Ha perso una scommessa con mia madre

1.1KReport
Ha perso una scommessa con mia madre

Storia di Fbailey numero 584


Ha perso una scommessa con mia madre


Ero seduto nella mia camera da letto a giocare al computer quando ho sentito bussare piano alla mia porta. Ho detto: "Entra". Entrò una donna molto attraente che indossava un tailleur con una bella gonna.

Disse: “Ho perso una scommessa con tua madre. Ho bisogno che tu venga dentro di me così posso permettere a tua madre di ispezionarmi e finire questa scommessa.

La guardai mentre si alzava la gonna e si sedeva sul bordo del mio letto. Disse: “Vieni qui giovanotto e facciamola finita il più velocemente possibile. Ho cose da fare."

L'ho guardata mentre sedeva lì a fissarmi. Ho detto: "Ma sono vergine".

Lei ha risposto: “Lo so. Ecco perché tua madre mi ha mandato qui da te. Ora cominciamo.

Ho sorriso e ho detto: “Allora togliti i vestiti. Non ho mai visto una ragazza nuda prima d'ora.

Rabbrividì e disse: “Giovanotto, il tuo inglese è atroce. Non dovresti mai usare la parola non è e io non sono una ragazza, sono una donna adulta, una signora in effetti.

Ho risposto: "E io sono un ragazzo vergine di quattordici anni arrapato che non ha mai visto una donna nuda prima".

Ci ha pensato per un momento e ha detto: “Oh! Va bene, hai vinto.

La guardai mentre mi toglieva la sedia da sotto e mi spostava sul letto per sedermi. Poi si sbottonò e si tolse il cappotto della suite prima di appenderlo ordinatamente sullo schienale della mia sedia. Indossava una camicetta bianca di seta che potevo vedere attraverso. Indossava un reggiseno di pizzo bianco molto sexy. Era molto più bello di quello che indossa mia madre. Si aprì la cerniera della gonna e se la fece scivolare giù per le gambe. Se lo tolse dalle caviglie e lo ripiegò con cura per sdraiarsi sulla mia sedia. Si tolse i tacchi alti e li mise uno accanto all'altro davanti alla mia sedia.

Ho chiesto: "Cos'è quello". Poi le ho indicato la vita.

Lei ha risposto: “È un girovita. Lo indosso per migliorare la mia figura. Gli uomini apprezzano una donna con una figura a clessidra.

Poi si allungò indietro e sganciò una dozzina di piccoli ganci come la mamma ha sul suo reggiseno. Il chincher è stato messo sulla sua gonna e poi ha sganciato il reggiseno da dietro.

Quando l'ha tirato fuori ho praticamente gridato: "Hai le tette piccole".

È arrossita per la prima volta e ha risposto: "Giovanotto, ho il seno piccolo come tutte le donne della mia famiglia".

Ho detto: “Ma il tuo reggiseno è così grande. Non capisco perché.

Lei ha risposto: “I miei seni sono leggermente più piccoli di una coppa A e ho scoperto che una coppa C rende i miei abiti molto più belli. I miei reggiseni imbottiti fanno la differenza.

Quindi si abbassò le mutandine, ne uscì e le mise sugli altri suoi vestiti. Poi si è messa davanti a me nuda. "Va bene, sono nudo, ora possiamo andare avanti?"

Ho chiesto: "Le ragazze non dovrebbero avere i peli sulla fica?"

Di nuovo arrossì e rispose: “Ancora con il no. Sì, le donne hanno i peli pubici. Scelgo di raderlo.

Ho chiesto: "Perché?"

Lei rispose: “Perché ho scoperto che agli uomini piace quella ragazzina, quindi glielo do. Ho anche scoperto che gli uomini danno a una donna sesso orale se non deve sputare peli pubici mentre lo fa.

Ho chiesto: "Cos'è il sesso orale?"

Lei arrossì e disse: "Si sta trasformando in una lezione di anatomia?"

Ho chiesto: "Cos'è una lezione di anatomia?"

Lei rispose: “Va bene, va bene, hai vinto. Parlerò del sesso con te. Qualsiasi cosa per velocizzare tutto questo.

Ha detto: “Il sesso orale è quando un uomo se la prende con una donna. Prima che tu lo chieda, lecca questo. Poi ha indicato la fessura della sua figa.

Ho detto: "Va bene, voglio farlo".

In un certo senso sbuffò, ma salì sul mio letto e si sdraiò nel mezzo. Mi ha posizionato tra le sue gambe e poi mi ha abbassato la testa sul suo inguine. Ha sottolineato il suo tumulo pubico, le sue labbra esterne e interne, la sua vagina e il clitoride. Mi ha detto di leccarle il clitoride se volevo farle sesso orale.

Ha tenuto aperte le labbra della sua figa per me, ho allungato la mano sotto le sue gambe per trattenerla, e poi ho immerso la testa nel suo inguine. Gli ho dato un paio di leccate e ho deciso che mi piaceva. Poi ho iniziato a digrignare i denti lungo quella minuscola sporgenza facendola impazzire. Quando ha allungato la mano verso la mia testa ho pensato che stesse per spingermi via ma invece mi ha tenuto stretto contro il suo inguine. Lei gemette e gemette e poi mi respinse dicendo: “Non posso sopportare altri orgasmi, tre è più di quanto abbia mai avuto prima. In effetti nessun uomo me ne ha mai regalato uno prima d'ora. Spinsi di nuovo la mia faccia nella sua figa e ricominciai a sbattere i denti sulla sua clitoride. È svenuta dopo altri due orgasmi.

Mentre giaceva lì, ricordo di aver sentito gli altri ragazzi parlare di pompini, quindi mi sono avvicinato alla sua faccia e le ho infilato il cazzo in bocca. Non appena il mio cazzo è entrato nella sua bocca bagnata sono esploso. Ha imbavagliato, tossito e gridato: “Piccolo bastardo mi sei venuto in bocca. Doveva entrare nella mia vagina. Ora cosa farò?"

Ho risposto: "Posso venire nella tua fica se anche tu mi vuoi".

Ha detto: “È la mia vagina o la mia figa se devi usare quella parola, ma non è la mia fica. Capisci?" Poi ha pensato a quello che avevo detto e mi ha chiesto: “Puoi eiaculare più di una volta al giorno? Quante volte al giorno puoi farlo?

Ho sorriso e ho detto: “Una dozzina di volte. Sono una quattordicenne molto arrapata.»

Ha sorriso per la prima volta e ha detto: "Non ho mai fatto sesso con un adolescente prima, nemmeno quando ero adolescente".

Ho chiesto: "Quando hai perso la verginità?"

Lei rispose: "Io avevo dodici anni e lui quarantadue".

Ho chiesto: "Era tuo padre?"

Ha detto: “No, è stato l'uomo che ha riparato la nostra lavatrice. Mia madre non aveva i soldi per pagarlo e si è offerta di farsi scopare da lui. Mia madre era una donna rozza. Invece mi voleva e mi ha preso. Stava pensando e poi ha aggiunto: "È venuto qui per sistemare cose che non erano nemmeno rotte solo per poter fare sesso con me". Rifletté su ciò che aveva detto e chiese: “Possiamo tornare al lavoro? Ho bisogno del tuo sperma nella mia figa. Allora tua madre mi tasterà, troverà il casino lì dentro e accetterà che ho rispettato la mia parte dell'accordo.

Ho detto: “Non così in fretta. Voglio saperne di più e voglio venire dentro di te più di una volta.

Lei arrossì e disse: “Va bene. Questo anello attorno al mio capezzolo si chiama areola. Se mi succhi il capezzolo bagnando la mia areola, allora puoi soffiarci sopra e si incresperà. Se riesci a raggiungere la mia figa abbastanza lontano puoi trovare il mio punto G. Questo farà impazzire una donna.

Ho chiesto: "Ancora più di quello che ho fatto al tuo clitoride?"

Lei arrossì e disse: "Forse dovremmo provarci". Ha trovato del lubrificante nella borsetta e mi ha unto la mano e la sua vagina. Con un po' di sforzo ho messo la mia mano dentro di lei e ho usato le nocche per strofinare l'interno del suo tumulo pubico. È impazzita e non c'era assolutamente niente che potesse fare neanche lei al riguardo. Non riusciva a tirarmi fuori la mano oa spingerla ancora di più. Si è dimenata sul mio letto cercando disperatamente di rimuoverlo da dentro di lei, ma senza successo. L'ho strofinata attraverso otto orgasmi finché non è riuscita a muovere un altro muscolo. L'avevo prosciugata di tutta la sua energia. Abbiamo fatto un pisolino con la mia mano ancora dentro di lei.

La mamma è arrivata un'ora dopo e ci ha scosso per svegliarci. La mamma ha chiesto: "Voi due avete già finito?"

La signora rispose: “No! Non mi è ancora venuto nella figa.

La mamma ha detto: “Va bene. In tal caso preparo qualcosa per la cena e tu sei il benvenuto a passare la notte nel suo letto.

La donna chiese: "Ci vorrà tutta la notte?"

La mamma ha risposto: “Se assomiglia a suo padre… allora sì. Diavolo, potrei trovare sei o sette carichi del suo sperma in te per allora. Ricorda... non pulire, ho bisogno di toccarti prima."

Quando la mamma se n'è andata ho ricominciato a massaggiarle il punto G. Quella volta ero molto più gentile. Poi ho chiesto: "Che scommessa hai perso?"

La donna rise e disse: “Da circa un anno io e tua madre scommettiamo su chi riuscirà a vendere più case in un mese. Vinco sempre io e tua madre deve farsi scopare dai miei clienti. Questo mese ho perso e ti ho preso.

Ho chiesto: "Allora quanti clienti ha scopato mia madre nell'ultimo anno?"

La donna rispose: "Finalmente conta... trentasette".

Ho chiesto: "Dove e come?"

La donna disse: “Beh, dato che sono il suo capo, ho un ufficio privato. Si spoglia e io faccio entrare il cliente.

Ho detto: "L'hai fatta spogliare ma hai resistito a spogliarti per me".

Lei arrossì e disse: “Ma tua madre non sono io. È abituata a essere nuda e scopare estranei.

Ho detto: "Solo perché glielo hai fatto fare".

Lei mi ha guardato e ha risposto: “Ascolta giovanotto, tua madre è appena sopra l'essere una puttana. Amava ogni cazzo che entrava nella sua fica.

Non potevo credere che questa donna sofisticata si fosse abbassata al mio livello. Poteva giurare con i migliori di loro.

Ho fatto rotolare le nocche nella sua figa e ho detto: "Voglio scoparti il ​​culo dopo".

Lei arrossì e rispose: “Va bene se devi. Almeno il tuo cazzo è relativamente piccolo. Il mio riparatore di lavatrici no. Lo ha fatto solo una volta però. Mia madre non avrebbe permesso che me lo facesse di nuovo. Così ha iniziato a incularla. Dopo di che abbiamo un nuovo riparatore.

Ho passato l'intera notte a scoparmela. L'ho infilato nel suo culo, nella sua figa e nella sua bocca. Quando venne il mattino, la mamma entrò nella mia stanza e raggiunse sotto le coperte. Ha infilato tre dita nella figa del suo capo ed è uscita con una mano sciatta. La mamma ha detto: “Va bene, la tua scommessa è pagata. Puoi andartene quando vuoi anche tu.

La donna ha chiesto: “E se non volessi andarmene? E se volessi dormire con tuo figlio ogni notte? È proprio un giovanotto.

La mamma ha detto: “Sì, lo è. Ok, puoi trasferirti da noi, ma io voglio comunque scopare i tuoi clienti oltre che i miei.»

Ho chiesto: "Mamma, ti sei fottuto anche i tuoi stessi clienti?"

La mamma ha sorriso e ha detto: "Sì, l'ho fatto e non hanno nemmeno dovuto comprare una casa per farlo".

Ho chiesto: "Allora quanti uomini hai scopato nell'ultimo anno?"

La mamma rise e disse: "Cosa ti fa pensare che fossero tutti uomini?"

Ho guardato mentre la mamma tirava giù le coperte, si infilava tra le gambe del suo capo e fissava il mio pasticcio.

Ho pensato di scopare mia madre, ma ho deciso che avevo già le mani occupate con una donna.


Fine
Ha perso una scommessa con mia madre
584

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

412 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

2K I più visti

Likes 0

Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare. Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come...

1.5K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1.1K I più visti

Likes 0

Futa nuda a scuola 08 - Futa birichina Bake Sale 2: Leann vende torte Futa

Futa nuda a scuola - La birichina Futa Bake Sale Capitolo due: Leann's vende torte Futa Di miopenname3000 Diritto d'autore 2019 La settimana di Leann Winthrop, sabato Ecco fatto, dolcezza, fece le fusa Skylar, uno dei bidelli futa. Le sue trecce bionde si riversavano sul suo viso giovanile. Rimasi senza fiato mentre mi stringeva il culo nudo. Il mio cazzo di futa pulsava mentre ricordavo il giorno prima, quando Ji-Min e io avevamo saziato i bidelli di futa con i nostri corpi. Avevano preso la ciliegia della mia figa mentre io gli succhiavo i cazzi e li prendevo nella mia fica...

767 I più visti

Likes 0

La prima volta di Ernie

La prima volta di Ernie. Ero un ragazzino di 13 anni e adoravo andare al venerdì sera Film, mi sedevo di sopra. proprio dietro, vicino a dove si trovava l'uomo gestivano i film, quella sera non c'erano molti al cinema e io ero seduto da solo, quando le luci si spensero un uomo di circa 20 anni si sedette accanto a me, pensai che fosse strano dato che c'erano molti posti liberi mentre si avvicinava e si sedeva accanto a me. Dopo un po' ha aperto un sacchetto di lecca-lecca e mi ha chiesto se ne volevo uno, “grazie” ho risposto...

638 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.