Prima volta...? - Fisso

419Report
Prima volta...? - Fisso

Sto reinviando questa storia per aggiungere i temi corretti.

Anche se mi identifico come etero e sono sposato da più di 20 anni, ho avuto la curiosità di fare sesso orale con un altro uomo da quando ero adolescente. L'impulso di soddisfare quella curiosità variava da un lieve ronzio, facilmente ignorabile, nel profondo della mia mente, a un desiderio quasi ossessivo, ma non sono mai stato motivato a provare davvero qualcosa.

Beh, non è del tutto vero. Quando avevo 17 anni, ho convinto un amico più grande, che era bisessuale, a provarci. Era un nervosismo adolescenziale da parte mia, e penso che lui non mi trovasse davvero il suo tipo, quindi non ne è "ne venuto fuori" nulla (per così dire) per nessuno dei due. Avevo dovuto bere una buona quantità di birra anche solo per trovare il coraggio di farlo, quindi il mio essere ubriaco potrebbe aver contribuito a non trovarlo particolarmente soddisfacente.

Recentemente l'impulso aveva ricominciato a crescere al punto che quasi tutte le mie fantasie di masturbazione ruotavano attorno ad esso. Nelle mie fantasie non avevo in mente una persona distinta; in effetti, non c'era nemmeno un volto coinvolto. Per lo più "vidi" un torso con un pene attaccato e lo leccavo e succhiavo finché non finiva. Per aggiungere più realismo alla fantasia (e perché è sempre stato un mio desiderio fare sesso orale su me stesso), a volte mi sdraiavo sul letto e gettavo le gambe sopra la testa, arrotolandomi nel tentativo di succhiarmi. . Ovviamente non sono mai stato vicino, ma mi masturbavo in questo modo finché non venivo, e mi lasciavo volare in faccia o in bocca, a quel punto di solito ne ingoiavo un po'. Dopo non ho trovato il gusto particolarmente gradevole, ma nella foga del momento era quello che volevo.

In effetti, penso spesso che se potessi davvero succhiarmi, il bisogno di stare con un altro uomo probabilmente scomparirebbe del tutto. Ma ammettiamolo; è più facile trovare un uomo con cui giocare (o almeno così pensavo) che mettersi a dieta ed esercitarsi e diventare abbastanza snelli e flessibili da succhiarselo.

Di solito l'impulso mi accompagnava per diversi giorni, forse anche qualche settimana, ma poi alla fine svaniva quando altri aspetti della vita cominciavano a prendere il sopravvento. Ma questa volta qualcosa era diverso. Qualunque fosse il motivo, ero determinato che questa volta, nel bene e nel male, avrei realizzato questa fantasia. Ero interessato a vedere se la realtà sarebbe stata altrettanto emozionante, una volta che fossi stato nel momento giusto. Ma come fa un ragazzo etero, con una reputazione nella comunità da difendere, a trovare qualcuno con cui soddisfare questo tipo di curiosità?

Mi sono rivolto a Craig's List e ho cercato nella sezione "Incontri casuali, da m a m" degli annunci personali. Molte pubblicità provenivano da ragazzi gay aggressivamente che volevano "alesare" e "battere" e quant'altro, e questo semplicemente non mi interessava. Cercavo qualcuno più sulla mia falsariga: sposato o fidanzato, curioso dell'orale (solo) e disposto a sperimentare in modo confortevole. Non mi importava affatto dell'aspetto e le dimensioni non erano un problema purché rientrassero nel range di normalità. Non volevo uno stuzzicadenti, ma non volevo nemmeno un salame.

C'erano alcuni annunci promettenti, quindi ho risposto ad alcuni con le mie statistiche (6'1", 240, non proprio grasso, ma tozzo, taglio da 6,5", circonferenza media, ecc.). La maggior parte non ha risposto alla mia risposta, e quelli che lo hanno fatto all'inizio sembravano interessati, poi all'improvviso tutte le comunicazioni si sono interrotte. Alla fine ho pubblicato il mio annuncio e ho ricevuto numerose risposte, il che è stato incoraggiante. La maggior parte di essi non soddisfaceva i criteri che ho descritto sopra, ma c'erano alcune gemme nella spazzatura.

Ho avuto una conversazione promettente con un uomo che era anche lui curioso, e la cui moglie voleva guardarci e magari unirsi a un certo punto, ma dipendeva da lei. Ancora una volta, dopo alcuni scambi di e-mail e immagini, sono scomparsi dalla faccia della terra. Sono rimasto deluso, perché avere una donna coinvolta, anche se solo a guardare, mi sembrava un ponte perfetto tra ciò a cui ero abituato e ciò che volevo fare.

Dopodiché, ci sono state un altro paio di false partenze e alla fine ho deciso che Craig's List non avrebbe funzionato. Molti annunci venivano ripetuti più e più volte e cominciava a sembrare che la maggior parte di essi non fossero sinceri, o forse si trattasse di una truffa di qualche tipo. Ma ne avevo ancora la voglia.

Alla fine, ho deciso che avrei dovuto chiedere aiuto a qualche esperto. Ho contattato un ex collega, che sapevo essere gay, con l'intenzione di chiedere il suo consiglio su come trovare qualcuno che soddisfi i miei criteri. Tommy (come verrà chiamato qui) non soddisfaceva i miei criteri, essendo apertamente gay (quindi sicuramente non etero ma curioso) e "sposato" con un altro ragazzo. Ma da quando abbiamo lavorato insieme ho avuto la sensazione che mi trovasse attraente e speravo che avrebbe avuto qualche idea su come trovare la situazione giusta. Forse, ho pensato, conosce anche altri uomini sposati che sono curiosi e cercano circostanze simili alle mie.

Ho spiegato a Tommy che mi sarebbe piaciuto incontrarlo per un drink o qualcosa del genere per avere il suo consiglio e lui ha subito accettato. Così in fretta, infatti, che mi chiesi se avesse qualche idea, in qualche modo, di ciò di cui gli avrei parlato. Ho considerato la possibilità che, quando gli avessi esposto la mia situazione, potesse offrirsi volontario. All'inizio l'idea sembrava un fallimento, non solo per il fatto che non soddisfaceva i miei criteri, ma anche perché non sapevo se fosse davvero interessato ai miei oppure no. E anche se fosse stato interessato, avendo una relazione con un altro uomo, non sapevo se sarebbe stato il tipo che tradiva.

Tuttavia, mentre i giorni passavano fino al nostro "appuntamento", per come avevo iniziato a pensarci, mi sono reso conto che c'erano altri aspetti di lui che erano attraenti. Avevamo un buon rapporto e andavamo d'accordo. Inoltre, sentivo che potevo fidarmi di lui, non solo per il segreto che gli avrei rivelato, ma anche per il fatto che, se avessimo fatto qualcosa insieme, avrebbe rispettato i miei limiti e non avrebbe cercato di mettermi fretta o di essere eccessivamente aggressivo. Inoltre, se fosse interessato, questo sarebbe forse il modo più rapido e senza drammi per ottenere ciò che desidero.

Il giorno in cui ci siamo incontrati, mia moglie è andata a un evento che sapevo l'avrebbe tenuta impegnata per almeno tre e fino a quattro ore. Tuttavia avevo un alibi per stare lontano da casa, nel caso lei tornasse a casa presto o mi chiamasse per sapere come stavo. Tutto era pronto e me ne sono andato subito dopo per incontrare Tommy. Ero nervoso come non ricordavo mai, forse anche di più del mio primo appuntamento da adolescente.

Quando sono arrivato alla griglia, mi sono guardato intorno e ho visto Tommy seduto a un tavolo fuori mano nell'angolo sul retro. Ciò aumentò il mio sospetto che avesse almeno un'idea di come sarebbe stata la conversazione. Mi sono avvicinato e ci siamo salutati stringendoci la mano. Non so se si è accorto di quanto fossero umidi i miei palmi, ma non ha detto nulla al riguardo.

Abbiamo fatto una chiacchierata mentre guardavamo il menu. Alla fine ho ordinato una birra e un hamburger e Tommy ha ordinato lo stesso. Quando la birra fu portata davanti a noi, alzammo i bicchieri l'uno verso l'altro e bevemmo. Tolte di mezzo quelle attenzioni sociali, Tommy disse: "Allora, di cosa volevi parlare?"

Ora, nell'ultima settimana, avevo provato come avrei iniziato, e in quel periodo non ero riuscito a trovare il modo appropriato. Non volevo far sembrare che gli stessi chiedendo di fare sesso con me direttamente, ma non volevo essere così subdola da non pensare di chiedermi se era disposto a farlo. A questo punto mi ero convinto che, se fosse stato interessato, lo avrei accettato (a condizione che potesse garantirmi che non aveva malattie sessualmente trasmissibili).

"Onestamente, Tommy," cominciai, "non sono sicuro di come iniziare. Pensavo che mi sarebbe venuto in mente e che le parole sarebbero fluite, ma non è così. È... complicato."

Tommy ridacchiò e disse: "Perché non provi a dirlo apertamente? Dì quello che hai in mente nel modo più conciso possibile, esponilo allo scoperto, così potrai chiarire tutti i dettagli che non potevano essere espressi in quel primo momento." frase."

"Buona idea", ho risposto. Ho bevuto un sorso della mia birra, ho fatto un respiro profondo e ho detto: "Voglio fare sesso con un uomo". Se Tommy è rimasto sorpreso, ha fatto un buon lavoro nel nasconderlo. Ho cercato il suo viso per avere un'idea di cosa stesse pensando, ma mi ha guardato in silenzio per circa 10 secondi, poi ha bevuto un sorso della sua birra.

"Hai qualcuno in particolare in mente?" chiese.

"Non proprio no." Gli ho poi raccontato i miei 30 anni di desideri e, in sostanza, tutta questa storia fino al punto di contattarlo. Rimase seduto in silenzio, con attenzione, per tutto il tempo, interrotto solo dalla cameriera che portava i nostri hamburger. Ho mangiato lentamente, perché ero io a parlare, ma il mio nervosismo si è calmato lentamente. Tommy aveva ragione; una volta detta la prima frase, il resto è stato facile e bastava inserire i dettagli.

Quando finalmente ebbi finito, sembrò pensieroso per un momento, poi disse "Non voglio essere presuntuoso, ma vuoi che io sia... quel ragazzo?"

"Ci ho pensato, Tommy, ma sinceramente non lo so. Come ho detto, speravo in qualcuno che, come me, non ha una vera esperienza e ha voglia di provare qualcosa di nuovo. Qualcuno che non sarà eccessivamente timido, ma non sarà aggressivo e non si comporterà come se fossi qualcuno da dominare e conquistare. Andiamo d'accordo come amici e so che, anche se sei gay, non sei arrabbiato per questo , cosa che penso sarebbe una svolta totale per me. Penso che potrebbe funzionare, se sei veramente interessato, ma ci sono una serie di cose su cui vorrei che tu fossi chiaro prima di prendere quella decisione. "

"Tipo cosa?"

"Beh, tanto per cominciare, nonostante quello che voglio fare, non sono in alcun modo attratta dagli uomini. Non come lo sono dalle donne. Nonostante la mia curiosità, non penso ai ragazzi in senso sessuale. Penso al recito, ma è qualcosa che faccio a un cazzo, non al ragazzo a cui appartiene il cazzo, se ha senso. Voglio solo che tu capisca che questo non sarà un incontro romantico o sensuale per me. Non lo faccio voglio un colpo grossolano e vai, ma questo non sarà tenero, amorevole e dolce.

"Voglio che ci divertiamo, che sia eccitante e piccante. Ma per me, non sarà come quando sto con una donna, e voglio riversarmi su ogni parte di lei. Voglio toccarti e renderti duro, poi succhiarti finché non vieni nella mia bocca. Ma, e so che questa parte sembrerà strana, non ho alcun desiderio di baciare o abbracciare o qualsiasi altra cosa che assocerei al sesso con una donna . Ha senso?"

"Bene," rispose, "sì. Penso di capire a cosa vuoi arrivare. Non vuoi un incontro freddo e clinico, ma non vuoi nemmeno trasformarlo in un corteggiamento."

"Esattamente! Siamo amici, e per me sarebbe come se degli amici andassero in canoa per la prima volta insieme. Saprebbero che, se l'esperienza è stata divertente, potrebbero rifarla, o forse è solo la una volta. Ma in ogni caso, sarebbero pur sempre amici, ma niente di più coinvolto. "

"Una specie di 'amici con benefici', allora." lui ha offerto. "Okay, penso che posso accettarlo."

"Allora sei interessato ad aiutarmi in questa cosa? Essere... quel ragazzo?" Ho chiesto.

"Certo che lo sono! Ho sempre pensato che fossi attraente, ma ho pensato che fossi vietato. Mi piacerebbe essere la tua prima esperienza e rispetterò sicuramente il tuo ritmo e i tuoi limiti."

"E che mi dici di Pietro?" Ho chiesto.

"Farò al tuo Peter qualunque cosa tu voglia," rispose Tommy con un sorriso scherzoso.

"Ah ah, stronzo," dissi ridendo. "Sai benissimo che mi riferisco a tuo marito. Non voglio dovermi preoccupare di un uomo geloso che cerca di crearmi problemi."

Tommy sorrise debolmente e disse: "Non voglio approfondire l'argomento, ma fidati di me; non sarà un problema. Quando vorresti farlo?"

"Beh, non sono mai stato un tipo paziente," risposi. "So che vivi qui vicino, e per ora mi va bene, se è così."

"Ora va bene per me. Oh, mio ​​Dio, non posso credere che stia succedendo davvero!" disse Tommy, quasi senza fiato. "Mi stavo chiedendo di cosa volevi parlare, e fantasticavo che sarebbe stato qualcosa del genere, ma non pensavo davvero che sarebbe stato. Ero sicuro che sarebbe stato qualcosa di più simile a me che ti aiutavo con un evento di March-of-Dimes."

"Fidati di me, Tommy," risposi con un sorriso. "Non sei l'unico che non riesce a credere che stia succedendo. Ho cercato di trovare la situazione giusta per farlo per così tanto tempo, e ora che sta per succedere, sono nervoso da morire!" Neanche io stavo mentendo; avevo la bocca secca e le mani cominciavano a tremare leggermente. Avrei preso in considerazione l'idea di bere un'altra birra, ma non volevo correre il rischio che i miei ricordi o la mia percezione delle cose venissero offuscati dall'alcol.

Abbiamo pagato e l'ho seguito dalla griglia fino a casa sua, a circa un miglio di distanza. Ho dovuto davvero lavorare per calmare i nervi durante il viaggio, e immagino che lo abbia fatto anche lui. La prima cosa che ha fatto quando siamo entrati in casa sua è stata farmi un breve giro, per poi finire in soggiorno.

"Se non ti dispiace," disse Tommy quando arrivammo lì, "vado a fare una pipì veloce. C'è un bagno per gli ospiti proprio in fondo al corridoio," aggiunse, indicando, poi si incamminò verso il retro della casa. dov'era la camera da letto principale.

Sono andato nel bagno degli ospiti e ho pisciato, con la mente che correva tutto il tempo. Avrei semplicemente iniziato a diventare duro, pensando a cosa avrei finalmente potuto fare, poi la realtà mi avrebbe colpito e il mio cazzo si sarebbe tartarugato. Questo mi ha reso ansioso che, quando sarebbe arrivato il momento, non sarei stato in grado di diventare duro. Naturalmente, per me si trattava principalmente della mia fantasia di succhiare un cazzo, quindi non dovevo essere duro. Ma mi piace anche che il mio venga succhiato e non volevo perdere l'occasione quando era lì.

Avevo fatto la doccia prima di partire, ma ho deciso di approfittarne per "rinfrescarmi" un po' con uno strofinaccio steso vicino al lavandino. Era più che altro una formalità, ma non volevo che un fischio inaspettato ci accogliesse quando mi toglievo i vestiti.

Santo cielo! In realtà mi toglierò i vestiti davanti a un altro uomo, e anche lui sarà nudo. La mia mente correva di nuovo, con rapidi lampi di ciò che pensavo sarebbe successo presto. Tommy era di corporatura simile alla mia, un po' più basso e anche grassoccio (ma non grasso). Sembra saggio, non che mi importasse davvero, ma non era brutto. Non so se potrebbe essere considerato bello, e certamente non attraente, ma nemmeno io, nonostante quello che ha detto. Ho fatto un rapido calcolo dei suoi lineamenti e ho pensato che anche il suo cazzo sarebbe stato simile al mio, il che sarebbe stato perfetto per me.

Tornai in soggiorno, dove Tommy stava già aspettando. "Vuoi qualcosa da bere?" chiese. "Un'altra birra?"

Ero ancora tentato, ancora una volta solo per calmare i nervi, ma decisi di non farlo. "Solo un po' d'acqua," dissi. Avevo la bocca secca come la sabbia. Tommy mi passò un bicchiere, poi, senza dire nulla, iniziò a tornare nella sua camera da letto. Ho sorseggiato l'acqua e l'ho seguito. Entrai nella stanza proprio mentre lui si voltava verso di me.

"So che hai detto che non volevi baciarmi," cominciò, "e io non voglio spingerti oltre, ma sei sicura di non volerci provare?"

In realtà ci avevo pensato anch'io e gli ho dato la mia risposta onesta. "Non è qualcosa che fa per me, ma se vuoi baciarti, ci proverò. Chissà, forse mi piacerà una volta che avrò superato il problema."

"Non voglio che tu lo faccia se..." iniziò, ma lo interruppi. "Tommy, fermati. In questo momento, non posso baciarti per nessun altro motivo se non per te. Non sarà perché lo voglio, perché in questo momento non vedo come potrò mai volerlo. Ma sono disposto a provarlo, per il tuo bene, se è qualcosa che vuoi fare. Questo è tutto ciò che posso offrire."

Tommy considerò le mie parole per qualche secondo, poi disse: "Okay, capisco. Baciare è una cosa importante per me, quindi finché non ti senti obbligato a farlo, mi piacerebbe baciarti. Se non lo fai, Non mi piace, non dobbiamo farlo di nuovo, ma voglio farlo almeno solo questa volta." Si è avvicinato lentamente a me mentre diceva questo, ed era proprio di fronte a me quando ha finito, alzando lo sguardo speranzoso. Era qualche centimetro più basso di me, quindi ho dovuto inclinare la testa verso la sua, e quando l'ho fatto si è avvicinato e mi ha baciato.

All'inizio si trattava solo di uno sfioramento delle sue labbra, ma poi la sua lingua guizzò fuori e mi leccò timidamente le labbra, come se chiedesse il permesso. All'inizio ero riluttante, ma poi ho deciso che, dal momento che avevo acconsentito al bacio, avrei dovuto almeno dargli il vantaggio di andare all in. Ho respinto i miei pregiudizi e i miei pensieri preconcetti a riguardo e gli ho aperto le labbra. . E per la prima volta nella mia vita, ho baciato un altro uomo con abbandono, le lingue che si toccavano e le labbra serrate insieme. L'esperienza è stata... okay. Non eccezionale, non l'esperienza mozzafiato e mozzafiato di quel primo bacio con una ragazza. Ma non ho provato immediatamente vergogna o imbarazzo, o come se avessi bisogno di sciacquarmi con il collutorio e lavarmi i denti. Sospettavo però che sarebbe successo più tardi, dopo aver fatto quello per cui eravamo venuti qui.

Ci siamo staccati e ci siamo guardati. Ho sorriso per dimostrargli che non ero disgustato, e lo sguardo nei suoi occhi mostrava che sperava che quello non sarebbe stato l'ultimo bacio. Avrei potuto prenderlo o lasciarlo, ma poi ho deciso che sarei stato disposto a baciarlo di nuovo perché a quanto pare significava così tanto per lui. Lo farei anche con finta passione.

"Spogliamoci," ho suggerito, togliendomi la maglietta. Tommy sorrise e praticamente si strappò i vestiti, ed era completamente nudo mentre io mi stavo ancora togliendo le scarpe, con i pantaloni abbassati intorno alle ginocchia. Ho riso e finalmente mi sono trovata davanti a lui dopo aver abbassato i miei boxer. Non ero completamente duro, ma almeno non ero nemmeno tartarugato. Tommy, d'altro canto, era chiaramente eccitato, con il cazzo duro e rivolto verso l'alto.

Lo squadrai dall'alto in basso, godendomi la possibilità di guardare apertamente la spazzatura di un altro uomo. Mentre mi avvicinavo a lui, ho notato che le sue ginocchia sembravano un po' tremanti e che le sue mani tremavano leggermente. L'ho guardato negli occhi e, indicando il suo uccello, ho chiesto "Posso?"

"Naturalmente," rispose, con la voce calma e rauca per la passione. Mi sono avvicinato e ho toccato leggermente la sua asta, sfiorando la punta delle dita lungo tutta la sua lunghezza. Ha sussultato leggermente quando l'ho toccato per la prima volta, il che mi ha fatto sorridere. Con delicatezza ho raggiunto il suo scroto e l'ho palpato, giocando con le sue palle come piace a me. Non troppa pressione e nessuno strattone, ma un po' di trazione e rotazione qua e là. Tommy ha sospirato come me, quindi ho pensato che stavo facendo la cosa giusta.

Dopo un po' tornai al suo cazzo, toccando l'asta e poi prendendolo completamente in mano. Ancora una volta, ho cercato di essere gentile ma di muovere la mano come farei con il mio cazzo, e in breve tempo sono stato ricompensato con la prima goccia di pre-sborra. Non mi importava molto il sapore del mio sperma, ma ho sempre pensato che il pre-sperma andasse bene, e ora ero curioso di pensare la stessa cosa di quello di un altro uomo. Sono rimasto a fissarlo nell'inguine per tutto il tempo, ma mentre raccoglievo la goccia di umidità dalla sua punta, l'ho guardato negli occhi mentre portavo il dito alle labbra e lo leccavo per pulirlo. Aveva un buon sapore, proprio come il mio.

Tommy sospirò di nuovo e si sporse verso di me, poi si fermò, chiedendo il permesso con gli occhi. Annuii e lui colmò lo spazio per baciarmi di nuovo. Mentre ci baciavamo, lo presi di nuovo in mano e anche lui cominciò ad accarezzarmi. Ero stato così concentrato sul suo cazzo che non avevo prestato attenzione al mio, e sono rimasto sorpreso di trovarmi quasi completamente duro. Più giocava con me, più diventavo deciso. E devo ammettere che anche il bacio è stato carino. Era come se ora che la barriera fosse stata infranta, potessi dimenticare i miei problemi e lasciare che accadesse.

Ora, però, volevo mettermi al lavoro, per così dire. Interruppi il bacio e guidai dolcemente Tommy verso il letto. Non ero sicuro di come volevo farlo, e la mia indecisione deve essere stata evidente. "Sediamoci entrambi sul letto e parliamo un po'," suggerì. "Cosa sta succedendo nella tua testa?", ha chiesto, dopo che ci siamo adattati. Eravamo seduti a gambe incrociate, uno di fronte all'altro. Eravamo entrambi ancora molto eretti.

"Finora è carino", ho risposto. "Ero preoccupato che sarei stato così nervoso da non diventare duro, ma non credo che sia un problema adesso!" Ho riso.

"Lo vedo," disse Tommy, ridendo anche lui. Ho guardato in basso e ho notato che anch'io stavo iniziando a perdere un po' di sperma. Tommy mi imitò mentre si allungava per raccogliere l'umidità e leccarsela dalle dita. "Delizioso!" egli esclamò.

Sorrisi, scuotendo la testa. "Sei così gay!" dissi, con finta severità. "Entra nel club!" - rispose ridendo. Il che mi ha sorpreso. Volevo protestare e assicurargli che in realtà non sono gay. Non sono nemmeno bisessuale; Non voglio una relazione con un ragazzo, voglio solo fare sesso con lui. Mi sono reso conto di quanto suonasse assurdo, anche se è vero, e ho deciso che non valeva la pena tentare di chiarire il punto. Inoltre, sapevo che Tommy non stava giudicando e che il suo commento non intendeva essere più offensivo di quello che avevo capito io dal mio. L'ho semplicemente lasciato andare.

"Lascia che ti esamini un po'," suggerii. "Solo finché non mi sentirò più a mio agio."

"Certamente," rispose, appoggiandosi allo schienale e aprendo le gambe. Mi sono chinato in avanti, ma ho capito che sarebbe stato molto scomodo, quindi ho girato le gambe e mi sono sdraiato di fronte a lui, con la faccia a pochi centimetri dal cazzo di un altro uomo. Appoggiandomi sui gomiti per liberare le mani, ho ripreso in mano il cazzo di Tommy e l'ho guardato davvero. L'ho spostato avanti e indietro, osservando il modo in cui le vene si univano, il modo in cui pendeva il sacco della palla da sotto. Ne ho sentito lo spessore e la consistenza, la carnosità. Mi sono così abituato al mio che ho davvero dato per scontato quanto possa essere pesante e pieno.

Quello di Tommy era, come avevo immaginato, simile al mio, anche se forse era un po' più lungo (e in effetti lo confermammo più tardi; era un solido 7", e non altrettanto spesso. Aveva uno spesso tappeto di i peli intorno all'inguine, ma erano strettamente arricciati e non sembravano così lunghi quanto lo erano in realtà. Ancora più importante, non avrei combattuto in una giungla. (Quanto a me, se lasciassi crescere i miei peli pubici, mi essere un disastro, come mia moglie è stata così gentile da informarmi. Mi sono rifiutato di radermi dopo la prima volta, ma l'ho tagliato spesso per mantenerlo molto corto.)

Anche le sue palle erano un po' più grandi delle mie, ma non di molto. Tutto sommato, ero soddisfatto di ciò che stavo ottenendo.

Mentre lo esaminavo, in realtà aveva iniziato ad ammorbidirsi un po'. (Potrei simpatizzare; se mia moglie stesse per succhiarmi, ma indugiasse troppo a lungo per un motivo o per l'altro, inizierei a perdere l'erezione. E se avessi la sensazione che stesse davvero temporeggiando, la perderei del tutto e sarebbe così. Forse era quello il suo piano. Ma sto divagando.) Altro pre-cum era sulla punta, sul punto di gocciolare via, e senza pensarci ho tirato fuori la lingua e l'ho leccato via, sfiorando la testa. Fu subito di nuovo duro.

L'ho guardato e l'anticipazione con gli occhi spalancati con cui mi stava guardando mi ha colto di sorpresa e ho iniziato a ridere. Mi ha lanciato uno sguardo perplesso, cosa che mi ha fatto sentire un po' male, ma ho semplicemente sorriso e scosso la testa. Ho guardato di nuovo il suo cazzo, ho fatto un respiro profondo e ho deciso che era ora di provarci.

Senza avere alcuna esperienza pratica in queste cose, ho semplicemente seguito ciò che sentivo di volere. Ho iniziato leccando sotto la sua asta, notando il sapore muschiato (ma non sgradevole) della sua pelle. Sono sceso un po' più in basso e gli ho leccato il sacco, massaggiandogli un po' le palle con la lingua. Tenevo ancora il suo cazzo e potevo sentirlo tendersi tra le mani, quindi gli ho dato un piccolo strattone mentre continuavo a leccargli le palle e l'asta.

Ho leccato più in alto lungo l'asta, fino a raggiungere la zona sensibile appena sotto la testa. Ho alleggerito il tocco e ho sfiorato appena quell'area, poi ho ripreso la pressione proprio sulla fessura, ottenendo un altro assaggio di pre-sperma per i miei sforzi. Ho fatto roteare la lingua attorno alla testa, notando il gusto simile ma leggermente diverso qui dalla parte inferiore dell'asta. Sperimentando ho leccato prima il fusto e poi nuovamente la testa, confermando la differenza. Questa volta, quando ho leccato di nuovo fino alla testa, ho mantenuto la pressione sul punto giusto e, quando ho raggiunto la testa, ho chiuso le mie labbra attorno ad essa e ho succhiato delicatamente. Il sussulto di Tommy mi fece capire che avevo fatto bene quella parte.

Quando ho aperto maggiormente la bocca e l'ho inghiottito lentamente con la bocca, ha gemuto. Riuscivo ad entrare solo di circa tre pollici prima di sentire l'inizio di un riflesso del vomito, ma sapevo che era solo nervosismo. Durante gli anni in cui avevo questa fantasia, mi ero esercitato molte volte su oggetti come banane, piccoli cetrioli e persino alcuni vibratori e falli di mia moglie, e so che con pazienza posso prenderne un bel po' senza conati di vomito. Indietreggiai un po' e lentamente scesi di nuovo, questa volta un po' più in là. Ho ripetuto questo processo e in breve tempo ho sentito la testa colpire la parte posteriore della gola, ed ero quasi completamente dentro. Ho fatto un respiro profondo attraverso il naso e ho spinto lentamente finché non era completamente dentro; avevo il naso premuto contro l'inguine di Tommy, e tanto per mettermi in mostra ho lavorato un po' la gola e ho tirato fuori la lingua per leccargli le palle.

Perdeva pre-cum come un idrante e io sbavavo dappertutto. Dopo aver dimostrato che potevo ingoiare profondamente il suo cazzo, mi sono tirato indietro e ho iniziato a eseguire un pompino più convenzionale. Ho mosso la testa su e giù, lentamente, poi più velocemente, poi ancora lentamente, mentre lo sollevavo con la mano seguendo il movimento della mia bocca. Ero fermamente determinato a finirlo qui e ora, ma Tommy aveva altri piani. Mi ha afferrato la testa e mi ha tirato su per baciarmi. Non dovevo lavorare duro per fingere passione a questo punto.

"Gesù, sei sicuro di non averlo mai fatto prima? Perché sei un talento naturale."

Sentendomi soddisfatto di me stesso, ho detto "Ho semplicemente fatto quello che mi piaceva che mi fosse stato fatto".

"Beh, mi piace quello che piace a te! Vediamo se riesco a fare altrettanto per te!"

Mi sono appoggiato allo schienale e... beh, praticamente ha fatto per me lo stesso, con variazioni, che avevo fatto per lui. È stato bello e ovviamente volevo venire anch'io, ma questa storia parla di me che gli succhio il cazzo, quindi non perderò molto tempo a descrivere cosa ha fatto al mio. È stato bello.

Dopo circa 10 minuti, volevo tornare al suo cazzo. Continuammo a girare finché non ci trovammo in una posizione distesa 69 (nessuno di noi sopra), e mentre continuava a lavorare su di me, ancora una volta lo presi in bocca. Ho iniziato lentamente, andando più in profondità che potevo, poi indietreggiando finché non era quasi completamente fuori dalla mia bocca. Giocavo con le sue palle con la mano libera mentre continuavo a succhiarlo, poi l'ho ripreso in mano e ho iniziato ad accelerare il ritmo. Tommy riconobbe le mie intenzioni e anche lui accelerò il passo.

Potevo sentire il mio orgasmo crescere, ancora lontano, ma ero determinato che Tommy sarebbe venuto, e presto. Per quanto mi piacesse la preparazione, volevo finirlo. In poco tempo, ho sentito Tommy irrigidirsi e ha iniziato a spingere il bacino verso di me. La mia mano intorno al suo cazzo gli impediva di spingere troppo in profondità quando non ero pronta, e il fatto che stessi avendo questo effetto su di lui mi fece avvicinare anch'io.

All'improvviso, Tommy gemette profondamente nella sua gola, inviando vibrazioni attraverso il mio cazzo che mi portarono al limite. Gemevo anch'io, il che deve aver avuto un effetto simile su di lui. Senza che fosse mia intenzione, saremmo arrivati ​​nello stesso momento, e ora non c'era modo di fermarlo.

Mi sono teso nello stesso momento in cui lo ha fatto Tommy, e proprio quando la prima ondata del mio orgasmo ha iniziato a raggiungere il culmine, ho sentito il cazzo di Tommy gonfiarsi e contrarsi, e all'improvviso stavo sparando sperma nella sua bocca mentre riempivo la mia bocca. Era così simile che quello che immaginavo sarebbe stato se avessi potuto succhiarmelo, era come se stessi facendo proprio questo.

Sono riuscito a ingoiare i primi tre colpi, ma arrivavano più velocemente di quanto potessi gestire, e al quarto getto mi gocciolava fuori dalla bocca, lungo il mento, sulle sue palle e sulla parte superiore della coscia. Ho continuato a farlo, come lui ha fatto con me, e dopo altri due forti scatti che ho inghiottito per lo più, ma non completamente, si è rilassato. Il mio orgasmo si era calmato e non rimaneva altro che la pulizia. L'ho tolto dalla bocca e ho leccato lo sperma che era traboccato dalla sua coscia e attorno alle sue palle, poi ho leccato anche la sua asta e la testa. Il sapore non era migliore di quello che ricordavo fosse il mio, e sapevo che nel giro di pochi minuti il ​​retrogusto avrebbe colpito e sarebbe stato piuttosto schifoso, ma al momento non mi importava.

Ho finito e ci siamo voltati e ci siamo affrontati di nuovo, sdraiati fianco a fianco. Mi ha baciato sulle labbra e io ho ricambiato il bacio, ma ora il momento era finito e mi sono trovata a dover sforzarmi un po' di più per mostrare passione.

"Cosa ne pensi?" chiese. "È stata bella la tua prima volta?"

"È stato incredibile, Tommy!" Ho detto, sinceramente. "Ero preoccupato che non sarebbe stato bello come la mia fantasia, ma onestamente, era altrettanto bello. Forse migliore." Mi baciò di nuovo, ma poteva percepire la mia riluttanza.

"Mi dispiace," dissi. "Prima, mentre eravamo presi, i baci andavano bene. Buoni, anche. Mi divertivo. Ma il momento è passato adesso. Non mi dispiace, se hai bisogno di baciarmi, ma ora non sono così dentro.

"Ma mi è piaciuto, e penso che vorrò farlo di nuovo. Preferirei stare con te invece di dover ricominciare a cercare una situazione compatibile e confortevole, ma se preferisci di no, a causa della mia non voglio davvero tutta questa faccenda della relazione, lo capisco."

"No," rispose Tommy, "Capisco e mi va bene. Prima o poi avrò di nuovo una relazione con una persona che la pensa allo stesso modo." Non mi sono perso quello che stava insinuando, ma ho deciso di lasciar perdere per ora. "Mi va bene essere tuo amico con vantaggi, e ogni volta che vuoi giocare, fammelo sapere."

"Lo farò sicuramente", dissi sorridendo.

Storie simili

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

1.5K I più visti

Likes 1

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.4K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 12

Capitolo dodici PRESTIRO Yavara era di buon umore, avendo ricevuto il messaggio stamattina che sia Brock che Elena erano vivi e stavano bene. Da quello che il piccolo Zander aveva rischiato di mettere sulla pergamena, ho dedotto che aveva messo in atto dei piani per trovare un Froktora. Brock mi piaceva, davvero, ei Terdini erano famosi per la loro forza e le loro dimensioni, ma erano semplicemente un clan troppo piccolo. I Protaki erano la tribù più numerosa di The Pines, ma anche loro impallidivano in numero rispetto alle orde di The Tundra. Le dieci tribù di The Tundra (giustamente chiamate...

1.4K I più visti

Likes 0

Sesso con la mia babysitter

Sono una vergine di 17 anni. Sì l'ho detto. Ho avuto delle fidanzate ma non sono durate abbastanza a lungo da poterle scopare. Penso solo che non ci sarà mai un giorno in cui potrò farlo con una bella ragazza. Sono probabilmente l'unico ragazzo della scuola che non l'ha ancora fatto. Vabbè.. Comunque oggi è venerdì ei miei genitori stanno uscendo, il che significa che sarò bloccato con una babysitter. I miei genitori pensano ancora che io sia un bambino piccolo. Giuro che potevo sentire i bambini a scuola che mi prendevano in giro. Hunny... vieni qui disse la mamma. Sono...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricattato in sottomissione

Ho capito disse Cassey, correndo in cucina. Ho ottenuto il lavoro! È fantastico! disse Giasone. Ha abbracciato la sua fidanzata, pieno di gioia per la notizia. Cassey aveva un disperato bisogno di trovare un nuovo lavoro. Qualsiasi cosa pur di allontanarsi dal posto in cui lavorava sotto il suo capo da incubo, Veronica. Quando inizi? chiese Jason. Il sorriso di Cassey svanì. Non appena avrò la mia referenza... disse Cassey a bassa voce. Da Veronica? chiese Jason. Cassey annuì. “Ma sai cosa dirà...” disse Cassey. Questo sta andando per questo lavoro, sei andato alle sue spalle, ha detto Jason. Esattamente. È...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.