non riuscivo a trovare la forza per togliere la mano.

- Hmm quello è il mio ragazzo! Sei bravo! Continua!

Mi sono sorpreso. Avrei dovuto togliere immediatamente la mano, ma continuavo ad accarezzarla. Non mi è venuto in mente niente. Non avevo più vergogna di fissare il suo cazzo, e lo stringevo e facevo scorrere la mano più velocemente! Una parte di me si è divertita e l'altra parte era disgustata. La prima parte è pallida.

Poi mi ha fatto fermare prima di venire.

-Gratz! Hai fatto il tuo primo cazzo!

Poi è uscito dallo spogliatoio ed è andato in piscina nudo, anche se era vietato nuotare nudi.

Ero scioccato. Il mio cazzo era duro come la roccia dopo aver strofinato il suo cazzo! Non potevo credere a quello che è successo. Non ero nemmeno sicuro di cosa fossi più scioccato, accarezzare un cazzo o piacermi farlo? Il mio cuore batteva forte. Dovevo togliermi quell'esperienza dalla mente e fare una doccia fredda prima di andare a nuotare. Ho ripetuto: «Non sono gay!» per convincermi.

Durante la breve doccia, mi chiedevo cosa sarebbe successo se avessi incontrato di nuovo questo ragazzo. Cosa dovrei dire o fare? Ho deciso che era meglio tacere e ignorarlo. Potevo tornare al mio appartamento, ma la mia mente e il mio corpo non mi permettevano di fare quella scelta. Potrebbe chiedere di nuovo di accarezzarlo per finirlo questa volta. Ma non ero sicuro di poter dire di nuovo di no. E questo ragazzo non accetta un no come risposta. Forse era soddisfatto di quello che ho fatto e non me lo chiede? Ronzio! Vedremo...

Sono entrato in piscina ancora tremante per l'ultimo evento. Nell'acqua nessuno noterà la mia erezione. Mi sono sentito stupido a pensarci perché l'unica altra persona qui è lo strano che sguazza dall'altra parte. L'ho ignorato come avevo programmato. Nuoterò per 15 minuti e uscirò di qui velocemente. O forse solo 5. Non mi ha nemmeno salutato né si è rivolto a me. Immaginavo che questo fosse tutto ciò che voleva, stuzzicare uno sconosciuto a caso. Voleva che qualcuno lo accarezzasse. Sono stata la vittima fottuta perché ero lì da sola. Fine della storia. Provo a pensare ad altre cose. Un po' difficile. Nuoto quasi al centro della piscina mentre lui nuotava verso di me. Ad un certo punto si è tuffato sott'acqua. Stavo nuotando all'indietro quando mi ha afferrato il costume da bagno. Sono andato nel panico e ho cercato di scappare, ma lui l'ha tirato e rimosso del tutto! Ero nudo come lui in piscina. È venuto in acqua felice di quello che ha fatto e stava facendo girare il mio costume da bagno.

- EHI! Ridammilo! Gli ho urlato, nuotando con forza verso di lui.

Il ragazzo ha ignorato la mia supplica e ha continuato a fuggire nella direzione in cui l'acqua è molto profonda. Egli gridò :

- Capito!

Dal camerino delle signore uscì una ragazza con un bikini rosa. Era molto bella. Poco più che ventenne, potrebbe averne 19, con lunghi capelli neri e un tatuaggio di un delfino sul braccio destro. Si tuffò nella piscina, prima di avvicinarsi al ragazzo. Le sussurrò qualcosa all'orecchio mentre lei mi guardava. Poi nuotò lentamente verso di me.

- Allora, il mio ragazzo mi ha detto delle cose su di te!

Sussulto! Ha menzionato quello che ho fatto nello spogliatoio? O che fossi nudo! Lei è la sua ragazza, quindi non avrebbe dovuto menzionare la masturbazione.

- Per favore, non avvicinarti a me! Ho detto. Non volevo che mi vedesse nudo.

Ma quell’avvertimento non la rallentò.

- Non mi importa che tu sia nudo! È cattivo! E mi piace essere cattivo!

Ciò non tolse il mio imbarazzo nell'avere una ragazza accanto a me mentre ero nudo. Ma sentivo che il mio cazzo era diventato ancora più duro.

Ho nuotato all'indietro, ma lei mi ha raggiunto per prima. Eravamo faccia a faccia. Cavolo, era bellissima! Poi ha preso in mano il mio cazzo già duro!

- Fermare! Per favore!

- Vuoi davvero che mi fermi? Mentre lo strofinava lentamente mentre sorrideva.

Non potevo rispondere mentre notavo il suo ragazzo che nuotava lentamente raggiungendoci.

- Vedi, siamo una coppia molto aperta! E non ci dispiace fare cose del genere!

Mi ha baciato! Ho ricambiato il bacio. Mi accarezzò un po' più velocemente. Nessun uomo potrebbe resistere a tale seduzione. Il bacio fu lungo e lei fu brava. Interruppe il bacio con un sorriso. Mi guardò negli occhi e si voltò a sinistra per vedere il suo ragazzo, a un braccio di distanza da me. Mi ero quasi dimenticato di lui. Lo baciò senza rilasciare il mio cazzo. Non voleva che andassi. La sua ragazza voleva che assistessi al loro bacio appassionato. Era lungo quanto quello che abbiamo condiviso. Poi la ragazza è tornata da me e ci siamo baciati di nuovo. Questa volta ero più preparato. Ha interrotto presto il bacio e subito il suo ragazzo mi ha baciato senza essere pronto. Non sapevo cosa fare, ma ricambiai il bacio. Poi la sua ragazza si è allontanata da noi nuotando e ho notato che adesso mi stava accarezzando. I miei sensi erano alla sprovvista a causa della situazione. Non ho notato il cambiamento nella mia mente. Anche sapendo chi mi stava accarezzando, continuai il bacio. Ha cercato di far giocare la mia lingua con la sua. All'inizio ho resistito, ma poi ho lasciato andare e mi sono divertito senza pensarci.

Poi gridò:

- Questo lo renderemo gay!

È stato allora che ho capito cosa stava succedendo. L'ho accarezzato prima, ora mi stava accarezzando e io lo stavo baciando! Con la mano libera ha allungato la mia mano destra verso il suo cazzo per accarezzarci e baciarci. Così ho fatto.

Sono stato il primo a venire. Poi ha lasciato la mano sul mio cazzo e ha iniziato a baciarmi le guance e il collo. Ho continuato a strofinargli il cazzo. Volevo così tanto farlo venire. Ed ero felice quando ci sono riuscito!

Dopodiché, si è unito silenziosamente alla sua ragazza. Entrambi uscirono dalla piscina. Ha lasciato il mio costume da bagno sul ponte. Si sussurrarono tra loro prima di prendere l'asciugamano e andarsene negli spogliatoi.

Ho nuotato direttamente per riprendermi il costume da bagno. Ho deciso di restare in piscina finché non se ne saranno andati. Il ragazzo è uscito per primo. E rimase in piedi finché la ragazza non lo raggiunse. La cinse con un braccio e disse:

- Per divertirti ancora di più, vieni al 404 alle 19:00 domani!

Poi se ne sono andati.

Non potevo credere agli eventi appena accaduti. Mi hanno violentata. E mi è piaciuto. Volevo di più? Non lo sapevo!

- Continua!

Storie simili

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

1.5K I più visti

Likes 1

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.4K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 12

Capitolo dodici PRESTIRO Yavara era di buon umore, avendo ricevuto il messaggio stamattina che sia Brock che Elena erano vivi e stavano bene. Da quello che il piccolo Zander aveva rischiato di mettere sulla pergamena, ho dedotto che aveva messo in atto dei piani per trovare un Froktora. Brock mi piaceva, davvero, ei Terdini erano famosi per la loro forza e le loro dimensioni, ma erano semplicemente un clan troppo piccolo. I Protaki erano la tribù più numerosa di The Pines, ma anche loro impallidivano in numero rispetto alle orde di The Tundra. Le dieci tribù di The Tundra (giustamente chiamate...

1.4K I più visti

Likes 0

Sesso con la mia babysitter

Sono una vergine di 17 anni. Sì l'ho detto. Ho avuto delle fidanzate ma non sono durate abbastanza a lungo da poterle scopare. Penso solo che non ci sarà mai un giorno in cui potrò farlo con una bella ragazza. Sono probabilmente l'unico ragazzo della scuola che non l'ha ancora fatto. Vabbè.. Comunque oggi è venerdì ei miei genitori stanno uscendo, il che significa che sarò bloccato con una babysitter. I miei genitori pensano ancora che io sia un bambino piccolo. Giuro che potevo sentire i bambini a scuola che mi prendevano in giro. Hunny... vieni qui disse la mamma. Sono...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricattato in sottomissione

Ho capito disse Cassey, correndo in cucina. Ho ottenuto il lavoro! È fantastico! disse Giasone. Ha abbracciato la sua fidanzata, pieno di gioia per la notizia. Cassey aveva un disperato bisogno di trovare un nuovo lavoro. Qualsiasi cosa pur di allontanarsi dal posto in cui lavorava sotto il suo capo da incubo, Veronica. Quando inizi? chiese Jason. Il sorriso di Cassey svanì. Non appena avrò la mia referenza... disse Cassey a bassa voce. Da Veronica? chiese Jason. Cassey annuì. “Ma sai cosa dirà...” disse Cassey. Questo sta andando per questo lavoro, sei andato alle sue spalle, ha detto Jason. Esattamente. È...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.