La complessità di due gemelli

969Report
La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi:
Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi.
Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni.

"Ho visto Lily baciare il suo ragazzo", mi aveva detto Naomi.

“Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi.

"Ho solo pensato-"mia sorella ha smesso di parlare a metà frase.

Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo della mia vita.

"Cosa stai facendo? Lo dirò alla mamma", ho minacciato. È stato un tentativo debole. Ho dovuto ammettere.

"Non vuoi sapere come ci si sente a baciare?" lei chiese.

"Perché dovrei? I ragazzi sono fastidiosi,” dissi. Mise le mie mani sopra la mia testa tra le sue. Abbassò lentamente il viso sul mio, centimetro dopo centimetro. Ho sentito che il mio cuore ha cominciato a battere forte.

"Chi ha parlato di ragazzi?" chiese, maliziosamente. In quel momento le nostre labbra si incontrarono, le sue mani
hanno lasciato il mio e si sono avvicinati al mio viso.

Ero in trance in quel momento.

"Cosa state facendo ragazzi?!"

La trance era finita e sono tornato alla realtà. Spinsi Naomi da sopra di me e mi rotolai sulle mani e sulle ginocchia.

Mia sorella maggiore, Lily, era sulla soglia, fissando noi due.

"Non dirlo alla mamma, per favore", la pregai.

"Va bene, non farlo di nuovo", lo avvertì e lasciò la stanza.

Anch'io ho lasciato la stanza, senza nemmeno voltarmi a guardare mia sorella e da allora ho cercato di non guardarla in quel modo. Sono passati cinque anni da allora e io e mia sorella abbiamo entrambi quindici anni e la nostra sorella maggiore, Lillian, ne ha ora diciotto.

"Jamie!" la mamma grida e riesco a malapena a sentirla sopra la mia musica. Mi alzo dal letto e indosso un paio di vecchi pantaloni della tuta. Quando arrivo in fondo alle scale, mia madre è in soggiorno insieme agli altri miei due fratelli.

"Sono nei guai?" Chiedo.

"No, dovresti esserlo?" chiede la mamma, inarcando un sopracciglio.

“Non che io ne sia a conoscenza,” dico.

"Beh, comunque, come tutti sapete mia madre è stata operata di recente e poiché mio padre è ancora più grande di lei, trascorrerò circa una o due settimane lì, ad aiutare mia madre mentre si adatta. Nel frattempo, Lillian ti guarderà da quando ha diciotto anni adesso. Per fortuna è estate, quindi non devo preoccuparmi che tutti voi frequentiate la scuola, quindi per favore cercate di comportarvi bene. Esco la mattina, quindi finisco di fare i bagagli e poi vado a dormire”, spiega, dirigendosi verso la sua stanza.

"Sarà divertente", sorride Naomi.

“Ne dubito,” scrollo le spalle, tornando al piano di sopra.

"Non vuoi guardare un film con noi?" chiede Lillian, indicando la TV, mostrando il tuo film da ragazza medio.

“Penso che passerò,” espirai un profondo respiro. Quando comincio a salire le scale sento Naomi sussurrare: "È come avere un fratello".

Continuo solo su per le scale. Vado nella stanza di mia madre e trovo che mia madre abbia finito di fare i bagagli.

"Posso dormire qui con te?" Chiedo.

“Certo,” sorride già a letto.

Mi infilo nel letto con lei e lei si gira in modo da trovarsi di fronte a me, avvolgendomi con un braccio intorno allo stomaco.

"Tutto bene?" mi chiede, il suo respiro caldo sul mio viso.

"Sì, volevo solo dormire con te", mento.

Mi addormento velocemente, tra le braccia di mia madre.

La mattina seguente mi sveglio da solo. Tutte le valigie di mia madre sono sparite, ma sul comò c'è un biglietto con il mio nome sopra. Nel biglietto mia madre dice che non voleva svegliarmi perché dormivo così pacificamente e che le mancherò molto mentre è via e che la chiamerò quando voglio. Piego il biglietto e lo metto in tasca, lasciando la stanza di mia madre e andando in bagno.

"Sei andato a letto con la mamma la scorsa notte?" Naomi incrocia il mio cammino.

"Sì", dico con la massima disinvoltura.

"Beh, se ti senti solo puoi sempre provare a visitare la mia stanza", sorride innocentemente, ma i suoi occhi sono un'altra storia.

Scelgo di non nobilitarlo con una risposta e vado in bagno. Apro la doccia e mi spoglio davanti allo specchio. Mia sorella ed io condividiamo lo stesso corpo, lo stesso aspetto, ma personalità completamente diverse. Quindi, mentre guardo il mio corpo nudo allo specchio e lui mi fissa, in un certo senso stavo vedendo anche mia sorella senza vestiti? Mi sono sciolta i capelli e sapevo di esserlo. Mi ha acceso e non avevo intenzione di ammetterlo a me stesso e soprattutto a nessun altro.

Per il mio benessere mi volto dallo specchio ed entro nella doccia e nel tepore dell'acqua
mi accoglie. Chiudo gli occhi mentre lascio scorrere l'acqua sul mio viso e quasi non sento la porta aprirsi, ma non sono ancora sicuro se l'ha fatto o no.

"Ciao?" Chiamo dalla doccia, non voglio uscire.

Non c'è risposta, ma ho ancora la sensazione della presenza di qualcuno.

"Ti serve qualcosa?" Chiedo. Ancora non ricevo risposta. Poi sento la porta chiudersi silenziosamente. Alzo leggermente le tende, ma non c'è nessuno. Decido che questo è il mio segno per uscire dalla doccia e uscire rapidamente, chiudendo l'acqua. Prendo un asciugamano e le mie mani tornano vuote. Non c'è un solo asciugamano in bagno e nemmeno i miei vestiti. Esco dal bagno e dritto davanti a me, mia sorella è in piedi con un asciugamano in mano.

"Ho messo i tuoi vestiti in lavatrice e gli altri asciugamani si stanno asciugando", mi spiega Naomi.

“Oh,” dico esitante.

Aspetto che mi dia l'asciugamano, ma mi fissa solo in avanti.

"Puoi passarmela?" chiedo educatamente.

"Come mai? Siamo sorelle e comunque identiche. Il mio corpo è il tuo corpo”, dice semplicemente.

Feci un respiro profondo e apro di più la porta, rivelandole il mio corpo nudo. Sento gli occhi di mia sorella sulla mia figa rasata e so che non crede a una sola parola che ha appena detto, ma ormai è troppo tardi. Prendo l'asciugamano da lei e lo avvolgo velocemente intorno al mio corpo. Mentre mi allontano sento le sue mani che mi sfiorano la coscia e un'ondata di piacere in un'area in cui non voglio davvero sentirlo.

Storie simili

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

308 I più visti

Likes 0

Amore a seconda vista

Nota: questa è una voce del concorso per il concorso non ufficiale del 1 maggio 2010 nel forum di Sex Stories. Se il paragrafo di apertura suona familiare, ecco perché. La nebbia leggera aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte l'avvolse come un asciugamano bagnato, mandandole un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa in cui viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Sapeva che non avrebbe dovuto essere qui fuori nella foresta di notte; in effetti, probabilmente non dovrebbe assolutamente...

1.1K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

557 I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

309 I più visti

Likes 0

Condivisione di Kate

Vuoi un altro drink? No, grazie amico, risposi con un gesto sprezzante della mano. Penso di aver finito per la notte. Oh andiamo! Ryan spronò. Non essere una figa! Ho solo riso e scosso la testa per la persistenza del mio amico. Bene, ho risposto con decisione. Ma solo se anche Kate ne ha uno. Ryan inclinò la testa in direzione della sua ragazza che era seduta sul divano accanto a me, le sue gambe tirate su sotto il suo corpo. La sua espressione rivelò il suo desiderio che tutti e tre continuassimo la nostra notte di bevute. Oooookay, disse Kate...

1.1K I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

773 I più visti

Likes 0

Impero perduto 33

0001 - Tempo 0003 - Conner 0097 - Asso 0101 - Shelby (nave madre) 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco 0778 - gen 0798 - Celeste 0908 - Tara 0999 - Zan 1000 - Sherry Crescere -------- Lucia Gli occhi di Derrick erano sgranati, aveva già finito Conner e stava già lavorando su Ace's? Guardandosi intorno, Derrick disse: Mary? Spero proprio che tu mi stia tenendo d'occhio! Sì, sire, giunse la voce di Mary dall'aria. Le devo ancora rintracciare, signore. Qual è lo stato dell'indicatore di capacità? Derrick stava urlando in aria...

738 I più visti

Likes 0

C'è un lupo nell'ovile...

*la Saggistica* Era il primo giorno di lezione. Non ero nervoso; è una scuola tecnica per secchioni, quindi mi sono sentito a mio agio. Mi chiamo TK e NON ero in alcun modo preparato per le lezioni questo semestre... certo ho studiato e superato la classe, ma ho fallito il test più importante.... Nella mia seconda lezione ho visto questo tizio dall'aspetto alto, come se gli fosse sbattuto addosso non si preoccupava affatto della sua esistenza... poi dopo averlo superato di tanto in tanto gli ho dato un'occhiata per vedere da cosa mi ero appena allontanato. ...uomo Se non ero innamorato...

225 I più visti

Likes 0

Il roseto 4

Beth si morse nervosamente il labbro inferiore mentre Brian conduceva la sua figura nuda al dispositivo sul lato sinistro della radura, un cavalletto modificato con una panca superiore larga circa due palmi e rivestita di morbida pelle imbottita. Le sue solide gambe di mogano portavano ancore a cui erano attaccati i polsini e le manette della caviglia di Beth dopo che avevano adagiato il suo corpo nudo sulla panca a faccia in giù. L'angolo delle gambe della panca allargò le gambe di Beth per rivelare la sua figa e il suo buco del culo, ed è stato quest'ultimo ad attirare l'attenzione...

18 I più visti

Likes 0

DOPPIA TESTA

Non mi facevo succhiare da un uomo da settimane e il pensiero di altre tre persone che guardavano un altro uomo mi succhiava, poi scopare una donna più anziana mentre loro guardavano sembrava eccitante - non è questo il sesso - eccitazione e piacere? Abbiamo concordato i termini e le condizioni e ho sottolineato l'assenza di penetrazione maschile nel mio corpo. Ero nella tarda adolescenza quando mi sono reso conto per la prima volta di avere un cazzo molto più grande di altri ragazzi della mia età. Ho preso molte costole bonarie su di esso quando mi cambiavo mentre praticavo vari...

987 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.