Fratelli curiosi (parte 1)

400Report
Fratelli curiosi (parte 1)

Tutto quello che riesco a ricordare di mamma e papà quando ero giovane era urlare e litigare. Vivevamo in una casa minuscola che non aveva molta privacy quindi potevi sempre sentire le urla. Per fortuna hanno divorziato quando ero giovane.

Ci siamo trasferiti, mia sorella minore, mia madre e io. All'inizio è stato difficile non avere papà accanto, ma mi sono abituato presto. In ogni caso sono sempre stato più legato a mia madre. Era la mia sorellina che sembrava avere difficoltà, chiedendo di papà molto più spesso di quanto pensassi di lui. Ben presto si abituò al fatto che anche lui non fosse presente ed era come se fossimo solo noi tre.

Ci siamo trasferiti in un piccolo appartamento con 2 camere da letto. Solo una piccola cucina, un soggiorno, un corridoio con un bagno sul lato sinistro e 2 stanze sul lato destro. Mia madre è quella in fondo, leggermente più grande dell'altra stanza. Che io e mia sorella dovevamo condividere. All'inizio odiavo l'idea di dover condividere la stanza con mia sorella. Nella nostra casa precedente avevo la mia stanza. Col passare del tempo mi sono abituato, senza mai immaginare quanto mi sarebbe piaciuto in futuro.

Noi tre siamo diventati molto legati dopo il divorzio. Mia sorella e io dovevamo contare molto di più l'una sull'altra ora che saremmo state molto a casa da sole. Mia madre è dovuta tornare a lavorare a tempo pieno per pagare le bollette, il che significa che in un certo senso ci siamo autogovernati. Nonostante quanto lavorasse, io e mia sorella ci sentivamo molto amate da lei. Spesso dormivamo tutti e tre nello stesso letto dopo esserci coccolati insieme la notte e aver guardato film. Dopo molto tempo, io e mia sorella cominciammo a fare tutto insieme. Eravamo i migliori amici l'uno dell'altro e giocavamo tutto il giorno, guardavamo film insieme e sì, ogni tanto litigavamo anche. Molto raramente però. Andavamo molto d'accordo.

La nostra camera da letto era piccola. 2 letti gemelli uno accanto all'altro con un piccolo comodino al centro con solo un allarme e una piccola lampada che separa i due letti. Dopo aver dormito nella stessa stanza per un anno, per me è diventato tutto normale. Ero molto protetto e non avevo mai avuto nemmeno un pensiero sessuale. Ricordavo che la mia asta era diventata dura al mattino, ma pensavo semplicemente che significasse che si era riempita di pipì e dovevo rilasciarla perché scendesse. Ha sempre funzionato, quindi non ho mai avuto motivo di pensarci più a lungo.

Un giorno, tutto è cambiato. Era un sabato mattina e la mamma era a casa. Avevamo programmato tutto il giorno di fare shopping, quindi dovevamo svegliarci presto e prepararci. Dato che c'era un solo bagno, prepararsi impiegava un'eternità. La mamma è andata per prima e ha impiegato un'eternità come faceva di solito. Uscì avvolta in un asciugamano e disse a me e a mia sorella che l'acqua stava iniziando a diventare fredda e che avremmo dovuto fare la doccia insieme così avremmo potuto prendere dell'acqua calda entrambe. "Ok" concordammo entrambi. Avevamo fatto la doccia insieme quando eravamo più piccoli, ma erano passati anni da allora. Eppure non ci ho pensato molto.

La mamma andò nella sua stanza e cominciò a truccarsi sul pavimento davanti allo specchio. "Sbrigati" ci ha detto. "Abbiamo molto da fare oggi".

Entrammo insieme nel bagno e cominciammo a toglierci i vestiti. Ho iniziato con la maglietta e poi con i pantaloncini. Alzai lo sguardo verso mia sorella mentre si toglieva la maglietta e cominciava a togliersi il piccolo reggiseno da allenamento. Lasciai cadere le mutande e cominciai a entrare nella doccia. Sono entrato per primo. Poi è entrata mia sorella. Ricordo ancora la faccia che ho fatto quando l'ho vista entrare nella doccia. Avevo già visto mia sorella nuda ma solo in quel momento mi resi conto di quanto tempo era passato dall'ultima volta. Aveva delle tette piccole e vivaci, una coppa A con piccoli capezzoli chiari e una leggera peluria color pesca attorno alla sua giovane figa. Non avevo ancora nemmeno il pube, quindi sono rimasto davvero sconcertato quando ho visto che lo aveva. Inoltre non avevo mai visto le tette e, sebbene fossero piccole, erano le più grandi che avessi mai visto.

"Sbrigati, mamma, ha detto," disse, cosa che mi fece uscire dalla trance in cui ero stato messo. "Oh giusto" alzai le spalle e metti la testa sott'acqua. Chiusi forte gli occhi, cercando di non pensare troppo a ciò che avevo appena visto. Questa era la prima volta che provavo questo tipo di sentimenti e sensazioni e non sapevo davvero come reagire.

Ho aperto gli occhi e con mio orrore il mio cazzo era duro come una roccia. Ho dovuto fare pipì? Mi chiedevo. Non sentivo il bisogno di fare pipì, quindi la confusione cresceva. Come faceva il mio cazzo ogni volta che guardavo mia sorella. Ha continuato a lavarsi come se nulla stesse accadendo e non ha detto nulla del mio cazzo duro. Non ero nemmeno sicuro che l'avesse visto. Ho fatto del mio meglio per non affrontarla. Lo ha notato però..

"Che cosa sei timido o qualcosa del genere?" chiese. "Sono solo tua sorella".

"NO!" Ho risposto in difesa.

"Non essere stupido" dissi seccato e imbarazzato.

"Bene, esci dall'acqua, devo lavare via lo shampoo prima che mi entri negli occhi"

Mi sono spostato, senza coprire nulla perché aveva gli occhi quasi completamente chiusi per evitare lo shampoo. Mi passò accanto, sfiorando appena il mio cazzo duro con la gamba mentre ci scambiavamo di posto. Senza accorgersi nemmeno di ciò che aveva toccato. Passò sotto il resto dell'acqua calda che avevamo e chiuse completamente gli occhi mentre cominciava a sciacquarsi lo shampoo dalla testa. Questa era la mia occasione per osservare davvero il suo corpo mentre i suoi occhi erano chiusi. Osservavo senza batter ciglio come il sapone le scorreva lungo i capelli fino ai piccoli capezzoli e fino alla fessura, che riuscivo a malapena a vedere poiché era così piccola.

Sentii un'ondata di calore attraversarmi il corpo mentre la fissavo sempre più a lungo. Non ne potevo più. Prima che potesse finire di sciacquarsi saltai fuori dalla doccia, presi velocemente un asciugamano e scesi. Non ha detto nulla al riguardo quando è uscita più tardi. Per quanto mi riguardava non trovava niente di strano nella doccia. A me, tuttavia, il mio mondo era stato capovolto.

Abbiamo passato l'intera giornata a fare shopping e non ci pensavo più molto. Odiavo fare shopping con loro, quindi la mia mente era invece piena di infelicità. Odiavo stare seduta nei grandi magazzini mentre lei e la mamma facevano acquisti per ore. Alla fine siamo usciti a mangiare, poi un gelato e siamo tornati a casa a tarda notte. Io e mia sorella insistemmo perché guardassimo tutti un film, ma mia madre era troppo stanca e ci disse che potevamo restare svegli per un po' nella stanza se fossimo rimasti in silenzio. Doveva lavorare il giorno dopo.

Quando entrammo nella stanza e chiudemmo la porta in modo che la mamma non potesse sentirci, cominciai a ricordare la nostra doccia mattutina. ho guardato mia sorella con occhi diversi. Aveva solo un anno meno di me, era circa 5'0 e non poteva pesare più di 90 libbre. Aveva lunghi capelli scuri e grandi occhi nocciola. La sua pelle era abbronzata e sempre così liscia. Aveva delle tette piccole, come avevo appena realizzato, ma senza maglietta e reggiseno per me erano enormi. Aveva anche un bel culo sodo e vivace. In seguito avrei apprezzato di più il suo culo, ma al momento non riuscivo a togliermi dalla mente le sue tette.

"Allora cosa vuoi fare?" chiese.

"Possiamo guardare un po' di tv" ho risposto.

Ha accettato e ho iniziato a sfogliare i canali. Sono approdato a un film dell'orrore (IT il clown). Odiavo i film dell'orrore, era molto più coraggiosa di me, ma ho pensato che mi dava una buona scusa per sdraiarmi accanto a lei se guardavamo un film dell'orrore. Prima di andare a letto mi ha detto che si sarebbe messa il pigiama perché probabilmente si sarebbe addormentata durante la visione del film. La guardai mentre si toglieva i pantaloni rivelando delle mutandine strette di cotone bianco che le aderivano anche al fondo del sedere. Poi si tolse la maglietta e indossò solo il piccolo reggiseno grigio. Mi sono tolto velocemente i pantaloni e la maglietta e sono uscito indossando degli slip grigi.

"Ti dispiace se mi sdraio nel tuo letto" chiesi educatamente

Sapeva che mi spaventavo molto più facilmente di lei e non è mai stata una che mi metteva in imbarazzo, quindi ha accettato educatamente. Mi sono infilato tra le sue lenzuola e ci siamo seduti entrambi con dei cuscini appoggiati per goderci il film. Stavo tremando un po', cosa che probabilmente lei pensava fosse solo eccitazione per il film. Ci siamo avvicinati entrambi mentre il film ci spaventava a morte entrambi. Mentre il film si avvicinava alla fine, le ho chiesto se andava bene se avessi dormito con lei tutta la notte. Era spaventata quanto me, quindi ha accettato immediatamente. Il film finì e decidemmo di lasciare la lampada accesa perché eravamo entrambi molto spaventati. Si addormentava sempre velocemente, cosa che odiavo perché restavo sveglio da solo spaventato.

Non questa volta, ho pensato. Non appena abbiamo spento la tv e ci siamo rannicchiati l'uno con l'altro, la paura è scomparsa e si è trasformata in eccitazione. Eravamo entrambi distesi sulla schiena con solo un lenzuolo sottile sopra di noi. Era estate e la stanza era sempre calda e non c'era mai bisogno di coperte. Come al solito si addormentò subito. Lo capivo dal modo in cui respirava. Fare con noncuranza un piccolo rumore ad ogni respiro. Ho chiuso gli occhi e ho provato ad addormentarmi ma semplicemente non ci sono riuscito. Non riuscivo a togliermi dalla mente l'immagine di mia sorella nuda. Ho aperto gli occhi e mi sono assicurato che stesse dormendo. Lei era. Poi mi sono tolto il lenzuolo, spazzolandolo come se stessi dormendo e sentendo caldo nel caso lei non dormisse e se ne accorgesse. Lei non ha nemmeno battuto ciglio. I miei occhi fissarono immediatamente il suo ventre piatto, le sue graziose tette piccole e il suo piccolo monticello coperto dalle sue sottili mutandine bianche. Sapevo che era sbagliato ma volevo vedere di più. Le sollevai con attenzione il reggiseno, molto lentamente in modo che non si svegliasse, finché non rivelai i suoi piccoli capezzoli. Sono rimasto ipnotizzato dalla loro vista. Le ho afferrato attentamente le tette, mentre la mia mente correva pensando a cosa avrei fatto se si fosse svegliata. Eppure, questo non mi ha fermato. Ho fatto scorrere il dito sui suoi capezzoli, facendo un piccolo cerchio attorno ad essi. A turno giocavo con entrambi, notando le loro differenze, innamorandomi perdutamente di entrambi.

Dopo aver giocato con loro per un po' ero ansioso di esaminare di nuovo la sua figa. Con attenzione ho fatto scivolare il dito sotto la sua cintura e, ancora più attentamente che con il reggiseno, ho iniziato ad abbassarle le mutandine finché non ho avuto una visuale libera del suo giovane sesso. Non ho potuto trattenermi. Ho fatto scorrere lentamente la mano sul suo monticello, sentendo il suo pube morbido sul mio palmo. Per quanto mi riguardava, quella era la sua figa. Non sapevo cosa stavo per scoprire. Mentre guardavo più da vicino ho notato la sua piccola fessura e le piccole labbra rosa infilate tra le gambe. Con il mio indice le ho toccato il clitoride. Esercitando appena una certa pressione. L'ho strofinato per un po', poi ho deciso che avrei esplorato più in basso. Questa volta ho usato il dito medio e l'ho fatto scorrere lungo la sua figa stretta fino a bloccarmi. Sembrava bagnato. In ammollo infatti. Ho alzato il dito e ho notato una sostanza fibrosa sulla punta del dito. Per nulla disgustato, gliel'ho infilato di nuovo tra le gambe e ho palpato il suo giovane buco. Era qualcosa che non avevo mai provato prima. Ho fatto dei piccoli cerchi con le dita intorno alla sua fica finché non ho notato che aveva iniziato a respirare un po' più pesantemente. Nel panico pensando che si sarebbe svegliata, mi sono fermato subito e mi sono sdraiato fingendo di dormire. Si è girata e non ho nemmeno avuto la possibilità di tirarle su le mutandine. Non potevo assolutamente farlo anch'io visto il modo in cui giaceva, quindi ho deciso di lasciarlo sperando che non si accorgesse di nulla al mattino.

Ci ho rimesso addosso il lenzuolo e mi sono portato il dito in faccia per annusare e assaggiare la sostanza bagnata che c'era sopra. Per prima cosa mi sono messo il dito in bocca e sono rimasto piacevolmente sorpreso da quanto fosse buono. Principalmente dolce, con un pizzico di amarezza alla fine. Anche per me aveva un profumo fantastico. Ancora una volta, qualcosa che non potrei nemmeno descrivere. Completamente nuovo per me. Mi sono addormentato con il dito vicino al naso, non riuscendo ad averne abbastanza mentre scivolavo nel sonno.

Arrivò il mattino e con mia sorpresa mi svegliai in un letto vuoto. Mia sorella non si vede da nessuna parte. Mi sono alzato e, come sempre, ho notato il mio cazzo duro che spingeva attraverso i miei slip. Avevo bisogno di fare pipì. Ancora mezzo addormentato, sono inciampato nel bagno con il cazzo già pronto a fare pipì quando ho notato mia sorella seduta sul water che faceva pipì.

"WHOA, scusa, non ti avevo visto lì!" Ho detto.

"Haha sei un idiota" Rispose scherzosamente mentre mi giravo rosso vivo per l'imbarazzo.

Poco dopo è uscita dal bagno e mi ha fatto sapere che era tutto mio. Con la testa abbassata, ancora imbarazzato ed entrambe le mani che nascondevano la mia erezione, le passai accanto ed entrai in bagno. Ho rilasciato un forte sospiro mentre ho iniziato a fare pipì e le sorprese non sarebbero finite qui. Proprio mentre finivo di fare pipì ho notato una lunga sostanza filamentosa che pendeva dalla mia pipì. Chiaramente non era pipì, ma cos'era? Mi ha ricordato la sostanza che avevo scoperto sulla figa di mia sorella la sera prima. L'ho premuto con il dito e naturalmente l'ho assaggiato di nuovo per vedere di cosa si trattava. Salato. Un gusto molto diverso da quello di mia sorella. Ne ero comunque entusiasta. Ho pensato che avesse qualcosa a che fare con la mia eccitazione, ma questo accadeva prima di Internet e non avevo un padre, quindi non avevo modo di saperne di più. Mi sono rialzata gli slip e sono uscita dal bagno. Mia sorella era in cucina e mangiava una ciotola di cereali. Indossava piccoli pantaloncini sportivi e una maglietta bianca. A questo punto avrebbe potuto indossare qualsiasi cosa e lo troverei attraente.

Ho fatto del mio meglio per comportarmi normalmente mentre facevamo colazione e facevamo le nostre solite chiacchiere. Ero un po' nervoso che avrebbe tirato fuori qualcosa riguardo ieri sera, ma non l'ha mai fatto, ha solo parlato di quanto fosse spaventoso il film. La mamma era via tutto il giorno, lavorava a volte 12 ore al giorno. Eravamo già abituati e passavamo gran parte della giornata a oziare. Abbiamo guardato un po' la TV e abbiamo parlato per gran parte della giornata. Poiché si era fatto tardi, la mamma sarebbe tornata a casa entro un paio d'ore e le cose cominciarono a diventare di nuovo interessanti.

"Ehi, non essere strana, ma voglio chiederti una cosa", ha detto mia sorella

Il mio cuore sprofondò, sicuro che fosse sveglia la scorsa notte e mi avrebbe fatto domande a riguardo.

"Certo, come va?" Ho giocato bene.

"Perché il tuo... ehm... il tuo coso stamattina spuntava in bagno?" Chiese nervosamente

Ho espirato ringraziando Dio che non si trattasse di ieri sera e ho riflettuto sulla mia risposta.

"ahah hai notato che" risposi nervosamente "fa così quando ho bisogno di fare pipì la mattina"

"Veramente??" Lei ha risposto, sembrando non convinta della mia risposta

"Sì, penso di sì" ho detto

"Beh, sicuramente diventa grosso quando hai bisogno di fare pipì"

Sentendomi orgoglioso di sentirlo ma non volendo sembrarlo, ho risposto "Sì, diventa un po' più grande"

"Un po?" Lei rispose nuovamente con lo stesso tono di prima.

"L'altro giorno, quando abbiamo fatto la doccia, ho notato che era molto più piccolo quando ti sei tolto gli slip per la prima volta, poi quando ho guardato in basso sotto la doccia, si è rialzato di nuovo... molto più grande"

Non potevo credere che se ne fosse accorta davvero, e mentre la sentivo dire questo potevo sentire il mio cazzo cominciare a formicolare nelle mutande.

"Sì, credo che sto attraversando dei cambiamenti... e anche tu! Non credere che non abbia notato le tue enormi tette anche sotto la doccia"

Lei arrossì subito: "Michael!, non sono così enormi, che imbarazzo" esclamò

"Beh, per me sono enormi... in effetti sono gli unici che abbia mai visto" ho risposto

"Aww, beh grazie fratellone... le mamme sono molto più grandi e la vedo sempre quindi non mi sembra che siano grandi"

'Beh, non penso nemmeno che il mio cazzo sia molto grosso, ma non ho nessuno con cui paragonarmi"

"Ma stai scherzando?" lei rispose "Penso che sia enorme, non potevo credere quanto fosse grande nella doccia..." Si morse leggermente il labbro inferiore mentre le parole le sfuggivano dalla bocca.

La conversazione mi aveva così eccitato ora che il mio cazzo usciva dai pantaloncini, che non me ne ero nemmeno accorto finché mia sorella non disse:

"Fratello, a quanto pare, penso che tu abbia bisogno di fare pipì di nuovo!"

Ho abbassato lo sguardo e ho notato quanto fosse ovvio che fosse rimasto in piedi a costruire un teepee nei miei pantaloncini.

"Io umm...uhh..uhh... non devo nemmeno fare pipì in realtà. Non so perché sia ​​difficile"

"Fa male?' Lei chiese

"Un po' quando preme contro i miei pantaloncini" ho risposto

"Beh... perché non lo lasci uscire, allora?" Lo chiese come se niente fosse

"Umm... davvero? Vuoi rivederlo o sei solo gentile?" ho chiesto

"Beh... mentirei se non dicessi entrambe le cose. Non voglio che tu soffra ma sono anche curioso di guardarlo di nuovo.."

"Hmm...ok, ma solo se ti spogli anche tu" risposi "Sono curioso anch'io"

"Ok" disse senza esitazione "Prima tu però"

"Va bene" ho risposto e mi sono tolto prima la maglietta, poi i pantaloncini e infine ho abbassato gli slip fino alle caviglie... il mio cazzo è balzato immediatamente fino alla cintura. Ho guardato mia sorella e lei era incollata al mio cazzo. la mia faccia assomigliava alla mia quando l'ho vista entrare nella doccia per la prima volta.

"Va bene, tocca a te" dissi

Lei annuì, si tolse la maglietta e si slacciò il reggiseno, regalandomi ancora una volta la visione a cui avevo pensato ininterrottamente per 24 ore, poi si tolse i pantaloncini e rimase in mutande. Indossava le stesse mutandine bianche di cotone che aveva il giorno prima.

"Ecco" esclamò

"Assolutamente no" ho detto "Devi toglierti anche le mutandine"

Lei distolse lo sguardo da me, chiaramente timida. Sembra molto insicuro a riguardo.

"Cosa c'è che non va? Ho chiesto "Me l'hai mostrato ieri sotto la doccia"

"sì ma umm.. beh non so come spiegarmi ma.. ieri sotto la doccia non ero bagnata" ha risposto

"Bagnato? Cosa vuol dire che non eri bagnato?" Ho chiesto "Certo che eri sotto la doccia"

"Non è quello che intendo..." rispose "Per qualche motivo ieri, quando ho visto il tuo cazzo duro, mi sono incuriosita, e dopo la doccia, quando mi sono vestita, ho notato che la mia figa era viscida... e bagnata. Infatti ieri sera quando stavi premendo contro di me potevo sentire la mia figa inumidirsi di nuovo... e ora mi sento di nuovo bagnata.."

Sapevo esattamente di cosa stava parlando adesso e mi fece venire i brividi lungo la schiena quando la sentii parlarne. Stavo cominciando a mettere insieme questo. Quando ci eccitavamo entrambi, le nostre parti intime creavano una sostanza viscida e le mie diventavano davvero dure.

"Hmm..." ho riflettuto "Beh, ti farebbe sentire meglio sapere che il mio cazzo fa la stessa cosa e in questo momento posso sentire che anche la testa del mio cazzo è davvero bagnata..."

Non sono circonciso quindi la testa del mio cazzo non si vede sempre. Devo tirarlo indietro un po' quando mi riesce difficile esporlo davvero.

"Veramente??" chiese con una faccia sollevata ora "Mi fa sentire meglio, guarda come mi inzuppo attraverso le mie mutandine..." si guardò... "Stamattina mi sono svegliata ed erano più bagnate di quanto non siano mai state"

Fissai direttamente il suo punto bagnato, vedendo chiaramente attraverso le sue mutandine sottili e sentendo il mio cazzo diventare più duro di secondo in secondo.

"Bene, allora togliteli, ora che sappiamo che siamo sulla stessa barca"

"Hai ragione" disse e li abbassò, esponendo il suo monticello morbido e la sua figa bagnata. Fili dei suoi succhi si attaccavano al tessuto mentre li tirava giù. Mi faceva impazzire ricordare cosa avrei provato e aveva il sapore della sera prima.

"E adesso?" disse, mentre stava completamente nuda di fronte a me con la mia erezione che quasi la toccava per quanto eravamo vicini.

"Beh... siamo entrambi curiosi... perché non ci esploriamo a vicenda?" dissi nel tono più innocente che riuscii a trovare.

"Come toccare, intendi?" Lei chiese

"sì... se per te va bene" ho risposto

"Sì, suppongo di sì, se tu sei..." disse nervosamente

"Perché non smettiamo semplicemente di parlare e facciamo quello che ci sembra giusto... se tu ti senti a disagio o se lo sono io possiamo semplicemente dire basta, stai bene? Ho chiesto sperando che fosse già d'accordo così da poterla toccare.

"Va bene, facciamolo" disse con orgoglio

Entrambi ci guardavamo direttamente l'uno di fronte all'altro mentre ci avvicinavamo l'uno all'altro. Ho iniziato per primo e ho raggiunto le sue tette morbide e i capezzoli duri. Lei era più modesta e cominciò a toccarmi le spalle e le braccia mentre io accarezzavo le sue tette sode. I nostri occhi vagano ma continuano a stabilire un contatto visivo frequente, come se controllassero il permesso di continuare. Mi sono avvicinato a lei e la punta bagnata del mio cazzo ha spinto contro il suo stomaco. Sembrava sorpresa ed emozionata allo stesso tempo. Con un movimento rapido raggiunse la sua mano e afferrò il mio cazzo pulsante. Sentii un'ondata istantanea attraverso il mio corpo mentre la sua mano stringeva forte il mio cazzo. Tieni presente che a questo punto non mi ero mai nemmeno masturbato.

Teneva il mio cazzo saldamente in mano e io mi avvicinavo alla sua figa. Ho fatto scorrere un dito dalle sue tette fino all'ombelico finché non sono arrivato alla sua figa bagnata. Era molto più umido della notte prima e le sfuggì un gemito mentre le passavo un dito attraverso la fessura. Si morse il labbro inferiore mentre facevo scorrere il dito su e giù per la sua figa, godendosi la sua umidità ed esplorando la sua giovane figa.

Poi ha tirato indietro la pelle liberandomi completamente la testa e ha notato la bolla di sperma che si era formata sulla punta del mio cazzo. Incuriosita, iniziò a far scorrere il dito in circolo attorno ad esso. La sensazione era incredibile e ho iniziato a sentire un accumulo che non avevo mai sentito prima.

"Mmmm fratello... è così bello... è brutto quanto siano belle le tue dita tra le mie gambe e quanto sia bello il tuo cazzo nella mia mano?" Chiese.

"Non credo" ho risposto "Anche a me è una sensazione fantastica"

Adesso avevo due dita che correvano su e giù per la sua fica fradicia e lei mi accarezzava forte il cazzo avanti e indietro. Ho abbassato le dita e ho trovato il suo giovane buco. Ci ho infilato il dito medio e lei ha avuto un enorme sussulto mentre la penetravo per la prima volta.

"OH MIO DIO, è così bello" Ha urlato "Non fermarti fratello"

Non mi sono fermato e ho cominciato a toccarle il buco follemente stretto e bagnato. Continuò ad accarezzarmi il cazzo avanti e indietro ed ero sicuro che stesse per succedere qualcosa di pazzesco perché mi sentivo più caldo di quanto non avessi mai sentito prima. Le mie ginocchia iniziarono a tremare, sul punto di cedere e cominciai a gemere forte..

"Oh mio Dio, sorellina, non fermarti" ho urlato

Ho cominciato a toccarla ancora più forte e presto i suoi gemiti sono diventati più forti dei miei... sentivo che la mia testa poteva esplodere per l'euforia e ho trattenuto il respiro mentre vivevo i 30 secondi più intensi della mia vita... la mia sorellina cavalcava la mia con le dita e accarezzando il mio cazzo duro... ho aperto gli occhi e ho visto il mio cazzo emettere grandi schizzi bianchi direttamente sullo stomaco di mia sorella... uno spruzzo dopo l'altro rimbalzava sul suo stomaco. Non potevo sentire le mie gambe ma non smettevo di toccarla..

"OH MIO DIO FRATELLO!! NON FERMARTI PER FAVORE...MI STA SUCCEDENDO QUALCOSA" urlò

Ho infilato un secondo dito dentro di lei e ho cominciato a tirare forte avanti e indietro dentro di lei... presto dei flussi di quella che sembrava un po' pipì ma più chiara e filante hanno iniziato a fuoriuscire dalla figa della mia sorellina. I suoi gemiti erano più forti che mai mentre continuava a bagnarmi la mano con i suoi succhi mentre io continuavo a scoparle la figa con le dita.

"Fratello, è stata la sensazione più incredibile del mondo" ansimò

Eravamo entrambi scioccati uno di fronte all'altro, completamente senza fiato e sentendoci meglio di quanto ci fossimo mai sentiti prima.

"Mmm sorellina, sono d'accordo... ci siamo fatti un casino a vicenda" Lanciai un'occhiata al suo stomaco coperto del mio sperma e al legno duro inzuppato dei suoi succhi.

"Mmm sì, l'abbiamo fatto fratello maggiore, il mio stomaco è inzuppato dei tuoi succhi" esclamò mentre ci giocava con le dita.

"Perché non ci puliamo molto velocemente e ci facciamo una doccia veloce prima che la mamma torni a casa?" ho detto

"Mmm, okay fratellone.. ma solo se lo facciamo di nuovo sotto la doccia" Lei fece l'occhiolino

"Certo sorellina, quando vuoi possiamo rifarlo" Mi avvicinai e le diedi un bacio sulle labbra..

"Adesso andiamo".....

Continua............

Sono nuovo nella scrittura, quindi per favore lascia commenti costruttivi se c'è qualcosa su cui pensi che possa migliorare. Fammi anche sapere se ti è piaciuta la mia storia! Grazie!

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

412 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

2K I più visti

Likes 0

Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare. Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come...

1.5K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1.1K I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 6

La vicina di casa insegna a Cathy a prendere lo stile missionario di Horas, ma non è tutto ciò che le insegna. Ho ricordato a Cathy che Brian e Leena sarebbero tornati il ​​prossimo fine settimana. In realtà sembrava triste. Era ovvio che si stava godendo l'accoppiamento notturno con Horas. Si era completamente arresa all'idea del sesso quotidiano con il suo amante cagnolino. Horas, d'altra parte, sapeva che sarebbe diventato una puttana, non importa chi fosse. Non l'ho detto a Cathy nel caso avesse iniziato a piangere. La settimana è iniziata normalmente ma mercoledì sera è venuta a bussare Elisabetta della...

788 I più visti

Likes 0

Futa nuda a scuola 08 - Futa birichina Bake Sale 2: Leann vende torte Futa

Futa nuda a scuola - La birichina Futa Bake Sale Capitolo due: Leann's vende torte Futa Di miopenname3000 Diritto d'autore 2019 La settimana di Leann Winthrop, sabato Ecco fatto, dolcezza, fece le fusa Skylar, uno dei bidelli futa. Le sue trecce bionde si riversavano sul suo viso giovanile. Rimasi senza fiato mentre mi stringeva il culo nudo. Il mio cazzo di futa pulsava mentre ricordavo il giorno prima, quando Ji-Min e io avevamo saziato i bidelli di futa con i nostri corpi. Avevano preso la ciliegia della mia figa mentre io gli succhiavo i cazzi e li prendevo nella mia fica...

767 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.