Cuori Magici

637Report
Cuori Magici

Cuori magici: capitolo 1
Quanto guadagnano le mie azioni.


La notte era diventata fredda mentre un vento gelido soffiava forte da nord. Le nuvole pesanti che avevano minacciato pioggia finalmente rilasciarono il loro fardello e la pioggia fu costante e fredda. Continuai tutta la notte, tornavo tardi ai miei studi, il mio Maestro probabilmente non sarebbe stato contento del mio arrivo in ritardo. L'incarico che mi ha inviato non dovrebbe richiedere tanto tempo, ma c'è sempre un'altra persona che ha bisogno di assistenza.

L'urlo inquietante che ho sentito mi gela più della pioggia e del vento. Era troppo breve per ottenere qualcosa di più della direzione generale da cui proveniva. Ho iniziato a dirigermi in quella direzione rivolto direttamente contro il vento quando mi è arrivato un grido più debole. Il secondo più ovattato, ma mi ha spronato rapidamente ad andare avanti.

Il mio Maestro odiava il fatto che avrei caricato verso il pericolo. Ha detto che mi faceva sembrare un eroe, e gli eroi di solito muoiono in modo orribile. Non ho mai pensato a me stesso come a un eroe, ma non ero nemmeno un codardo e scappavo dal pericolo, soprattutto se si trattava di qualcuno che la mia assistenza avrebbe potuto salvare.

Dal suono, non potrebbe essere molto più lontano anche se so che il vento può portare un suono più morbido molto più lontano del normale. Mentre attraversavo la linea degli alberi entrando nell'ampia radura vidi cosa aveva provocato l'urlo e perché. A faccia in giù nel fango c'era un uomo a una cinquantina di passi da me, una bestia, un lupo mannaro che gli strappava la carne, dalla mia posizione posso vedere un'altra piccola figura che cerca di nascondersi ma non riesce ancora a soffocare del tutto il suo pianto.

La rabbia ribolliva in me mentre la mia magia s'innalzava a nuove vette; istintivamente il mio primo attacco ha allontanato il lupo mannaro dalla vittima. Mentre la bestia lottava per riprendere l'equilibrio, un fulmine balenò attraverso la distanza che ci separava. La bestia ulula mentre un fulmine brucia la sua carne per alcuni secondi. Alla fine cade a terra mentre il fumo sale dal suo corpo.

Mi avvicino al corpo a terra e lui giace immobile, anche a pochi metri di distanza so che non si alzerà mai. Mi giro e trovo la ragazza per controllare e vedere che si spera sia illesa, anche un graffio della bestia potrebbe essere molto brutto. I miei passi hanno spazzato via la ragazza che piangeva dal suo nascondiglio e devo correre per prenderla. Una volta che ci siamo fermati, e ho dovuto indietreggiare rapidamente per evitare il suo piccolo pugnale, ho finalmente portato la luce all'esistenza e gli occhi della ragazza si sono spalancati realizzando che non ero una minaccia per lei. Ha il cappuccio abbassato e non riesco davvero a vedere il suo viso, ma dal modo in cui si alza, posso dire che ora è calma.

Rimise il pugnale nel fodero. Mi inchinai a lei, alzandomi dico: "Sono Julius, apprendista del Maestro Mago Justin di Benton".

Fa un respiro profondo e dice: “Sono Isabel. Il mio servitore è vivo?

Scuoto la testa prima di chiedere: "Sei illesa Lady Isabel?" Non molte persone al giorno d'oggi potrebbero permettersi un servitore, quindi ho pensato che questa giovane donna fosse figlia di un nobile.

Anche nella luce fioca del mio incantesimo che svaniva, potevo vederla sorridere. Isabel dice: “Sono un giovane mago illeso, non sono nemmeno una signora, mio ​​padre è un commerciante di una certa fama. Sono Isabella, figlia di Geremia, della casa Morgana».

Conoscevo Isabel, e di suo padre Jeremiah Morgan un mercante molto ricco, Jeremiah era il capo del clan Morgan. Ricordo Isabel, una ragazzina di forse quattro anni più giovane di me; è appena spuntata negli ultimi anni dall'ultima volta che l'ho vista. Sebbene la sua famiglia di solito non rimanesse in nessuna città per molto tempo, hanno viaggiato in questa zona molte volte. Non vedevo l'ora che passassero. Negli ultimi anni, mi sembra di averli persi per un motivo o per l'altro. Questo non spiegava perché fosse lì da sola con un solo domestico. Chiedo: "Cosa ti porta in un posto così pericoloso Isabel?"

Isabel spiega: “Julius, saresti così gentile da portarmi dal tuo Maestro. Porto beni per il tuo Padrone. Ha un ordine di lunga data per spezie rare. Non ci aspettavamo problemi, altrimenti mio padre mi avrebbe mandato con una scorta più numerosa”.

Per calmare la mente di Isabel, spiego: “Posso benissimo capirlo, non avevamo mai avuto problemi con i licantropi prima. Di solito sono solitari e raramente cacciano così vicino alla civiltà. Devo occuparmi dei corpi prima che possiamo partire.

Ho iniziato un incantesimo di evocazione e ha estratto il legno morto dai boschi e dalle pinete che ha formato in un grande blocco mentre si raccoglieva al centro della radura. Ho diviso il blocco a metà, quindi ho fatto raddoppiare le dimensioni di ciascun blocco creando aperture per le quali l'aria poteva entrare nel legno. Estraggo la trementina dai ceppi nelle pinete codificando ogni blocco, liberando infine l'area intorno a ciascun grande blocco da tutta l'erba infiammabile. Ho portato i corpi in cima a ogni blocco. Ho pronunciato le tre parole che hanno acceso i fuochi funebri.

Alla luce del fuoco, anche se il vento e la pioggia tengono stretto il mantello di Isabel, posso vedere quanto sia cambiato il suo corpo negli ultimi anni. L'ultima volta che l'ho vista ho lanciato un incantesimo di luce sopra la sua testa, le ho detto che era la sua aureola, perché assomiglia tanto a un giovane angelo. Isabel era la figlia maggiore nata da Jeremiah Morgan, e suo fratello minore e le sue sorelle la prendevano in giro per me.

Le fiamme si alzarono rapidamente e in poco tempo non rimase altro che cenere. Ormai certo che il lupo mannaro fosse davvero morto e che la sua vittima non sarebbe tornata, portai via Isabel.

Avevamo recuperato il piccolo pacchetto che conteneva le spezie avvolte strettamente in uno strato impermeabile di bucce. L'ho portato insieme al mio zaino normale. Non eravamo lontani dalla fine del nostro viaggio, anche se molto ritardati dagli eventi precedenti. Era molto tardi quando raggiunsi la porta del mio Maestro. Ho pronunciato le parole che hanno comunicato al mio Maestro che sono arrivato. Abbiamo aspettato alla sua porta finché non ha finalmente fatto capolino.

Una volta che vede Isabel, l'indole acida di Justin cambia all'istante. Spalancando la porta, prende Isabel tra le sue braccia. Si abbracciano brevemente finché lui non si tira indietro per guardare la bella ragazza, probabilmente solo quattordici o forse quindici anni. I capelli neri così scuri eppure luccicano nella luce fioca che arriva per la casa del mio Maestro, i suoi occhi sono di un blu così intenso e mi ricordano il profondo oceano di notte. È alta per una ragazza, la parte superiore della sua testa raggiunge la mia spalla. Il suo mantello nasconde la maggior parte della sua figura, e tutto quello che riesco a vedere sono alcuni scorci alla luce del fuoco. Tuttavia, dall'oscillazione dei suoi fianchi mentre camminava con me potevo dire che il suo corpo era snello e in forma.

Giustino ordina: "Giulio accendi il fuoco". Mi inchinai e gli passai accanto.

Sto iniziando il mio lavoro mentre sento Isabel dire: “Zio Justin, Julius salvami la vita stasera. Un lupo mannaro aveva attaccato e ucciso Remus mentre si alzava per difendermi. Ero troppo spaventato per scappare e mi sono nascosto solo a breve distanza. Una volta che il lupo mannaro avesse finito il povero Remus, sono sicuro che la bestia mi avrebbe ucciso. Julius è arrivato giusto in tempo per salvarmi.

Il mio saggio Maestro ha un sorriso che gli fa una croce sul volto mentre si volta verso di me. Il sorriso svanisce mentre comincia a parlare: “Giovane Giulio quante volte ti ho avvertito, ora subirai un destino molto peggiore di qualsiasi cosa tu possa immaginare. Secondo le leggi del nostro clan, Isabel ora ti appartiene. Devi essere considerato promesso sposo fino al momento in cui non viene celebrata una cerimonia di matrimonio.

Isabel ed io siamo entrambi scioccati, ora alla luce per la prima volta ci guardiamo bene. Dico rivolgendomi al mio Maestro: “Il mio Maestro è uno scherzo? Isabel è una ragazza molto bella, sicuramente non sono degno.

Isabel ridacchia e domanda: "Giovane mago Julius, hai appena detto che sono bella?"

Rivolgendomi a lei per vedere meglio la sua bellezza prima di rispondere, con un sorriso dico: "La ragazza più bella che abbia mai incontrato, direi la ragazza più bella del mondo intero".

Isabel ha viaggiato molto, brillante con una battuta spiritosa su di lei chiede: "Julius hai incontrato tutte le ragazze del mondo?"

I miei occhi prendono il suo viso, come il sorriso gioca a incrociare le sue labbra i suoi occhi brillano di allegria. La sua bellezza mi ha tolto il fiato e devo liberarmene prima di rispondere. Tornando momentaneamente al fuoco, comincio prima che i miei sguardi tornino su di lei: “Non potevo immaginare una ragazza che potesse essere più bella. Gli angeli piangono quando ti vedono, perché la tua bellezza li eclissa».

I suoi bellissimi occhi brillano ancora di più, ma il suo sorriso non vacilla. Il mio maestro Justin non controlla le sue risate prima di dire: “Isabel, mi dispiace, ma il mio apprendista è stato davvero catturato da te. A quanto pare, è corso per proteggere il desiderio del suo cuore.

Isabel si rivolge a suo zio e chiede: "Per favore controlla zio, lo sento ma vorrei saperlo per certo".

Justin scuote la testa, ma finalmente guardando Isabel in faccia, inizia l'incantesimo della scoperta dell'amore. Isabel e io ci muoviamo velocemente insieme incapaci di fare altro che trovare conforto l'una nelle braccia dell'altra. Una volta lì non avrei mai voluto andarmene, ea giudicare da quanto mi tiene stretta Isabel deve provare lo stesso. Il mio Maestro smette di cantare, ma io e Isabel non ci rilasceremo. Il mio Maestro Justin ridacchia e dice: “Il tuo legame è più forte di quanto io abbia mai visto. Ora tornate al fuoco, giovani, dovete riscaldare la vostra promessa sposa.

Isabel ridacchia guardandomi in faccia e dice: "Ho trovato un posto caldo mio zio, che sono riluttante ad andarmene". Sarei molto riluttante a rinunciare al conforto che provo tenendo questa bellissima ragazza contro di me.

Justin ridacchia e dice: “Voi due state lì allora, attizzerò il fuoco. Probabilmente dovrei spezzarti le braccia per tirare la tua parte in questo momento comunque. Si volta verso il fuoco, Isabel si mette in punta di piedi e le nostre labbra si incontrano. La sensazione è magica e dovrei saperlo. Justin si volta velocemente cogliendo il nostro bacio, sussulta vedendoci. Sia io che Isabel abbiamo gli occhi chiusi. Tuttavia, Justin nota il bagliore luminoso che ci circonda.

Justin finalmente scuote la testa e si volta di nuovo verso il fuoco, siamo persi nel nostro bacio fino a quando il mio Maestro finalmente ci scuote. Interrompiamo il nostro bacio solo per scoprire che è stato preparato un pasto durante il nostro lungo bacio.

Giustino indica il tavolo e dice: "Vieni a mangiare avrai bisogno delle tue forze, dobbiamo tornare da mio cognato domani".

Isabel dice mentre mi trascina al tavolo: "Sarà un viaggio di quattro giorni, sono a Camarillo".

Justin dice: “Non si può fare a meno, mio ​​cognato deve approvare il fidanzamento senza indugio, l'incantesimo ha delle conseguenze. A meno che tu non ti sposi prima della prossima luna piena, il tuo legame è così forte che ti ucciderebbe. Quindi non devi preoccuparti, deve approvare. Julius deve solo preoccuparsi della dote che offrirà per la tua mano.

Noi due ci guardiamo, Isabel si morde il labbro inferiore e questo la fa sembrare ancora più desiderabile. Dico: "So che non posso vivere senza di te ora e per sempre".

Isabel sorride e dice: "Mi sento allo stesso modo amore mio".

Justin ridacchia e dice: “Non sono mai state pronunciate parole più vere. Voi due siete legati insieme più fortemente che io abbia mai visto. Non potrai separarti per nessuna ragione e sopravvivere più di un giorno”.

La mano di Isabel stringe la mia, non per paura ma per amore. Justin avverte: “Non devi consumare il tuo legame prima della cerimonia, farlo sarebbe un insulto ad Afrodite. Temo che nessun sacrificio che tu possa fare la placherebbe. Ora mangia, abbiamo molto da fare e un viaggio molto lungo da iniziare domattina”.

Isabel e io ci nutriamo a vicenda, mentre Justin scuote la testa ridacchiando piano. Tra un boccone e l'altro Isabel e io chiacchieriamo, voglio sapere tutto di lei e, a quanto pare, lei prova lo stesso per me. Mi ha informato che stava venendo qui non solo per consegnare le spezie, ma ha bisogno di un esame da parte di suo zio per determinare se possiede la magia.

Suo zio Justin scuote la testa di sì e dice: “Sì, lo fai, l'ho detto a tuo padre tre anni fa. Se non lo facessi, voi due non vi leghereste così fortemente. Inoltre, la mattina prima di partire devo testare un'altra cosa.

Quando arriva il momento per noi di andare a dormire, Isabel guarda suo zio e dice: “Zio, so che non possiamo consumare la nostra unione questa notte. Tuttavia, ciò non significa che non possa godere del calore delle sue braccia intorno a me. Lasceremo i nostri vestiti addosso e dormiremo sopra le coperte. So che sarò abbastanza caldo nel suo abbraccio.

Lo sguardo che mi ha rivolto Justin mi ha detto che Afrodite sarebbe stata l'ultima delle mie preoccupazioni se avessi fatto qualcosa di più che tenere Isabel stasera. In cima al mio letto ci siamo messi a cucchiaio con le mie braccia avvolte intorno alla sua vita, le sue mani sopra le mie ei nostri corpi premuti strettamente insieme. Sento il leggero profumo di rose tra i suoi capelli. Una volta che ci siamo sentiti a nostro agio, ho sentito l'inizio dell'incantesimo dal corridoio ed entrambi ci siamo addormentati finché non siamo stati svegliati da Justin al mattino.

Justin iniziò il test della nipote, fu un semplice lancio, un incantesimo leggero facile e utile. Mentre Isabel studiava l'incantesimo che Justin mi aveva mandato al ruscello per l'acqua fresca, normalmente avremmo usato il pozzo ma non ho interrogato il mio Maestro. Justin raramente faceva qualcosa che non aveva una ragione per fare, e da tempo ho imparato a fidarmi di lui. Quando ho raggiunto il ruscello, ho sentito il comando mentale di Justin di viaggiare più a monte per l'acqua.

La comunicazione mentale avviene tramite un incantesimo che ha incantato un piccolo medaglione che porto al collo. Justin ne indossa uno simile che gli permette di darmi comandi mentali. I medaglioni sono molto utili, nelle situazioni quotidiane e quando si insegnano nuovi incantesimi. Alcuni incantesimi possono essere molto pericolosi e il medaglione è molto utile per dirigere l'apprendista.

Dopo aver risalito la corrente di un quarto di miglio, inclino delicatamente il secchio nell'acqua per non disturbare il fondo sabbioso. È allora che ho notato la sabbia nera sul fondo del torrente. L'acqua si muoveva velocemente, quindi ho spostato alcune rocce e ho trovato piccole pepite d'oro.

Ridacchio fra me e prendo nota mentalmente di ringraziare il mio Maestro. Ecco l'oro necessario per la mia dote. Dopo aver preso un secchio di acqua pulita, pronuncio l'incantesimo di raccolta che estrae polvere, piccoli fiocchi, pepite e pezzi d'oro ancora più grandi dal letto del torrente e dalle rive. L'oro si scioglie a mezz'aria, facendo cadere le impurità nel flusso. Continuo l'incantesimo, finché un blocco di oro massiccio si forma per eguagliare il peso di Isabel. A quel punto, il torrente scorre fangoso per i disturbi.

Penso a Isabel, e il suo peso in oro sembra un prezzo irrisorio per la sua mano. Sento il tuono di un vulcano lontano. Si trova in una parte del paese lontana da tutto. La roccia fusa spesso fuoriesce da esso e nessuno vivrà vicino ad esso perché è pericoloso. Sebbene alcune persone si avventurino vicino ad esso quando è tranquillo, gemme preziose si trovano in superficie e vengono trascinate a valle da alcune delle piogge torrenziali che cadono sulle sue pendici. Non negherei a chi è abbastanza coraggioso l'opportunità di trovare ciò che Madre Natura ha già dato.

Penso all'incantesimo e lo altero, ho raggiunto le profondità della terra sotto il vulcano e all'interno della roccia fusa, e sposto rapidamente le gemme in superficie avvolgendole in uno strato di lava. Ho fatto volare le gemme in lontananza e farle cadere nel ruscello per raffreddarsi. Sfrigolano nella roccia che si libera dal diamante. In poco tempo un terzo del peso di Isabel in gemme, brilla in fondo al letto del torrente. Il totale sarà una dote che pochi potrebbero mai eguagliare.

Allungo il cubo d'oro in una scatola decorata, rose d'oro massiccio crescono e poi si appiattiscono contro il bordo della scatola. Avevo creato un'apertura abbastanza grande per le gemme che si forma un coperchio mentre i diamanti non tagliati galleggiano nella scatola. Le pietre sono di tutti i colori, la maggior parte modellate in un cristallo a otto facce. Alcuni cristalli sono grandi quanto il tuo pugno, alcuni anche più grandi di così.

La cassa d'oro sembra essere troppo audace, quindi raccolgo legno duro e ragnatela, la ragnatela diventa seta del colore degli occhi di Isabel. Il legno è una scatola senza cuciture che contiene la cassa d'oro all'interno, la seta che forma pannelli attorno alla scatola. Prendo ancora un po' d'oro e imprimo sui pannelli di seta una rosa dorata su ogni pannello, che nasconde il tesoro al suo interno, l'ultimo tocco creo l'immagine del volto di Isabel in un pannello circolare sopra la scatola. Un lucchetto magico mantiene saldamente in posizione il coperchio della scatola, solo Isabel o qualcuno che ama Isabel potrebbe aprire la scatola.

Un semplice incantesimo fa alzare la scatola in aria e mi segue mentre ricevo il messaggio mentale da Justin che dovrei tornare ora. Non mi ci vuole molto tempo per tornare indietro; la gioia è nel mio passo quando sono tornato da Isabel.

Entrando, misi il secchio di acqua fredda e limpida dove il mio Maestro mi indicava. Justin chiede a Isabel di eseguire l'incantesimo della luce, mentre mi dice di stare accanto a lei. Il suo incantesimo è molto più brillante della maggior parte degli apprendisti alle prime armi, e Justin ridacchia, persino Isabel è un po' sorpresa di quanto sia brillante il suo incantesimo.

Justin dice: “È proprio come avevo creduto, il motivo per cui il tuo incantesimo è molto più luminoso è perché Julius è qui, non ha bisogno di fare altro che la sua semplice presenza si aggiunge al tuo potere. Julius, per favore, esegui lo stesso incantesimo il più debolmente possibile.

Mi concentro mentre eseguo l'incantesimo. Voglio solo che la luce di una candela venga all'esistenza. Sorprendentemente, quello che ottengo è un po' più luminoso, solo leggermente più fioco della luce che Isabel ha creato. Sono un po' più che confuso; Ho fatto questo incantesimo migliaia di volte. Posso renderlo luminoso come una candela o una torcia o anche il sole di mezzogiorno. Un incantesimo che abbiamo praticato ripetutamente; è facile da giudicare ed è un esercizio di controllo, qualcosa che credevo di aver imparato.

La luce è brillante come quattro candele. Justin guarda sorridendo, dice: “Voi due vi rendete più potenti l'un l'altro. Dovrai imparare a sapere esattamente quanto sei vicino in ogni momento, perché farà una grande differenza in combattimento, soprattutto se vuoi solo stordire il tuo avversario. Siete entrambi facilmente due volte più potenti in presenza dell'altro.

Questo mi dà un'idea, e l'incantesimo non ha mai funzionato per me prima, so che prima mi mancava il potere. Tuttavia, con Isabel al mio fianco, sono sicuro che l'incantesimo funzionerà.

Justin sembra avere la stessa idea, ha pronto un tappeto arrotolato. Sorride e chiede: "Sei pronto a riprovare?" Scuoto la testa mentre rilascio il mio incantesimo e la luce svanisce.

Isabel ridacchia vedendo suo zio con il tappeto. Con voce brillante dice: "Ho già visto alcuni maghi farlo prima, sarà sicuramente meglio che camminare".

Sorrido mentre le prendo la mano. Le dico: “Amore mio, ho raccolto la mia dote. Con il tuo aiuto, questo incantesimo ci porterà a Camarillo entro questa sera. Puoi cenare con la tua famiglia.

Isabel ride: “Forse dovremmo mangiare in una locanda che conosco. Oggi è il turno di una delle mie sorelle più piccole di cucinare.

Giustino distende il tappeto di seta, è largo almeno cinque passi e lungo otto, piuttosto costoso e riccamente disegnato. Ho recuperato il libro che contiene l'incantesimo d'incanto, l'ho riletto per rinfrescarmelo nella mente. Spiego a Isabel: "Dirigerò la magia, tienimi la mano e la lascerò fluire, non cercare di spingere o tirare la magia, rilasciala solo così posso dirigere come funziona". Isabel sorride e mi prende la mano fa un cenno con la testa. Comincio l'incantesimo, sento il potere fluire attraverso la sua mano nella mia, e il tappeto comincia a disfarsi e riformarsi, fili d'oro dalla punta delle mie dita si intrecciano nel tappeto mentre si riforma. Sembra che siano passati solo pochi secondi prima che l'incantesimo sia completato e il nuovo tappeto galleggia fino alla cintola da terra.

Il Maestro Justin sorride toccando il tappeto e spalancando gli occhi, una volta ripresosi dal suo lieve shock dice: “È stato fantastico, anche un potente mago raramente ottiene i risultati che hai appena ottenuto. L'incantesimo è permanente come voi due; durerà finché vivrai.

Ho indicato i tre pacchi vicino alla porta, che galleggiano e atterrano sul tappeto. Ho indicato la scatola e anch'essa galleggia e atterra al centro del tappeto accanto ai pacchi.

Gli occhi di Isabel si sono spalancati per un momento, ridacchiando dice: "Sembra che tu possa essere utile". Sollevo Isabel per i fianchi, la appoggio sul bordo del tappeto, mi avvicino e le do un bacio appassionato prima di andarcene.

Justin ridacchia e poi dice: "Ci sarà un sacco di tempo per quello quando saremo in aria".

Isabel cammina leggermente sul tappeto e io salto sul tappeto. Atterrando sul mio sedere, vorrei ricordare che il tappeto poteva sembrare come se fosse posato su un pavimento di pietra. Solo una leggera pressione lo farà muovere, qualcosa di pesante o un passo non influenzerà il tappeto. Isabel scende con grazia mettendosi di buon passo davanti al grande palco. Mi sorride in faccia e dice: "È un petto interessante quello che hai".

Resisto all'impulso di prendermi in giro, sorridendo dico: "È la mia dote, anche se non credo che sia quasi uguale a quello che vali". Justin alza gli occhi al cielo.

Isabel ridacchia e chiede: "Posso per favore considerare ciò che pensi sia inferiore al mio valore".

Le dico: “Guardati intorno. Tutto ciò che è, non è prezioso per me come te.

Justin non riesce più a contenere la sua allegria, la sua risata scoppia mentre il tappeto si solleva e iniziamo il nostro viaggio. Stando in piedi sul tappeto non ne senti i movimenti, è come se fossi in una stanza, con le pareti di vetro che lasciano passare solo una leggera brezza.

Isabel fa il broncio a cui non posso resistere, vado da Isabel e la sollevo in piedi, ci avviciniamo al palco e accarezzo il viso che sembra guardarci. Sposto una ciocca di capelli dietro l'orecchio intagliato, solo allora è visibile la cucitura per il coperchio. Quindi si solleva leggermente, scivola indietro e si inclina verso l'alto. All'interno c'è quello che sembra un blocco d'oro ricoperto di rose che riflette brillantemente il sole. Faccio scorrere la mano sul bordo, poi il coperchio si solleva rivelando i diamanti grezzi scintillanti e milioni di arcobaleni hanno l'oro che riflette la luce brillante attraverso di essi.

Justin ridacchia: “Penso che mio cognato sarà molto impressionato. Sai che dovrai compiere molte buone azioni per ripagare gli dei per tutto questo.

“Maestro perché pensi che io corra sempre al pericolo. Ho lavorato per ripagare gli dei già da molto tempo. Penserò loro ogni giorno che abbraccio Isabel e continuerò a fare tutto il bene che posso.

Isabel ha le lacrime che le rigano le guance, e non ho idea del perché, stringendola al mio petto, le bacio via le lacrime. “Cosa ti addolora amore mio? Cosa ti fa venire le lacrime agli occhi?"

Non c'è vera tristezza nei suoi occhi quando mi guarda. Tirando su col naso Isabel risponde: “È colpa tua, delle tue bellissime parole e un tesoro più di quanto io abbia mai visto e dici che vale meno di quello che valgo per te. Come posso essere all'altezza di questo?

Sorridendo dico: “Hai già il mio amore. Per me questo non è altro che un po' di metallo e dei cristalli. Non significa niente senza di te. Sei la madre dei miei figli che devono ancora nascere. Il mio amico, il mio amante, l'unica persona su cui potrò e potrò sempre contare.

Isabel affonda il viso nel mio petto e mi stringe forte. Justin ridacchia, "Penso che la ragazza ti ami già, non hai bisogno di lavorare così duramente per cercare di conquistarla."

Con un sorriso, mi rivolgo a lui: "Mio Maestro, ho detto solo ciò che è nel mio cuore".

Isabel alza il viso verso di me, le lacrime continuano a scorrere, anche se ora i suoi occhi brillano di felicità. Isabel dice: “Ti amo. Mio zio ha ragione, non devi fare altro per conquistarmi. Tuttavia, se smetti di dire quelle belle parole, ti colpirò. Continui a dire qualunque cosa il mio amore sia nel tuo cuore.

Agito la mano per chiudere i coperchi della scatola. A tutta velocità stiamo viaggiando, ci avviciniamo al bordo della stiva del drago, che consente un passaggio sicuro a un prezzo. Portiamo venti pezzi d'oro e li lasciamo cadere in un certo punto li raccoglie più tardi. Il tappeto sembra leggere le nostre menti e ci riporta in quel punto. Justin lascia cadere la piccola borsa che contiene il nostro compenso, e noi solleviamo e voliamo via. Normalmente ci vorranno due giorni e segneranno metà del nostro viaggio, è passata meno di un'ora a questo ritmo raggiungeremo la fine del nostro viaggio in tempo per il pranzo.

In questa rara occasione, vediamo effettivamente il Drago. Vola dietro di noi e noi lo superiamo, è veloce ma un puntino nel cielo. Sono sicuro che è venuto solo per vedere cosa condivideva il suo cielo, non molto oserebbe se non concedesse un passaggio sicuro.

La maggior parte delle persone eviterebbe di attraversare il suo dominio, ma maghi e draghi hanno un patto, non cerchiamo di ucciderci a vicenda su questo mondo. Probabilmente qui siamo solo due potenti esseri capaci di uccidersi a vicenda. Un mago vulnerabile a certi attacchi, un pugnale nel cuore funziona sempre, ma funziona anche il fuoco dei draghi. Quando si tratta di un duello tra il drago e un mago, solo gli dei sanno chi vincerà. Tuttavia, una cosa è sempre vera; faranno molti danni prima che ci sia un vincitore, se non uno.

Justin ridacchia: “Il drago ringrazia per l'oro e gli dà qualcosa da scambiare con le mucche che gli piacciono. Era rimasto con poche monete d'oro, dal momento che normalmente non le tiene. Preferendo fondere l'oro e aggiungerlo al pavimento della sua caverna per il suo letto.

Ridacchio: “Dovremmo iniziare a portare solo bestiame e tagliare fuori l'intermediario. Penso che il drago di solito paghi troppo per il suo cibo.

Isabel mi lancia uno sguardo arrabbiato che mi fa appassire. Dice: “Non sul tappeto nuovo, niente bestiame che caga su tutto il tappeto. Daremo al drago oro extra se necessario.

Justin ridacchia e io dico: "Mi scuso amore mio, ho dimenticato che il bestiame lo fa, quando e dove sono dell'umore giusto".

Isabel ridacchia e mi attira in un bacio, e di nuovo ci perdiamo nella nostra passione. È solo quando ci imbattiamo in una pioggia fredda che ci rompiamo. Alzo la mano e faccio un gesto che forma uno schermo che funge da ombrello per tenere lontana la pioggia. Abbiamo già iniziato a scendere per atterrare al cancello esterno di Camarillo. Il bazar è proprio dentro quel cancello. Possiamo già vedere i tetti delle tende per casa Morgan.

Potremmo facilmente atterrare all'interno delle mura della città, ma sarebbe solo scortese nei confronti della guardia il cui compito è proteggere la città. Camarillo è una città abbastanza amichevole, le guardie di solito sono virtuose e la giustizia normalmente prevale. Il commercio è generalmente buono, ha un grande porto sul lato nord-ovest della città e buone strade aiutano il commercio a livello locale. La periferia ha alcune tenute, lasciando il posto a terreni agricoli e molti ranch.

Il bazar avrà tutto ciò che si può desiderare o pagare, tranne uno schiavo. Almeno la schiavitù è stata abolita qui per quasi dieci anni, ed è lì che il Maestro Justin mi ha trovato. Ero figlio di un contadino, finché i predoni non sono arrivati ​​a uccidere mio padre e mia madre. Mi hanno preso per uno schiavo.

Il Maestro Justin non mi ha acquistato, mi ha liberato. Ha tolto dalla mia mente le immagini di quella notte terribile. La popolazione qui ha chiesto la fine. Non sopportano più l'ingiustizia fatta a molti per il conforto di pochi.

Adesso usano un sistema diverso, criminali messi in vendita; anche se non sono veramente schiavi, si limitano a scontare la loro pena in quanto tali. Una volta scontato il loro tempo, sono di nuovo liberi. Sono schiavi, penso che sia una soluzione migliore rispetto a molti regni, dove i criminali vengono semplicemente messi a morte, o muoiono di fame nelle segrete e lasciati a marcire.

Anche i servi ricevono un trattamento equo, una dieta adeguata è loro fornita. Inoltre, non devono mai essere picchiati, o potresti trovarti in difficoltà se manchi di trattarli. Certo, il sistema ha un difetto, se hai abbastanza soldi puoi comprarti.

Il mio Maestro è in realtà il mio insegnante; master si riferisce al suo rango di mago, niente di più. In verità, per me è più un padre che altro. Si prende cura di me da quel giorno. Passò più di un anno prima che scoprisse che possedevo la magia e la magia forte.

Il mio addestramento come mago è iniziato il giorno in cui ha scoperto la mia magia solo, per coincidenza era un giorno in cui il clan Morgan era di passaggio, non potevo avere più di nove anni all'epoca. Quando Justin si è lamentato che avevo bisogno di accendere più candele, ho eseguito un incantesimo di luce mentre iniziavo ad accendere le candele. Era un incantesimo che gli vedevo fare spesso e ho semplicemente copiato quello che aveva fatto.

Isabel non poteva avere più di cinque anni all'epoca, e me ne accorsi solo più tardi. Beh, per essere più precisi, mi ha notato per prima, non poteva avere più di otto anni, quando il clan ha pernottato. Avevo dodici anni e Isabel mi seguiva come un cucciolo. Immagino di essere stato troppo giovane per accorgermene in quel momento, ma ripensandoci, mi piaceva che lei stesse con me.

Penso che avesse undici anni durante l'ultimo viaggio che l'avevo vista, era tutta gomiti e gambe lunghe e magre l'ultima volta che l'ho vista. Il suo viso era bellissimo, ecco perché la chiamano un giovane angelo. Vedere quel sorriso sul suo viso quando l'ho detto mi ha scaldato il cuore. Vedendo quel sorriso forse dimenticherò tutto il dolore che avevo sopportato prima che il Maestro Justin mi portasse nella sua vita. Questo è molto più che sufficiente del passato.

Ora, mentre il tappeto scende, abbraccio Isabel, la mia futura moglie. Non riesco a credere a quanto sono fortunato a vedere l'amore nel suo bel viso.

Non posso fare a meno di notare il leggero tremito nel suo corpo mentre la tengo stretta. Forse è solo nervosismo, ora che dobbiamo affrontare suo padre. Non sono così preoccupato, dopotutto sono sicuro di avere più del suo peso in oro e più di un terzo del suo peso in diamanti.

Solo pochi re hanno ottenuto una dote così riccamente carica per la mano delle figlie, un tesoro che l'uomo più avido vorrebbe possedere. Tuttavia, quello che ricordo di Jeremiah non riguardava solo i soldi. Ora tocca a me essere nervoso, dopo tutto, sono solo un mago operaio, apprendista di suo cognato, ed ex schiavo, una volta in vendita in questo mercato, senza un mio nome.

La tempesta era già passata qui, e il sole è alle nostre spalle mentre proiettiamo una grande ombra sul terreno. Molti in città notano il nostro arrivo. Si vedono già dei bambini che corrono verso il cancello; alcuni adulti seguono i propri figli a un ritmo più lento.

Storie simili

La scommessa di Mac e Lisa

Sono Steve McKenzie, praticamente tutti mi chiamano Mac. Possiedo la mia impresa di costruzioni che ha fatto molto bene per me. A 45 anni posso godermi i frutti di 20 duri anni di costruzione di un’impresa. Sono un ragazzo piuttosto grande. Sono alto circa 6'2 260. Ho guadagnato metà della mia statura lavorando nell'edilizia per gran parte della mia vita e l'altra metà gareggiando come uomo forte dilettante. Ma ora che sono il capo e sono un po’ più grande, una buona parte della mia massa deriva dalle bistecche e dalle birre. Ho la testa calva e la barba folta con...

156 I più visti

Likes 0

Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un...

1.3K I più visti

Likes 0

Usando Sara - Parte 2

Usando Sara parte 2. Dopo aver dormito il meglio che avevo dormito negli anni, mi sono svegliato più eccitato di ieri notte. Non riesco a smettere di pensare a ieri sera. Non riesco nemmeno a credere che mia moglie sia d'accordo. Non solo è andata d'accordo, ma sembra che le piaccia. Ho guardato e ho trovato mia moglie che dormiva ancora. Mi sono intrufolato nel seminterrato per controllare il mio nuovo giocattolo. L'ho trovata ancora legata al tavolo dove l'avevo lasciata, e sveglia. Ha iniziato a supplicare di essere lasciata andare. Povera Sara, non potevo lasciarla andare. Non volevo lasciarla andare...

1K I più visti

Likes 0

William e Ann Ch. 16

Guglielmo e Anna Capitolo 16 La scuola stava ricominciando dalle vacanze invernali quando Natalie disse ad Ann che aveva bisogno di vederla. Ann era ora incinta di 3 mesi e un leggero rigonfiamento era l'unica indicazione che stava partorendo un bambino. Sarebbe stato difficile dire che un bambino stava crescendo dentro di lei, ma nei corridoi della scuola, Ann e William andavano in giro come i tipici innamorati del liceo. Si tenevano per mano, si baciavano furtivamente quando potevano, si rannicchiavano persino nel parcheggio prima e dopo la scuola. È stato carino vedere questo grande ragazzo anziano così infatuato di questa...

552 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

2.1K I più visti

Likes 0

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

1.8K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.5K I più visti

Likes 0

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Coin Operated Girl

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Clock Work Girl Mi chiamo Damien, a questo punto avevo diciassette anni per un totale di dodici ore e finora faceva schifo. Forse diciassette anni fa solo schifo in generale, forse tutti quelli che ci sono stati saranno d'accordo con me. Voglio dire, sei ancora considerato troppo giovane per fare qualcosa di divertente, ma per l'amor del cazzo sei abbastanza vicino che non dovrebbe davvero importare. Dovevo comunque ascoltare i miei genitori (non che lo facessi comunque) non bere, non fumare (cosa che comunque facevo) e andare a scuola, che era quello che stavo facendo...

1.4K I più visti

Likes 0

La mia bestia introduzione

Molte persone possono trovare questo inquietante, ma ho una domanda per loro; L'hai provato? Questa è la mia storia di come sono stato introdotto per la prima volta nel mondo della bestialità. Crescere in una casa con un solo genitore significava che mia madre doveva fare due lavori per mantenere le bollette pagate, il che significava che ero a casa da solo la maggior parte del tempo. Ora non direi che ho vissuto in un brutto quartiere solo che non potresti mai stare attento. Allora, cosa ha ottenuto mia madre per tenere me e la casa al sicuro mentre lei era...

1.1K I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.