Il migliore amico di mia moglie

697Report
Il migliore amico di mia moglie

La migliore amica di mia moglie, Laura, era molto legata a noi due. Ha trascorso così tanto tempo con noi perché il suo ragazzo, Tom, lavorava molto fuori città. Il suo lavoro spesso lo mandava via con poco preavviso e una data di ritorno incerta. Francamente, non so come Laura abbia affrontato la cosa. La loro relazione doveva essere difficile, con molte notti solitarie per entrambi.

Quando Tom era via, Laura veniva spesso da noi. Laura e mia moglie, Rachel, si conoscevano da quando avevano iniziato il college. Mi ero sentito abbastanza a mio agio con Laura che le nostre conversazioni riguardavano tutto, anche il sesso. Molte volte, quando eravamo insieme, l'argomento della conversazione si spostava su quante volte lo facevamo, posizioni preferite, cosa ci piaceva davvero del sesso orale e masturbazione. Da parte nostra, Rachel e io abbiamo imparato da queste conversazioni. Laura ha detto che anche lei stava imparando da noi. Alcune volte abbiamo persino noleggiato film porno da guardare insieme. Di solito in quelle sere, dopo che Laura era tornata a casa, il sesso con Rachel era al massimo. Mi sono così eccitato a parlare dei dettagli intimi delle nostre vite sessuali con Laura. Mi sedevo lì cercando di nascondere un'erezione furiosa, ansioso che Laura se ne andasse per poter portare Rachel a letto. Quando l'ho fatto e ci siamo spogliati, ho scoperto che la sua figa era bagnata quanto prima. Apparentemente le sono piaciute anche le discussioni. La volta successiva che vedevamo Laura, ci chiedeva se ci divertivamo dopo che se n'era andata. Risponderemmo sinceramente. Da parte sua, Laura raccontava come aveva usato il suo dildo per soddisfare le sue voglie.

Quando Tom era in città, Laura era impegnata a letto con lui. Non abbiamo visto loro due così spesso come abbiamo visto solo Laura quando Tom non c'era. Più di una volta ho fantasticato di fare sesso con Laura. L'avevo vista in bikini quindi non era troppo difficile immaginare come fossero le sue tette. Avevo un'idea abbastanza precisa di come doveva essere la fica di Laura, dalla forma del suo bikini allungato sulle labbra. Mi ero masturbato mentre pensavo a questo, e alcune volte ho persino interpretato la fantasia nella mia mente mentre facevo sesso con Rachel, anche se non avevo mai condiviso questo fatto con nessuna delle due donne.

Eravamo amici di Tom; semplicemente non abbiamo avuto tante opportunità di passare del tempo con lui. Immagino sia per questo che non eravamo così vicini a lui come lo eravamo a Laura.

Una volta che Tom era via, avevamo programmato di stare insieme per una settimana in Florida. Tom avrebbe avuto un po' di ferie a partire da quel venerdì. Dato che lavorava sulla costa orientale, il piano era che Laura venisse con noi all'hotel e Tom ci avrebbe incontrato lì. Abbiamo prenotato due camere sulla spiaggia. Siamo stati fortunati ad averli perché era un fine settimana di vacanza.

Noi tre ci siamo presi il pomeriggio libero quel venerdì. Rachel e io abbiamo fatto le valigie e siamo andate a prendere Laura nel suo appartamento. Era pronta, ansiosa di vedere Tom. Era stato via per due settimane e lei era arrapata. Salimmo in macchina e ci dirigemmo a est sull'autostrada.

Per passare il tempo, Laura ha portato con sé un libro da leggere. Aveva la guida del Kamasutra al buon sesso. Dal sedile posteriore, intendeva leggerci dal libro per passare il tempo.

Aprì il libro e cominciò a leggere. Tra risatine e commenti, lentamente abbiamo letto il libro. Stavamo tutti pensando a come, in poche ore, avremmo avuto la possibilità di provare queste cose. Il sesso era nelle nostre menti. Ero duro e non si poteva negarlo. Il mio cazzo stava diventando scomodamente grande nei confini dei miei pantaloncini. Ho sorpreso mia moglie a guardarmi in grembo. Sorrise e inarcò le sopracciglia. Si chinò e sussurrò: "Ti piace il libro?" Ho annuito. "Anche io. Non posso aspettare fino a tardi." Si raddrizzò e ascoltammo attentamente il nostro amico sul sedile posteriore.

Laura lesse, scorrendo avanti e indietro il libro, selezionando passaggi che sembravano interessanti o divertenti. I commenti di "Sembra interessante" e "Non ho mai pensato di farlo in quel modo" e persino "Ooh, suona bene" erano frequenti. Una volta, controllando lo specchietto retrovisore, ho notato che i capezzoli di Laura erano visibili attraverso il suo top sottile. Apparentemente io e Rachel non siamo stati gli unici interessati dal libro.

Le ragazze erano vestite in modo leggero per la calda giornata estiva. In attesa di sesso, Laura probabilmente non indossava il reggiseno. Mi chiedevo se indossasse anche le mutandine e il mio cazzo fosse diventato ancora più duro. Ho cercato di immaginare come fosse nuda. Rachel e io avevamo discusso di fantasie che includevano Laura. Una volta, parlando di questo, Rachel mi ha detto che Laura era una bionda naturale. I suoi peli pubici erano chiari come i capelli color grano sulla sua testa. Questo mi ha affascinato, un fatto che non era sfuggito a mia moglie.

Rachel si slacciò la cintura di sicurezza e scivolò più vicino a me. Ha messo la mano sinistra sulla mia coscia nuda, e poi l'ha fatta scivolare sopra i miei pantaloncini. Guardandomi di sbieco, mi fece un piccolo sorriso e si leccò le labbra mentre la sua mano scivolava sotto la gamba dei miei pantaloncini. Un gemito sfuggì incontrollato dalle mie labbra.

"Ehi, cosa ci fate lassù, comunque? Dovete guidare voi," disse Laura con un sorriso.

"Sto cercando di guidare, ma è difficile -" ho iniziato a rispondere ma Rachel mi ha interrotto.

"Sì, è difficile va bene," riferì mentre la sua mano passava sotto la fascia della mia biancheria intima e stringeva l'estremità del mio cazzo.

"Ho iniziato a dire che è difficile guidare quando qualcuno mi sta distraendo", ho riprovato.

Ora Laura stava guardando oltre il sedile anteriore e vide dov'era la mano di Rachel.

"Ehi, non è giusto. Non ne ho uno con cui giocare," piagnucolò Laura.

"Avrai il tuo abbastanza presto," ribatté Rachel, mentre continuava a stringere.

Rendermi conto che a Laura non importava cosa mi stava facendo Rachel proprio davanti a lei, solo che non poteva fare la stessa cosa sul sedile posteriore, mi spinse quasi oltre il limite. Respirando profondamente, ho avvertito Rachel: "Se non ti fermi, ci sarà un casino da ripulire, a meno che tu non abbia intenzione di ingoiare tutto".

Rachel rise mentre rispondeva: "In macchina? Solo dopo il tramonto". Guardò Laura e le fece l'occhiolino. Sono quasi arrivato lì. Rachel ritirò la mano, ma Laura notò che le sue dita avevano un po' del mio precum spalmato sopra. Rachel vide la reazione di Laura e si leccò le dita per stuzzicare la sua amica. Laura gemette per la frustrazione.

"Ne vuoi un assaggio?" la prese in giro Rachel, alzando la mano davanti al viso di Laura.

Laura rise e disse: "No, penso che aspetterò il mio". Si spostò di nuovo contro il sedile posteriore, poi aggiunse: "Ma se non ti comporti bene, mi porterai a masturbarmi qui".

«Non lasciare che ti fermi», suggerii. Ciò ha portato un nuovo giro di risatine.

"Accidenti, prendete una stanza, voi due," si lamentò Laura con la frustrazione che le sfumava la voce.

"Lo faremo, non appena arriviamo", rispose Rachel. "Quanto ancora?"

"Altre due ore", risposi. "Diventi ansioso?"

"Lo siamo tutti", è stata la risposta dal sedile posteriore.

"Forse dovremmo cambiare argomento per alleviare la frustrazione," propose Rachel. "Leggi ancora un po' per noi."

"Sì, è quello di cui abbiamo bisogno. Più Kamasutra," disse Laura mentre ridevamo tutti. Nonostante ciò, ha continuato a leggere.

Quando siamo arrivati ​​all'hotel, la macchina conteneva tre persone molto arrapate che non vedevano l'ora di iniziare a scopare. Questo era, dopo tutto, l'essenza di questo viaggio. Certo, c'era la spiaggia e tutto il resto, ma non vedevamo l'ora di trascorrere qualche giorno (e qualche notte) nelle nostre camere d'albergo solo per essere coppie. Mi è dispiaciuto un po' per Laura. Rachel e io saremmo saltate a letto non appena ci fossimo registrati. Laura avrebbe dovuto aspettare qualche ora prima che arrivasse Tim. Sospettavo che se non fosse arrivato presto, Laura avrebbe preso in mano la situazione finché lui non fosse arrivato.

Parcheggiando davanti all'atrio, scesi dall'auto e mi stiracchiai. Le ragazze hanno seguito l'esempio e abbiamo varcato le porte a vetri dell'atrio. Siamo stati accolti da una folla. Era un fine settimana di vacanza, dopo tutto. A quanto pareva, l'albergo sarebbe stato tutto esaurito. Sono stato contento di aver effettuato le nostre prenotazioni con largo anticipo. Ci siamo uniti alla folla e abbiamo aspettato il nostro turno per fare il check-in. Mentre ci avvicinavamo alla scrivania, sono finito in una fila mentre Laura è finita in un'altra fila un po' più avanti. Gli addetti alla reception sembravano oberati di lavoro e frustrati. Doveva essere difficile rimanere piacevoli di fronte a una folla che cresceva solo indipendentemente dalla velocità con cui lavoravi per ridurla.

La mia commessa era una giovane donna piacevolmente attraente con Amy sulla targhetta. Si stava sforzando di sorridere; era ovvio. Mi sono fatto avanti quando è stato il mio turno, ho sorriso e ho detto: "Ciao, Amy. Ho una prenotazione". Poi ho fatto una pausa e ho pensato a quello che ho detto. "Immagino che tu l'abbia già sentito prima." Sorrise, troppo stanca per ridere, ma era dolce.

"Sì, siamo impegnati oggi."

"Finirà, e saremo tutti nelle nostre stanze, lasciandoti solo."

"La parte peggiore è il check-in per i fine settimana di vacanza, come questo. Come ti chiami?"

Gliel'ho detto e lei ha consultato il suo computer. "Sì, ce l'ho. Avevi richiesto una camera comunicante con un altro ospite, vedo. Non sono sicuro che ce la faremo. Siamo tutti pieni."

In quel momento, ho sentito Rachel irrigidirsi al mio fianco. Alzai lo sguardo e la vidi guardare Laura, che sembrava molto turbata.

"Vado a vedere cosa c'è che non va," mi disse Rachel senza voltarsi indietro e iniziò a farsi strada tra la folla al fianco della sua amica.

Tornai a guardare Amy e mi occupai del check-in. Aveva problemi con la camera comunicante. Più o meno nel momento in cui sospirò e alzò lo sguardo, notai che Laura faceva una scenata davanti al suo commesso. Laura stava piangendo e Rachel stava cercando di confortarla. Non riuscivo a capire cosa ci fosse che non andava in tutto quel rumore di fondo.

Amy mi guardò scusandosi e disse: "Mi dispiace. Sembra che la prenotazione del tuo amico sia stata cancellata. Posso darti una stanza sulla spiaggia, ma le altre stanze intorno sono tutte assegnate".

"Va bene. Quella stanza suona bene. Lo risolveremo. Sai perché l'altra prenotazione è sparita?"

"No, sembra che sia stato cancellato."

Ho guardato oltre, ma Rachel e Laura non si vedevano da nessuna parte. C'era davvero qualcosa che non andava. Almeno avevamo una stanza. Il resto lo risolveremo più tardi. Ho ringraziato Amy, le ho lasciato gestire la mia carta di credito e ho preso le mie tessere magnetiche, insieme agli altri documenti. Amy mi sorrise mentre mi facevo da parte per lasciare che la persona successiva si avvicinasse al bancone.

Una volta che sono riuscito a farmi strada tra la folla, ho trovato Rachel e Laura su un divano vicino alla finestra. Laura singhiozzava pesantemente e sembrava molto arrabbiata. Rachel sembrava preoccupata. Mi sono avvicinato e mi sono seduto accanto a Rachel. Lei a sua volta mi ha guardato mentre mi sedevo. Si chinò e mi aggiornò su quello che era successo. Tom aveva lasciato un messaggio alla scrivania per Laura. È stato richiamato al lavoro per non incontrarla in albergo. Dopo che Laura ha letto la nota, l'impiegato le ha chiesto se stava ancora effettuando il check-in e lei ha risposto: "Diavolo, no!" prima di scappare via. Ho guardato Rachele. Ha letto correttamente l'espressione sul mio viso.

"Non so nemmeno cosa fare."

"Andiamo nella nostra stanza. È più riservata e più comoda."

Laura non era dell'umore giusto per fare niente, ma lasciò che Rachel la riportasse alla macchina. Cavalcarono insieme sul sedile posteriore mentre guidavo verso la nostra stanza. Ho parcheggiato e sono sceso per aprire la stanza. Rachel mi si avvicinò mentre aprivo la porta.

"Laura è davvero incazzata con Tom in questo momento. Sta dicendo che vuole andare a casa." Guardai direttamente Rachel. "Lo so, non voglio nemmeno tornare indietro in questo momento. Ha cancellato la sua prenotazione. Tutto quello che può fare ora è stare con noi."

"Rachele, -"

"Non piace neanche a me, ma cosa posso fare? Non possiamo farla dormire in macchina."

"Beh, dubito che troverà un'altra stanza qui vicino, con la vacanza e tutto il resto. Immagino che possa stare con noi." Ho aperto la porta. L'interno fresco era buio perché le tende erano chiuse. Ci sono voluti alcuni istanti perché i nostri occhi si adattassero. "Ops."

Rachel guardò oltre me per vedere cosa intendevo. La stanza aveva un tavolo, una sedia, un cassettone e un letto king size. Un letto king size. I nostri occhi si sono incontrati.

"Un letto", dissi, affermando l'ovvio.

"Sì. Potrebbe essere un problema." RachelRachel rifletté per un momento. "Pensi che potrebbero trasferirci in un'altra stanza con due letti?"

"Tesoro, hai visto la folla nell'atrio. La signora ha detto che sono al completo per tutta la vacanza. Non ci sono più camere nella locanda."

"Forse Laura può ancora avere la sua stanza." Rachel scosse la testa. "No, non è in condizione di stare da sola stanotte. Dovremo solo dividere il letto."

"Potrebbe diventare interessante", risposi.

"Cosa intendi?"

"Bene, che tipo di pigiama hai portato?" ho chiesto a mia moglie.

Aprì la bocca per rispondere, poi scoppiò in un sorriso timido. "Solo lingerie. E non molto."

"Uh-huh. È più di quello che ho portato. Siamo venuti qui per fare sesso. Scommetto che Laura ha fatto le valigie allo stesso modo."

Non ci è voluto molto perché l'implicazione facesse presa. Rachel ha attirato la mia attenzione e ha chiesto: "Come ti senti a riguardo?"

"Immagino che non abbiamo molta scelta. Nei prossimi giorni ci conosceremo molto meglio." Ora stavo sorridendo. "Potrebbe essere divertente", aggiunsi alzando le sopracciglia.

"Ce la caveremo", disse Rachel. Potevo vedere l'incertezza offuscare il suo viso. "Possiamo dormire in maglietta se necessario. Spostiamoci nel bagaglio. Poi ne parleremo con Laura."

Il suggerimento di RachelRachel mi ha deluso. Avevamo l'abitudine di dormire nudi insieme. Non ero contento di come stava andando questa fuga romantica.

Siamo tornati alla macchina. Ho aperto il baule e ho iniziato a portare le borse mentre Rachel e Laura entravano nella stanza. Loro stavano parlando. Potevo solo immaginare di cosa stessero parlando. Sapevo cosa mi passava per la mente. Due donne, un letto, niente pigiama. La preoccupazione per Laura aveva messo in cortocircuito la mia erezione in precedenza, ma questi pensieri ora l'avevano rimessa in funzione.

Rachel e Laura erano sedute sul letto, continuavano a parlare. Ho avuto tutte le borse dentro in pochi viaggi e ho chiuso la porta. Mi sono seduto sulla sedia di fronte a loro e ho fatto un respiro profondo.

"Scusa se non ti abbiamo aiutato con le borse," si offrì Rachel.

"Va bene. Come stai, Laura?" Almeno aveva smesso di piangere.

"Mi dispiace per tutti i problemi che sto causando. Non è così che doveva andare a finire." Alzai una mano per fermare le sue scuse. Prima che potessi dire qualcosa, però, continuò. "Questa situazione va bene per me, se va bene per voi ragazzi. Voglio dire, siamo tutti amici. Vi darò tutta la privacy che posso." Lei sorrise e ci unimmo.

Rachel ha parlato dopo. "Possiamo aspettare per quello."

"No, sei venuto qui per una fuga romantica. Non te lo toglierò solo perché il mio è stato rovinato. Cercherò di non comportarmi da accompagnatore. Fai finta che non ci sia."

"Sarà difficile da fare", suggerii.

"Scommetto che è difficile dopo tutte le prese in giro in macchina. Vuoi che vi lasci soli per un po'? Potrei andare a fare una passeggiata sulla spiaggia o qualcosa del genere." Laura si stava davvero impegnando molto ora.

Stavo per essere d'accordo quando Rachel ha parlato. "Non è necessario." Mi lanciò uno sguardo per uccidere l'espressione delusa che stavo mostrando. "Più tardi" mi disse con la bocca, di proposito voltando le spalle a Laura. "Facciamo una passeggiata e diamo un'occhiata all'hotel." Rachel mi ha lanciato uno sguardo duro che mi ha detto che volevo davvero fare una passeggiata con loro.

Tutti e tre tornammo fuori, nel caldo pomeriggio di sole. Il parcheggio era pieno di ospiti che arrivavano e disfacevano i bagagli. Abbiamo evitato la folla nell'atrio e abbiamo camminato un po' lungo la strada, prendendo nota dei negozi, dei ristoranti e dei bar raggiungibili a piedi. Laura sembrava calmarsi molto durante la passeggiata. Le ha fatto del bene, il che ha fatto del bene a tutti noi. Siamo tornati all'hotel dove abbiamo potuto vedere la spiaggia attraverso un breezeway.

Laura si voltò verso di noi. "Ragazzi, mi dispiace davvero per come mi sono comportato prima. Ho riflettuto molto. Mi divertirò. Farò del mio meglio. Mi piacerebbe davvero che Tim essere qui, ma non succederà. È stato via prima e sarà via di nuovo. Possiamo divertirci senza di lui. Abbassò gli occhi e poi ci guardò di nuovo. "Farò del mio meglio per non intralciare il tuo divertimento", aggiunse con un sorriso timido, guardandomi direttamente.

"Rinfreschiamoci tutti. Possiamo andare in spiaggia insieme," suggerì Rachel. Questo fece sorridere Laura. Feci un respiro profondo di sollievo. Potevo sentire come la tensione si fosse allentata. Annuendo d'accordo, tornammo in camera per cambiarci.

Laura tirò fuori dalla valigia il bikini e andò in bagno a cambiarsi. Rachel si è tolta tutti i vestiti e poi ha iniziato a frugare nelle nostre borse alla ricerca di costumi da bagno. Mi sono spogliato mentre guardavo mia moglie, nuda, che cercava qualcosa da indossare. La vista, unita al pensiero che Laura fosse dall'altra parte del muro, anch'essa nuda (e che forse si stava masturbando proprio in quel momento per alleviare la tensione) mi aveva reso più duro che potevo. Il mio cazzo non sporgeva; stava attaccando. Rachel trovò le tute e indietreggiò, proprio nella mia erezione. Lo sentì scivolarle lungo la schiena, lasciando una scia bagnata di precum. Quando si voltò, sembrava molto felice.

"Sembra che qualcuno possa avere problemi ad indossare il suo costume da bagno," disse, alzando lentamente lo sguardo dalla mia erezione al mio viso. La sua mano si allungò per afferrare la mia asta e io respirai profondamente. Se Laura avesse scelto quel momento per uscire dal bagno, avrebbe avuto un bel colpo d'occhio. Rachel deve aver avuto lo stesso pensiero, perché guardò in direzione della porta del bagno prima di continuare. "Ho la sensazione che Laura sarà lì dentro per qualche minuto, ora che si è calmata. Dovremmo avere appena il tempo per occuparci del tuo problema." Aprii la bocca per parlare, ma non riuscii a pensare a niente di appropriato da aggiungere. Rachel si inginocchiò davanti a me e mi baciò la punta del cazzo. Quando le sue labbra si tirarono indietro, l'ampia scorta di precum sulla punta formò un filo che collegava le sue labbra al mio cazzo. Tirò fuori la lingua e leccò. Gemetti e barcollai all'indietro. Sorrise, poi aprì la bocca e mi succhiò il cazzo dentro.

Non potevo credere che stavo ricevendo un pompino da mia moglie mentre la sua amica si stava vestendo a pochi metri di distanza! Da un momento all'altro la porta si sarebbe aperta e Laura sarebbe entrata nella stanza. Laura ci avrebbe visti entrambi nudi e il mio cazzo nella bocca di Rachel. Il pensiero mi ha solo portato più vicino a un orgasmo che non era già lontano. Dopo tutte le prese in giro in macchina, ero pronto a sparare prima ancora che Rachel mi toccasse.

Ero così concentrato su Rachel che mi succhiava il cazzo che non ho mai notato la maniglia della porta che girava o la porta che iniziava ad aprirsi. La porta non si è aperta molto, quel tanto che bastava perché Laura potesse vederci nello spazio tra i cardini della porta. Solo più tardi mi sono reso conto che eravamo osservati.

Mi irrigidii, il mio cazzo si preparava a sparare nella bocca di mia moglie. Avevo superato il punto di non ritorno. Rachel mi guardò con il mio cazzo ancora in bocca. Non importa cosa è successo, stavo per venire. Se Laura avesse scelto questo momento per interromperci e io avessi provato a tirare fuori dalla bocca di Rachel, ci sarebbe stato dello sperma su mia moglie e sul copriletto. Sono sicuro che Rachel abbia sentito il mio cazzo pulsare e se ne sia reso conto.

I pensieri di Laura nelle vicinanze mi mettono in testa immagini di Laura che cambia. Ho immaginato come doveva essere in bagno, con lei nuda davanti al grande specchio. Questo ha funzionato. Il mio cazzo pulsava e schizzava. Rachel era in ginocchio e deglutiva. Fu allora che vidi cambiare l'espressione di Rachel. I suoi occhi ora cercavano di guardare la porta. Mi girai per vedere cosa l'avesse allarmata. Ho visto che la porta era socchiusa. C'era luce che filtrava dalla fessura tra la porta e il telaio. Quando i miei occhi si sono concentrati, ho potuto vedere parzialmente Laura in piedi dietro la porta. Ci stava guardando. Mi stava guardando mentre mi facevo un pompino.

Apparentemente Laura non si era accorta che potevamo vederla. Rimase lì a guardare, in silenzio. Avevo fantasticato su di lei a volte quando mi masturbavo, ma non ero mai venuto mentre la guardavo. Certamente mai mentre mi guardava venire. La novità della situazione intensificò il mio orgasmo. Le mie ginocchia cedettero. Ho finito di sparare e ho tirato fuori dalla bocca di Rachel. Rachel deglutì un'ultima volta e mi guardò. Laura ha visto che avevamo finito e si è allontanata dalla fessura della porta. Rachel si alzò e mi ringraziò, baciandomi dopo aver finito di deglutire. Puzzava di sperma ma non mi importava. Ricambiai il bacio, ringraziandola per quello che aveva appena fatto per me. Non abbiamo nemmeno avuto la possibilità di iniziare a vestirci quando Laura ha aperto completamente la porta ed è uscita. Ero ignaro del fatto che Laura ora stesse guardando il mio cazzo. Stavo cercando di trovare una scusa per cui ero lì nudo. L'unico pensiero coerente che riuscii a raccogliere era che guardare Laura mi stava rendendo di nuovo duro. "Laura, mi dispiace tanto. Pensavamo che tu, voglio dire, uh, ... Rachel?"

Storie simili

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

989 I più visti

Likes 0

Piccolo Popper.

La scorsa settimana la figlia del mio vicino è venuta a casa mia per vedermi per qualcosa e mi ha visto fare sesso con la mia ragazza a bordo piscina. All'epoca non ne ero a conoscenza, ma è venuta di nuovo per ottenere ciò che voleva dopo che la mia ragazza se n'era andata: stava aspettando che se ne andasse. Abbiamo fatto il bagno magro e abbiamo fatto sesso insieme lì la maggior parte delle volte: io ho 26 anni e la mia ragazza circa un anno più giovane. Holley, la ragazza dall'altra parte della strada, ha 17 anni. Quando è...

821 I più visti

Likes 0

Punizione dell'adultera

*** Dichiarazione di non responsabilità: questa storia ha forti temi di non consenso. Non perdono nessuno di questi atti nella vita reale e questa è una fantasia oscura - niente di meno, niente di più.*** Miranda si è svegliata in un grande container lungo circa 8 piedi per 40 piedi. Questo è tutto ciò che sapeva mentre veniva da qualunque cosa l'avesse drogata. Miranda Shaw era una bellissima ragazza di 23 anni. Era alta un metro e novanta, magra quasi al limite della minuta, con lunghi capelli color carbone, occhi castani, pelle pallida e seni perfettamente modellati che non erano né...

868 I più visti

Likes 0

Barbara lancia la sfida, parte 1

Barbara Lewis sedeva al tavolo della cucina nel suo appartamento con un'espressione preoccupata sul viso. Davanti a lei sul tavolo c'erano un mucchio di banconote. Era indietro con i pagamenti, alcuni anche di più di trenta giorni, e aveva bisogno di quasi 1000 dollari per ripagarli tutti. Non aveva la minima idea di come avrebbe realizzato quell’impresa. Bene, c'era un modo, ma non era sicura di poterlo fare. Circa due giorni prima, la sua amica Lena le aveva parlato di questo posto sotterraneo in cui era stata una volta nel quartiere a luci rosse. Si chiamava Il Guanto. La spiegazione di...

355 I più visti

Likes 0

Basta andare in giro

Basta andare in giro Stasera è iniziata proprio come tutte le altre sere. Io e i miei due amici uscivamo a bere e andavamo in giro. Io avevo quattordici anni, il mio amico Jason sedici e Max stava per compiere diciotto anni. Max conosceva un ragazzo che ci comprava birra e whisky senza fare domande. Era il mio turno di comprare, quindi ho dato a Max i due venti che avevo guadagnato falciando i metri la settimana precedente. Max era un ragazzo grosso, probabilmente alto un metro e ottanta o giù di lì e pesava circa centocinquanta chili. Aveva i capelli...

266 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt 5

Pochi giorni dopo il suo allevamento con D, ha chiamato e ha fissato un appuntamento per riportare il suo cane da allevare di nuovo. A causa della sua fitta agenda, Stephanie ha fissato l'orario subito dopo aver chiuso le normali operazioni. Stephanie era eccitata, perché questa sarebbe stata la sua prima volta con una donna. Circa un'ora dopo la sua chiusura ufficiale, qualcuno ha bussato alla porta dell'ufficio. Riuscì a malapena a contenere la sua eccitazione mentre apriva la porta per D, sua moglie e il loro cane. Ciao, sono Stephanie, gestisco il canile e facilito gli allevamenti, ha detto, offrendo...

2.3K I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.7K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

Banda musicale (parte 1)_(2)

Capitolo 1: L'immagine Sospiro mentre entro nella sala della band dopo una lunga pratica. Troppo lungo, aggiungerei. Mi passo una mano tra i capelli neri e comincio a mettere via lo strumento. Non mi piaceva nemmeno la banda musicale. I miei genitori non volevano che uscissi a festeggiare tutta la notte o fumare tutto il giorno, quindi si sono rifiutati di pagare per il college se non avessi partecipato - hai indovinato - alla band del college. E fa schifo. Sapevo che era brutto al liceo, ma era ridicolo. Pratica di quattro ore? Sul serio? Ho lezioni per cui studiare, merda...

691 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.