Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

1.7KReport
Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Judy teneva gli occhi correttamente bassi mentre sedevamo al tavolo della mia cucina a bere il caffè. Rachel e Reese erano entrambe a un incontro di Narcotici Anonimi. Joey li aveva guidati. Judy aveva un colletto intorno al collo, stivali con il tacco alto e un plug anale di tre pollici di diametro conficcato saldamente nel suo retto.

«Non sono sicuro di come mi sento al riguardo, Judy» dissi.

“Anche io sono un po' confuso al riguardo. Ma sapendo cosa ha fatto Tory per ferire le mie ragazze, non voglio più essere responsabile. Mi sento come se li avessi traditi".

“Ma sottomettendosi a Rachele come sua schiava; sei sicuro che sia così che vuoi riparare? Ho chiesto.

“Non è solo questo. Quando Rachel mi ha detto come l'hai iniziata... non riuscivo a togliermi quelle immagini dalla mente. Avrei dovuto capire che Tory lo stava ottenendo da qualche parte. Non mi aveva toccato negli ultimi sette anni". Le lacrime scorrevano nei suoi occhi azzurri. lo spirito vagò in cucina. Indossava ancora meno vestiti di Judy. viveva con noi da quando Lorne mi aveva venduto a Tory. I miei avvocati stavano per procurarsi la sua proprietà, ora che era morto e sepolto da qualche parte nel deserto canadese.

lo sprite abbracciò Judy. "Semplicemente non voglio più responsabilità". Judy si lamentò.

«Judy, ho promesso a Rachel che l'avrei sposata», dissi.

"Lo so. Ti ama davvero, lo sai?"

Sorrisi e sorseggiai il mio caffè. Proprio in quel momento, Joey e le ragazze tornarono. Reese indossava il suo grigio goth, con un pesante eyeliner nero e capelli a spillo. Rachel indossava un semplice sarong verde e una maglietta dei Green Day. Avevano preso un paio di pizze per pranzo.

“Joey, voglio parlarti,” dissi mentre baciavo Rachel leggermente sulle sue labbra, suscitando quel sorriso leggendario che non mancava mai di scaldarmi il cuore.

“Certo,” disse Joey, porgendo la sua pizza a Reese. L'ho portato di sotto nel nuovo dungeon. Avevamo fatto degli abbellimenti, visto che ora avevamo un'intera famiglia di pelle, e non sarebbe stato più solo un allenamento uno contro uno.

"Rachel dice che vuoi addestrare Reese."

Joey ha giocato con una pagaia. "Sì…"

"E Rachel deve addestrare sua madre..." Ho affermato l'ovvio.

Lui annuì. "Come inseriamo lo sprite in questa dinamica?" ho chiesto. Joey scrollò le spalle.

"Immagino che la consideriamo una merce condivisa?" Egli ha detto.

"In realtà, ho un acquirente per lei", dissi. "L'ex proprietario di Loreena sta cercando un nuovo schiavo."

"Gliel'hai chiesto?" chiese Joey, sapendo benissimo che con Lorne fuori dai giochi, lo sprite era ora tecnicamente libero.

«Vai a prenderla», dissi.

lo sprite sembrava nervoso mentre scendeva nella prigione; aveva un po' di salsa per pizza sul labbro inferiore. Ho allungato una mano, l'ho pulito con il pollice e l'ho leccato via.

“Maestro J,” disse, assumendo la posizione.

“sprit; c'è qualcuno interessato a comprarti,” annunciai.

«Questo umile schiavo farà qualunque cosa tu dica, padrone», disse.

“Questo è il problema, sprite. Il tuo padrone è morto. Tecnicamente sei libero". L'ho informata. ha pianto.

"Non voglio essere libero." sussurrò a malapena.

"Va bene, allora, ma suppongo che dovresti scegliere chi ti possiede", le dissi. Guardò da me, a Joey.

“Voglio restare qui,” disse, sussurrando di nuovo, ma notai anche che si avvicinò a Joey.

“Che ne dici, Joey, tu usi lo sprite per addestrare Reese e io continuerò ad addestrare Rachel e Judy. Abdul dovrà solo raffreddare i suoi jet per un po'.

"Sembra un piano", ha detto Joey.

lo sprite sembrava soddisfatto. Ci siamo diretti al piano di sopra per mangiare.

Passarono tre settimane. Non avevo ancora preso la verginità di Rachel e Joey stava salvando anche la verginità di sua nipote. Abbiamo organizzato un matrimonio in giardino che sarebbe culminato con la deflorazione di Rachel davanti a un pubblico. Joey ed io abbiamo portato le ragazze da Oscar e Son per farle vestire per i festeggiamenti imminenti.

Il figlio di Oscar, Oliver, si era preso l'influenza, quindi durante quel viaggio non c'è stata nessuna scopata puberale. Reese ha scelto un vestito di pizzo nero molto birichino che era un po' trasparente con la giusta illuminazione. Ovviamente, dato che saremmo stati fuori per il matrimonio, tutti avrebbero dato una bella occhiata al suo seno ben modellato, alla sua bella figa e al suo bel culo.

Rachel decise che Judy poteva indossare stivali di pelle, cintura e colletto, ma nient'altro. lo sprite sarebbe anche vestito in minima parte per la festa. Rachel, invece, ha scelto un abito da sposa firmato da seimila dollari. Sembrava un corsetto con uno strascico a balze, ed era fuori dalla spalla. Sembrava semplicemente elegante. Ovviamente avevo già un abito da sera, quindi non avevo bisogno di procurarmi uno smoking, ma Joey sì.

Ci siamo fermati dai ristoratori sulla via del ritorno, scegliendo un menu da diecimila dollari che andava dalla gamma dei gourmet. Quando siamo tornati a casa, tutti erano piuttosto esausti. Judy e sprite hanno preparato una cena semplice e l'hanno servita nudi. Joey aveva smesso di affittare il suo appartamento e si era trasferito da me. Avevamo deciso di vendere la casa di Judy e mettere da parte i soldi per i pensionamenti di Judy e Reese, dato che non sarebbero mai stati venduti all'asta.

Il giorno del matrimonio è arrivato ed è stato tutto quello che speravamo. Il sole splendeva, i ristoratori arrivavano presto e l'orchestra era a posto. Naturalmente, tutti quelli che avevamo assunto erano stati informati sulla natura della nostra relazione. Arrivarono una cinquantina di miei amici, tutti coinvolti nel mondo dei padroni/schiavi, e c'era più carne da guardare di quanta ne avrebbe potuto offrire Hugh Hefner.

Avevamo assunto un giudice di pace, sono abbastanza sicuro che anche il predicatore più progressista non vorrebbe assistere alla sua coppia appena sposata che si accoppiava lì davanti alla congregazione. Lo champagne scorreva, la musica suonava e tutto andava bene per il mondo.

Il sangue mi scorreva in testa e sentivo a malapena il giudice eseguire la cerimonia. Non solo avevo comprato a Rachel un anello in platino con diamanti da diecimila dollari, ma anche un colletto tempestato di diamanti. L'anello è andato avanti per primo, e poi ho chiuso solennemente il colletto al suo posto. Il giudice ha poi detto; "Puoi baciare la sposa." Mi sono avvicinato e ho fissato gli occhi con l'amore della mia vita. Rachel aprì la bocca sulla mia lingua indagatrice mentre ci abbracciavamo appassionatamente.

Poi, come avevamo concordato in precedenza, Judy si è fatta avanti e ha aiutato Rachel a togliersi il vestito. Non indossava biancheria intima e se ne andò con i tacchi alti. Tutti hanno applaudito il suo corpo meraviglioso. Arrossì quando si inginocchiò davanti a me e ripescò il mio cazzo dai pantaloni. Poi ha iniziato a leccare amorevolmente l'asta del mio cazzo finché non sono diventato duro come una roccia. Mentre lo faceva, mi tolsi la giacca e la camicia.

Avevamo sistemato un piccolo altare lì, e io le presi la mano e l'aiutai a montarlo. Delicatamente, con attenzione, ho messo la testa del mio cazzo contro la sua vagina verginale. Il suo imene le ha stretto la figa. Si morse il labbro inferiore, chiuse gli occhi e annuì, prendendo le mie mani nelle sue. Mi spinsi delicatamente in avanti finché non fui profondamente dentro di lei. Guardai in basso per vedere un rivolo di sangue sulla tela bianca dell'altare. Si è dondolata contro di me e siamo caduti in un ritmo gentile. Sembrava che ogni suono nel mio giardino fosse morto. Eravamo solo io e Rachel e il calore meraviglioso tra noi due.

Mi chinai, premendo il mio corpo contro il suo, e ci baciammo profondamente. Le spinte di Rachel si fecero più insistenti. Non avrebbe lasciato che il mio cazzo scivolasse fuori da lei per più di metà prima di tirarmi indietro, ancora e ancora.

"Sborrami dentro", sussurrò con urgenza. Con questo, ho iniziato a spingerla dentro di lei sempre più forte. Si è lamentata, ha gridato e proprio mentre il mio orgasmo ha raggiunto un crescendo, ha urlato... "Riempimi di CUMMMM!!!!"

E così ho fatto. Ci siamo tenuti l'un l'altro per alcuni minuti, uscendo dai nostri orgasmi simultanei. Improvvisamente, la congregazione è esplosa in applausi.

Mentre ci separavamo, mi chinai e le baciai leggermente il clitoride.

“Ti amo,” sussurrò, ancora persa nella sua beatitudine.

"Ti amo anch'io", sussurrai di rimando. Judy era lì con un asciugamano caldo per tamponare l'imene recentemente strappato di sua figlia. Sorrisi alla mia bella sposa, la mia schiava di talento. Poi l'ho aiutata ad alzarsi dall'altare e Judy l'ha aiutata a rimettersi l'abito da sposa.

"Grazie, Maestro", disse.

"Prego, banshee." dissi, e fui ricompensato con quel sorriso brevettato.

Riesco a vedere quel sorriso ogni giorno, ora. E non manca mai di riempirmi del senso di essere così fortunato; dopotutto, non capita tutti i giorni che uno Schiavista realizzi il suo desiderio.

FINE

Storie simili

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

2.2K I più visti

Likes 0

Rachel scopa la coppia

Rachel scopa la coppia Un giorno, sono andato a una festa a casa di amici dove una giovane testa rossa che ballava ha attirato la mia attenzione; vederla ballare mi ha eccitato. Mi sono avvicinato a lei e ho iniziato a ballare anche io, presto stavamo ballando insieme. Dopo aver ballato per un po', ci siamo seduti e abbiamo iniziato a parlare. Mi sono presentata come Rachel, mi ha detto che si chiamava Jennifer. Dopo un po' di conversazione Jennifer e io abbiamo notato che la festa stava finendo e la gente se ne andava. Jennifer ha chiesto se può avere...

1.3K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

1.1K I più visti

Likes 0

Un giorno mai dimenticato - Parte 1

NOTA: suppongo che potresti chiamare questa storia stupro. Non era molto, ma mi ha colpito più di qualsiasi altra cosa abbia mai fatto prima. Sì, questo è successo davvero a me. Continua a leggere, per favore. Non c'è molta sessualità nella parte 1, ma nelle parti 2 + 3 C'È MOLTA. Non avevo idea di cosa mi aspettasse perché ho disobbedito ai desideri di mio padre e ho lasciato lo zaino della roulotte quando era al lavoro. Non lo saprà mai... pensai innocentemente mentre facevo un'impennata in aria sulla mia bicicletta Felt marrone scuro. Accanto a me c'erano tre dei miei...

1.1K I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

758 I più visti

Likes 0

Rose, la mamma da sola

Rosa Nei giorni successivi ho ricevuto messaggi dai gemelli. Helen mi voleva più di ogni altra cosa ed era disposta a incontrarmi ovunque per mostrarmelo. Rose mi ha inviato un messaggio chiedendomi di incontrarci e parlare prima di incontrare una o entrambe le sue figlie. Il suo secondo messaggio mi invitava a incontrarla. Mi è stato appena dato un indirizzo e un'ora. Quindi quando sono arrivato sono rimasto sorpreso di trovarmi di fronte a una sala massaggi. Mentre varcavo la porta una giovane e carina donna ispanica mi ha salutato e mi ha chiesto che tipo di piacere volevo. Sono Mike...

261 I più visti

Likes 0

Camera Vergine

Questa è la terza storia che scrivo per questo sito e ancora una volta mi scuso se ci sono errori di ortografia o grammaticali o qualsiasi altro errore. Mi piace molto il feedback e se vuoi sottolineare eventuali errori fallo in modo costruttivo, non rispondo bene alle persone che criticano la mia punteggiatura quando il loro messaggio è scritto tutto maiuscolo o simili. Tieni presente che questa storia è completamente vera con una piccolissima quantità di abbellimenti per mantenere la storia in corso, quindi non pubblicare post dicendo che non potrebbe mai essere vero, perché lo è. Sono uscito con questa...

263 I più visti

Likes 0

Giochi per computer_(1)

Mandy Wilson sedeva tristemente sul sedile del passeggero mentre l'auto di sua madre Carol seguiva il grande camion di trasloco fuori Londra. Oh per l'amor del cielo, rallegrati, esalò la donna più anziana. Mandy, andiamo e questo è tutto. Le parole fecero semplicemente crollare Mandy sul sedile e incrociare le braccia ancora più strettamente sul petto sinuoso finché non le fece male. A volte puoi essere un bambino così piccolo, osservò Carol. Mandy rispose con il consueto ringhio di frustrazione e impotenza. Il motivo del suo umore cupo era stato messo in moto sei mesi prima quando, del tutto all'improvviso, sua...

286 I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Esperienza sessuale con la madre del mio amico 2

Vibratore tecno coniglio. Esperienza sessuale con la madre del mio amico -2 “Se ce ne sono più di uno, c'è un modo che devi fare per deviarli completamente in modo che io possa avere la possibilità di distruggere i dati. Le ho detto. Lei ha risposto che cosa devo fare? Devi provocarli per una penetrazione multipla, in modo che siano impegnati a fotterti senza sapere cosa sta succedendo intorno a loro “Ooooooh! No. Non posso farlo, non posso resistere ai loro fottuti cazzi che entrano in me alla volta, rispose in aggressività. “Se non puoi farlo, allora non posso aiutarti. ...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.