Le cronache di Erica Bradson Capitolo 1

554Report
Le cronache di Erica Bradson Capitolo 1

Un racconto hardcore di Pervosuxx
PASSIONE DURA: Le cronache di Erica Bradson.

Capitolo 1
Enorme cambiamento!

Mi chiamo Erica Bradson, ho 48 anni e sono felicemente sposata con mio marito Daniel da 23 anni. Ho tre figli, Emma la più grande ha 19 anni, mio ​​figlio Brian ha 18 anni e il mio più giovane Peter 14. Siamo sempre stati considerati la famiglia perfetta, mio ​​marito Daniel ha lavorato in un'azienda farmaceutica chiamata Binarex Implants & Co, il mio la figlia maggiore Emma è partita per il college quando aveva 18 anni, mio ​​figlio Peter è al liceo che inizia il suo secondo anno, mentre mio figlio Brian ha avuto alcuni problemi minori nella sua ex scuola che lo hanno portato a lasciare il liceo, ma ora è tornato a una nuova scuola. Da quando ho avuto il mio ultimo figlio Peter, il mio lavoro di bibliotecaria è diventato quasi impossibile per me soprattutto a causa della mia schiena, quindi ora scrivo libri per bambini a casa. Sembrerebbe che siamo la famiglia perfetta. Non sapevo che la mia vita sarebbe cambiata.

Tutto è iniziato due anni fa, quando a mio marito Daniel è stata offerta la carica di presidente del consiglio di amministrazione di una nuova società chiamata Erinak, eravamo tutti felici ed emozionati. Anche se abbiamo dovuto avvicinarci all'azienda, le nostre vite sono state più fruttuose che mai. Brian era particolarmente felice perché era in grado di trovarsi una nuova scuola, Peter d'altra parte non era così felice di lasciare la sua casa e i suoi amici, abbiamo avuto una bella discussione sulla questione e credo che abbia incolpato me più di suo padre. Eppure ci siamo trasferiti ed eravamo pronti per ricominciare la nostra vita. Abbiamo vissuto due anni qui e non potrei essere più felice, i miei figli si sono sistemati bene nelle loro nuove scuole e mia figlia continua i suoi studi al college, vorrei solo che fosse lo stesso per me. Da quando mio marito è diventato presidente di Erinak le nostre vite sono state sempre meno frequenti, ci amiamo ancora moltissimo ma il suo lavoro ci ha lasciato senza tempo l'uno per l'altro. Anche se sapevo che sarebbe successo, non mi sarei mai aspettato che mi infastidisse così tanto, da quando ho avuto il mio ultimo figlio la nostra vita sessuale è cambiata in qualcosa di meno intima, soprattutto a causa dei nostri figli, ma abbiamo sempre avuto un po' di tempo per soddisfarci a vicenda, ma ora anche quello era andato. I miei impulsi femminili erano l'unica cosa che mi dava fastidio.

Un giorno mio figlio Brian ha invitato il suo amico Malik a casa nostra, non ho mai saputo molto di lui tranne che era un po' più grande di mio figlio Brian. Inoltre non mi piaceva troppo perché era sempre in giro ogni volta che sentivo voci secondo cui i vandali avevano causato qualche problema. Tuttavia dovevo dare una possibilità all'amico di mio figlio, quindi il giorno in cui è venuto ho preparato una bella cena e ho aspettato con impazienza che tornassero a casa da scuola. Quando ho sentito aprirsi la porta principale sono scesa per salutare l'amico di mio figlio, mentre mio figlio si è tolto la giacca ho salutato Malik. Nel momento in cui l'ho visto sono rimasto sorpreso e un po' spaventato, anche se non l'ho mostrato. Era una persona alta più di mio marito e mio figlio, indossava una spessa maglietta arancione con un logo che non riuscivo a capire e blue jeans oversize che continuavano a cadere rivelando la sua biancheria intima bianca. Era molto ben costruito, i suoi muscoli si mettevano in mostra grazie alla maglietta, la sua pelle era nera e liscia senza cicatrici, aveva i dread che scendevano fino al collo e che erano legati da un paio di lacci gommosi. Si voltò verso di me e sorrise, i suoi occhi azzurri mi fissavano, il suo viso era liscio e perfetto senza vesciche che hanno i soliti adolescenti. Si avvicinò a me, allungò la mano e si presentò a me. Ero un po' lento ma gli presi la mano che era ferma e morbida, stringerla si rivelò tutto merito suo perché era forte come un toro. È stato molto educato, qualcosa che mi ha colpito, dal momento che la maggior parte degli amici di mio figlio erano per lo più scortesi come lo erano gli adolescenti, ma questa persona non lo era. Mio figlio e Malik sono saliti nella stanza di mio Brian, mentre io sono rimasta in soggiorno perplessa con i pensieri, chiedendomi come mio figlio avesse conosciuto questo ragazzo, ero anche molto perplessa dal fatto che non fosse affatto come quegli altri amici di mio figlio. Mentre ero seduto da solo in soggiorno ho sentito qualcuno che scendeva le scale, era Malik. È sceso in cerca di qualcosa, il mio primo pensiero è stato che stesse cercando qualcosa di prezioso da rubare, mentre stavo cercando di trovare scuse per me stesso per il motivo per cui era così gentile. Dopo averlo guardato di nascosto per tre secondi ho deciso di muovermi verso di lui, mi ha visto e mi ha chiesto dove poteva lanciare un pezzo di plastica che teneva in mano. Ero imbarazzato con me stesso dal fatto che avevo anche solo pensato che stesse rubando, gli ho detto di darmi la plastica e che l'avrei buttata per lui, dopo avermi consegnato la plastica sono andata in cucina e ho aperto il cabina sotto il lavandino per buttare il pezzo di plastica nel cestino, mentre mi chinavo ho sentito che qualcuno mi stava guardando mi sono girato piuttosto velocemente per non trovare nessuno in piedi. Mi sentivo uno sciocco non solo pensavo fosse un ladro ma anche un pervertito, che sciocco ero. La verità era che mi stavo inventando tutte queste cose nella mia mente perché ero solo, dentro di me volevo che qualcuno guardasse il mio enorme sedere.

Erano passati un paio di giorni e i miei pensieri avevano infuriato dentro di me come un cavallo selvaggio desideroso di una carota, solo che non avevo voglia di una carota. Erano già le sei passate e io stavo preparando la cena come al solito, mio ​​figlio Peter dormiva a casa di un suo amico, mentre mio marito lavorava di nuovo fino a tardi e mio figlio Brian era fuori con i suoi amici. Nemmeno l'orologio ha suonato le sette che ho sentito un botto provenire dalla porta, sono andato verso la porta per vedere mio figlio Brian arrabbiato e sbattere di nuovo la porta, prima ancora che potessi chiedergli cosa stava succedendo è corso verso la sua stanza. L'ho seguito al piano di sopra e ho bussato alla sua porta chiedendogli cosa fosse successo, solo per sentirmi dire di farmi gli affari miei, dopo avergli chiesto più e più volte senza apparente risposta ho deciso di chiamare mio marito, proprio quando stavo per andare al piano di sotto ho sentito mio figlio imprecare contro Malik. Non avevo idea di cosa fosse successo. Dopo aver cercato inutilmente di chiamare mio marito al telefono e non aver ricevuto risposta da mio figlio, ho deciso di andare a Malik per avere delle risposte. Prima di partire ho detto a mio figlio attraverso la porta che stavo uscendo per un po' senza dirgli che stavo andando a casa di Malik, perché non volevo che cercasse di fermarmi.

Sapevo dove abitava da quando avevo già accompagnato mio figlio a casa sua; viveva in una grande casa di proprietà dei suoi genitori che si sono trasferiti in Europa mentre Malik è rimasto per finire la scuola. Pioveva forte mentre guidavo lì, riuscivo a malapena a vedere qualcosa, quindi ho parcheggiato la macchina all'incrocio prima di arrivare e ho iniziato a camminare verso casa mi sono sentito improvvisamente a disagio mentre la pioggia e il tuono continuavano a cadere, ha iniziato a piovere ancora più forte e così sono corsa verso la casa di Malik prima di bagnarmi tutta. Quando ho raggiunto il suo portico ho visto la luce accesa all'interno, indicando che era a casa ho suonato il campanello, quando non ho ricevuto risposta ho suonato di nuovo, poi dopo un minuto la porta si è aperta e ho visto Malik con un asciugamano inzuppato e gocciolante d'acqua. I miei occhi rimasero fermi a guardare i muscoli dello stomaco e del torace, ei miei pensieri corsero all'impazzata. Fu sorpreso di vedermi e mi invitò a entrare subito prima che mi bagnassi, mi sedetti sul suo divano rosso come mi chiese e poi prese il mio cappotto e lo appese al pomello vicino alla porta principale. Dopo un secondo o giù di lì lo sentii dire che era sotto la doccia e che non aveva sentito il primo campanello, ancora nel suo asciugamano si fermò davanti a me senza nemmeno cercare di coprirsi e mi chiese perché ero qui. Sono uscito dai miei pensieri perversi e gli ho parlato di mio figlio. Dopo avergli spiegato cosa stava succedendo, è andato in cucina ed è tornato con due lattine di soda e me ne ha data una senza nemmeno chiedermi se ne volevo una o no. Poi si è seduto accanto a me e mi ha spiegato che mio figlio ha una cotta per un'amica di Malik di nome Jayla e che mio figlio Brian si è arrabbiato con Malik quando gli ha detto che mio figlio non era il tipo di Jayla. Sono stato sollevato dal fatto che si trattasse solo di una cotta per ragazzi, ma poi è arrivata la bomba atomica. Malik poi mi ha detto che prima di essere in grado di spiegare perché Jayla non era il tipo di mio figlio, Brian ha preso a pugni Malik in faccia e ha iniziato a distruggere le cose in casa sua, poi è scappato di casa. Sono rimasto scioccato nel sentire quelle parole, il pensiero che mio figlio avesse attivamente colpito qualcuno ha distrutto completamente il mio sogno di una famiglia perfetta. Sono diventato confuso e triste, mio ​​figlio era diventato qualcun altro, mi sono rivolto a Malik e gli ho chiesto per favore di non fare accuse. Si alzò e andò a gettare la sua soda nel bidone della spazzatura, mentre si girava potevo vedere parte del suo pene sotto l'asciugamano, il che ha fatto riemergere tutti i miei pensieri perversi più selvaggi di prima. Venne verso di me e si sedette di fronte a me con le gambe aperte quasi come se volesse farmi vedere il suo pene. Ha poi detto che avrebbe dovuto spiegare molte cose ai suoi genitori riguardo alla roba rotta, proprio allora mi sono riscosso dai miei pensieri e mi sono alzato dal divano e ho detto che gli avrei dato i soldi per la roba distrutta. Disse che non era interessato ai soldi, poi mi guardò e sorrise, si alzò e mi mise una mano sulla spalla, quel semplice tocco rendeva il mio corpo caldo e morbido. Ha poi detto che ha visto come lo guardo, e che sa che ho bisogno di una certa attenzione, afferra il mio grosso sedere che manda il mio corpo morbido e caldo in una fornace frenetica e senza alcuna reazione da parte mia Malik ha continuato a lottare. Non ho nemmeno provato a impedirgli di toccarmi, i miei pensieri sono andati in tutte le direzioni dicendomi che è sbagliato e tuttavia il mio corpo lo vuole, mi dico che lo sto facendo per mio figlio, ma è una bugia. Infila la mano nella mia gonna lunga e la tira giù, poi immerge la sua lingua nella mia bocca, cosa che mi fa cadere in un sogno di lussuria. Comincio a succhiare controvoglia la sua lingua che sta danzando dentro la mia bocca, la sua saliva inizia ad entrare e ad espandersi nella mia bocca, e la ingoio volentieri in gola. Nemmeno mio marito mi ha baciato così bene, il suo asciugamano cade e rivela il suo pene nero semi eretto, mentre ci baciamo ancora dirige la mia mano sinistra a toccare il suo pene, senza pensarci lo afferro e mi rendo conto che non posso tenerlo completamente intorno con la mia mano. Poi mi fermo per vedere quanto è grande il suo pene, con mia grande sorpresa il suo pene semi eretto era più lungo e più grosso di quanto pensassi anche umanamente possibile, mi guardò e sorrise dicendomi quello che già sapevo, che non avevo mai visto un cazzo più grande della mia vita. La mia vagina gocciolava come una cascata, facendo sembrare la mia biancheria intima fradicia, lui continuava ad afferrarmi il sedere e baciarmi il collo così bene che ho risposto accarezzando il suo enorme pene senza nemmeno rendermene conto. Ho sentito il suo pene diventare sempre più grande mentre continuavo ad accarezzarlo a un punto che mi sono persino spaventato per sapere quanto potesse diventare grande, poi mi ha impedito di accarezzarlo, all'inizio avevo paura che avesse perso interesse, ma poi ha mi ha detto di girarmi e mostrargli il mio culo. Mi sono voltato imbarazzato dal fatto che il mio sedere fosse così grosso, ma lui si è solo chinato e mi ha afferrato il culo dicendomi quanto fosse meraviglioso, dopo anni di lamentele da parte di mio marito che il mio culo stava diventando troppo grande, ho iniziato a sentirmi in imbarazzo del mio didietro, ma sentire Malik dire quelle parole mi ha reso ancora più fradicio di prima. Malik poi tirò giù la mia biancheria intima bagnata rivelandogli la mia vagina pelosa fradicia, rendendomi ancora più imbarazzato al pensiero di avere qualcuno che mi fissava il sedere nudo con la mia vagina che gocciolava come una cascata. Malik si è avvicinato così tanto che potevo sentire il suo respiro colpire la mia vagina, in quel momento i miei pensieri hanno iniziato a protestare sul fatto che ciò che stavo permettendo era sbagliato mentre cercavo di contraddirmi che lo stavo facendo per mio figlio, poi la sensazione di qualcosa di scivoloso e morbido mi ha invaso facendomi sussultare così all'improvviso che la mia saliva mi gocciolava dalla bocca. Malik stava spingendo la sua lingua in profondità dentro di me, al punto che i suoi denti hanno colpito il lato della mia vagina, sono quasi caduta quando mi ha invasa e stavo lottando per tenermi su, la sua lingua stava ballando ancora più di prima e stava spingendo stesso a un punto che quasi mi paralizzò. Mentre sbavavo con la saliva senza fiato, i miei pensieri andarono in estasi e caddero preda della stessa sensazione che provava il mio corpo, la sensazione della sua lingua che mi attraversava, i suoi denti che mi segnavano ai lati e il suo naso che toccava e respirava al mio ano mi ha fatto venire più e più volte. Poi ritrasse la sua lingua penetrante dal mio buco bagnato, i suoi denti si sollevarono dal rampino che avevano fatto e il suo naso smise di respirare al mio ano, pensai per un momento che fosse finita, come aveva appena con la sua lingua già data a me più piacere di quello che mio marito mi ha dato in tutti i nostri anni. Mentre riprendevo fiato lentamente e riuscivo a stabilizzarmi meglio, un'enorme cosa rotonda, morbida e calda si stava spingendo nel mio buco bagnato, proprio mentre stavo per rendermi conto che era la sua testa del pene, ha perforato con forza in profondità dentro di me, il mio gli occhi rotearono all'indietro e la mia saliva schizzò fuori dalla mia bocca come un cannone con la lingua che penzolava fuori, il rumore ansimante che facevo echeggiava per tutta la casa e le mie gambe si strinsero forte come per riflesso. Il suo membro era tutto dentro di me e potevo sentire ogni singola vena sanguigna del suo cazzo pulsare dentro di me, Malik grugnì ed esclamò quanto fossi stretto, non lo sentivo, il suo lungo e grosso pene mostruoso aveva raggiunto punti dentro di me che erano mai esplorato e mi aveva fatto entrare in uno stato di coma esplosivo, poi lentamente ha cominciato a muoversi avanti e indietro e ad ogni spinta si assicurava di farmi una palla così da farlo entrare ancora più in profondità dentro di me. Continuava a grugnire e sbuffare mentre il suo pene continuava a perforarmi, le sue mani erano l'unica cosa che mi teneva fermo mentre si tenevano intorno al mio enorme sedere come per assicurarsi che avrei preso tutto il suo pene dentro di me, sono uscito dal mio stato di coma quando ha diretto la mia testa verso di lui e ha iniziato a succhiare e baciare la mia lingua, ho iniziato ad assaporare l'essenza della sua lingua che era stata dentro di me e mi ha fatto stringere ancora di più il suo cazzo, grugnì e commentò che il suo cazzo stava venendo succhiato dentro e la sensazione del suo cazzo che si forzava oltre certi punti dentro di me mi faceva venire più di prima. Poi l'ho sentito crescere un po' più grande ed è stato allora che ho capito che stava per esplodere. L'ha poi confermato quando ha detto che stava per sborrare, come per miracolo riuscissi a ritrovare il mio istinto materno in me e gli dicevo di non sborrarmi dentro, all'inizio avevo paura che non mi sentisse così com'era mi teneva stretto e il suo membro era così profondo dentro di me che mi sembrava impossibile uscirne in tempo, quando vidi il suo viso i suoi occhi erano serrati come se stesse lottando per tenere qualcosa dentro, che fosse il suo membro o il suo sperma non lo conoscevo, ma speravo fosse il suo sperma. Proprio mentre sentivo la sua testa del pene esplodere, il suo membro scivoloso si spingeva fuori da me e si ritraeva all'indietro, le sue mani mi lasciarono e io caddi a terra esausta come se avessi partorito. Gli ho dato un'occhiata e proprio mentre stavo incrociando i suoi occhi nei miei, il suo pene è scoppiato un torrente di sperma proprio sulla mia schiena, ha esclamato freneticamente e senza nemmeno accarezzargli il membro il torrente di sperma ha continuato a venire, al punto che potevo vedere i suoi enormi sacchi di palle si restringono pesantemente. Quando l'ultimo getto di sperma colpì sia me che il pavimento, anche Malik cadde, respirando pesantemente, il suo pene iniziò a cedere e a perdere gran parte della sua crescita e lunghezza, e quando lo vidi cedere il pensiero che avevo tradito il mio marito ha cominciato a sorgere, e il mio senso di colpa ha cominciato a divorarmi, così come la curiosità per il fatto che il cazzo di Malik era diventato floscio era ancora molto più lungo e più grosso del pene completamente eretto di mio marito e mentre giacevo lì sapevo che la mia vita sarebbe cambiare d'ora in poi. Oh cosa succederà ora?

Continua.


Haters e commenti
[email protected]

Storie simili

La mia cugina preferita, la mia troia preferita - Pt. 2

La mattina dopo mi sono svegliato e ho trovato la stanza vuota, Erin si era svegliata e se n'era andata prima di me. Era metà mattina e ho pensato che mi sarei vestito e sarei andato a casa. Ero preoccupato per come si sentiva Erin la scorsa notte e come avremmo cercato di mantenere la nostra conversazione normale dopo quello che era successo. Sapevo di essermi goduto tutto la notte scorsa, infatti, finché non è successo, non mi rendevo conto di quanto desiderassi mio cugino minorenne, per quanto terribile sia in realtà. Lei voleva me e io volevo lei e ieri...

199 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

518 I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

479 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

494 I più visti

Likes 0

HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

Copyright: Lesley Tara, 2010 Parare! – affondo! – parare! – le nostre lame emettevano un suono metallico acuto mentre si scontravano tra loro. Poi mi sono impegnato troppo in un attacco e ho lasciato un'apertura, che Miss Champney è stata pronta a sfruttare. Con velocità fulminea, la punta del suo fioretto colpì il colletto imbottito della mia tunica protettiva e il nostro incontro di allenamento terminò. Non ero deluso dal fatto che avesse vinto: è il mio allenatore e mi ha messo alla prova su alcune nuove finte che aveva dimostrato all'inizio della sessione di allenamento. Mi chiamo Rebecca, ma tutti...

460 I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

429 I più visti

Likes 0

Giacomo ed Ellie.

Ciao Questa è la mia prima storia quindi per favore lascia critiche costruttive... Era l'ultimo giorno delle vacanze estive e James era seduto nella sua classe di educazione sociale. Per dire qualcosa su James, è un ragazzo di 14 anni, 5 piedi e 9 con i capelli biondi e gli occhi azzurri. Gioca a rugby e fa un po' di boxe, quindi è abbastanza muscoloso e ha un cazzo eccezionale da 7 pollici con un diametro di 2 pollici. Quindi James era seduto nella sua classe di educazione sociale mentre il suo insegnante divagava sulle vacanze estive e su come non...

393 I più visti

Likes 0

La mia famiglia 7 riscrive

La mia famiglia 7 Riscrivi. La mattina seguente lasciammo la casa di mia zia Jenny verso le dieci. Mi ha lasciato guidare così da potermi succhiare il cazzo lungo la strada. Mi ha detto che le sarei mancata e sperava che sarei venuta a trovarla durante le vacanze di Natale e che avrei portato Ester. Vorrei mangiare di nuovo la sua bella figa. Le assicurai che ci avrei provato, almeno per tre o quattro giorni. Quando siamo passati davanti a uno dei grossi semirimorchi mentre mi stava facendo un pompino, il ragazzo è quasi uscito di strada cercando di guardare. Quando...

278 I più visti

Likes 0

Divertimento estivo prima parte

Vorrei compiere 12 anni il nostro ultimo giorno prima delle vacanze estive. Non vedevo l'ora di passare molto tempo nel nostro ranch e godermi le dolci colline e le pigre giornate estive con la mia nuova amica Janet. Janet ed io ci eravamo conosciuti l'ultima settimana di scuola. Abbiamo colpito se fuori subito. Era una bellissima bionda, alta 5 piedi e 4 pollici con un corpo che non voleva mollare. Avevo scoperto che guardare altre ragazze stava davvero iniziando a eccitarmi e ho pensato che sarebbe stata quella persona speciale in cui potevo davvero entrare. Avevamo trascorso alcune notti a casa...

300 I più visti

Likes 0

Quel capodanno speciale_(0)

Lucy e Stace saranno qui presto, vuoi da bere? disse Amanda Senza troppe esitazioni accettai e le presi un grande bicchiere di baileys, Amanda era bellissima, a dire il vero. Era di circa 5 4' ma dall'altezza aggiunta dei tacchi che indossava stasera sembrava un facile 5 8'. Indossava un vestito bianco corto che era per lo più trasparente ed era abbastanza corto da poter vedere chiaramente la sua biancheria intima che quella sera era un perizoma leopardato se si chinava. Era morta di capelli rossi che erano perfettamente acconciati e stavano sempre benissimo. Mentre bevevo un sorso della bevanda, qualcuno...

271 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.