Salvezza cap. 23

1KReport
Salvezza cap. 23

UN

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per postare. Non preoccuparti, la storia è quasi completa.
-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ------------------------

"È assolutamente incredibile!" Peter Fuller era entusiasta.

"Il cambiamento in mia figlia Beatrice è fenomenale!" disse al dottor Croft mentre percorrevano il corridoio verso la sua stanza privata.

"Devo ammettere che mostra segni di adattamento al cambiamento delle sue circostanze", concordò il dottore. "Ma questi cambiamenti potrebbero rivelarsi solo temporanei", ha avvertito.

"Aspetta solo di vederla," gli disse Peter, correndo in avanti per aprire la porta. Il dottor Croft entrò in una stanza che era più o meno uguale a tutte le altre di quel piano, ma decorata dalle immagini che Beatrice aveva disegnato della vista dalla sua finestra.

La stanza aveva un letto robusto, mobili semplici e robusti e un bagno dove il paziente poteva praticare le regole igieniche del dottor Croft. Sulla parete di fondo c'erano i dispositivi di persuasione pronti per essere utilizzati, e c'era anche un armadio, metà ad uso del paziente e metà per riporre le attrezzature speciali.

Beatrice Fuller si alzò non appena la porta fu aperta e vedendo che il dottor Croft accompagnava suo padre, perse presto il suo sorriso di benvenuto per inchinarsi nervosamente.

Un paio di mesi dopo il suo tredicesimo compleanno, Beatrice aveva cominciato a gonfiarsi, i suoi seni a forma di bacinella di budino spingevano fuori la sottoveste in modo che le cadesse morbida davanti, oscurando per metà il rigonfiamento dei suoi giovani fianchi. Tuttavia pendeva sul pendio superiore del suo sedere, delineando in parte le loro curve sporgenti e la profonda fenditura tra di loro.

"Ciao Beatrice. Tuo padre mi dice che hai iniziato ad accettare le nostre cure. È così?" chiese, mettendosi comodo sulla sedia accanto al tavolo. Lanciando un'occhiata nervosa a suo padre, annuì, la gola che le si agitava mentre deglutiva. "Sì, signore," mormorò.

"Ti sei lavato a fondo stamattina?" chiese Samuele.

Con il numero di pazienti in crescita, Samuel ha dovuto limitarsi a mostrare ai genitori e ai tutori del paziente cosa fare e quindi monitorare solo periodicamente i loro progressi per assicurarsi che non vacillassero.

"Sì signore, una doppia soluzione," rispose lei. La seconda non era mai così brutta come la prima che aveva trovato. Poteva davvero divertirsi a riceverli se fosse stata abbastanza coraggiosa da rischiare la punizione e masturbarsi, ma non lo era.

"Andiamo allora, fammi vedere," la esortò il dottor Croft, tendendo le braccia, le dita che si muovevano verso l'alto in un silenzioso ordine di togliersi la camicia. Con un rossore che accresceva la sua bellezza, Beatrice guardò ancora una volta con ansia suo padre, e poi si tirò il suo unico indumento sopra la testa per restare nuda.

Osservò i loro occhi scivolare sui suoi seni, indugiando sui suoi capezzoli gonfi prima di dirigersi verso il ventre leggermente arrotondato fino al raccolto di riccioli che le salivano dalla fica. Deglutì, sentendo i loro occhi esaminarla, risvegliando sentimenti che sapeva di non poter mostrare.

Invece, è andata dal dottor Croft, permettendogli di trascinarla in grembo. Con il corpo di lei piegato sul suo grembo, le sue mani forti presero la parte posteriore delle sue cosce e le allargarono, allargandole finché lei seppe di essere completamente esposta, la sola idea di ciò la fece senza fiato.

Samuel canticchiò, un sorriso gli increspò i lineamenti quando trovò la ragazza scintillante di fresca umidità, il suo clitoride gonfio di desiderio e le sue labbra arrossate dalla passione.

"Mm, dovrai tenere d'occhio questo qui," gli disse. "Il suo temperamento sembra essere caloroso, ma avrà bisogno di una supervisione costante o dell'uso di restrizioni", suggerì, lasciando che suo padre vedesse l'umidità che si accumulava nella bocca della sua piccola vagina.

"Avevo intenzione di esercitarla regolarmente," ammise Peter, il rigonfiamento nei suoi calzoni una chiara indicazione per il dottor Croft che era pronto per iniziare subito questi esercizi.

Annuendo in segno di consenso, Samuel colpì con forza la mano sul sedere della giovane ragazza, per valutare la loro resilienza prima di usare i palmi per staccare le guance ed esporre il suo piccolo ano increspato.

La sua pelle secca era il primo indicatore della sua pulizia. Il suo secondo è stato quando ha picchiettato delicatamente la carne annodata più scura corrugata verso la sua uscita anale e si è aperta, il risultato di ricevere regolari ugelli di clistere ha concluso. "Mm, brava ragazza," mormorò, sputandosi sul dito e usando l'umidità per ricoprire il suo piccolo anello anale. "Ora, rilassati," lo esortò. Con il viso ardente nascosto dalle sue gambe, Beatrice gemette mentre obbediva.

I suoi pensieri andarono a suo padre, che osservava, mentre sentiva la sensazione acuta di un dito che le entrava nel sedere, il suo calore e la sua morbidezza erano un piacevole contrasto con gli ugelli freddi che doveva spingere così spesso dentro di sé. Il suo gemito crebbe mentre il suo dito scivolava avanti e indietro, contorcendosi all'interno del suo colon una volta che si era completamente immerso nel suo fondoschiena spugnoso.

Poi si ritirò lentamente, facendola ansimare mentre il suo colon si contraeva automaticamente dietro il suo ritiro. Samuel inalò il profumo, annuendo in segno di approvazione quando rilevò il sapone dalla sua prima infusione e la lavanda dalla seconda. "Beh, sembra che stia seguendo le sue routine di pulizia alla lettera," concordò lui, aiutandola ad alzarsi e indicandole il letto.

"E adesso allora?" domandò Peter, il cuore che gli martellava e il respiro che si accorciava mentre pensava di fare lo stesso esercizio su di lei, forse da solo nella sua camera da letto a casa dove, con la privacy, avrebbe potuto andare molto oltre. Beatrice andò a sedersi sul letto, incerta su cosa le sarebbe successo dopo. Sedeva compostamente, le gambe unite e le mani sulle ginocchia.

Gli adulti la divoravano; suo padre facendola fremere di sentimenti appena appresi. L'ispezione del Dottore la fece fremere per un misto di eccitazione repressa e nervosismo. Aveva imparato presto a non contrariare il gentiluomo dall'aria tranquilla.

"Obbediente, vero?" chiese il dottor Croft, il suo lieve sorriso mascherava l'importanza della sua domanda. "Sì, signore," gli disse con fermezza, sperando che la sua risposta sarebbe stata sufficiente per evitare ulteriori punizioni.

Osservò il dottore slacciarsi i calzoni e sentì una strana debolezza pervaderla. Il suo cazzo spuntò fuori, fittamente venato e dalla pelle scura, già gonfio ed eretto mentre si avvicinava a lei, e glielo avvicinava al viso. Non c'era paura in lei ora, solo una profonda conoscenza di ciò che ci si aspettava da lei.

"Ho un tonico da farti ingoiare, mia cara," le disse, un sorriso sul viso mentre la sua mano libera andava dietro la sua testa e la attirava verso la sua virilità.

Beatrice rabbrividì e guardò lungo l'asta fino alla massa di riccioli alla sua base. Sapeva che non poteva ribellarsi e lasciò che la cupola dalla pelle calda le spingesse in bocca. Gemendo, sentì che la sua testa veniva premuta su di esso, proprio nel momento in cui il ricco sapore le passò sulla lingua. Deglutendo intorno alla cupola gonfia e all'asta, Beatrice lasciò che la sua testa si muovesse con la mano che la guidava.

L'obbedienza, aveva concluso, avrebbe significato evitare la punizione e se fosse stata attenta e non sembrasse troppo desiderosa, avrebbe potuto anche significare piacere sessuale. Deglutì di nuovo e respirò quando poteva, il ritmo del cazzo che scivolava la calmava stranamente.

"Vediamo se accetterà altrettanto volentieri il cazzo di suo padre," sussurrò Samuel. Prendendosi cura dei suoi calzoni, l'eccitazione di Peter cresceva mentre guardava sua figlia leccarsi le labbra e aspettare con calma il suo cazzo.

Si trascinò in avanti con cautela, i calzoni intorno alle caviglie, e singhiozzò deliziato mentre la bocca calda di sua figlia lo circondava, le sue labbra premute amorevolmente attorno all'asta mentre bagnava la sua cupola con la sua saliva, quindi assaporò e ingoiò volentieri il suo sapore.

"Ora voglio che tu apra le cosce e ti masturbi, ma non devi venire!" spiegò Samuel alla ragazzina.

"Hai capito? Chiese il dottor Croft, facendo segno a suo padre di avvicinarsi. "Sì, signore! Beatrice rispose, un rossore coprì immediatamente il suo bel viso.

Con il respiro che le usciva rumorosamente dal naso, Beatrice fece come le era stato detto e allargò le cosce. Suo padre si mise proprio in mezzo a loro, portandolo più vicino e permettendogli di spingere la sua bocca più fermamente sul suo bel cazzo.

Samuel guardò Peter attirare il suo cazzo sul viso di sua figlia. Una piccola mano si insinuò timidamente tra le sue cosce e in pochi istanti si stava accarezzando la fica, tirando la carne tenera su entrambi i lati del suo clitoride gonfio. Annuendo in segno di approvazione per la sua tecnica, Samuel la guardò mentre succhiava il cazzo di suo padre.

"Vuoi finire nella sua bocca, o altrove?" chiese Samuel all'uomo dalla faccia rossa e ansimante.

Peter si allontanò e prese un respiro per calmarsi, il suo cazzo che barcollava per la delusione, proprio di fronte al bel viso di Beatrice dove sedeva eretta, leccandosi le labbra del suo sapore mentre continuava a masturbarsi delicatamente e con attenzione.

"Cosa avevi in ​​mente?" chiese Peter quando si sentì di nuovo in grado di parlare.

"Ora basta," le disse il dottor Croft afferrandole la mano. Beatrice non riuscì a mascherare l'espressione di delusione che apparve sul suo viso mentre ritraeva la mano, lasciando una scia di luccicante umidità sulle sue cosce.

"Brava ragazza. Ora alzati così puoi girarti e inginocchiarti sul bordo del letto per me, per favore," la esortò. Beatrice deglutì e si alzò in piedi tremante. Il suo respiro sembrava fuori controllo mentre si rendeva conto di cosa avevano in mente per lei.

Un pollice spinse da parte le sue labbra carnose e diffuse la sua umidità appiccicosa, sfidando il suo respiro e lasciandola ansimare e tremare, in attesa di ciò che alla fine doveva seguire.

Beatrice si chiedeva dove fosse finita la sua infanzia. Dita esperte ora le aprirono le labbra, aprendo la strada al cazzo di suo padre.

Sicuramente sua madre non avrebbe acconsentito a questo? Beatrice pensò, ma deglutì mentre la punta del cazzo gonfio di suo padre premeva contro la sua fica e, senza esitazione, si faceva strada dentro di lei.

Nonostante l'addestramento quotidiano che aveva ricevuto, Beatrice gemette quando suo padre si fece strada dentro. Con gli occhi chiusi, si aggrappò alle coperte mentre lui sentiva il suo cazzo caldo e palpitante trafiggerle il corpo, riempiendola di palpitante virilità.

Non aveva niente a che fare con gli strumenti di legno e gomma che l'infermiera le aveva forzato dentro in precedenti occasioni. Sua madre si era sentita così la prima notte di nozze? Il cazzo di suo padre scattò in profondità dentro di lei, poi si tirò fuori per spingersi dentro di nuovo, l'attrito le mandava un caldo piacere attraverso la parte inferiore del corpo.

Era senza fiato, eppure ogni nuova spinta la faceva stridere, ogni nuova spinta la faceva dondolare mentre prendeva. Lei venne, strillando forte per i piaceri che lui le aveva portato e non si preoccupò di essere girata frettolosamente per prendere di nuovo il suo cazzo appiccicoso in bocca, prima che lui scoppiasse e lei lo inghiottisse tutto.

Questo le avrebbe dato un figlio, si chiedeva? Sentì lo sperma denso e caldo scivolarle giù per la gola e tremò al solo pensiero.

******

Lily Croft sedeva su una sedia comoda; uno che era stato portato apposta per lei e che continuava casualmente a lavorare a maglia.

Di fronte a lei sedeva la signora Victoria Hughes, una donna elegante che sembrava nervosa ea disagio. Aveva acconsentito, eppure non poteva dimenticare il rischio corso. Se la stampa lo scoprisse, la sua vita a Londra sarebbe finita.

Il suo nervosismo è cresciuto quando suo figlio Daniel è stato portato nella stanza e il suo turno è stato rimosso. Fissò lui e la sua nudità mentre, di fronte a lei; la moglie del dottore continuava a lavorare a maglia come se non si accorgesse di lui.

Lily Croft fece solo finta di non notare il ragazzo e sorrise alla sua incertezza, mentre prendeva il suo bel cazzo tra le mani, poi le posava timidamente al suo fianco, i suoi occhi saettavano tra le due donne.

Daniel Hughes a tredici anni era l'unico erede della fortuna di famiglia e la pupilla degli occhi di sua madre vedova. Lily e Victoria avevano avuto lunghe conversazioni sul ragazzo e avevano convenuto che il suo futuro dipendeva troppo dai suoi capricci perché fosse lasciato al caso.

Il ticchettio dei ferri da maglia continuò ma Lily alzò lo sguardo e gli sorrise. Daniel le sorrise timidamente di rimando, le mani che lottavano contro l'impulso di coprirsi di nuovo.

"Mia figlia Jasmine mi ha detto che Daniel è stato un bravo ragazzo, e ha imparato bene le lezioni," gli disse Lily.

"Grazie signora," mormorò, abbassando gli occhi mentre ricordava l'umiliazione e il dolore del suo addestramento.

"Crede anche che ti piacciano le lezioni", gli disse.

"È cattivo da parte mia?" chiese.

Lily rise e tese le mani verso di lui, aspettando pazientemente che lui si facesse timidamente avanti, nel suo abbraccio. Una volta lì, gli legò una benda sugli occhi, poi gli baciò dolcemente la guancia liscia prima di girarlo verso sua madre.

"Ora, devi essere un bravo ragazzo e mostrare a tua madre quanto hai imparato", ha esortato.

Bendato, si trascinò in avanti, le mani tese davanti a sé mentre le signore guardavano il suo bel cazzo rimbalzare e il suo sedere piccolo ma compatto teso a ogni suo passo.

Sua madre lo fermò con una mano, poi si fermò di fronte a lui per slacciarsi e togliersi i vestiti, sorridendo quando il suono fece arrossire le sue giovani guance e ridacchiando sommessamente quando il profumo del suo profumo lo fece respirare profondamente attraverso il naso.

Seduta di nuovo, allargò le cosce per farlo scivolare tra di loro, anche il cotone dei suoi pantaloni si aprì, esponendo il suo nido peloso alla donna seduta di fronte a lei. Le sue mani sollevarono un seno grande e paffuto dal sedile del suo corsetto e tennero il capezzolo verso l'esterno, mentre l'altra mano tirava in avanti il ​​suo viso, finché le sue labbra morbide lo coprirono.

Le sfuggì un gemito mentre suo figlio cominciava a succhiare, l'istinto gli diceva come farlo, la brusca trazione sul suo capezzolo la faceva sussultare di gioia e tremare per l'eccitazione.

"Sì!" lei respirò e sibilò, amando la sensazione tagliente nel suo capezzolo mentre lui succhiava con più vigore. Tremò mentre comunicava direttamente con il suo inguine, riscaldandosi e gonfiandosi, ammorbidendola per il successivo impalamento. La sua mano lasciò la parte posteriore dei suoi capelli per scivolare verso il basso e sentire la levigatezza giovanile della sua spalla e del suo braccio.

"Sì, sei il soldatino della mamma," borbottò, ricordandolo a quattro anni, così dolce nel bagno d'acqua. La sua mano liberò l'altro seno e lo attirò verso di esso. La fresca agonia del piacere le trattenne il respiro e la fece inarcare nella sua bocca.

"È un bravo ragazzo," sussurrò.

"Sentilo," lo esortò Lily, osservandolo con calma dall'altra parte della stanza.

Victoria trattenne il respiro e lasciò che la sua mano libera scendesse lungo il suo giovane petto liscio fino alla pancia. Un tremito crebbe dentro di lei mentre le sue dita gli accarezzavano i lombi giovani e lisci, e poi il suo bel cazzo e le palle.

Non osava guardarlo, eppure sentiva la carne squisitamente liscia della sua infanzia. Ora era eretto dai suoi lombi, la carne calda e secca, tesa per tutta la lunghezza e tirata via dalla punta tenera e sottile.

La punta era umida e le lasciava una scia sul pollice mentre toccava la punta morbida e il piccolo occhio. Sotto il suo cazzo c'era un sacco di carne corrugato stretto che era coperto da una fine peluria, contenente le sue preziose palle.

"Bravo ragazzo," ansimò sua madre, gli occhi aperti ma non vedendo nulla mentre spingeva suo figlio verso il basso. "Sii un soldato per la mamma ora Daniel", gli disse. Il cuore di Daniel sussultò quando si sentì spinto in ginocchio.

"Proprio come ti è stato insegnato," gli ricordò Lily, mettendo da parte il lavoro a maglia per avvicinarsi a loro. Osservò le narici del ragazzo dilatarsi, senza dubbio annusando per la prima volta il sesso maturo di sua madre.

Victoria sembrava pronta, più che pronta; i suoi lunghi e spessi capezzoli ancora luccicanti della sua saliva e la sua pelle arrossata dall'eccitazione.

"A parte Victoria, adesso," la incalzò Lily.

Victoria inspirò profondamente e rabbrividì mentre allargava le cosce proprio davanti al figlio inginocchiato. Il fatto che fosse bendato l'aiutò, ma non molto. Guardò il suo naso allargarsi e lo vide leccarsi le labbra.

Il suo cazzo scattò verso l'alto arbitrariamente, accelerando il suo cuore mentre pensava che stesse entrando davvero in lei. Il cazzo di suo figlio, scivolando nel suo corpo, lì per reclamarlo come suo e salvaguardare la ricca vita che aveva conosciuto.

"Guidalo," mormorò Lily, la vista del ragazzo davanti a lei che metteva a dura prova la sua compostezza. A Samuel piacerebbe che fosse affidata a uno dei ragazzi, che li facesse solcare nel suo corpo mentre lui guardava, fotografandolo e prendendo appunti nel suo diario.

Forse dovrebbe permetterlo, pensò.

Adesso le mani di Victoria erano tra i suoi capelli, gli tenevano saldamente la testa e la spingevano in avanti, verso la ricca fonte del crescente profumo. Il suo addestramento gli diceva che veniva attirato verso la fica di sua madre, un luogo mistico invisibile che non aveva mai preso in considerazione fino a quando non era entrato a Birbeck House.

Con le dita dei piedi arricciate, Victoria mise il viso angelico di suo figlio proprio all'incrocio delle sue cosce e lo tenne lì, tremante di bisogno e nervosismo.

Si sentiva dispiegarsi e singhiozzava per la sensazione che la inondava. Poi, osservata dalla moglie del dottore, attirò il viso del figlio fino all'ultimo centimetro verso la sua fica, premendo il naso e la bocca contro di lei e ansimando per la gioia.

Girando in un orgasmo improvviso, Victoria sentì l'accensione e il rilascio di un secondo mentre la lingua di suo figlio si insinuava timidamente nella sua fica, scivolando attraverso la sua umidità per assaggiare e raccogliere la sua spesa.

Con un grido sobbalzò e si dimenò in modo incontrollabile, mentre suo figlio si nutriva senza rimorso dei suoi orgasmi. Incapace di sopportarlo ulteriormente, lo spinse via e risucchiò aria fresca nel suo corpo torturato.

"E il resto Mrs Hughes," le disse Lily dolcemente ma severamente.

Con gli occhi chiusi mentre le conseguenze del suo doppio orgasmo fluivano attraverso di lei, Victoria tirò verso l'alto il figlio bendato, la mano che si abbassava per trovare ciecamente il suo cazzo dilagante e metterlo dentro di lei.

Cominciò a sgroppare, seppellendo il suo cazzo in profondità nel suo canale liquido e lei si ritrovò a venire di nuovo, le sensazioni che la attraversavano a spirale, la sua mente che si faceva a pezzi mentre lo sentiva gridare e sentiva il suo cazzo sussultare con forza dentro di lei.

******

Il dottor Croft si coprì la testa e le spalle con il mantello nero e guardò attraverso la lastra per giudicare come sarebbe stata la fotografia una volta scattata. La visuale era invertita, quindi il ragazzo di fronte a lui sembrava stesse facendo una strana verticale, mentre si aggrappava alle corde che lo tenevano.

"È un bravo ragazzo, Paul," mormorò accarezzando brutalmente i due pollici del suo cazzo che sporgevano dall'imbracatura di cuoio chiodato che gli aveva avvolto intorno. Il ragazzo singhiozzava mentre il dottore gli maneggiava rudemente il cazzo costringendolo a gonfiarsi contro l'imbracatura chiodata provocandogli un dolore acuto.

La sua vita privilegiata lo aveva mal preparato alle conseguenze di suo padre che perdeva tutta la sua fortuna in un'impresa inopportuna. Con entrambi i suoi genitori ora morti, aveva pensato che l'ospizio fosse un inferno sulla terra e che niente potesse essere peggio.

Come uno degli orfani che il dottor Croft usava per i suoi esperimenti, ora sapeva diversamente. Samuel ridacchiò mentre guardava la testa gonfia del cazzo di Paul scurirsi.

Sembrava pronto a scoppiare e avrebbe potuto benissimo farlo, se non fosse stato per lo stretto anello di cuoio che era attorno alle sue palle a impedirglielo.

"Bene, proviamo qualcos'altro, Paul," suggerì Samuel, raccogliendo un lungo palo di metallo che aveva una sfera del diametro di un pollice a un'estremità.

Paul deglutì e ansimò rumorosamente per la paura. C'era solo un posto in cui una cosa del genere poteva andare, come gli avevano mostrato gli abusi precedenti. Urlò, metà nella speranza di essere liberato, metà per il dolore di avere la palla di metallo conficcata in profondità nel suo ano.

Poi, senza fiato, ne sentì il lento procedere lungo il passaggio anale, fermandosi in profondità dentro di sé per premere verso il basso.

Magicamente, il cazzo di Paul scattò potentemente davanti a lui e un nuovo grido fu strappato dal ragazzo, questo un grido strozzato di dolore lancinante mentre, le sue prosternazioni massaggiate fermamente dalla sfera d'acciaio nel suo ano, le sue palle tese e il suo seme ardente fu spremuto oltre le corde di cuoio restrittive per poi dribblare dalla punta del suo cazzo gonfio.

Il dottor Croft si precipitò verso la macchina fotografica per far scivolare rapidamente una nuova lastra nella scatola, poi fece un'altra fotografia, questa volta con il palo di metallo che spuntava dal sedere di Paul mentre il suo cazzo continuava a gocciolare semi perlati sul pavimento.

"Oh sì, molto bene," ansimò, coprendo velocemente la testa del cazzo con la bocca e assaporando la consistenza della testa gonfia e il sapore del suo seme giovane e virile. Succhiò, tirando fuori quello che poteva, poi andò a mettersi dietro il ragazzo allacciato, gli occhi incollati a fuoco sul suo sedere magro mentre si slacciava frettolosamente i calzoni.

"Allora Paul. Vediamo," mormorò, sollevandosi dietro il ragazzo sospeso ed estraendo lentamente il palo. Paul ansimò, poi ansimò di sollievo mentre l'orribile palla veniva finalmente estratta dal suo sedere. Il suo sollievo fu però di breve durata.

In pochi istanti Samuel si era tirato dietro di lui e, tenendo fermi i fianchi di Paul, si era accomodato nel suo caldo passaggio. Paul ansimò in pantaloni corti, gli occhi spalancati mentre veniva preso.

Non importa quante volte veniva violato, il dolore iniziale rimaneva, un dolore pungente che poi si posava alla base dello stomaco, rifiutandosi di andare via finché il piacere non diventava intenso.

Completamente incastrato nel sedere di Paul, il dottore fece scivolare la mano e afferrò brutalmente il cazzo di Paul. Uno scatto all'indietro sull'imbracatura di cuoio e Paul cantò per il dolore, lacrime di agonia gli scorrevano lungo le guance mentre il dottore gli masturbava rudemente il cazzo in fiamme.

"No per favore!" piagnucolò.

"Oh sì, oh sì," sussurrò Samuel all'orecchio di Paul, girando la testa per guardarsi allo specchio, scopando lentamente avanti e indietro nell'ano di Paul, poi tirando il cazzo torturato del ragazzo solo per sentire il suo ano stringersi deliziosamente attorno a lui.

"Oh si!" ansimò, ripetendolo solo per sentire il lamento agonizzante di Paul e sentire di nuovo quella deliziosa stretta attorno al suo cazzo. Spinse avanti e indietro con folle abbandono gridando di gioia mentre raggiungeva l'orgasmo, bagnando il colon di Paul con il suo seme.

Allontanandosi, ha rilasciato il ragazzo per fargli leccare il cazzo pulito, e poi ha rimandato Paul alla sua classe.

Il dottor Croft si limitava a tre uscite al giorno; allo stesso modo in cui ha limitato la sua famiglia, così ha limitato se stesso. Sollevato fino a sera, il dottore tornò al suo diario, scrivendo le sue ultime scoperte prima di portare le lastre fotografiche nella sua camera oscura fatta da sé per fissarle e stamparle.

******

Mentre la serata volgeva al termine, Samuel Croft tornò nelle stanze familiari dove Lily era già a suo agio, lavorando a maglia in silenzio mentre un ragazzo stava in un angolo, tremando per la paura piuttosto che per il freddo che poteva sentire, i suoi vestiti giacevano in una pila disordinata su il pavimento accanto a lui.

"L'hai fatto spogliare?" chiese Samuel a sua moglie mentre accendeva un sigaro e si fermava davanti al fuoco.

"Ho pensato che fosse prudente," annuì Lily.

Samuel ridacchiò e la guardò più da vicino, sorridendo quando i suoi occhi notarono un bagliore sulle sue guance.

"A poco a poco, le nostre attività ti stanno logorando, Lily," osservò.

Arrossì più intensamente ora e guardò verso il ragazzo, osservando il cazzo in crescita del tredicenne, che nasceva da una piccola macchia di morbidi riccioli attraverso i quali segretamente desiderava far scivolare le dita.

"Vuoi goderselo anche tu, come faremo io e Jasmine?" annunciò. Il ragazzo avrebbe dovuto lasciare Birbeck House il giorno successivo, acquistato da uno dei ricchi clienti del dottor Croft.

Lily si sventolò il viso accaldato e guardò di nuovo il bel ragazzo.

«È solo questione di tempo, mia cara», le disse Samuel. "Prima o poi, soccomberai", ha avvertito.

"Non mi farai del male, vero caro?" chiese, tremando al pensiero di essere il loro giocattolo, anche solo per pochi istanti.

Samuel le si avvicinò e le accarezzò dolcemente i capelli, considerandola mentre girava la testa nella sua mano per baciargli il palmo mentre lo guardava, implorante.

"Tutti i piaceri derivano dal dolore", le ricordò.

"Ma sarai indulgente, vero, questa prima volta?" implorò.

Jasmine entrò e sorrise a suo padre, i suoi occhi scrutarono rapidamente la stanza.

"Tua madre desidera clemenza", le disse. Jasmine sorrise e la raggiunse sul divano. "Non raggiungerai mai le vette del piacere se non permetti al dolore di guidare il tuo piacere", le disse Jasmine.

Quella era una lezione crudele che suo padre le aveva insegnato quando era molto più giovane; forzando un dildo a spillo in profondità nel suo ano, provocando un'esplosione di piaceri nella sua piccola fica.

"Lo so tesoro, ma non sono coraggiosa come te," ammise Lily. "Solo una parola Lily, è tutto quello che devi dire," sussurrò Samuel.

Samuel aveva lavorato a lungo e duramente per portare sua moglie in questo stato d'animo; prima di accettare la necessità di formare la figlia, poi di essere coinvolta nelle cure della paziente, e ora di accettare che anche lei sarebbe stata formata.

"Per favore, sii gentile," implorò Lily, il suo corpo tremava per il nervosismo.

******

Jasmine e Samuel spogliarono lentamente Lily mentre lei era in piedi davanti al fuoco. Le loro mani la accarezzarono e la impastarono, facendola superare il suo nervosismo per farla tremare al pensiero del suo piacere imminente.

Inginocchiata davanti a sua madre, Jasmine premette la bocca sull'apice della fica di sua madre e lasciò che la sua lingua cercasse il sapore forte, bevendolo avidamente mentre suo padre preparava la tavola.

Lily vi fu portata, tremando e ansimando per l'anticipazione, i suoi grandi occhi ovali mentre sua figlia e suo marito la guidavano su di esso, e poi abbassata finché le sue membra poterono essere legate agli angoli e la sua testa lasciata pendere oltre il bordo.

"Adorabile," mormorò Samuel, deliziandosi per la stretta dei seni di sua moglie mentre veniva stirata e legata.

Jasmine sorrise e immerse ancora una volta la testa tra le cosce di sua madre, i suoi occhi viaggiavano lungo il suo corpo per guardarlo sussultare mentre la sua lingua iniziava a giocare con il suo clitoride. Facendolo scorrere verso l'alto Lily rimase senza fiato, il suo corpo sussultò mentre le sensazioni la pervadevano.

Nudo, Samuel si inginocchiò davanti alla testa di sua moglie e le abbassò la testa, usando i suoi capelli per legarle la testa all'indietro in modo che la sua gola fosse dritta; un lungo tubo per il suo piacere.

Jasmine scelse di spogliarsi davanti al ragazzo, togliendosi i vestiti lentamente e sorridendogli, guardando il suo cazzo crescere eretto e iniziare a traboccare mentre, pezzo dopo pezzo, si denudava davanti a lui.

A tredici anni aveva un cazzo molto bello, leggermente curvo lungo l'asta ma ben grosso e lungo con delle grosse palle che pendevano strette sotto, piene di sperma.

Poi si fece scorrere lentamente le dita tra le cosce, spalmandosele con la sua eccitazione, poi gliele diede in pasto, ridacchiando per la sua impazienza di leccare tutto il suo sapore.

«Adesso tua madre è pronta», gridò Samuel.

Jasmine sorrise e attirò il ragazzo verso sua madre ansimante, il suo cazzo ora impetuoso. Era stato messo uno sgabello su cui il ragazzo poteva stare in piedi e una volta opportunamente sollevato Jasmine prese il suo giovane cazzo e lo infilò nella bocca di sua madre.

Lily fece dei piccoli singhiozzi intorno al suo cazzo mentre scivolava verso l'interno e i suoi occhi si spalancarono quando trovò il suo respiro bloccato, poi il cazzo stava scivolando fuori e lei poté rapidamente ansimare, riprendendosi prima che il ragazzo desideroso le spingesse di nuovo il cazzo in bocca.

Samuel fece un passo indietro e si accarezzò il cazzo, godendosi la vista di un cazzo così giovane e virile che veniva fatto scivolare così dolcemente e profondamente avanti e indietro nella bocca di sua moglie.

In aggiunta ai suoi piaceri c'era quello di sua figlia, la ragazzina sporca era inginocchiata dietro il ragazzo e gli teneva il sedere aperto, infilando la lingua nel suo piccolo anello anale ogni volta che usciva dalla bocca di sua madre.

In piedi tra le cosce di sua moglie, Samuel usò il suo cazzo per schiaffeggiarle la fica paffuta, ridacchiando mentre brillava per la sua eccitazione. Dalla sua bocca provenivano strilli che si interrompevano bruscamente ogni volta che il ragazzo faceva scivolare di nuovo dentro il cazzo.

"Gelsomino!" Samuele ha chiamato.

La snella diciottenne si arrampicò da dietro il ragazzo ansante per inginocchiarsi rapidamente dove si trovava suo padre. Immediatamente la sua lingua svolazzò sulle labbra della madre, stuzzicando la donna in modo che le sue cosce si irrigidissero e le sollevassero l'inguine e un altro stridio scoppiasse tra le sue labbra carnose.

Samuel tirò da parte il ragazzo e lo gettò sopra il bracciolo del divano, la sua mano che guidava il suo cazzo nell'ano stretto del ragazzo. Sibilò mentre l'anello anale stretto scivolava lungo la sua asta, tirando indietro le sue ghiandole mentre scivolava nel calore umido del suo retto, il ragazzo ora grugniva e aveva gli occhi spalancati, mentre il grosso cazzo del dottore lo riempiva.

Samuel si seppellì nel sedere e poi si ritrasse, gemendo mentre rimbalzava in aria. Con il ragazzo ora rimasto a massaggiarsi l'ano dolorante, Samuel tornò da sua moglie e sorrise alla sua testa piegata all'indietro prima di portarle il suo cazzo profumato alla bocca.

Lily squittì, ma il rumore era già attutito dall'ondata verso l'interno del cazzo di suo marito. Con gli occhi spalancati, si ricordò improvvisamente del bisogno di respirare e di succhiare quello che poteva prima che il cazzo scivolasse sulla sua lingua e nella sua gola.

Con un sospiro di piacere, Samuel si trattenne lì; la testa del suo cazzo sentendo che la sua gola cominciava a lavorare, mentre si sentiva a corto di aria. Sua figlia ha indurito la sua lingua guizzante e Lily ha lottato freneticamente nei suoi legami, il piacere tra le sue gambe in competizione con il bisogno di respirare rapidamente crescente.

Valutando il momento, Samuel si ritrasse e guardò sua moglie ansimare per respirare, proprio mentre il primo dei suoi orgasmi si precipitava su di lei, sollevando il suo corpo legato e offrendo a Jasmine abbondanti quantità di succo da leccare.

******

"Domani, abbiamo tre nuovi pazienti in arrivo a Birbeck House che sono stati prenotati per due settimane di trattamenti speciali", sospirò Samuel. Lily sorrise, cercando di nascondere l'eccitazione che provava all'idea di avere delle nuove giovani vittime.

Che fossero maschi o femmine, non importava perché non vedeva l'ora di togliersi i vestiti per deliziarsi nel vedere e sentire la loro bella pelle giovane e liscia, prima di infliggere loro i suoi trattamenti speciali.

Jasmine si leccò le labbra e si allontanò da suo padre. Cadendo in piedi, fece scivolare la bocca sul suo membro rammollito e sognò di aiutarlo a legare i pazienti prima del loro trattamento.

Ha leccato il suo sapore anale dal cazzo di suo padre e ha immaginato tutte le punizioni che avrebbe dato ai loro corpi ignari, mentre spezzava la loro volontà, e loro imploravano la sua pietà.

Samuel accarezzò i capelli di Jasmine e pensò a quanto sarebbero stati morbidi e lisci i capelli dei nuovi pazienti, a quanto sarebbero stati adorabili i loro corpicini e a quanto sarebbero state gloriose le loro espressioni spaventate mentre li abusava e li torturava, tutto in nome della sua speciale ricerca medica. .

Non contento dei suoi successi, il dottor Croft ora visitava St. Saviour's con molta più regolarità.

Ha approfittato della sua posizione di mecenate e ha consigliato la sua buona amica Miss Bolton, la direttrice, su questioni di igiene.

Con grande gioia di Rebecca, Samuel è stato anche molto felice di dimostrare tutti i trattamenti che aveva ideato per punire i bambini che si masturbano senza permesso. Questo era un problema crescente al St. Saviour's di cui sentiva il dovere di informarlo e che le avrebbe procurato molte ore di piacere cercando di risolverlo.

Storie simili

Camera Vergine

Questa è la terza storia che scrivo per questo sito e ancora una volta mi scuso se ci sono errori di ortografia o grammaticali o qualsiasi altro errore. Mi piace molto il feedback e se vuoi sottolineare eventuali errori fallo in modo costruttivo, non rispondo bene alle persone che criticano la mia punteggiatura quando il loro messaggio è scritto tutto maiuscolo o simili. Tieni presente che questa storia è completamente vera con una piccolissima quantità di abbellimenti per mantenere la storia in corso, quindi non pubblicare post dicendo che non potrebbe mai essere vero, perché lo è. Sono uscito con questa...

263 I più visti

Likes 0

Giochi per computer_(1)

Mandy Wilson sedeva tristemente sul sedile del passeggero mentre l'auto di sua madre Carol seguiva il grande camion di trasloco fuori Londra. Oh per l'amor del cielo, rallegrati, esalò la donna più anziana. Mandy, andiamo e questo è tutto. Le parole fecero semplicemente crollare Mandy sul sedile e incrociare le braccia ancora più strettamente sul petto sinuoso finché non le fece male. A volte puoi essere un bambino così piccolo, osservò Carol. Mandy rispose con il consueto ringhio di frustrazione e impotenza. Il motivo del suo umore cupo era stato messo in moto sei mesi prima quando, del tutto all'improvviso, sua...

286 I più visti

Likes 0

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

2.2K I più visti

Likes 0

Fratelli curiosi (parte 1)

Tutto quello che riesco a ricordare di mamma e papà quando ero giovane era urlare e litigare. Vivevamo in una casa minuscola che non aveva molta privacy quindi potevi sempre sentire le urla. Per fortuna hanno divorziato quando ero giovane. Ci siamo trasferiti, mia sorella minore, mia madre e io. All'inizio è stato difficile non avere papà accanto, ma mi sono abituato presto. In ogni caso sono sempre stato più legato a mia madre. Era la mia sorellina che sembrava avere difficoltà, chiedendo di papà molto più spesso di quanto pensassi di lui. Ben presto si abituò al fatto che anche...

357 I più visti

Likes 0

Rose, la mamma da sola

Rosa Nei giorni successivi ho ricevuto messaggi dai gemelli. Helen mi voleva più di ogni altra cosa ed era disposta a incontrarmi ovunque per mostrarmelo. Rose mi ha inviato un messaggio chiedendomi di incontrarci e parlare prima di incontrare una o entrambe le sue figlie. Il suo secondo messaggio mi invitava a incontrarla. Mi è stato appena dato un indirizzo e un'ora. Quindi quando sono arrivato sono rimasto sorpreso di trovarmi di fronte a una sala massaggi. Mentre varcavo la porta una giovane e carina donna ispanica mi ha salutato e mi ha chiesto che tipo di piacere volevo. Sono Mike...

262 I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Rachel scopa la coppia

Rachel scopa la coppia Un giorno, sono andato a una festa a casa di amici dove una giovane testa rossa che ballava ha attirato la mia attenzione; vederla ballare mi ha eccitato. Mi sono avvicinato a lei e ho iniziato a ballare anche io, presto stavamo ballando insieme. Dopo aver ballato per un po', ci siamo seduti e abbiamo iniziato a parlare. Mi sono presentata come Rachel, mi ha detto che si chiamava Jennifer. Dopo un po' di conversazione Jennifer e io abbiamo notato che la festa stava finendo e la gente se ne andava. Jennifer ha chiesto se può avere...

1.4K I più visti

Likes 0

Esperienza sessuale con la madre del mio amico 2

Vibratore tecno coniglio. Esperienza sessuale con la madre del mio amico -2 “Se ce ne sono più di uno, c'è un modo che devi fare per deviarli completamente in modo che io possa avere la possibilità di distruggere i dati. Le ho detto. Lei ha risposto che cosa devo fare? Devi provocarli per una penetrazione multipla, in modo che siano impegnati a fotterti senza sapere cosa sta succedendo intorno a loro “Ooooooh! No. Non posso farlo, non posso resistere ai loro fottuti cazzi che entrano in me alla volta, rispose in aggressività. “Se non puoi farlo, allora non posso aiutarti. ...

1.6K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

1.1K I più visti

Likes 0

Calda milf della porta accanto

Calda milf della porta accanto La bella civetta della porta accanto ha un debole per gli uomini molto più giovani. L'ho vista personalmente scopare con il ragazzo della piscina, il ragazzo delle consegne della pizza, l'uomo della teleferica e proprio lo scorso fine settimana il ragazzo del prato. È una volpe dai capelli rossi di circa 5 piedi e 5 con seni DD. I suoi capezzoli sono a forma di lacrima e marrone scuro, in contrasto con la sua carne rosa. Dire che sono magnifici sarebbe un eufemismo. Potrebbe pesare 130 libbre. Sulla trentina è sposata con un uomo molto più...

990 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.