C'era una volta la figlia incinta di papà, parte 1

285Report
C'era una volta la figlia incinta di papà, parte 1

Le notti trascorse qui aspettando che arrivasse stanno diventando sempre più difficili da sopportare. La morbidezza della sua pelle e il calore del suo tocco creano dipendenza come una droga narcotica. Sono stato sottomesso da lei molte volte ma, per molte ragioni, non ne ho mai abbastanza.
************************************************** *
Sono un uomo semplice, falegname di mestiere. Sono specializzato nella realizzazione di mobili e soprattutto di letti. Non avrei mai pensato che il giorno in cui avrei consegnato un letto in particolare sarei stato così grato per i frutti del mio lavoro.
Mi sono fermato davanti alla casa di 7777 Lucky Lane, un indirizzo a dir poco interessante. Mi chiedevo se la fortuna fosse capitata a vivere qui mentre suonavo il campanello. Quando la porta si è aperta sono stato felice di vedere che avevo vinto il jackpot. In piedi davanti a me c'era una bellissima bionda dai grossi seni che sembrava avere un certo splendore in lei. Il suo corpo sinuoso e sexy era lì sulla soglia e l'ho sentita a malapena salutarla mentre la bevevo.
Cercando di ricompormi sono riuscito a pronunciare: "Ciao, ummm.... sono Jack, il proprietario di Jack's Woodworks".
Lei sorrise e arrossì perché poteva dire che stava avendo un effetto su di me. Flirtando ha detto: "Ciao! Sono Amy. Sei in anticipo! Sono un disastro e stavo pensando di fare pulizia prima che tu arrivassi".
"Oh, mi dispiace. Ero in zona per un'altra consegna e ho pensato di poterti sorprendere con il mio lavoro finito." L'ho detto imbarazzato perché non avevo tenuto conto del suo programma. Questo è stato molto poco professionale da parte mia.
"Beh... ho bisogno di farmi una doccia prima di poter avere compagnia, ma potresti entrare e prenderti una pausa dal sole cocente." Era molto invitante e chi poteva dire di no a quel sorriso, per non parlare del tempo di 105 gradi che oggi era un assassino.
Lei sorrise e mi fece l'occhiolino mentre si voltava dirigendosi verso il soggiorno. Ho visto il suo bel bottino mentre camminava davanti a me. Era bianca, ma con un sedere che avrebbe fatto invidia a qualsiasi ragazza nera. Mi ha offerto un posto sul divano e mi ha consegnato una bottiglia di acqua ghiacciata. "Sono una persona molto fiduciosa e non mi dispiace lasciare gli estranei incustoditi in casa mia", ha detto Amy, ma potevo dire che i suoi pensieri erano su qualcosa che cominciava a vagare.
Essendo assetato quanto me, non è stata una sorpresa che ho bevuto l'acqua in un sorso. Ero molto eccitato da Amy e per fortuna indossavo una cintura degli attrezzi per nasconderlo. La sua casa era molto carina e ben tenuta. Aveva un evidente interesse per l'arte e a Jack piaceva perché la falegnameria è una forma d'arte.
Jack vagò per casa sua, cercando cose che potesse usare per avviare una conversazione con la bellissima Amy. Lasciò la stanza sul davanti e sentì il rumore lontano della doccia. Come avrebbe voluto poter sbirciare nel bagno, ma non osava. Entrò in alcune stanze e ne controllò il contenuto. Una stanza in particolare attirò la sua attenzione.
La camera degli ospiti in fondo al corridoio rispetto alla camera da letto principale era un po' in disordine. Le coperte erano scompigliate, come se qualcuno vi si fosse sdraiato, e la lampada sul tavolino era stata rovesciata.
Mentre Jack si avvicinava per sistemare il disordine, sentì le lenzuola, erano ancora calde. Amy doveva aver fatto un pisolino qui, o almeno così pensava. Quando sollevò la lampada notò qualcosa di luccicante nel cassetto del comodino. Jack aprì con curiosità il cassetto e trovò un vibratore di vetro al suo contenuto. Questo deve essere stato il motivo per cui aveva bisogno di ripulirsi e il fatto per cui sembrava un po' agitata dalla sua presenza. Jack pensò: 'Il bagliore! Era il bagliore che qualcuno prova dopo aver avuto un violento orgasmo!'
Jack portò lo strumento del piacere al naso e respirò il dolce profumo di questa bellissima donna. Era affascinato e sapeva che doveva avere questa donna nella sua vita. Da lontano si udì il rumore di una doccia che si chiudeva. Il nostro investigatore birichino ha capito che doveva tornare sul divano prima di essere scoperto.
Jack tornò al suo posto poco prima che Amy entrasse nella stanza. Questa ragazza era davvero a suo agio con tutto perché è entrata nella stanza indossando solo un asciugamano avvolto attorno al suo corpo caldo.
"Mi dispiace farti aspettare Jack. Quella doccia era così bella e non volevo davvero lasciarla". Era molto allettante nel suo asciugamano e Jack ovviamente pensò: "Beh, avresti dovuto invitarmi a entrare così avremmo potuto svuotare il tuo serbatoio dell'acqua calda, per non parlare del mio..."
"Allora.... Ora che ti sei riposato, penso che sia ora di portarti nel mio letto," gli sorrise e sobbalzò un po', con l'asciugamano che le risaliva sulle natiche, "Se non ti dispiace".
Non gli importava affatto mentre si alzava velocemente e si dirigeva fuori verso il suo camion per le consegne. Amy se ne andò in camera sua per mettersi dei vestiti, con il sedere esposto durante i salti e Jack si godeva la vista.
Amy tornò mentre l'uomo era al lavoro. Jack ha avuto il privilegio di essere accolto da questa donna sexy che indossava pantaloncini corti e una camicia scozzese abbottonata e annodata al centro, Jack è stato in grado di vedere il suo grazioso ombelico. Sembrava la figlia di un contadino e lui aveva un forcone nei pantaloni.
Amy ha cercato di aiutare Jack a portare il letto in casa, ma, sebbene sexy, non era la donna più forte della Terra. Mentre si chinava per sollevare il suo nuovo materasso California King, lasciò che Jack vedesse per la prima volta il suo seno ansimante. Due doppie D hanno quasi fatto inciampare Jack, ma è riuscito a sistemare l'intero letto in casa senza problemi. Il suo problema più grande era nascondere la sua erezione di otto pollici alla signorina Amy.
Con la sua missione quasi compiuta, tutto ciò che doveva fare era sistemare il letto ed essere a casa libero, o almeno così pensava. Colse qualche altra occhiata alla scollatura di Amy mentre sollevavano il materasso sul telaio del letto, e si chiese come una donna così minuta potesse avere uno scaffale così carino. Jack si stava preparando a fare le valigie e andarsene, ma Amy aveva altri piani.
"Jack?" Amy ha chiesto: "Quanto dovrei darti di mancia per i tuoi servizi?"
Non ci aveva pensato molto, quindi ha risposto: "Tutto ciò che pensi è giusto".
Amy ha colto questa come un'opportunità per ciò che sentiva fosse giusto dal momento in cui ha aperto la porta. Lei si mosse e lo baciò appassionatamente direttamente sulle labbra, sulla lingua e tutto il resto.
Dopo aver goduto di ciò che aveva desiderato per tutto il pomeriggio si allontanò da questa bellissima donna che gli si era lanciata addosso e cercò di decifrare una frase: "Bene..... Allora... E' quello che ti sembrava giusto... ?".
"Scusa... non potevo più resistere. Sei semplicemente un uomo troppo virile..." Lei arrossì mentre si allontanava tirandogli la maglietta da lavoro.
Jack era confuso adesso. Sicuramente trovava Amy sexy e gli sarebbe piaciuto stare con lei in tutti i sensi della parola, ma gli è sempre stato insegnato a non mescolare l'utile al dilettevole.
"Sai che sarebbe poco professionale da parte mia avere qualsiasi tipo di rapporto con te dato che facciamo affari", ha detto mentre lei continuava a flirtare con lui.
"Oh sciocco uomo sexy, i nostri affari sono finiti. Vedi, ho firmato i documenti proprio lì nella tua mano. L'unica lavorazione del legno che potrei desiderare in futuro è quella che hai nascosto sotto la cintura degli attrezzi". Sollevò la cintura degli attrezzi ed espose il rigonfiamento che aveva cominciato a pulsare a causa della sua vicinanza.
Jack afferrò Amy e la mise sul letto. Si imbarazzarono e iniziarono a pomiciare mentre erano sdraiati sul letto. Dato che Amy aveva fatto la prima mossa, un Jack arrapato ha deciso di infilare la mano sinistra sotto la sua maglietta, trovando il reggiseno. Raggiunse il suo seno vivace e lo accarezzò dolcemente.
Amy gemette forte come se questa fosse un'esperienza nuova di zecca per lei. Jack usò l'altra mano per sbottonarle i pantaloncini succinti. A questo punto Amy si tirò indietro ed era ovviamente nervosa.
Si abbottonò i pantaloncini: "Jack... devo dirti una cosa... sono un..."
********************************************
"Vergine?" Jack era confuso da questa scoperta e riusciva a malapena a credere a ciò che usciva da quelle dolci labbra che aveva appena mangiato come regalo pomeridiano.
"Sì! Ho promesso a mio padre che avrei aspettato finché non avessi trovato la persona giusta. Mi diceva sempre che c'erano troppi raccoglitori di ciliegie nei campi. Non ho mai capito cosa intendesse finché non sono cresciuta, ma ora sembra davvero cattivo ". Lei ridacchiò mentre le ultime parole lasciavano la sua bocca.
L'uomo che fino a qualche istante prima pensava di riceverne un po', ora stava cercando di convincersi del fatto che una volpe sexy come Amy avesse ancora la sua V-card. Si sedette e pensò alla situazione ancora per qualche istante.
Rompendo il suo silenzio, "Quindi quando dici ragazzo giusto, intendi tuo marito o semplicemente un ragazzo che ti piace davvero perché penso di soddisfare l'ultima qualifica".
"Vero, mi piaci davvero tanto e sinceramente ho dovuto giocare con me stesso sotto la doccia per un minuto per alleviare la tensione sessuale che mi hai causato nella figa".
Il cazzo di Jack si contrasse per quello che aveva appena sentito. Sapeva che la doccia era più lunga di quanto avrebbe dovuto essere.
"Che cosa vuol dire?" chiese, molto eccitato adesso.
"Penso che tu sia un ragazzo straordinario, molto bello e bravo con quelle mani grandi e forti. Potrei vedermi innamorarmi di un ragazzo come te, ma questo non significa che non ci vorrà tempo perché le cose si sviluppino", era molto affettuosa mentre diceva queste parole. Nel profondo, voleva che Jack fosse quello giusto e desiderava potersi connettere fisicamente con lui sul bellissimo letto che aveva costruito. Un giorno, sperava. "È una ragazza bellissima, che ovviamente vuole qualcosa di più di una semplice avventura a breve termine. Potrei avere una ragazza sexy e forse anche di più se lo volessi davvero", pensò profondamente e trovò il coraggio di chiedere ad Amy di uscire a mangiare una pizza. Per fortuna Amy era il suo ultimo appuntamento della giornata ed essere il capo aveva molti vantaggi, questo era uno dei migliori.
Mentre cenavamo, Amy stava flirtando con il suo dolce culetto. Iniziò a chiedere a Jack di se stesso e fu soddisfatta di ciò che sentì. Aveva 28 anni; alto un metro e ottanta, ha frequentato la scuola di falegnameria ma poi è tornato a scuola per conseguire la laurea in economia in modo da poter avviare la sua azienda. Amy ha anche scoperto che Jack aveva molto successo con la sua azienda e che aveva soldi. Ma questo non le importava.
Jack ha scoperto che Amy è cresciuta in una fattoria nell'Idaho. Suo padre era un coltivatore di patate e forniva centinaia di migliaia di patate all'anno alle aziende produttrici di patatine. Era la sua unica figlia femmina e lui le comprò tutto, compresa la casa in cui ora viveva in una piccola città del Colorado. Non era una mocciosa viziata e presuntuosa, però. Ha lavorato fianco a fianco con l'uomo che le aveva detto di aspettare la persona giusta.
Finirono la pizza e andarono in giro per la città. Amy ha chiesto: "A che ora devi andare a lavorare domani?"
Jack sapeva che sarebbe dovuto tornare a casa; "Ho una spedizione di legname in arrivo alle 3 del mattino".
"È troppo presto, mi dispiace di averti trattenuto", disse in tono di scusa.
"Preferirei perdere il sonno e passare del tempo con te piuttosto che riposarmi bene", Amy arrossì quando Jack glielo disse. Si rannicchiò sul suo braccio mentre lui continuava a guidare per i successivi 45 minuti circa.
Arrivarono al 7777 di Lucky Lane, e la notte stava per finire anche se nessuno dei due voleva che finisse. Si avvicinarono alla porta e Amy gettò le braccia al collo di Jack.
Si abbracciarono per cinque minuti buoni, dondolandosi avanti e indietro nel silenzio. Jack si sentì audace e decise di abbassare la testa e baciare Amy sulla fronte.
"Sai che segneresti più punti baciandomi le labbra che la fronte, vero?" lei gli sorrise e lui la attirò a sé e la baciò sulle labbra.
Jack apprezzò il bacio e, a giudicare dal sorriso sul volto della ragazza, sapeva che Amy era molto soddisfatta. "Allora... sto ancora aspettando quel suggerimento".
"Ecco il tuo consiglio, testa di culo insistente", Amy balzò in piedi e fece scivolare la punta della lingua nella bocca di Jack e continuò a lanciarla dentro e fuori mentre esplorava uno dei suoi nuovi posti preferiti.
"Ho un consiglio anche per te", disse Jack facendo un passo indietro per farle vedere la sua erezione sporgente.

Amy era combattuta su cosa avrebbe dovuto fare. Disse a Jack che avrebbe dovuto aspettare prima di darle la sua "mancia", e gli disse che sarebbe potuto venire domani dopo il lavoro. Si scambiarono i numeri e lei si sdraiò sul letto degli ospiti mandando messaggi al suo nuovo amico. Voleva dormire nel suo nuovo letto ma da quando Jack l'ha portata fuori a cena le lenzuola non sono mai state lavate.
Amy stava pensando a Jack e a quanto fosse attratta da lui. Era proprio il tipo di uomo con cui si era sempre vista e sapeva già che poteva essere la persona giusta.
Amy ora era nei guai, aveva un bell'uomo con cui stare, ma aveva una libido furiosa che bramava il piacere. Ripensando alla sua giornata si rese conto che aveva un modo per soddisfare i suoi bisogni. Frugando nel cassetto del comodino trovò quel vibratore di vetro lungo 12 pollici, non troppo malandato per una ragazza che non aveva mai sperimentato la cosa reale.
Amy ha deciso di concludere la sua giornata perfetta con il botto, quindi ha iniziato a spogliarsi. Spostò le mani sui bottoni della camicia. Slacciandoli lentamente ciascuno fino a raggiungere il fondo. Lasciando cadere la maglietta cominciò a strofinarle e pizzicarle i capezzoli finché non diventarono duri e vivaci. "Jack li adorerebbe" pensò mentre afferrava le sue grandi doppie D.
Amy slacciò il bottone dei pantaloncini e li lasciò cadere a terra. Indossava un perizoma rosa acceso che metteva in risalto le sue grandi guance da bottino. Era già così bagnata e si vedeva sulla zona inguinale del suo perizoma. Jack l'aveva fatta bagnare così tanto solo baciandola. Poteva solo immaginare cosa avrebbe potuto fare con le sue dita.
Amy si appoggiò sui cuscini contro la testiera. Allargando le gambe e iniziando a giocare con le labbra. Si massaggiò il clitoride per un minuto ed emise un forte gemito mentre il suo corpo iniziava a tremare di piacere. Prendendo il dildo fece scorrere la lingua lungo la sua asta. Amava il sapore della sua stessa figa e aveva la sensazione che anche Jack lo avrebbe fatto. Il suo dolce odore le faceva infuriare il sangue ed era ora di andare a lavorare.
Amy non voleva nemmeno mettersi il lubrificante perché era così bagnata. Il giorno dopo era l'ora dell'ovulazione, quindi non c'è da meravigliarsi perché fosse così arrapata oggi. Il dildo è stato posizionato all'apertura del suo buco stretto e Amy ha cominciato a scoparsi fino a perdere i sensi. Continuava a sbattersi la figa con quel lungo vibratore e si toccava il clitoride per doppia soddisfazione. Lei gemette e urlò chiamando Jack, e sapeva che voleva che il suo cazzo le arasse il buco e facesse sesso appassionato con lui ogni giorno.
Mentre Amy stava per raggiungere l'orgasmo, ricevette un messaggio di testo da Jack che diceva: "Ehi sexy, che stai facendo?"
Amy ha risposto: "Mi sto occupando di alcuni affari di cui non puoi ancora occuparti ".
Amy ha continuato a lavorare la sua figa. Jack impiegò un minuto per rispondere, ma lo fece tramite un messaggio multimediale. "Dato che non puoi ancora avere la cosa reale, forse questo ti aiuterà". Amy scorse verso il basso per trovare una foto dell'enorme cazzo eretto di Jack. Rosso e venato, con un'enorme testa a fungo.
Questo l'ha portata al limite e alla fine ha raggiunto il suo climax. Pizzicandosi i capezzoli e continuando a lavorare sul clitoride, ha vomitato un sacco di succo di figa calda e bagnata. La sua figa era gonfia a causa di tutto il sangue che l'aveva gonfiata per il suo orgasmo.
Decise che, visto che Jack era stato così gentile da mandarle una foto, avrebbe dovuto fare lo stesso per lui. Afferrando il telefono ha scattato una foto del suo vibratore mentre continuava a scoparsi la figa calda. Sapendo che a Jack sarebbe piaciuto, aggiunse un messaggio: "A proposito, ho capito che sarai l'uomo giusto. Papà vuole che mi sposi prima, quindi non pensare di sposarlo finché non ti sarai occupato di questo, ma dopo ti prenderai cura di tutto ciò che desideri.
****************************
'Matrimonio? Vuole sposarsi prima o poi?' Questo non era ciò che Jack aveva in mente oggi quando è sceso dal suo camion per consegnare il letto che aveva realizzato per Amy. Anche se sapeva che sarebbe stato molto felice con una ragazza come Amy, Jack non ne era ancora sicuro.
Era rimasto a lungo sul letto. Si rigirava e si rigirava, e ogni tanto dava un'occhiata alla foto cattiva che Amy gli aveva inviato. Desiderava ardentemente quella piccola figa calda e voleva così tanto sostituire quel vibratore con il suo enorme cazzo e darle più piacere dato che era grosso il doppio del vibratore.
Per quelle che sembravano ore Jack cercò di dormire e mentre pensava sempre di più ad Amy la sua mente si distraeva e cominciò a sognare:
Jack è arrivato al 777 di Lucky Lane dopo una lunga giornata di lavoro. Era affamato e stanco, ma sapeva che avrebbe voluto passare un po' da solo con Amy prima di dedicarsi a qualsiasi altra cosa. In piedi nel soggiorno Jack poteva sentire alcune risatine e lamenti provenire dalla camera da letto principale e sapeva esattamente dove fosse la sua donna sexy.
Entrando nella stanza Jack trovò Amy seduta contro la testiera del letto con le gambe divaricate. Indossava un grazioso capo di lingerie da baby-doll, materiale di taglio blu intenso con disegni di pizzo sulle coppe del seno. Jack abbassò lo sguardo e trovò Amy che giocava con il suo clitoride e si toccava il buchetto.
"Ciao tesoro! Scusa se ho iniziato senza di te. Sei arrivato un po' in ritardo rispetto a quanto avevamo inizialmente previsto, e sai come diventa la mia figa quando non ha ricevuto alcuna attenzione per alcune ore. Ho avuto quattro orgasmi mentre eri al lavoro" . Amy tubò e sorrise mentre continuava a lavorare sull'inguine.
Jack sapeva molto bene quanto la sua figa desiderasse attenzioni. Erano sposati solo da tre mesi e avevano già fatto sesso più di 400 volte. Se ha avuto quattro orgasmi mentre lui era al lavoro, significa che oggi ha raggiunto l'orgasmo cinque volte dato che gli ha già cavalcato il cazzo una volta prima del lavoro.
Jack cominciò a spogliarsi perché sapeva che il dovere chiamava. Togliendosi la maglietta e abbassando i pantaloni ha esposto un enorme cazzo da otto pollici. Era rotondo e denso di resistenza per adattarsi al suo aspetto.
"Quindi... Me lo infilerai dentro o devo mettermi in ginocchio e implorare?" chiese Amy e senza aspettare una risposta, prese il cazzo di Jack in bocca e cominciò a succhiarlo. Amy era una maniaca del sesso e sapeva fare uno dei migliori pompini che un ragazzo potesse chiedere. Gli aveva succhiato il cazzo sempre e ovunque, anche sotto la scrivania di Jack mentre stava sbrigando delle pratiche con un cliente.
Jack accarezzò i capelli di Amy e la spinse sulla schiena. L'avrebbe sbattuta dalla sponda del letto e gliel'avrebbe lasciata avere. Ne approfittò per infilarle il naso tra le gambe e annusare la sua dolce figa, niente di meglio nella sua mente. Jack sollevò le gambe di Amy e infilò il suo cazzo pulsante nell'apertura del suo buco.........
BIP! BIP! BIP! BIP! BIP!
Jack si svegliò con la rabbia mattutina e con la rabbia più totale. Era così incazzato che la sua sveglia lo svegliò proprio mentre stava per fare l'amore con la donna più sexy che avesse mai incontrato. Lanciare la sveglia attraverso la stanza lo fece sentire un po' meglio. Guardò il telefono e vide che Amy gli aveva mandato un messaggio.
Jack ha aperto il messaggio: "Ti penso e so che stai pensando a me". Amy aveva ragione in quello che diceva; l'uomo non riusciva a togliersela dalla mente e non pensava che fosse una brutta cosa.
Jack si spogliò per fare la doccia mattutina e sapeva che probabilmente avrebbe dovuto fare una doccia fredda visto quanto era arrapato. Jack aveva un bel corpo sotto tutti gli aspetti, era muscoloso e tonico nei punti giusti. Insieme all'intero pacchetto c'era anche una confezione da sei e Jack sapeva che tutto il suo allenamento sarebbe stato ripagato dal suo nuovo interesse.
Mentre Jack si faceva la doccia decise che aveva bisogno di un po' di sollievo. Iniziò ad accarezzare il suo lungo cazzo e a divertirsi con i pensieri di Amy e del sogno che aveva fatto. Immagini vivide del suo corpo caldo gli vennero in mente mentre scuoteva il suo membro e sapendo che stava per succhiare pensò di soffiarle lo sperma in gola come voleva nel sogno. Il suo cazzo si gonfiò e le sue palle ebbero spasmi mentre ne soffiava una quantità extra sulla parete della doccia.
Jack si preparò per andare al lavoro e non riuscì a scrollarsi di dosso i sentimenti che provava. Era disposto ad iniziare una relazione e a non fare sesso per molto tempo finché non si fossero sposati? Sapeva che voleva stare con Amy e che valeva la pena aspettare, soprattutto se la vera Amy era arrapata come la ragazza nel suo sogno.
Jack è arrivato al lavoro più tardi del previsto e la sua squadra stava già scaricando la legna dal camion. Indossava un sorriso che solo la gratificazione sessuale poteva dare. Anche se Jack non aveva ancora fatto sesso con Amy era felice dei suoi incontri con lei fino a quel momento.
Verso le 9 del mattino arrivò un messaggio sullo schermo del telefono di Jack. "Come hai dormito? Probabilmente non sei così comodo con quelle palline blu che hai ricevuto da me ." Amy stava giocando la carta della fidanzata provocante e sapeva che avrebbe suscitato una reazione da parte di Jack.
"Ho dormito benissimo, grazie. Ho sognato che stavamo per fare sesso e poi la mia sveglia ha suonato. Eri davvero cattivo comunque", rispose Jack. Voleva metterla alla prova e vedere cosa pensava del fatto che lui fosse molto schietto.
Passarono due ore senza alcuna risposta da parte di Amy. Jack si stava seriamente chiedendo se l'avesse spaventata o se lei non fosse più interessata a lui. Passarono altri 40 minuti finché il suo telefono non emise un segnale acustico.
"A proposito, ti sto dando l'opportunità di candidarti proprio adesso. Capisco se ti interessano solo avventure di una notte e non vuoi una vera relazione. Dipende da te, ma se non ti presenti a casa mia dopo il lavoro saprò qual è la tua risposta. P.S. - Non rispondere a questo messaggio. Voglio essere sorpresa e se ti presenti la suspense mi renderà ancora più attratta da te", Amy ha inviato questo sapendo pieno e sicuro che ora aveva il controllo del test.
Perplesso e confuso, Jack si sedette alla scrivania cercando di capire cosa fare. Sapeva che gli piaceva Amy più di una ragazza con cui avrebbe avuto solo un'avventura di una notte, ma mesi senza sesso gli facevano venire voglia di premere il gas e scappare come se non ci fosse un domani. Per il resto del pomeriggio Jack andò avanti e indietro sulla sua decisione.
Uscì dal lavoro all'orario regolare e, stranamente, la strada per casa di Amy e quella per casa sua erano separate da un bivio. Jack stava quasi per tornare a casa e decidere cosa fare del resto della sua vita, ma ha deciso invece di seguire il percorso verso la casa della sua nuova ragazza.
Jack arrivò al 777 Lucky Lane in pochissimo tempo. Quando scese dal camion guardò lo stipite della portiera. In piedi lì c'era Amy con le lacrime agli occhi. Non furono dette parole mentre Jack le si avvicinava per incontrarla. Si abbracciarono e si tennero a lungo. Sapendo che era la cosa giusta da fare, Jack le asciugò le lacrime dagli occhi e le diede un bacio.
"Non ero sicura se saresti venuto o no. Non molti ragazzi sarebbero disposti a rinunciare alla libera associazione per un impegno a lungo termine senza aggiungere sesso alla carta", Amy abbracciò Jack più forte che poteva mentre diceva questo. Tutto quello che poteva fare era stringerla e farla sentire come se non l'avrebbe mai lasciata andare.
"Non importa, per me significhi più del semplice sesso", mentre Jack lo diceva si rendeva conto che era vero. Aveva più del semplice desiderio sessuale per la ragazza tra le sue braccia. Era felice e sapeva che lei lo avrebbe reso ancora più felice col passare del tempo.
Amy ha invitato Jack ad entrare e sono tornati nel soggiorno in cui lo aveva portato ieri. "Quindi, cosa facciamo ora?" Amy non era la ragazza più esperta in fatto di appuntamenti, ma sapeva che dovevano fare qualcosa.
"Potremmo voler parlare di 'definire la relazione'", ha suggerito Jack perché è sempre più sicuro navigare con una mappa e le relazioni a volte possono avere acque agitate.
Amy sedeva lì pensando a quello che voleva, sapendo che voleva lui e solo lui. Jack le aveva già mostrato che voleva essere l'uomo della sua vita e rimase seduto lì a guardare il suo corpicino caldo in pantaloncini corti e una canottiera attillata.
"Non mi piace parlare con Jack, sono più una persona che agisce", Amy si avvicinò all'uomo e si sedette sulle sue ginocchia. Si voltò e baciò Jack direttamente sulle labbra. Si tirarono indietro per un minuto, ma continuarono a baciarsi e a far saettare la lingua dentro e fuori l'uno dalla bocca dell'altro. "Sei mio! Lo sigillo con un bacio!"
Jack si stava divertendo tantissimo. Aveva una bellissima donna in grembo che era una grande baciatrice, e finalmente riuscì a mettere le mani su quel grosso bottino. Aveva un sedere che sapeva gli sarebbe piaciuto sculacciare ed era sicuro che ad Amy sarebbe piaciuto molto sculacciare.
"Sei un grande baciatore, signor fidanzato! Posso dire che ne vuoi di più, ma dovrai aspettare", Amy sorrise e continuò a baciare ancora e ancora.
"Forse non troppo a lungo", disse Jack attraverso un bacio e Amy si tirò indietro con aria perplessa. "Oggi mentre ero al lavoro stavo bilanciando le mie spese. Notando quante miglia di viaggio avevo accumulato sulla mia carta di credito ho comprato due biglietti aerei per l'Idaho. Partiremo tra un mese, e se abbiamo ancora voglia di stare insieme parlerò con tuo padre".
Amy arrossì per quello che aveva appena sentito. Voleva stare con lei e voleva chiedere a papà il permesso di sposare sua figlia. Sapeva che era un uomo astuto, ma non se lo aspettava. Piena di emozione, Amy corse da Jack e saltò tra le sue braccia, baciandolo e stringendogli la bocca come se fosse la ragazza più felice del mondo.
"Quindi... lo prendo come un sì?" chiese con un sorriso enorme sul volto.
"Faresti meglio a prenderlo come un sì, e tra poco più di un mese ti dirò grazie in modo birichino", Amy ridacchiò mentre lo diceva sapendo quanto Jack desiderasse la sua figa bagnata. Era così bagnato adesso che era così attratta dal suo nuovo fidanzato e dal modo in cui lui aveva intenzione di farla diventare sua moglie.
"Come si dice grazie in modo birichino?" chiese e pregò che lei glielo mostrasse.
"O mio stupido amico, dovresti sapere come le donne dicono grazie in modo osceno. Apriamo loro la cerniera dei pantaloni, tiriamo fuori il loro cazzo e lo succhiamo finché non riceviamo un po' di crema di benvenuto. Devo darti un'anteprima?" Amy era seria e saltò giù dalle braccia di Jack. Lo spinse sul divano familiare e gli aprì la cerniera dei pantaloni.
00000

Storie simili

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

1.5K I più visti

Likes 1

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.4K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 12

Capitolo dodici PRESTIRO Yavara era di buon umore, avendo ricevuto il messaggio stamattina che sia Brock che Elena erano vivi e stavano bene. Da quello che il piccolo Zander aveva rischiato di mettere sulla pergamena, ho dedotto che aveva messo in atto dei piani per trovare un Froktora. Brock mi piaceva, davvero, ei Terdini erano famosi per la loro forza e le loro dimensioni, ma erano semplicemente un clan troppo piccolo. I Protaki erano la tribù più numerosa di The Pines, ma anche loro impallidivano in numero rispetto alle orde di The Tundra. Le dieci tribù di The Tundra (giustamente chiamate...

1.4K I più visti

Likes 0

Sesso con la mia babysitter

Sono una vergine di 17 anni. Sì l'ho detto. Ho avuto delle fidanzate ma non sono durate abbastanza a lungo da poterle scopare. Penso solo che non ci sarà mai un giorno in cui potrò farlo con una bella ragazza. Sono probabilmente l'unico ragazzo della scuola che non l'ha ancora fatto. Vabbè.. Comunque oggi è venerdì ei miei genitori stanno uscendo, il che significa che sarò bloccato con una babysitter. I miei genitori pensano ancora che io sia un bambino piccolo. Giuro che potevo sentire i bambini a scuola che mi prendevano in giro. Hunny... vieni qui disse la mamma. Sono...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.