La mia sorpresa incredibilmente piacevole Parte 2_(1)

804Report
La mia sorpresa incredibilmente piacevole Parte 2_(1)

Immagino che i giorni in cui gli eventi fossero più di quanto il mio subconscio potesse affrontare. Non molto tempo dopo essermi addormentato, la mia mente ha iniziato a mettere tutte le immagini e le emozioni in un gigantesco collage. Era come un'esperienza fuori dal corpo, fluttuante da un momento all'altro, da un'emozione all'altra. Quando mia madre era sul pavimento il mio punto di vista è cambiato. Ero dov'era mia madre, in ginocchio tra le gambe di mio padre, guardando il suo meraviglioso cazzo. Poco prima che le mie labbra circondassero la sua testa grassa, fui scagliato fuori dal mio sogno da una porta che sbatteva.

Seduto sul mio letto, coperto di sudore con un'erezione furiosa, ho cercato di scrollarmi di dosso la sonnolenza. Quando la mia testa era chiara ho sentito il trambusto che mi ha svegliato. Ho sentito mia madre urlare a mio padre, "come hai potuto farci questo? Non ero abbastanza per te"? Poi la risposta supplichevole di mio padre, "per favore tesoro, lasciami spiegare.....ti amo ma...", le loro voci si addolcirono mentre scendevano le scale. Scesi dal letto, aprii nervosamente la porta e sporsi fuori la testa. Tutto è stato interrotto finché non ho sentito l'auto di mia madre uscire dal vialetto. Dovevo scoprire cosa stava succedendo, così scesi le scale.

Quando sono entrato in cucina ho visto mio padre seduto al tavolo, le mani che si tenevano il viso. Rimasi lì per un minuto confuso, chiedendomi cosa diavolo stesse succedendo. Lentamente, ho camminato per stare accanto a mio padre dinoccolato. Gli ho messo la mano sulla schiena, "papà, che succede? Perché mamma se n'è andata così"? Mi guardò con occhi tristi, "Ho incasinato Chris, ho incasinato di brutto e lei se n'è andata", rimettendosi le mani sul viso. "Cosa hai fatto papà? Puoi dirmelo", lo rassicurai. Non ha nemmeno mosso la mano mentre parlava, "ha controllato i file del mio computer, ha trovato il mio file porno e...", poi è rimasto in silenzio. "Cosa?....porno? È tutto papà, porno?" questa volta non c'è stata risposta. Frustrato, gli chiedo ripetutamente cosa intendesse. Ogni volta c'era silenzio. Alzai le mani, lasciando che il mio grande e forte padre raccogliesse i suoi pensieri. Andai in soggiorno e mi lasciai cadere sul divano per pensare. Dovevo sapere di cosa stava parlando.

Dopo pochi minuti la mia testa ha iniziato a farmi male, quindi sono tornata in cucina a cercare delle pillole. Quando sono entrato questa volta, era vuoto. Per qualche motivo questo mi ha fatto arrabbiare. "Come ha potuto non darmi una spiegazione", ho pensato. Ho guardato fuori sul vialetto, ora entrambe le macchine dei miei genitori erano sparite. Devo averci pensato troppo perché non l'ho sentito andarsene. Ora che ero solo in casa, ho avuto la possibilità di svolgere un lavoro investigativo. Sapevo che mia sorella sarebbe arrivata entro un paio d'ore, ma non sapevo di nessuno dei miei genitori. Gettando al vento la prudenza, vado verso le scale e mi fermo un secondo per calmare i nervi. Poi salgo le scale e vado dritto in camera dei miei genitori.

Comincio la mia ricerca nel posto più ovvio, il computer da scrivania di papà. Dopo averlo acceso, mi trovo di fronte alla mia prima sfida della missione. Accesso... Ho provato alcune password che avrei usato, il suo compleanno, il compleanno della mamma, il compleanno dei bambini, l'anniversario e così via. Niente ha funzionato. "Forse la mamma l'ha lasciato fuori", mi sono suggerito. I miei occhi saettarono sui fogli distesi, mentre le mie mani si affrettarono a sollevarli e separarli. Sentendo svanire la mia speranza, il mio ritmo frenetico rallentò. Poi nell'angolo più lontano c'era un pezzo di carta accartocciato. Lo apro e trovo quello che stavo cercando. Tutti i codici di accesso dei papà su un unico foglio. Le mie mani tremavano per l'anticipazione mentre inserivo la sua password. Una volta arrivato alla schermata principale, comincio a restringere le mie opzioni. Facendo clic su più icone di file, ho separato quelle con file multimediali e video. Poi ho cercato quei file finché non ne sono rimasti solo tre. Dei tre, uno era contrassegnato come film per famiglie, l'altro era progetti di lavoro. L'ultimo era contrassegnato come spazzatura. Ho pensato che non avrebbe combinato il fantasy con i primi due, quindi ho optato per il trash. Ciò che si è aperto sullo schermo mi ha fatto venire i brividi di gioia.

Non potevo credere a quello che ho visto. Mio padre aveva una collezione porno piuttosto ampia, ma quello che mi ha colpito è stato che più di 3/4 erano porno gay. Ero scioccato, ma in senso positivo. Esaminando ognuno di essi mi ha mostrato in cosa si trovava papà. Apparentemente, gli piaceva guardare ragazzi più giovani della mia età che venivano usati da uomini più grandi. Il mio cazzo si stava rapidamente riempiendo di sangue, causandomi un'erezione dolorosa nei pantaloni. Questa clip mostrava un omone in piedi sopra un ragazzo più giovane con il suo grosso cazzo fuori, che si accarezzava. Ho guardato mentre l'uomo si chinava, afferrando il più giovane per i capelli, tirandolo su in posizione seduta. Quando l'uomo muscoloso ebbe il ragazzo fragile dove lo voleva, afferrò i capelli del ragazzo con una mano, sollevandogli la testa. L'uomo sollevò il suo cazzo di buone dimensioni, poi lo lasciò andare in modo che schiaffeggiasse il suo nuovo giocattolo da scopare in faccia. A questo punto, ero così eccitato che non ho sentito mio padre appoggiato alla porta, che mi guardava in silenzio.

Concentrandomi sull'azione sullo schermo, ho fatto scivolare le dita lungo il contorno della mia asta dura. Ero ipnotizzato dal modo in cui l'omone dominava il ragazzino troia. Questo è ciò che desideravo, questo è ciò di cui avevo bisogno. Ho visto il padrone spingere indietro la testa del suo schiavo in modo che il suo cazzo cadesse fuori. Quindi, senza muoversi, ha tirato a sé la sua troia, nutrendolo con il suo cazzo. La mia mente era sopraffatta dal bisogno, ho gemuto, "oooh... sì papà... dammi da mangiare quel grosso cazzo". Chiusi gli occhi e appoggiai la testa all'indietro, vedendomi in ginocchio davanti a papà. "Per favore.....mmmmm.....portami papà", dissi strofinandomi la mano sull'inguine. All'improvviso, sentii una grossa mano avvolgermi la gola.

I miei occhi si spalancarono e rimasi scioccato quando vidi mio padre in piedi sopra di me. Guardando il mio inguine e poi incontrando i miei occhi, sorrise, "così ora conosciamo i reciproci segreti". Aveva uno sguardo spaventoso negli occhi che non avevo mai visto prima. Era come se fosse una persona diversa, un uomo che prendeva quello che voleva e non si curava di quello che pensavano gli altri. Ho sentito la sua presa stringersi sulla mia gola, provocando la paura pervadere il mio corpo. Si china lentamente, appoggia la bocca contro il mio orecchio e sussurra: "Non credo che tu sia pronto per me...", fa una pausa per respirare pesantemente, "Non mi interessa se lo sei o no, io ho visto il tuo culetto prendermi in giro abbastanza a lungo". Non ricordavo di averlo mai preso in giro, ma se l'avessi fatto stavo iniziando a desiderare di non averlo fatto. La mia bocca si è aperta per dirgli che non intendevo farlo, ma non sarebbe uscito niente. Il mio silenzio e il mio sguardo preoccupato lo hanno spronato, "tua madre non ha capito il mio bisogno, non mi avrebbe fatto eccezione. Adesso se n'è andata così posso usare quello che voglio adesso", ha stretto ancora di più e mi ha tirato su per il collo . "Sarai il mio nuovo fottuto giocattolo. Ti rovinerò per ogni altro uomo e all'inizio non ti divertirai, ma presto lo implorerai! Tu sei solo per il mio piacere. Mi capisci?" tirandomi faccia a faccia. Ero terrorizzato ma ero ancora duro come la roccia. La mia mente era sovraccarica, poi le cose hanno iniziato a diventare nere per mancanza di ossigeno. Cosa stava succedendo....

Papà deve aver visto la mia faccia diventare blu perché, prima che svenissi, mi ha lasciato cadere a terra. Ansimai e tossii cercando di aspirare quanta più aria potevo. Quando ho ripreso fiato, l'ho guardato con occhi imploranti, ma non ho visto alcuna preoccupazione sul suo viso duro. Non è così che volevo che andasse a finire, ma volevo essere dominato, quindi ho giocato il mio ruolo. Abbassando lo sguardo in segno di sottomissione, ho risposto dolcemente, "sì signore, papà". Fece una risata di cuore e tornò lentamente al suo letto, sedendosi sul bordo, "vieni qui troia, voglio parlarti". Comincio ad alzarmi quando lui mi ferma bruscamente: "Non ho mai detto cammina, striscia verso di me". Sentendomi umiliato, mi metto in ginocchio. All'inizio strisciare come un cane verso di lui era imbarazzante, ma man mano che mi avvicinavo mi sentivo sempre più sexy. Ho mosso i fianchi un paio di volte per vedere se si fosse accorto: "Sei proprio una piccola puttana, vero?" Ho annuito affermativamente con la testa. Poco prima che raggiunga il letto, mi guida tra le sue spesse gambe muscolose, spingendomi in modo che mi sieda sui miei piedi. Il mio cuore batte forte mentre guardo i suoi profondi occhi blu, aspettando le mie prossime istruzioni.

"Non ti ho mai risposto prima, quindi lo farò ora. Tua madre se n'è andata perché ho un debole per i giovani, come te. Ho fantasticato su questo momento molte volte... tu in ginocchio, tremante di paura e incertezza . Non sapendo cosa aspettarsi o fare". Lentamente, sollevò la mano, facendo scorrere le sue grosse dita tra i miei capelli mentre il mio corpo tremava. Il suo tocco era calmante. Sentii il mio respiro rallentare e una calma cominciò a insinuarsi. La sua mano si posò sulla mia nuca. "Sei mai stata con un uomo? O con qualcuno ragazzo?" Ho annuito. "Quanti cazzi hanno usato la tua bocca e la tua figa prima?" Aprii la bocca ma non ne uscì nulla finché non sentii la sua stretta stringersi. "5.....5 cazzi, papà! Li ho succhiati tutti e 5 ma solo 3 mi hanno fottuto!" dissi nervosamente. "Ti piaceva essere usata? Eri una buona troia per loro?", chiese. "Sì signore", dissi mentre il mio sguardo cadeva sul suo inguine. Lui ridacchiò un po' e chiese: "Sei pronta per essere la mia brava troia? Mi divertirò a rovinare la tua piccola figa per ogni altro ragazzo che lo desidera". La sua presa si strinse di nuovo e la mia testa fu tirata indietro. Si alzò di fronte a me, tirandomi indietro per i capelli finché non fu torreggiante su di me e mi lasciò andare.

Alzai lo sguardo verso il gigante di fronte a me. Mi ha guardato dall'alto in basso, "sei pronto a vedere cosa ti piacerà.....scarta il tuo regalo ragazzo", il suo tono mi ha fatto capire che non era una domanda. Il cuore mi batteva forte nel petto mentre cercavo la cintura dei pantaloni del suo pigiama. I miei occhi incontrarono i suoi quando cominciai a tirarli giù lentamente. Quei profondi occhi blu bruciavano di lussuria e il sorriso che aveva era minaccioso e dominante. Sapeva di aver conquistato la mia mente, presto mi avrebbe conquistato completamente... e io non vedevo l'ora! Leccandomi le labbra, abbassai gli occhi sul mio presente.

La base del suo cazzo era liscia e così invitante. Non ho potuto resistere ad appoggiarmi a lui e baciarlo leggermente. Mi siedo sui talloni e guardo con gli occhi spalancati mentre altro del cazzo enorme di mio padre viene in vista. Sembra che andrà avanti per sempre finché non vedo la sua linea di circoncisione. Deglutisco a fatica quando realizzo che la cintura è oltre la metà della sua coscia e nasconde ancora il suo mostro! L'anticipazione mi sta uccidendo così gli tiro giù i pantaloni per il resto della strada. Lo sento ridere e lo guardo mentre il suo enorme cazzo si dimena mentre lo fa. "Quello è un cazzone da uomo! Ti piace il tuo regalo?", urla. Ancora incredulo dico "wow papà! È enorme"! Torna sul bordo del letto e si siede lì. "Vieni qui e guarda quanto puoi farla grande troia", chiede.

Abbassando le mani, comincio a strisciare verso di lui e noto che metà del suo cazzo pende dal letto. Quando lo raggiungo abbasso la testa e ingoio la sua grossa testa, passandoci sopra la lingua, assaporando il sapore del cazzo che mi ha fatto. Si appoggia indietro sui gomiti estraendolo dalla mia bocca. Salto rapidamente indietro e ne succhio di più nella mia bocca. Non dimenticherò mai la sensazione del suo cazzo morbido che raggiunge la parte posteriore della mia gola. Il modo in cui la sua pelle morbida sembrava scivolare tra le mie labbra. I suoi gemiti di piacere, spingendo a lavorare di più per compiacere questo glorioso cazzo. Mi rimetto in ginocchio e avvolgo la mano attorno alla base, sollevandola per un'angolazione migliore. Facendo un respiro profondo, scivolo giù finché non mi arriva alla gola. Stringo la base e cerco di forzarla il più possibile. Quando arrivo alla mia mano resto fermo, lavorandogli il cazzo con la gola e la lingua. È allora che lo sento crescere! Lo sento allungare di più la mia gola e scendere più in basso nella mia esofago. Diventa così grande che mi blocca le vie respiratorie e devo staccarmi.

Con lo sputo che mi esce dalle labbra, sento papà dire: "hai ancora del lavoro da fare, ma sei un bravo succhiacazzi". Lo bacio e lo lecco dal basso verso la punta mentre riprendo fiato. Quando gli bacio la testa grassa, la succhio di nuovo in bocca, scendendo fino a me. Mi afferra la testa con entrambe le sue mani forti e mi dice di muovere la mano. Quando le mie mani se ne sono andate, mi tira giù sul suo cazzo gigante, costringendomi gli ultimi centimetri in gola. Sembra che sia nel mio stomaco e continua a crescere! Lotto contro l'impulso di vomitare e dopo quella che sembra un'eternità, mi tira lentamente indietro la testa. Riesco a sentire ogni protuberanza e vena mentre viene rimossa. Quando le mie labbra sono sulla corona si ferma. "Dannazione! Questo è il massimo che abbia mai bevuto in gola! Mi divertirò con quello", dice divertito. Adoro il cazzo di mio padre ancora per qualche minuto, finché non raggiunge la sua piena grandezza e forza. "Ora è il momento di vedere cosa sa gestire quella giovane troia boipussy", mentre mi avvolgeva le mani tra i capelli, strappandomi la testa dal suo cazzo solido. Lo guardo senza fiato sdraiarsi sul letto, facendomi cenno di salire. Obbedisco da brava troia e prendo posto accanto a lui.

Fatemi sapere cosa ne pensate e se devo continuare con il capitolo 3.

Storie simili

Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza. Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera...

654 I più visti

Likes 0

Parte 7, la ragazza con il culo

Spero che questa storia ti piaccia, la parte 7 segna molte cose che arriveranno nelle storie successive. Si prega di commentare e godere. Il padre di Tyler era un cliente abituale di mia madre. L'ha scopata quasi quanto John, ma non più di Bill. La mamma aveva altri ragazzi che si presentavano di tanto in tanto, ma questi 3 erano costanti. La mamma aveva molto lavoro, a volte durante il giorno, a volte di notte. Aveva alcuni ragazzi che si sarebbero presentati durante le ore mattutine, ma lavorava soprattutto di notte. Stavo con la nonna quando lavorava di notte, ea volte...

597 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

400 I più visti

Likes 0

Ossessione video amatoriale parte 2

Ero diventato sempre più ossessionato dal guardare questi film e ho scoperto che stavo nascondendo un orologio in ogni occasione, incluso guardarli a casa anche quando c'era mia moglie (Tracy). La vita familiare non era eccitante, ero stato piuttosto impegnato con il lavoro e normalmente non ero a casa fino a tardi, il risultato era che io e Tracy non passavamo molto tempo insieme, e anche se andavamo d'accordo , non siamo riusciti a passare così tanto tempo di coppia di qualità insieme. Quando è apparso il primo dei nuovi film, l'ho guardato sul telefono mentre la mia Tracy stava guardando...

2K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

Il roseto 4

Beth si morse nervosamente il labbro inferiore mentre Brian conduceva la sua figura nuda al dispositivo sul lato sinistro della radura, un cavalletto modificato con una panca superiore larga circa due palmi e rivestita di morbida pelle imbottita. Le sue solide gambe di mogano portavano ancore a cui erano attaccati i polsini e le manette della caviglia di Beth dopo che avevano adagiato il suo corpo nudo sulla panca a faccia in giù. L'angolo delle gambe della panca allargò le gambe di Beth per rivelare la sua figa e il suo buco del culo, ed è stato quest'ultimo ad attirare l'attenzione...

1.1K I più visti

Likes 0

Incantesimo Delila

Incantesimo Delila Parte 1 Dicono che vedere per credere, che tutto nell'universo può essere spiegato con uno sfondo logico. Dicono che le persone nella loro natura tenderanno alla finzione e al paranormale perché sotto tutte le scuse na dicono promette l'idea di creare qualcosa dal nulla. Ero una di quelle persone che lo dicevano, che quando alle persone non veniva presentata una risposta chiara alle grandi domande della vita, coglievano al volo l'opportunità di creare qualcosa di proprio. Ora sono in ginocchio a pregare Dio per questo. Non so se avrei potuto fare qualcosa, se le mie presenze o la mia...

814 I più visti

Likes 0

Il club delle signore nodose

Il club delle donne nodose Di Drakon Kate era sul balcone e osservava il pittoresco panorama della costa centrale della California. Aveva goduto di quella vista da quando poteva ricordare e anche adesso che aveva cinquantacinque anni le toglieva il fiato. I suoi capelli corvini lunghi fino alla vita svolazzavano nella fresca brezza del tardo pomeriggio mentre rivedeva la lunga lista di cose che dovevano essere fatte prima dell'arrivo dei suoi ospiti, ma l'ambiente sereno la faceva meravigliare. La tenuta di oltre trecento acri che i suoi genitori avevano acquistato era ricoperta di vigneti, che una volta raccolti sarebbero stati venduti...

452 I più visti

Likes 0

Ricordi II

È una bella mattinata nel deserto dell'Arizona. Il sole splende, c'è una leggera brezza e la temperatura è giusta per stare nudi. Io e la mia signora siamo seduti sulla terrazza dei nostri amici a goderci gli uccelli, i conigli e la meravigliosa vista sul deserto. Guardiamo verso ovest e possiamo vedere un corpo di bronzo alto e snello che cammina lentamente verso di noi. Man mano che la persona si avvicina, possiamo vedere che è il nostro amico Al fuori per la sua passeggiata mattutina e la sua visita. Si avvicina al ponte e sale le scale. Ha la sua...

261 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.