Ha perso una scommessa con mia madre

50Report
Ha perso una scommessa con mia madre

Storia di Fbailey numero 584


Ha perso una scommessa con mia madre


Ero seduto nella mia camera da letto a giocare al computer quando ho sentito bussare piano alla mia porta. Ho detto: "Entra". Entrò una donna molto attraente che indossava un tailleur con una bella gonna.

Disse: “Ho perso una scommessa con tua madre. Ho bisogno che tu venga dentro di me così posso permettere a tua madre di ispezionarmi e finire questa scommessa.

La guardai mentre si alzava la gonna e si sedeva sul bordo del mio letto. Disse: “Vieni qui giovanotto e facciamola finita il più velocemente possibile. Ho cose da fare."

L'ho guardata mentre sedeva lì a fissarmi. Ho detto: "Ma sono vergine".

Lei ha risposto: “Lo so. Ecco perché tua madre mi ha mandato qui da te. Ora cominciamo.

Ho sorriso e ho detto: “Allora togliti i vestiti. Non ho mai visto una ragazza nuda prima d'ora.

Rabbrividì e disse: “Giovanotto, il tuo inglese è atroce. Non dovresti mai usare la parola non è e io non sono una ragazza, sono una donna adulta, una signora in effetti.

Ho risposto: "E io sono un ragazzo vergine di quattordici anni arrapato che non ha mai visto una donna nuda prima".

Ci ha pensato per un momento e ha detto: “Oh! Va bene, hai vinto.

La guardai mentre mi toglieva la sedia da sotto e mi spostava sul letto per sedermi. Poi si sbottonò e si tolse il cappotto della suite prima di appenderlo ordinatamente sullo schienale della mia sedia. Indossava una camicetta bianca di seta che potevo vedere attraverso. Indossava un reggiseno di pizzo bianco molto sexy. Era molto più bello di quello che indossa mia madre. Si aprì la cerniera della gonna e se la fece scivolare giù per le gambe. Se lo tolse dalle caviglie e lo ripiegò con cura per sdraiarsi sulla mia sedia. Si tolse i tacchi alti e li mise uno accanto all'altro davanti alla mia sedia.

Ho chiesto: "Cos'è quello". Poi le ho indicato la vita.

Lei ha risposto: “È un girovita. Lo indosso per migliorare la mia figura. Gli uomini apprezzano una donna con una figura a clessidra.

Poi si allungò indietro e sganciò una dozzina di piccoli ganci come la mamma ha sul suo reggiseno. Il chincher è stato messo sulla sua gonna e poi ha sganciato il reggiseno da dietro.

Quando l'ha tirato fuori ho praticamente gridato: "Hai le tette piccole".

È arrossita per la prima volta e ha risposto: "Giovanotto, ho il seno piccolo come tutte le donne della mia famiglia".

Ho detto: “Ma il tuo reggiseno è così grande. Non capisco perché.

Lei ha risposto: “I miei seni sono leggermente più piccoli di una coppa A e ho scoperto che una coppa C rende i miei abiti molto più belli. I miei reggiseni imbottiti fanno la differenza.

Quindi si abbassò le mutandine, ne uscì e le mise sugli altri suoi vestiti. Poi si è messa davanti a me nuda. "Va bene, sono nudo, ora possiamo andare avanti?"

Ho chiesto: "Le ragazze non dovrebbero avere i peli sulla fica?"

Di nuovo arrossì e rispose: “Ancora con il no. Sì, le donne hanno i peli pubici. Scelgo di raderlo.

Ho chiesto: "Perché?"

Lei rispose: “Perché ho scoperto che agli uomini piace quella ragazzina, quindi glielo do. Ho anche scoperto che gli uomini danno a una donna sesso orale se non deve sputare peli pubici mentre lo fa.

Ho chiesto: "Cos'è il sesso orale?"

Lei arrossì e disse: "Si sta trasformando in una lezione di anatomia?"

Ho chiesto: "Cos'è una lezione di anatomia?"

Lei rispose: “Va bene, va bene, hai vinto. Parlerò del sesso con te. Qualsiasi cosa per velocizzare tutto questo.

Ha detto: “Il sesso orale è quando un uomo se la prende con una donna. Prima che tu lo chieda, lecca questo. Poi ha indicato la fessura della sua figa.

Ho detto: "Va bene, voglio farlo".

In un certo senso sbuffò, ma salì sul mio letto e si sdraiò nel mezzo. Mi ha posizionato tra le sue gambe e poi mi ha abbassato la testa sul suo inguine. Ha sottolineato il suo tumulo pubico, le sue labbra esterne e interne, la sua vagina e il clitoride. Mi ha detto di leccarle il clitoride se volevo farle sesso orale.

Ha tenuto aperte le labbra della sua figa per me, ho allungato la mano sotto le sue gambe per trattenerla, e poi ho immerso la testa nel suo inguine. Gli ho dato un paio di leccate e ho deciso che mi piaceva. Poi ho iniziato a digrignare i denti lungo quella minuscola sporgenza facendola impazzire. Quando ha allungato la mano verso la mia testa ho pensato che stesse per spingermi via ma invece mi ha tenuto stretto contro il suo inguine. Lei gemette e gemette e poi mi respinse dicendo: “Non posso sopportare altri orgasmi, tre è più di quanto abbia mai avuto prima. In effetti nessun uomo me ne ha mai regalato uno prima d'ora. Spinsi di nuovo la mia faccia nella sua figa e ricominciai a sbattere i denti sulla sua clitoride. È svenuta dopo altri due orgasmi.

Mentre giaceva lì, ricordo di aver sentito gli altri ragazzi parlare di pompini, quindi mi sono avvicinato alla sua faccia e le ho infilato il cazzo in bocca. Non appena il mio cazzo è entrato nella sua bocca bagnata sono esploso. Ha imbavagliato, tossito e gridato: “Piccolo bastardo mi sei venuto in bocca. Doveva entrare nella mia vagina. Ora cosa farò?"

Ho risposto: "Posso venire nella tua fica se anche tu mi vuoi".

Ha detto: “È la mia vagina o la mia figa se devi usare quella parola, ma non è la mia fica. Capisci?" Poi ha pensato a quello che avevo detto e mi ha chiesto: “Puoi eiaculare più di una volta al giorno? Quante volte al giorno puoi farlo?

Ho sorriso e ho detto: “Una dozzina di volte. Sono una quattordicenne molto arrapata.»

Ha sorriso per la prima volta e ha detto: "Non ho mai fatto sesso con un adolescente prima, nemmeno quando ero adolescente".

Ho chiesto: "Quando hai perso la verginità?"

Lei rispose: "Io avevo dodici anni e lui quarantadue".

Ho chiesto: "Era tuo padre?"

Ha detto: “No, è stato l'uomo che ha riparato la nostra lavatrice. Mia madre non aveva i soldi per pagarlo e si è offerta di farsi scopare da lui. Mia madre era una donna rozza. Invece mi voleva e mi ha preso. Stava pensando e poi ha aggiunto: "È venuto qui per sistemare cose che non erano nemmeno rotte solo per poter fare sesso con me". Rifletté su ciò che aveva detto e chiese: “Possiamo tornare al lavoro? Ho bisogno del tuo sperma nella mia figa. Allora tua madre mi tasterà, troverà il casino lì dentro e accetterà che ho rispettato la mia parte dell'accordo.

Ho detto: “Non così in fretta. Voglio saperne di più e voglio venire dentro di te più di una volta.

Lei arrossì e disse: “Va bene. Questo anello attorno al mio capezzolo si chiama areola. Se mi succhi il capezzolo bagnando la mia areola, allora puoi soffiarci sopra e si incresperà. Se riesci a raggiungere la mia figa abbastanza lontano puoi trovare il mio punto G. Questo farà impazzire una donna.

Ho chiesto: "Ancora più di quello che ho fatto al tuo clitoride?"

Lei arrossì e disse: "Forse dovremmo provarci". Ha trovato del lubrificante nella borsetta e mi ha unto la mano e la sua vagina. Con un po' di sforzo ho messo la mia mano dentro di lei e ho usato le nocche per strofinare l'interno del suo tumulo pubico. È impazzita e non c'era assolutamente niente che potesse fare neanche lei al riguardo. Non riusciva a tirarmi fuori la mano oa spingerla ancora di più. Si è dimenata sul mio letto cercando disperatamente di rimuoverlo da dentro di lei, ma senza successo. L'ho strofinata attraverso otto orgasmi finché non è riuscita a muovere un altro muscolo. L'avevo prosciugata di tutta la sua energia. Abbiamo fatto un pisolino con la mia mano ancora dentro di lei.

La mamma è arrivata un'ora dopo e ci ha scosso per svegliarci. La mamma ha chiesto: "Voi due avete già finito?"

La signora rispose: “No! Non mi è ancora venuto nella figa.

La mamma ha detto: “Va bene. In tal caso preparo qualcosa per la cena e tu sei il benvenuto a passare la notte nel suo letto.

La donna chiese: "Ci vorrà tutta la notte?"

La mamma ha risposto: “Se assomiglia a suo padre… allora sì. Diavolo, potrei trovare sei o sette carichi del suo sperma in te per allora. Ricorda... non pulire, ho bisogno di toccarti prima."

Quando la mamma se n'è andata ho ricominciato a massaggiarle il punto G. Quella volta ero molto più gentile. Poi ho chiesto: "Che scommessa hai perso?"

La donna rise e disse: “Da circa un anno io e tua madre scommettiamo su chi riuscirà a vendere più case in un mese. Vinco sempre io e tua madre deve farsi scopare dai miei clienti. Questo mese ho perso e ti ho preso.

Ho chiesto: "Allora quanti clienti ha scopato mia madre nell'ultimo anno?"

La donna rispose: "Finalmente conta... trentasette".

Ho chiesto: "Dove e come?"

La donna disse: “Beh, dato che sono il suo capo, ho un ufficio privato. Si spoglia e io faccio entrare il cliente.

Ho detto: "L'hai fatta spogliare ma hai resistito a spogliarti per me".

Lei arrossì e disse: “Ma tua madre non sono io. È abituata a essere nuda e scopare estranei.

Ho detto: "Solo perché glielo hai fatto fare".

Lei mi ha guardato e ha risposto: “Ascolta giovanotto, tua madre è appena sopra l'essere una puttana. Amava ogni cazzo che entrava nella sua fica.

Non potevo credere che questa donna sofisticata si fosse abbassata al mio livello. Poteva giurare con i migliori di loro.

Ho fatto rotolare le nocche nella sua figa e ho detto: "Voglio scoparti il ​​culo dopo".

Lei arrossì e rispose: “Va bene se devi. Almeno il tuo cazzo è relativamente piccolo. Il mio riparatore di lavatrici no. Lo ha fatto solo una volta però. Mia madre non avrebbe permesso che me lo facesse di nuovo. Così ha iniziato a incularla. Dopo di che abbiamo un nuovo riparatore.

Ho passato l'intera notte a scoparmela. L'ho infilato nel suo culo, nella sua figa e nella sua bocca. Quando venne il mattino, la mamma entrò nella mia stanza e raggiunse sotto le coperte. Ha infilato tre dita nella figa del suo capo ed è uscita con una mano sciatta. La mamma ha detto: “Va bene, la tua scommessa è pagata. Puoi andartene quando vuoi anche tu.

La donna ha chiesto: “E se non volessi andarmene? E se volessi dormire con tuo figlio ogni notte? È proprio un giovanotto.

La mamma ha detto: “Sì, lo è. Ok, puoi trasferirti da noi, ma io voglio comunque scopare i tuoi clienti oltre che i miei.»

Ho chiesto: "Mamma, ti sei fottuto anche i tuoi stessi clienti?"

La mamma ha sorriso e ha detto: "Sì, l'ho fatto e non hanno nemmeno dovuto comprare una casa per farlo".

Ho chiesto: "Allora quanti uomini hai scopato nell'ultimo anno?"

La mamma rise e disse: "Cosa ti fa pensare che fossero tutti uomini?"

Ho guardato mentre la mamma tirava giù le coperte, si infilava tra le gambe del suo capo e fissava il mio pasticcio.

Ho pensato di scopare mia madre, ma ho deciso che avevo già le mani occupate con una donna.


Fine
Ha perso una scommessa con mia madre
584

Storie simili

Scuola estiva parte 8

Parte 8 - Cindy e Daryl Progress Cindy stava quasi tremando che era così entusiasta di raccontare a Daryl della sua conversazione con sua madre. Merda, ora stava prendendo la pillola! L'appuntamento dal suo dottore consisteva in una rapida occhiata e sensazione delle sue tette e della sua vagina e lei stava prendendo la pillola! Ora sarebbe stata al sicuro dalla gravidanza e Daryl avrebbe potuto girare le sue cose ovunque volesse. Sarebbe davvero felice. Daryl nel frattempo era altrettanto eccitato. Anche se provava un imbarazzo persistente da parte di sua madre che lo vedeva sborrare, specialmente sulla sua stessa faccia...

802 I più visti

Likes 0

C'è un lupo nell'ovile...

*la Saggistica* Era il primo giorno di lezione. Non ero nervoso; è una scuola tecnica per secchioni, quindi mi sono sentito a mio agio. Mi chiamo TK e NON ero in alcun modo preparato per le lezioni questo semestre... certo ho studiato e superato la classe, ma ho fallito il test più importante.... Nella mia seconda lezione ho visto questo tizio dall'aspetto alto, come se gli fosse sbattuto addosso non si preoccupava affatto della sua esistenza... poi dopo averlo superato di tanto in tanto gli ho dato un'occhiata per vedere da cosa mi ero appena allontanato. ...uomo Se non ero innamorato...

362 I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

322 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

329 I più visti

Likes 0

I ragazzi ricchi amano 17

Ho deciso di scrivere il resto della mia storia, ma tieni presente che la mia storia non riguarda solo il sesso dicendo che questa parte contiene sesso e tra la persona che ha scritto quel commento dicendo che mi impersona e harvey quando si masturba il tuo schifo! Quando io e Harvey ci siamo trovati di fronte alla classe, abbiamo ascoltato per circa 20 minuti, poi Harvey ha picchiettato sulla sua scrivania per attirare la mia attenzione. l'ho guardato e lui si stava massaggiando i jeans ho allungato la testa e ho sussurrato hai bisogno di aiuto con quello? harvey ha...

221 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

1.2K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

1.2K I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

1.2K I più visti

Likes 0

La mia famiglia 7 riscrive

La mia famiglia 7 Riscrivi. La mattina seguente lasciammo la casa di mia zia Jenny verso le dieci. Mi ha lasciato guidare così da potermi succhiare il cazzo lungo la strada. Mi ha detto che le sarei mancata e sperava che sarei venuta a trovarla durante le vacanze di Natale e che avrei portato Ester. Vorrei mangiare di nuovo la sua bella figa. Le assicurai che ci avrei provato, almeno per tre o quattro giorni. Quando siamo passati davanti a uno dei grossi semirimorchi mentre mi stava facendo un pompino, il ragazzo è quasi uscito di strada cercando di guardare. Quando...

943 I più visti

Likes 0

Divertimento estivo prima parte

Vorrei compiere 12 anni il nostro ultimo giorno prima delle vacanze estive. Non vedevo l'ora di passare molto tempo nel nostro ranch e godermi le dolci colline e le pigre giornate estive con la mia nuova amica Janet. Janet ed io ci eravamo conosciuti l'ultima settimana di scuola. Abbiamo colpito se fuori subito. Era una bellissima bionda, alta 5 piedi e 4 pollici con un corpo che non voleva mollare. Avevo scoperto che guardare altre ragazze stava davvero iniziando a eccitarmi e ho pensato che sarebbe stata quella persona speciale in cui potevo davvero entrare. Avevamo trascorso alcune notti a casa...

992 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.