La prima volta con una donna

150Report
La prima volta con una donna

Andare in giro e vivere con una valigia, o uno zaino a seconda dei casi, è un'attività molto noiosa. Per lo meno è pericoloso e pieno di incertezze. Sono in viaggio da meno di sei mesi e mi sono concesso così tanti vizi e lussi che ho già finito i soldi. Troppo orgoglioso per chiedere dei soldi ai miei genitori, certo che se l'avessi fatto mi avrebbero mandato solo un biglietto aereo di sola andata, destinazione Stati Uniti, mi sono messo a cercare un lavoro.

Per fortuna, sono entrato nel pub “Red Lion” a Wormley, una piccola città nell’Hertfordshire, e vedendo il cartello “AIUTO NECESSARIO”, ho chiesto informazioni sull’assunzione e sono stato assunto immediatamente. Dopo una giornata di corso intensivo per spillare pinte e mescolare bevande, sono finito dietro il bancone ed ero rimasto qui ormai da quasi tre mesi.

Avevo dimostrato di essere affidabile e piuttosto bravo con i clienti e ho guadagnato un sacco di soldi facendo i turni, principalmente il venerdì e il sabato sera, quando i pub sono assolutamente pieni di gente che mangia e beve.

Sono anche riuscito a fare qualche conoscenza e alcune sere dopo la chiusura del pub, esco in un club, ballando a crepapelle e bevendo fino allo stordimento. Gli anni di studio serio mi aspettano pazientemente e avevo deciso che avrei trascorso i prossimi mesi facendo festa quanto più potevo, incontrando persone diverse e divertendomi al massimo.

Sono stato molto attento a non scherzare con nessuno, dato che questa è l'ultima cosa che ho in mente in questo momento. La brutta esperienza con Duke e un'altra con un ragazzo di nome Tony mi avevano fatto credere che forse avrei dovuto aspettare. Un sacco di tempo per il sesso, ancora.

Ma mai dire mai, come si suol dire, mi sono dimostrato totalmente sbagliato nel momento in cui ho deciso di non mantenere alte le mie speranze nel reparto sesso.

Due sere fa, proprio mentre il direttore stava suonando l'ultima chiamata, un gruppo di ragazze con cui avevo stretto amicizia è entrato, gridando ciao e salutando selvaggiamente. "Ehi, Nik!" urlò Maureen, una rossa alta con la faccia da cavallo che era sempre la luce della festa. “Siamo venuti per portarti con noi, Nik! Andiamo da Lancaster.

Non avevo molta voglia di andare in discoteca quella sera in particolare. Ero molto stanco e tanto per cambiare speravo in un po' di riposo tranquillo. Proprio mentre stavo per dire di no, ho visto in mezzo a loro un'altra ragazza, una che non avevo mai visto e che ha attirato subito la mia attenzione.

Era una ragazza bassa e snella delle Indie Orientali con folti capelli neri, raccolti in una coda di cavallo fino a metà schiena. Nonostante la felicità e la stupidità generale con cui si comportavano le altre ragazze, lei era piuttosto cupa e tranquilla. Era così piccola che avrebbe potuto facilmente non essere vista tra la folla. Finché qualcuno la guardò in faccia. Grandi occhi marrone scuro e folte sopracciglia nere, che le conferiscono un aspetto serio e bello. Non rideva ad alta voce, ma il sorriso non abbandonava mai il suo bel viso.

"Va bene, devo solo finire qui." Ho cambiato idea, non sapendo bene il perché. Con pochissima esperienza in questioni di cuore, ho sentito un'attrazione immediata per la ragazza.

"È l'ultima chiamata, ragazze." Ho provato a gridare troppo agli avventori del pub. "Faresti meglio a decidere in fretta."

"Cinque shandy lager, Nik!" urlò Amy, lottando altrettanto per farsi sentire.

"No", disse la bella ragazza, che ormai si era seduta sullo sgabello del bar proprio di fronte a me. "Ne prenderò uno senza Shandy, grazie."

Ho tirato fuori le pinte e ho messo quella richiesta davanti alla ragazza che ha suscitato il mio interesse. "Sei con loro?" chiesi sorridendo.

Lei alzò gli occhi al cielo. "Sì." Entrambi abbiamo ridacchiato e ho sentito una sensazione di calore nel mio corpo. Un brivido mi corse lungo la schiena e il mio cuore sembrava aver accelerato un po'. Ho fatto del mio meglio per convincermi che fosse proprio la sua bellezza ad ammirare, solo l'aspetto estetico, niente di più.

"Io sono Paddy, comunque." Tese la mano, stringendo la mia con una presa ferma e calda.

"Io sono Nikkie." Ho detto. "Aspettare! Paddy?» lei annuì. "Pensavo fosse il nome di un ragazzo." chiesi confuso.

«Beh, in realtà è Perminda. Ma nessuno qui sembra avere abbastanza intelligenza per ricordarlo bene, quindi mi chiamano Paddy. Ha spiegato con un forte accento cockney.

Perminda – un nome bello quanto la ragazza a cui apparteneva. Rotolò dolcemente sulla mia lingua e presi nota mentalmente di non dimenticarlo.

"Bene, me lo ricorderò." dissi e notai che mi osservava attentamente, come se cercasse un segno di scherno.

Mezz'ora dopo, dopo aver ripulito il bar e chiuso bene le porte, ho trovato le cinque ragazze che mi aspettavano nel parcheggio di fronte. "Prendiamo un taxi, Nikkie." Ha detto Maureen. Mi andava bene; Non volevo preoccuparmi di chi era troppo ubriaco per guidare e se sarei riuscito a tornare vivo e tutto intero. A quanto pare hanno già bevuto abbastanza.

Quando siamo arrivati ​​al Lancaster, sono stato grato per l'opportunità di rilassarmi e bere qualcosa da solo. Le ragazze chiacchieravano costantemente, discutevano della loro vita privata di cui non sapevo molto, dato che non eravamo vere amiche, uscivamo insieme solo qualche volta. Come me, ho notato che Perminda non si impegnava molto nella conversazione. In un certo senso ondeggiava sulla sedia in sincronia con il ritmo, ma si rifiutava di uscire sulla pista da ballo, proprio come me.

Di tanto in tanto la sorprendevo a guardarmi intensamente e ogni volta mi sorrideva e distoglieva lo sguardo, sorseggiando il suo drink. Ben presto, tutti sembravano seriamente ubriachi, me compreso.

La stanchezza che provavo quando ancora lavoravo era tornata e all'improvviso mi sentivo troppo stanco per preoccuparmi della musica ad alto volume e della cordialità. Decisi che sarei andato nella mia stanzetta sopra il pub dove lavoravo e mi sarei preso il riposo di cui il mio corpo aveva bisogno.

Mentre mi alzavo e finivo il mio drink, Amy mi afferrò per il braccio. "Finalmente hai deciso di ballare, vero?"

"No, no." Sorrisi e guardai Perminda. "Vado a casa, sono stanco."

"Aw..." piagnucolarono Amy e Penny in coro. "È presto."

Ero irremovibile. Abbastanza stanco da avere difficoltà a tenere gli occhi aperti, nulla avrebbe potuto convincermi del contrario.

"Aspettare." disse Perminda. "Devo solo andare in bagno e poi possiamo condividere un taxi."

Prima che potessi dire qualcosa, lei balzò in piedi e se ne andò. Amy ridacchiò e mi diede una gomitata sotto le costole, sussurrandomi nelle orecchie. "Lo sai che è lesbica, vero?"

Alzai gli occhi al cielo e scossi la testa. "Oh, Amy, davvero!"

"Lei è!" continuò Amy. “E Maureen ha cercato di mettersi nei suoi pantaloni per anni. Solo per divertimento." Lei ridacchiò di nuovo. "Senza fortuna, però." Detto questo se ne andò. Il mio cuore ha avuto un sussulto. Era davvero quello che volevo? E se sì, come potrei avvicinarmi a lei? Non avevo assolutamente alcuna esperienza, soprattutto con le ragazze.

Un minuto dopo, Perminda era in piedi accanto a me, tenendo entrambe le nostre giacche, facendomi cenno di seguirla. Abbiamo trovato una fila di taxi in attesa davanti al club, felici di sfuggire alla lunga attesa sotto la pioggerellina gelida.

"Dove stai andando?" chiesi a Perminda mentre il taxi si fermava e si dirigeva verso Wormley.

"Potrei prendere un treno per Londra, è lì che vivo." Ha detto, e io ho annuito. "Oppure", mi guardò, "potrei dormire a casa tua, dato che non sono in grado di viaggiare a quest'ora della notte."

Provai una nauseante sensazione di disagio, ma ancora una volta mi limitai semplicemente ad annuire. Il problema di avere ospiti nella mia stanza non si è mai posto il problema con il mio padrone di casa e il direttore del pub perché non ne avevano mai avuti. Speravo che dormissero tutti e che non saremmo stati visti entrare di nascosto.

"Oh Dio", disse Perminda quando entrammo nella mia stanza e si lasciò cadere sul letto. "Sono distrutto."

"Si, anch'io." Ho accettato. La stanchezza stava avendo la meglio su di me e credevo che mi sarei addormentato nell'istante in cui la mia testa avesse toccato il cuscino. «Però ho bisogno di farmi una doccia.» dissi e Perminda si fece piccola. "Odio l'odore delle sigarette tra i capelli, mi fa impazzire."

Mentre stavo cercando il pigiama nel cassetto, mi sono guardato nello specchio sopra l'armadietto e ho visto che si stava togliendo i vestiti. Vado barcollando in bagno e faccio una lunga doccia calda, cercando di esorcizzare un po' l'alcol e schiarirmi le idee. Con i capelli che odoravano di frutti di bosco e la pelle appena profumata, spensi la luce in un piccolo bagno aspettandomi che Perminda dormisse profondamente.

È stata una piacevole sorpresa trovarla seduta sul letto, intenta a sfogliare uno dei miei libri. Quando mi vide entrare, lo mise via e scivolò più in profondità nel letto.

"Temo che sia un po' stretto." dissi, indicando un letto singolo, che non era pensato per due persone.

"Va tutto bene, non mi dispiace." Disse e aprì la copertina per farmi spazio. La vista del suo corpo piccolo ma muscoloso, completamente nudo, disteso tra le mie lenzuola, mi aveva colto di sorpresa per un secondo. Rimasi immobile, non sapendo cosa fare.

"Pensavo che fosse quello che volevi." Disse guardandomi in modo seducente.

Aveva ragione, da qualche parte nella mia mente volevo che accadesse, ma ora di fronte a ciò ero perso. Si era sciolta i capelli, che ora toccavano le spalle e il seno, facendola sembrare una bellezza di un vecchio film in bianco e nero.

Non lo saprò mai dove ho trovato il coraggio di togliermi lentamente il pigiama prima di infilarmi nel letto, ma è esattamente quello che ho fatto. Si spostò leggermente, dandomi più spazio e mentre mi sdraiavo accanto a lei, mi coprì con cura, abbracciandomi con un braccio e premendo la sua morbida pelle contro la mia.

Mi sono sdraiato così, Perminda accanto a me, appoggiandosi sul gomito, guardandomi negli occhi. "Non sei mai stato con una donna?" chiese e io scossi la testa perché temevo di non riuscire a pronunciare una parola senza gracchiare come un uccello.

Lei sorrise calorosamente e abbassò il viso verso il mio, le sue labbra quasi toccarono le mie, ma non del tutto. Potevo sentire il suo respiro sul mio viso, mentre entrambi ci guardavamo. Il momento è stato molto emozionante; Potevo sentire un formicolio nella pancia.

Perminda mi mise una mano sui capelli e me li accarezzò dolcemente, togliendoci di dosso la coperta, con il viso ancora sospeso sopra il mio. "Voglio vederti." Ha detto, mentre giacevamo nudi e scoperti, i nostri corpi caldi di desiderio.

Quando finalmente premette le sue labbra sulle mie, mi sfuggì un gemito. Sembrava che aspettassi quel momento da sempre. Aveva un sapore fresco, nonostante tutto l'alcol che aveva bevuto. Il suo bacio era gentile, la sua mano mi pettinava i capelli, le sue labbra avvolgevano le mie.

"Sei sicuro di questo?" ha chiesto quando ha interrotto il bacio e prima che finisse la domanda ho risposto con un "sì". In quel particolare momento lo desideravo più di ogni altra cosa al mondo.

Il suo viso quasi toccava il mio, sentii la sua mano scivolare via dai miei capelli e lungo le mie spalle, prendendomi a coppa il seno, stringendolo delicatamente e massaggiando il capezzolo, dandogli un leggero pizzicotto. Ero molto consapevole di ogni suo movimento, ognuno dei quali era il tocco più leggero sulla mia pelle per poi trasformarsi in una stretta potente. Aveva più forza di quanto il suo piccolo corpo facesse credere.

Le sue labbra lasciarono le mie, mi baciò lentamente lungo il collo, fermandosi su ciascun capezzolo, succhiandolo dolcemente, i suoi occhi fissavano i miei con uno sguardo fermo. La sua mano continuò lungo il mio ventre, toccandolo così dolcemente da farmi rabbrividire per il disagio, cosa che sembrò divertire Perminda e lei ridacchiò. Le sue dita continuarono sul mio tumulo di Venere, giù da una coscia fino al ginocchio e poi risalirono, solo per prestare la stessa attenzione all'altra.

Avevo allargato leggermente le gambe, invitandola a infilare una mano tra di loro e a sentire l'umidità della mia figa gonfia, ma lei sembrava ignorarlo. Ora, mi coprì la pancia con i suoi baci, infilando la lingua nel mio ombelico, continuando lungo le cosce, seguendo lo stesso percorso che le sue dita avevano preso pochi secondi prima.

Con una pessima esperienza nel sesso non ero mai stato preso in giro in quel modo prima ed ero quasi certo che se lei mi avesse toccato il clitoride, usando le dita o la lingua, sarei venuto all'istante, il mio corpo era così eccitato. L'unica persona che mi avesse mai portato all'orgasmo ero io stesso e la strana sensazione del potere di qualcun altro su di esso era estatica, ma allo stesso tempo strana.

Non potevo più sopportare quelle prese in giro e mi sono seduto, spingendola via da me e sul letto, così che ora era sdraiata di fronte a me. Il suo corpo era piccolo, ma muscoloso, doveva essersi allenata. I suoi piccoli seni erano sodi e la pelle olivastra morbida come non avevo mai toccato prima.

Per un momento mi inginocchiai accanto a lei, perfettamente immobile, godendomi lo spettacolo meraviglioso. Avrebbe potuto facilmente indossare un bikini in qualsiasi momento dell'anno e andare in giro con orgoglio senza risucchiare la pancia o spingere in fuori il seno.

"Qual è il problema?" mi ha chiesto quando non mi sono mossa per un po'.

Scossi la testa e sorrisi. “Niente, voglio solo guardarti. Voglio ricordare il tuo corpo, proprio come ricorderò il tuo nome per sempre. ho detto e abbiamo ridacchiato per lo scherzo privato.

Ho appoggiato il palmo della mano sul suo stomaco, coprendo l'ombelico e il mio tocco è stato altrettanto eccitante per me quanto lo era stato il suo prima. Le ho massaggiato la pancia con movimenti delicati e circolari e sono stato felice di vederla chiudere gli occhi e gemere leggermente. Devo aver fatto qualcosa di giusto.

Ho fatto scorrere la mano sul suo corpo e, per la prima volta nella mia vita, ho toccato il seno di una donna, una sensazione familiare, ma allo stesso tempo strana. Lo strinsi dolcemente e mi chinai, leccando il capezzolo come se fosse una massa di panna montata, succhiandolo come un bambino.

Allo stesso tempo ho sentito Perminda sollevare il sedere dal letto, invitandomi a infilare una mano tra le sue gambe, esattamente come volevo che mi facesse prima. La mia forza di volontà non era forte quanto la sua; Non potevo prendere in giro lei o me stesso come faceva lei. Continuando a succhiarle il capezzolo, la mano libera scivolò lungo il suo ventre e sopra il monticello, coperto da un disegno accuratamente rasato, lasciandolo nudo per la maggior parte, tranne che per un piccolo triangolo di morbidi capelli neri.

Allargo le dita formando una V, due più due insieme, massaggiando le labbra della sua figa, facendo attenzione a non toccare il clitoride. Se mi prendeva in giro, deve piacere anche a se stessa, pensai, e fui felice di sentire il suo lieve gemito di protesta. All'inizio le ho massaggiato delicatamente le labbra, aumentando lentamente il ritmo, continuando a succhiarle i capezzoli.

La mia stessa figa gonfia e bagnata mi impediva di tenere le gambe unite e dovevo allargare le ginocchia altrimenti sarebbe diventato scomodo. Tutto quello che volevo fare era assaggiarla, toccare il suo clitoride con la lingua e succhiarlo in un modo in cui ero stata toccata prima, solo che era da un uomo. Credevo di poter fare un lavoro altrettanto bene se non meglio. Sapevo esattamente cosa voleva una donna, almeno quali erano le mie preferenze. Una leccata delicata sostituita da una suzione potente, senza però cercare di mordere la piccola cosa. Il sesso violento è piacevole, ma il clitoride apprezza sempre la tenerezza piuttosto che la brutalità.

Alla fine, le ho allargato le gambe e mi sono inginocchiato in mezzo, premiato con uno splendido sguardo alla sua figa rosso ciliegia, che era in profondo contrasto con la sua carnagione altrimenti olivastra. Lo spettacolo era assolutamente inebriante. Ho sentito Perminda sussultare e ha fatto di nuovo il culo, un altro invito a fare quello che volevo così tanto.

Ho messo i miei indici sulle labbra della sua figa e le ho allargate ancora di più, il clitoride ora completamente esposto, la collinetta rosso intenso offertami da una bellissima ragazza. Abbassai il viso verso di essa e per la prima volta nella mia vita sentii l'odore di una figa pulita. Quando l'ho toccato delicatamente con la lingua, come se solo per assaporarlo, lei si è dimenata selvaggiamente e quasi mi ha colpito in faccia con la sua figa.

Mi afferrò rudemente i capelli e mi attirò a sé, facendomi capire che non dovevo fermarmi adesso. Ho leccato e succhiato, assaporando i suoi succhi aspri ma dolci, sentendo il suo bacino oscillare al ritmo della mia lingua. Lei gemette e anch'io, una delle mie mani scivolò sulla mia figa, massaggiandola dolcemente, proprio come aveva fatto con Perminda pochi minuti prima.

Devo essere rimasto lì venti minuti buoni; la scomoda posizione di inginocchiarmi tra le sue gambe mi faceva male alla schiena e i piedi diventavano insensibili. Non volevo fermarmi, ma sentivo che se non l’avessi fatto mi sarei preso un crampo. Proprio mentre stavo per cambiare posizione, lei mi afferrò di nuovo per i capelli, liberandomi il viso dalla sua figa.

“Sono così vicino, Nik. Così vicino…” mi fece cenno di raddrizzarmi e io lo feci, grato di poter evitare che si verificasse una situazione imbarazzante.

Afferrò la mano che era tra le mie gambe pochi istanti prima e spinse il mio medio e l'anulare in profondità nella sua bocca. Li succhiò, assicurandosi che fossero completamente bagnati della sua saliva. Poi mi afferrò la mano con entrambe le sue e piegò le due dita bagnate, estendendo quelle su ciascun lato.

"Mettili dentro, proprio così." Ha sussurrato e non ho avuto bisogno che me lo dicessi due volte. Ho spinto delicatamente, tenendo l'altra mano sul suo clitoride, girandolo dolcemente. Perminda si sollevò a metà, afferrandomi il braccio e conficcandomi le dita più in profondità che potevano. Ovviamente le è piaciuto molto e ho obbedito.

Mi sono strofinato contro il piccolo punto ruvido appena sopra l'ingresso della sua figa, sapendo che l'avrebbe fatta venire. "Più forte, Nik!" ha ansimato e mi ha scopato le dita. "Oh Dio, oh Dio..." urlò. "Sono così vicino…"

Ho continuato a spingere e strofinare dentro la sua figa, sollevandole il culo dal letto con due dita, temendo di farle male, ma a giudicare dalla sua reazione, stavo facendo esattamente il contrario. Non riesco davvero a capire quanto sarebbe erotica questa scena per uno spettatore. La gentilezza del fare l'amore era scomparsa, solo per essere sostituita dalla violenta masturbazione di questa donna esile, che ovviamente le piaceva immensamente.

"Oh, sì..." ansimò e si mise a sedere. "Fino in fondo, fino in fondo..."

L'ho scopata con le dita più forte che potevo, sentendo gocce di sudore accumularsi sulla mia fronte, nonostante il freddo della stanza.

All'improvviso, spinse con forza con i piedi contro il letto, sollevando il bacino in aria, i muscoli della sua figa che si stringevano forte sulle mie dita, sussulti disperati di piacere mescolati a gemiti e gemiti. Continuavo a spingere le dita dentro e fuori, questa volta però, dolcemente, come per calmare il suo corpo che si dibatteva, non ancora disposto a lasciare la figa calda e morbida. Mi stava venendo sulle dita, il suo corpo ora ondeggiava dolcemente, come se fosse mosso da una leggera brezza. Il suo orgasmo fu molto più lungo di quanto nessuno dei miei fosse mai stato e le toccai gelosamente il clitoride.

Era sdraiata di fronte a me, con le gambe spalancate, le ginocchia ora appoggiate sul letto, ansimando per respirare e massaggiandosi il seno. "Cazzo, è stato bello." disse e sorrise.

"Vieni qui", disse e questa volta si mise il medio e l'anulare in bocca, ricoprendoli con la saliva, spingendo i cuscini giù dal letto in modo che la sua testa fosse appoggiata sul lenzuolo. "Siediti sopra di me." lei ha comandato e io ho fatto come mi era stato detto.

Non appena la mia figa è stata sul suo viso, ha stretto le labbra sul mio clitoride senza alcun preliminare, spingendo due delle sue dita in profondità dentro di me. Averla appena fatta venire e vedere il suo piacere era già abbastanza eccitante. Ero pronto a tutto.

Il punto a cui prestava tutta la sua attenzione sembrava diventare il centro del mio universo cosciente. Nient'altro contava, nient'altro era reale. La consapevolezza che sto per venire con le dita di qualcun altro nella mia figa, non con le mie, ha reso il tutto ancora più eccitante.

A differenza di me, a Perminda ci sono voluti pochi minuti e il punto all'interno della mia figa ha iniziato a formicolare, apparentemente diffondendosi, raggiungendo le mie gambe, facendole oscillare pericolosamente, sopra la mia vita, sopra il seno e nella mia testa, facendomi girare la testa. Ho urlato, cercando di non emettere un suono abbastanza forte da essere sentito da chiunque in casa. Ci sono buone probabilità che ciò accada, credo. Le pareti sembrano fatte di carta.

Ho tremato e ho mosso la mia figa sulla sua bocca anche dopo che le sue dita ne sono scivolate fuori e lei ha continuato a succhiare. Scomparsa la sensazione di euforia, venne sostituita da una spiacevolezza poiché il mio clitoride era diventato ipersensibile alla stimolazione e cercai di fermarla, sollevando il ginocchio del letto per staccarmi dal suo viso. Non me lo avrebbe permesso però. Lei mi ha afferrato i fianchi e li ha abbassati bruscamente, rimettendo la mia figa sulla sua bocca.

"Non mi sento bene adesso..." sussultai, tenendomi alla testiera, cercando con tutte le mie forze di non cadere di faccia.

"Aspetta solo un momento." Smise di succhiare per un momento. "Vedrai."

Il suono delle sue labbra e della sua lingua contro il mio clitoride riprese e rimasi stupito di quanto avesse ragione. La sensazione spiacevole si trasformò presto in una sensazione di piacere e nel giro di un altro minuto il mio clitoride esplose nello stesso vulcano di piacere che aveva prima la mia figa.

"Oh Paddy", sussultai, consapevole del pasticcio verbale. Semplicemente non riuscivo a pensare lucidamente. "Oh si. Sì sì sì…"

Eppure non mi ha lasciato andare. Dopo un altro orgasmo, ognuno apparentemente più forte del precedente, finalmente riuscii a staccarmi da lei e a lasciarmi cadere pesantemente sul letto accanto a lei.

"Sei incredibile!" dissi, riuscendo a malapena a riprendere fiato.

"Lo so." Disse senza alcuna modestia e ridacchiò. Non avevo voglia di ridere; la mia mente stava ancora raggiungendo l'orgasmo anche se il mio corpo si era fermato.

Credo che pochi secondi dopo mi fossi addormentato profondamente, e anche Perminda. La notte piena di passione e piacere sarà qualcosa che ricorderò per sempre.

----

Ho sorriso a me stesso. Ricordavo ancora tutto esattamente com'era accaduto. In seguito avevo incontrato Perminda qualche volta, sempre a Londra, di solito per nient'altro che un rotolo tra le lenzuola. Mi aveva insegnato così tanto del mio corpo così come del suo.

Mi chiedevo cosa le fosse successo. Non mi sarebbe dispiaciuto un’altra notte folle con lei. O in qualsiasi momento della giornata, del resto.

Storie simili

Parte 7, la ragazza con il culo

Spero che questa storia ti piaccia, la parte 7 segna molte cose che arriveranno nelle storie successive. Si prega di commentare e godere. Il padre di Tyler era un cliente abituale di mia madre. L'ha scopata quasi quanto John, ma non più di Bill. La mamma aveva altri ragazzi che si presentavano di tanto in tanto, ma questi 3 erano costanti. La mamma aveva molto lavoro, a volte durante il giorno, a volte di notte. Aveva alcuni ragazzi che si sarebbero presentati durante le ore mattutine, ma lavorava soprattutto di notte. Stavo con la nonna quando lavorava di notte, ea volte...

596 I più visti

Likes 0

Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza. Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera...

654 I più visti

Likes 0

Incantesimo Delila

Incantesimo Delila Parte 1 Dicono che vedere per credere, che tutto nell'universo può essere spiegato con uno sfondo logico. Dicono che le persone nella loro natura tenderanno alla finzione e al paranormale perché sotto tutte le scuse na dicono promette l'idea di creare qualcosa dal nulla. Ero una di quelle persone che lo dicevano, che quando alle persone non veniva presentata una risposta chiara alle grandi domande della vita, coglievano al volo l'opportunità di creare qualcosa di proprio. Ora sono in ginocchio a pregare Dio per questo. Non so se avrei potuto fare qualcosa, se le mie presenze o la mia...

813 I più visti

Likes 0

Insegnante - 01 Giorno 0 Si comincia

SM. Burk, per favore, fai rapporto in ufficio.» È venuto al citofono della scuola. E adesso? pensò. È successo qualcosa a uno dei suoi studenti della scuola materna. Laura Burk era un'insegnante di matematica al liceo in una scuola privata. Da quando HB 2469 è passato, l'umiliazione era legale e la forma approvata di disciplina, e alcune delle regole disciplinari erano molto strane rispetto a quello che erano state. Quando Sara arrivò in classe per darle il cambio, Laura attraversò il campus fino al front office. Lungo la strada vide Mika, una delle ragazze più anziane che attraversava il cortile centrale...

671 I più visti

Likes 0

Il club delle signore nodose

Il club delle donne nodose Di Drakon Kate era sul balcone e osservava il pittoresco panorama della costa centrale della California. Aveva goduto di quella vista da quando poteva ricordare e anche adesso che aveva cinquantacinque anni le toglieva il fiato. I suoi capelli corvini lunghi fino alla vita svolazzavano nella fresca brezza del tardo pomeriggio mentre rivedeva la lunga lista di cose che dovevano essere fatte prima dell'arrivo dei suoi ospiti, ma l'ambiente sereno la faceva meravigliare. La tenuta di oltre trecento acri che i suoi genitori avevano acquistato era ricoperta di vigneti, che una volta raccolti sarebbero stati venduti...

451 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

400 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Instant Messenger fratello/sorella

Questa storia è diversa da tutte le altre storie che tu abbia mai letto. Questo è un ruolo reale che io e il mio ragazzo abbiamo svolto. L'ho ripulito un po', quindi ci sono meno errori di ortografia. Si prega di non lasciare commenti su cattiva grammatica e ortografia. Questa è una vera conversazione di messaggistica istantanea. Nel caso non lo sapessi, lol = ridi ad alta voce. Quando c'è una serie di due parentesi, come questa ((parola)), siamo io e lui che usciamo dal ruolo. Spero che la storia vi piaccia perché è davvero bella e calda. Grazie! -------------------------------------------------- -----------------------------------------...

2K I più visti

Likes 0

Ossessione video amatoriale parte 2

Ero diventato sempre più ossessionato dal guardare questi film e ho scoperto che stavo nascondendo un orologio in ogni occasione, incluso guardarli a casa anche quando c'era mia moglie (Tracy). La vita familiare non era eccitante, ero stato piuttosto impegnato con il lavoro e normalmente non ero a casa fino a tardi, il risultato era che io e Tracy non passavamo molto tempo insieme, e anche se andavamo d'accordo , non siamo riusciti a passare così tanto tempo di coppia di qualità insieme. Quando è apparso il primo dei nuovi film, l'ho guardato sul telefono mentre la mia Tracy stava guardando...

2K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.