Terra: terreno fertile per tentacoli - Capitolo 8

302Report
Terra: terreno fertile per tentacoli - Capitolo 8

Gli allarmi suonarono, le luci color ambra lampeggiarono e lo scafo della Brightdark tremò pazzamente mentre la nave precipitava verso la Terra. Le travolgenti farfalle nello stomaco di Sarah la fecero irrigidire e serrare la mascella, cercando disperatamente di non svenire a causa della forza gravitazionale che la colpiva. Si poteva vedere del fumo nero fluttuare oltre le finestre, bloccando brevemente la vista per offrire una breve tregua dalla vista del terreno solido che si stava rapidamente avvicinando.

Sarah, Adam, Zoey e Steven si tenevano tutti sul bordo dei sedili, facendo del loro meglio per rimanere fermi. A'luhr era ancora nella parte anteriore della nave, collegata ai dispositivi di controllo sospesi, e premeva in fretta i pulsanti sul pannello di controllo mentre faceva del suo meglio per mantenere un contegno raccolto.

"Ci schianteremo!" urlò Steven, facendo del suo meglio per non svenire.

"Oh, grazie per gli aggiornamenti in tempo reale!" Zoey ribatté: “Mi chiedevo perché ero pieno di paura della morte imminente! "

"Piacere mio! C’è qualcos’altro che posso fare per te?”

"Preferirei che tutti restassero in silenzio e mi lasciassero concentrare!" A'luhr grugnì. "Vedo un campo aperto alla periferia della città dove la corruzione dei Krini deve ancora insediarsi: se vogliamo atterrare in un posto sicuro, dovrà essere lì." Un sudore giallo neon le colava dalla fronte mentre cominciava freneticamente a premere gli interruttori, che sembravano spegnere i vari display e controlli olografici che decoravano la console di fronte a lei.

"Stai spegnendo la nave!?" Adam sussultò, lasciandosi prendere dal panico ancora di più. “Sembra l’opposto di ciò che vogliamo!”

"Ho detto di stare zitto!" ribatté A'luhr. “Se disattivo tutti i sistemi di bordo, il motore potrebbe raffreddarsi naturalmente abbastanza da accendere momentaneamente i propulsori prima di toccare il suolo. Sarà un atterraggio duro, ma probabilmente sopravviveremo”.

"Che cosa!? È pazzesco! Perché hai fatto volare la nave così in alto se sapevi che saremmo caduti!?"

“Questo non era il mio piano; sfortunatamente siamo usciti dai tentacoli con una fionda ad una velocità maggiore del previsto. Ora. Essere. Tranquillo!" A'luhr pronunciò intensamente ogni parola a denti stretti prima di chiudere gli occhi per concentrarsi. Anche il resto del gruppo chiuse gli occhi, temendo quello che sarebbe stato sicuramente un impatto inevitabile e fatale.

Quando le luci all'interno della nave cominciarono a spegnersi, anche il ronzio e il ronzio dei propulsori morirono. Per un breve, terrificante momento, tutto ciò che Sarah riuscì a sentire fu il suono del vento che sferzava lo scafo all'esterno, e il battito del cuore che le pulsava nella testa. Non si era accorta di aver trattenuto il respiro finché non emise un sussulto quando sentì una mano grande e calda afferrare saldamente la sua.

Aprì gli occhi e vide Adam che la teneva con una mano e il lato del sedile con l'altra. Sentì un senso di conforto attraversarla e gli strinse indietro la mano. Se è andata a finire così, così sia. Questo potrebbe anche essere preferibile all'essere ridotta a nient'altro che un burattino di carne vivente con cui gli alieni possono riprodursi per il resto della sua vita.

All'improvviso, gli occhi di A'luhr si aprirono di scatto e lei si lanciò in avanti, premendo una levetta sul cruscotto mentre urlava qualcosa in una lingua che Sarah non riconobbe. I propulsori della nave tornarono in vita con un ruggito e l'intero scafo stridette e gemette come se cercasse di squarciarsi quando la loro discesa fu bruscamente interrotta.

"Preparati!" A'luhr gridò, questa volta in modo molto riconoscibile. Tuttavia, gli eventi inaspettati avevano colto Sarah alla sprovvista.

"Ah..." Sarah sussultò quando la nave sobbalzò e il suo palmo sudato scivolò via da quello di Adam. Cadde dalla sedia contro le pareti improvvisamente illuminate del Brightdark, prima di sbattere forte la testa contro il bordo della sedia di Zoey. L’ultima cosa che vide prima che il suo mondo crollasse nell’oscurità e nel dolore fu lo sguardo inorridito sul volto del suo giovane studente.



***



“-Arah…! Sara! Svegliati! Per favore!" La voce in preda al panico di Adam riempì le orecchie ronzanti di Sarah mentre la sua vista cominciava lentamente a rimettere a fuoco. L'oscurità che la circondava si dissolse in forme sfocate e colorate, finché presto non riuscì a distinguere i volti preoccupati dei suoi amici che la guardavano. Sbatté le palpebre confusa e sentì Adam emettere un profondo sospiro di sollievo. "Oh grazie a Dio; Pensavo di averti perso! Come ho potuto lasciarti andare così!?"

"Cosa...?" Sarah gemette, girando la testa di lato per osservare l'ambiente circostante. Era sdraiata sulla schiena nell'erba, con Adam, Zoey e Steven inginocchiati su entrambi i lati del suo corpo nudo. Nelle vicinanze, poteva vedere A'luhr che portava una piccola borsa mentre usciva dallo scafo fumante della Brightdark, che era coperto di terra e rami spezzati, ma sembrava ancora intero. "Quello che è successo?" Un’improvvisa esplosione di dolore colpì la fronte di Sarah, facendola sussultare e inspirare aria attraverso i denti serrati.

"A'luhr è riuscito ad attutire la nostra caduta abbastanza da non schiantarsi completamente", ha risposto Zoey. «Ma sei scivolato dal posto e hai sbattuto la testa. Sei fuori di testa ormai da qualche minuto... e stai sanguinando parecchio." Sarah si sentì nauseata quando allungò la mano per sentire la fronte pulsante. Le sue dita incontrarono una calda umidità e lei le allontanò per vederle imbrattate di sangue cremisi.

"Ho trovato il kit medico", annunciò A'luhr, correndo verso il resto del gruppo, con i suoi seni pieni, blu latte, che rimbalzavano liberamente. Si accovacciò accanto a Sarah, dove posò la borsa che aveva con sé.

Dall'interno della borsa, A'lurh estrasse un piccolo contenitore simile a un thermos e tirò fuori un cilindro bianco ancora più piccolo da un'apertura sulla sua parte superiore. “Spero che la struttura cellulare della nostra specie sia sufficientemente simile affinché ciò funzioni. Cerca di rimanere fermo: potrebbe farti leggermente male. A'luhr premette un'estremità del cilindro sul taglio sulla testa di Sarah, quindi fece scattare l'altra estremità come una penna.

Sarah poteva sentire una leggera sensazione di formicolio che cominciava ad accumularsi sulla sua pelle sotto il dispositivo, che gradualmente diventava sempre più intensa finché non cominciò a bruciare. Emise un piccolo grido di dolore e sentì la mano di Adam avvolgere la sua, che lei strinse forte. A'luhr guidò il cilindro lungo la ferita di Sarah, diffondendo la sensazione di bruciore. Non era così intenso che Sarah non potesse sopportarlo, ma nonostante ciò, sentì le lacrime riempirle gli occhi e il suo petto ansare con respiri tremanti.

"Ecco, dovrebbe bastare", disse A'luhr, dopo un momento che sembrò un'eternità. Usò il lato della mano per rimuovere una sorta di schiuma rosata dalla ferita di Sarah mentre il suo r'emuli si abbassava leggermente per adattarsi alla sua espressione sollevata. “Che fortuna; sembra che stia andando abbastanza bene! Guarda tu stesso.

Sarah diede un colpetto con cautela intorno all'area in cui si era verificato il taglio sanguinante solo pochi istanti prima, trovando solo una crosta ruvida al suo posto. Le faceva ancora leggermente male, ma era come se diversi giorni di guarigione fossero già avvenuti in un istante.

"Da quello che ho visto sulle proprietà rigenerative umane, questo probabilmente lascerà una cicatrice", aggiunse pensieroso A'luhr. Ma almeno l’emorragia è stata sedata”.

"È incredibile! Grazie!" Sarah gracchiò, cominciando a sedersi. "Ti dispiace se studio quella medicina fino a tardi..."

"Whoa, whoa, whoa!" Zoey gridò, mettendo una mano sulla clavicola di Sarah e guidandola delicatamente a terra mentre Adam cullava la testa di Sarah. "Sostenere; hai bisogno di riposarti un po’!”

“Probabilmente è vero”, concordò A’luhr. “Ho solo stimolato il tuo sangue a coagulare più velocemente. Qualsiasi trauma cranico interno dovrebbe sempre essere seguito da almeno un breve periodo di tregua.

"Ma dobbiamo andare avanti... i Krinis-"

"Non sembra che ci abbiano trovato qui", la rassicurò Zoey. Sarah aveva voglia di lamentarsi – poteva sentire il “ancora” implicito nelle parole di Zoey – ma la sensazione fresca dell’erba di tarda primavera contro la sua pelle nuda era allo stesso tempo rilassante e rinfrescante. Quanto tempo era passato dall'ultima volta che si era sdraiata su qualcosa che non fosse liscio e pulsante?

"Sembra che i Krini non abbiano messo questa foresta in cima alla loro lista dei "luoghi da coprire con tentacoli e melma"", ha aggiunto Steven. "Forse perché non ci sono davvero umani qui fuori?"

"Potenzialmente", concordò A'luhr, giocherellando con uno dei suoi r'emuli in modo pensieroso. "Ma dobbiamo restare vigili, soprattutto perché gran parte degli armamenti sulla mia nave sono andati perduti o danneggiati."

“Cosa ci resta…?” chiese Adam, con l'apprensione scritta chiaramente sul volto.

“Non molto”, sospirò A’luhr. “Solo ciò che veniva immagazzinato nella zona della cabina di pilotaggio o veniva depositato nelle pareti della stiva. Questo è tutto quello che ho trovato." Si abbassò e tirò fuori la borsa, svuotandone il contenuto sull'erba.

Non c'era molto da guardare. La piccola pila di oggetti conteneva due dei piccoli pugnali d'argento che A'luhr aveva usato in precedenza, due manganelli vibranti, quattro granate sferiche "detonatori a impulso" e diversi cumuli di stoffa legati.

"Questo è tutto...?" cominciò a chiedere Adam, prima di essere quasi spinto a terra mentre Zoey gli passava davanti eccitata.

"Sono vestiti questi!?" Zoey praticamente urlò, afferrando avidamente uno dei pezzi di stoffa piegati. Rimosse rapidamente le cinghie che tenevano insieme il fagotto e lo sollevò per consentire all'indumento di spiegarsi fino alle caviglie. Era simile alla tuta attillata che A'luhr indossava quando si erano incontrati per la prima volta, anche se i colori e il design erano leggermente diversi, con sezioni di gusci bianchi, scintillanti, simili ad armature che coprivano vari punti.

"Certamente", annuì A'luhr. "Potrebbero non essere comodi come i tradizionali abiti umani a cui sei abituato, ma dovrebbero proteggerci abbastanza bene dagli elementi."

"Indosserei un bikini fatto di edera velenosa se ciò significasse non essere più nuda davanti a mio fratello."

"D'accordo", sbuffò Steven. "Non mi sono ancora abituato."

"Per favore, non farlo mai", rispose Zoey con una leggera rabbrividire.

"Ma hai qualcosa... ehm... meno stretto?" Steven stava osservando nervosamente il cavallo del completo, che non sembrava essere particolarmente spazioso.

"Capisco la tua preoccupazione", ridacchiò A'luhr. “Ma non preoccuparti; il tessuto di questi abiti reagirà al calore del tuo corpo per diventare malleabile e adattarsi alle dimensioni del tuo corpo. Almeno, i maschi della mia specie non si sono mai lamentati del disagio, e sono naturalmente molto più... dotati della maggior parte dei maschi umani a cui ho avuto il piacere di osservare."

"Ohhhh!" Zoey scoppiò a ridere in faccia a Steven arrossato.

"Ehm, intendevo 'tu' come una generalizzazione della tua specie, non tu nello specifico, Steven," cercò di rassicurarlo A'luhr, grattandosi goffamente la guancia, che sembrava anch'essa scolorita in una sorta di rossore. Chiaramente, A’luhr era consapevole del danno mentale che tali parole potevano infliggere a un uomo. Sarah sorrise in modo sapiente e malizioso. Forse l’ansia per le dimensioni del pene non era una caratteristica unicamente umana.

"Voglio dire, ammetto di non essere il... più grande del mondo", tossì Steven. "Ma dopo i cambiamenti dovuti al fatto di essere rimasto nell'alveare per così tanto tempo, stavo iniziando a sentirmi abbastanza fiducioso." Si abbassò e gli prese delicatamente l'inguine. Anche l'uso di entrambe le mani riusciva a malapena a contenere il suo rispettabile rigonfiamento.

Sarah si guardò come tutti gli altri facevano lo stesso. Non ci aveva pensato molto, ma le sue tette sembravano più pesanti di prima, e il suo clitoride sembrava catturare la brezza nell'aria come se ora si estendesse ben oltre il prepuzio. I cambiamenti in tutti erano stati lenti e graduali, quindi in qualche modo erano passati senza preavviso, ma dopo un'ispezione, le differenze erano evidenti.

La lunghezza un tempo rispettabile di Adam era ora quasi un mostro flaccido lungo un piede. Le sue palle, ora ciascuna delle dimensioni di grandi uova, gli cadevano fino a metà coscia. Accarezzò la sua asta in modo quasi reverente, facendola contrarre e iniziare a gonfiarsi leggermente. Rendendosi conto che tutti lo stavano fissando, ha subito tentato di nascondere il suo cazzo in crescita, ma nemmeno le mani e gli avambracci erano sufficienti a nascondere completamente la gigantesca erezione.

Non erano solo i ragazzi che ora stavano diventando profondamente consapevoli dei cambiamenti dei loro corpi. Il seno di tutte le donne si era espanso di almeno una o due taglie di coppa. Zoey ora vantava un paio di agili DD, mentre Sarah e A'luhr erano entrambe dotate di tette che dovevano essere almeno coppe G, se non H. Adam e Steven le osservavano sconcertati, come se avessero notato i globi straordinariamente voluttuosi per la prima volta.

Forse era dovuto al lento indebolimento degli effetti del nettare nel suo organismo, ma il calore bruciante della vergogna stava iniziando a ribollire nel collo di Sarah per la prima volta da molto tempo. Tutti fecero del loro meglio per evitare il contatto visivo l'uno con l'altro mentre si avvicinavano lentamente alla pila di abiti.

"Per la prima volta, vorrei che la mia vista fosse ancora offuscata senza occhiali..." Zoey gemette con una smorfia. "Non voglio vederlo." Si allontanò dai genitali esposti di suo fratello.

"Hmm..." rispose A'luhr, ispezionando il proprio corpo con le mani e occhi calcolatori. "Non so se tutte queste alterazioni biologiche siano permanenti, o se regrediranno senza il consumo regolare di nettare..." Il volto di Zoey si abbassò leggermente a quelle parole.

“Stavo solo scherzando... più o meno. Ma suppongo che non sarebbe la cosa peggiore se tornassimo alla normalità..." Zoey sospirò, sollevando il suo seno grande e paffuto e inarcando leggermente la schiena. "Queste cose sono un po' pesanti, dopo tutto."

"A me, uh, non importa..." mormorò Adam, grattandosi il mento ispido.

"Nemmeno io," ridacchiò Sarah, mordendosi timidamente il labbro inferiore e fissando apertamente tra le cosce del suo ragazzo come se cercasse di mostrare mentalmente il suo grosso cazzo. Adam le sorrise e le fece l'occhiolino, scuotendo il sedere in una piccola danza giocosa.

"Ugh, prendetevi una stanza voi due", gemette Zoey. "Sul serio, siamo appena usciti da un inferno sessuale e voi siete già eccitati l'uno per l'altro!?"

"L'amore funziona in modi misteriosi, mia giovane allieva", rispose Sarah, alzando le spalle come meglio poteva mentre giaceva a terra. "A proposito di modi misteriosi, però, mi chiedo perché i nostri corpi non sono... beh... "alterati" come quelli di quelli di altre persone nell'alveare?"

"Vero", concordò Steven. “Ho visto una donna con tette praticamente grandi quanto il suo corpo. Tutto quello che poteva fare davvero era restare lì mentre i tentacoli li succhiavano...” aveva un'espressione mista di disgusto ed eccitazione mentre rievocava il ricordo nella sua testa.

"È possibile che i Krini modifichino la fisiologia del loro bestiame sulla base di qualche tipo di tratti genetici latenti, di bisogni specializzati per l'alveare o semplicemente di una questione di tempo come effetto collaterale del nettare", ha detto A'luhr.

"È certamente un aspetto affascinante dei Krini da ricercare", rifletté Sarah, fregandosi le mani per l'eccitazione. Continuò, le sue parole scorrevano sempre più velocemente ad ogni respiro. “Forse questo comportamento è simile al modo in cui alcune specie di formiche possono alterare i membri della loro colonia per ruoli specifici. Ciò spiegherebbe anche perché alcuni Krini assumono forme diverse. Non tutti devono essere pronti al combattimento, o dotati di mungitori, o addirittura di arti!”

"Sì, stavo pensando la stessa cosa, eh!" Zoey gridò disgustata, buttando giù il vestito e uscendo in fretta dal tessuto lucido. Si afferrò il corpo, facendo una smorfia.

"Che cos'è?" chiese A'luhr preoccupato. "C'è qualcosa di insoddisfacente negli abiti?"

“Non sono i vestiti, A’luhr, sono io! Sono sporco!” Sarah stava per rispondere con qualche parola di incoraggiamento, ma in verità Zoey aveva ragione. Erano tutti ancora ricoperti di melma secca e sperma. Una parte si stava già sfaldando, ma per la maggior parte erano ricoperti da strati e strati di croste grossolane e non identificabili, soprattutto sui capelli.

"Perché non andiamo tutti a fare un bagno veloce in quel fiume laggiù?" suggerì Adam, indicando qualcosa dietro il campo visivo limitato di Sarah. Ascoltò attentamente e per la prima volta riuscì a malapena a distinguere il vicino rumore dell'acqua corrente.

"Non credo che abbiamo tempo per lussi inutili come fare il bagno", sospirò A'lhur. «Ma suppongo che se devi, allora affrettati. Non sappiamo quando questa illusione di sicurezza andrà in frantumi”.

Lei si infilò rapidamente e con fluidità una delle tute. Un attimo dopo, il tessuto cominciò a incresparsi come liquido mentre si trasformava per adattarsi perfettamente alle curve erotiche del suo corpo. Le sue tette paffute sussultarono brevemente mentre l'abito si espandeva intorno a loro, ma poi furono tese mentre il tessuto terminava le sue modifiche. L’abito attillato non lasciava molto all’immaginazione, ma sembrava almeno offrire un buon supporto.

"Tornerò sulla nave e vedrò cosa posso sistemare con gli strumenti limitati a mia disposizione." Le spalle e r'emuli di A'luhr si abbassarono leggermente mentre continuava. “Devo avvertirvi che questa non è la mia area di competenza. Non sono particolarmente fiducioso, ma farò del mio meglio”.

"Mi piacerebbe aiutare!" Adam rispose, battendo le mani con eccitazione infantile, prima di rendersi conto che il suo pene grande e gonfio ora ondeggiava liberando gli occhi di tutti, e cercò prontamente di coprirlo di nuovo. A'luhr lo guardò con scettico apprezzamento.

"Vediamo cosa sai fare, allora, ingegnere", gli sorrise lei, con le braccia incrociate. «Per prima cosa, vai a fare il bagno con gli altri mentre raccolgo alcuni attrezzi. Porta questi con te."

A'luhr lanciò ad Adam un bastone e un detonatore a impulso. "Come hai già capito, per attivare il vibratore è sufficiente ruotare la maniglia." Ha preso il secondo testimone e ha dimostrato il processo a tutti. «Per i detonatori a impulso, basta stringerli finché non si sente il clic, quindi lanciarli. Tuttavia, se lanci abbastanza forte, si attiveranno senza bisogno di premerli prima.

"Queste cose possono ferire altri esseri umani?" chiese Zoey, prendendo nervosamente uno dei detonatori a impulso e cullandolo tra le mani.

"Hm, suppongo che potrebbero essere usati come mazze", rispose A'luhr, accarezzando pensosamente il suo r'emuli.

"O altre cose..." aggiunse Steven con un sopracciglio alzato, lo sguardo fisso sull'asta della bacchetta che vibrava rapidamente.

“In ogni caso”, ha continuato A’luhr, “a meno che l’essere umano in questione non abbia cellule del corpo estremamente sensibili alle vibrazioni dell’aria, tali armi faranno poco danno”. Spense il vibratore che teneva in mano. “Detto questo, questi non hanno una riserva infinita di energia, quindi usali con parsimonia.”

Detto questo, A'luhr raccolse i doppi pugnali e li fece roteare con uno sguardo abbagliante prima di inguainarli in due anelli su entrambi i lati della vita. “Ora, questi potrebbero sicuramente arrecare qualche danno agli esseri umani, compresi voi stessi”. Li guardò ciascuno con un'espressione seria sul viso. “Quindi sarò io a maneggiarli. Possono essere pericolosi in mani inesperte, capito?" Tutti annuirono in accordo. "Bene. Adesso vai a fare quello che devi. Sarò nel Brightdark. Ricorda: resta vigile.

A'luhr porse a Steven il secondo vibratore con un cenno fiducioso prima di tornare alla nave. La linea di vista di Steven seguiva chiaramente il sedere stretto e sodo della snella donna aliena mentre dondolava su e giù ad ogni passo che si ritirava. Normalmente, Zoey lo avrebbe preso in giro per questo, ma stava già praticamente correndo verso le acque fresche e pulite del fiume. Ben presto la seguì, facendo uno sforzo molto evidente per non fissare il sedere scoperto di sua sorella.

"Starai bene qui o vuoi venire con noi?" Adam mormorò dolcemente a Sarah, accovacciandosi accanto a lei. Sembrò sussultare per la sorpresa quando i suoi testicoli gli scivolarono dalle mani e sfiorarono i fili d'erba ondeggianti. Sarah ridacchiò mentre lui tentava goffamente di raccogliere tra le mani le sue parti umane cadute.

"Sto bene", gli assicurò Sarah, sorridendo al suo viso robusto. «Ho solo bisogno di riposarmi un po', poi ci vediamo. Forse puoi aiutarmi a ripulirmi?" Lei gli fece l'occhiolino. Lui sorrise, chinandosi per baciarle teneramente la fronte dolorante.

"Spero che l'acqua fredda non diminuisca troppo i miei guadagni." Adam aprì leggermente le dita per permettere a Sarah di vedere la sua nuova impressionante circonferenza.

"In ogni caso, non cambierebbe i miei sentimenti per te", rispose Sarah in tono confortante. “Ora muovi quel culo. Voglio vederlo." Lei ridacchiò e gli diede una pacca sulla coscia scherzosamente.

"Va bene, va bene, torno in un batter d'occhio." Le diede un altro piccolo bacio sulla guancia e poi si allontanò verso l'acqua, assicurandosi di scuotere i fianchi con movimenti esagerati finché non fu più nel campo visivo di Sarah.

Sospirò. La calda luce del sole e la brezza di mezzogiorno danzavano sulla sua pelle esposta, in contrasto con il fresco abbraccio dell'erba primaverile che si annidava contro la sua schiena. Incrociò le mani sullo stomaco e chiuse gli occhi, godendosi il conforto di essere viva in una giornata così bella. Per la prima volta dopo mesi si sentiva in pace.

Il dolore alla testa si era già ridotto a poco più di una pulsazione sorda. Aveva tutta l'intenzione di alzarsi e trovare gli altri al fiume, soprattutto quando si rese conto che la sua gola era piuttosto secca, ma il peso della sua stanchezza sembrava caricarsi improvvisamente su di lei più pesante di quanto avessero mai avuto i tentacoli alieni.

Non ricordava di essersi mai addormentata mentre era prigioniera nell'alveare. Forse il nettare – farmaco miracoloso così com’era – potrebbe diminuire, o addirittura eliminare, il bisogno ancora enigmatico di dormire? Di cos'altro era capace? La sua mente si immerse lentamente in pensieri di imminenti scoperte scientifiche da questa teoria mentre scivolava dolcemente in un sonno profondo.

I suoi sogni si spostarono dalle scoperte biologiche indicibili ai suoi compagni. Erano tornati nel bunker di Adam, ridevano e condividevano storie, banchettando nel frattempo con carne e frutta dall'aspetto succulento. Dopo aver mangiato, Adam la portò nella sua stanza e la spinse sul letto, con la sua erezione che torreggiava sulle sue labbra tremanti come una pasta da piscina.

Allungò la mano per avvolgere tutto il suo corpo attorno alla sua asta, strofinando il viso contro il suo glande, che era praticamente grande quanto la sua testa. Lei baciò tutta la punta spugnosa mentre strofinava le labbra della sua figa contro la parte inferiore della sua lunghezza, nel disperato tentativo di immergersi in profondità dentro di lei e riempire il vuoto doloroso tra le sue gambe.

Gemette mentre Adam le accarezzava il fianco, facendo scorrere le sue dita scivolose lungo le sue costole e stringendole delicatamente la guancia. Aprì gli occhi e vide che la punta del suo cazzo ora sfoggiava un paio di labbra, che baciò appassionatamente. Il bacio divenne sempre più caldo e intenso mentre spingeva la lingua dentro, o meglio, mentre la risucchiava. Cominciò a risucchiare un po' troppo forte.

"Adam..." Sarah ridacchiò nel suo sogno. "Sei un animale oggi!" La suzione si fece più intensa e la pressione attorno alle sue labbra si trasformò lentamente in disagio. “Adamo, basta così! Prendila con calma! Adamo! Ammmmmmmmhh!” Emise un gemito sorpreso e soffocato mentre si svegliava di soprassalto.

I suoi occhi si spalancarono e allungò freneticamente la mano per afferrare la cosa viscida che le avvolgeva il viso. Apparentemente un piccolo tentacolo di Krinis si era avvicinato a lei mentre dormiva, e ora stava tentando di farsi strada nella sua bocca. La punta si era aperta come una stella marina e si era agganciata alla sua testa, mentre un fallo interno ricoperto di ciglia contorte le si infilava nelle labbra.

Il tentacolo era troppo viscido e potente perché la sua scarsa presa potesse opporre qualsiasi tipo di resistenza significativa. Ha urlato e chiesto aiuto, ma i suoni erano smorzati dal grumo di carne pulsante che le copriva gran parte del viso, compreso il naso. Ben presto, il bisogno di respirare la costrinse ad aprire istintivamente la bocca.

L'appendice costolata all'interno del tentacolo che le abbracciava il viso le si infilò immediatamente in gola. Conati di vomito e inarcò la schiena, ma scoprì di non sentire più il bisogno di prendere fiato. Come con le sue precedenti esperienze con i tentacoli, era se qualche loro proprietà fornisse al suo corpo ossigeno e rimuovesse anidride carbonica... o forse addirittura la assorbisse?

Aveva poco tempo per riflettere sulle meraviglie fisiologiche dei Krini, poiché i viticci grotteschi e carnosi avvolti attorno al suo viso stavano ora iniziando lentamente a coprirle gli occhi. Poco prima che la sua vista si oscurasse, guardò al suo fianco e individuò i restanti tre detonatori a impulso che A'luhr aveva lasciato a terra lì vicino.

Sarah poteva sentire il familiare calore nel suo stomaco mentre il tentacolo cominciava a rilasciare il nettare nel suo organismo. La sua testa cominciò a girare con pensieri osceni, ma usò tutta la sua restante forza mentale per girarsi e cercare alla cieca una delle armi sferiche.

Il tentacolo intorno alla sua testa si strinse in segno di avvertimento, ma Sarah non cedette. Proprio mentre pensava che la creatura aliena potesse costringerla a svenire, i suoi palmi sudati si strinsero attorno al metallo freddo di una delle granate. Lo schiacciò tra le dita usando tutta la forza che riuscì a raccogliere.

Sentì uno scatto nel profondo del dispositivo e l'intera sfera si rimpicciolì leggermente. Passati alcuni secondi, Sarah si preoccupò che qualcosa fosse andato storto: forse questo era un disastro? Rotto dall'incidente? Ma all'improvviso sentì il detonatore a impulso diventare rovente mentre vibrava all'impazzata. Lo lasciò cadere dalla mano bruciacchiata mentre sentiva il tentacolo uscire rapidamente dalla sua bocca, liberarle il viso e contorcersi in modo incontrollabile sul suo petto.

Ora libera dalla presa della creatura, Sarah fece un respiro profondo ed emise un grido acuto. Si spostò via il tentacolo e tornò a correre nell'erba mentre il resto del gruppo correva. Le loro grida di allarme si mescolavano mentre si avvicinavano.

"Cosa sta succedendo!?"

"Siamo sotto attacco!?"

"Un tentacolo sta inseguendo Sarah!"

"Fretta! Accendi le canne!

Sarah si guardò alle spalle e vide Adam, Zoey e Steven correre verso di lei con i vibratori estratti, i genitali e i seni che rimbalzavano selvaggiamente nell'aria. I loro corpi, che ora sembravano molto più puliti, luccicavano e gocciolavano gocce d'acqua.

Percependo all'improvviso un'altra presenza dietro di lei, Sarah si voltò e alzò le braccia per difendersi, aspettandosi un altro assalto. Tuttavia, l’attacco non è mai arrivato. Invece, A'luhr stava sopra di lei con un grande contenitore di metallo, che usò per raccogliere rapidamente il tentacolo dimenante e sigillarlo al suo interno.

"Stai bene, Sarah Cassidy?" chiese A'luhr senza fiato. “Sarei arrivato prima, ma avevo bisogno di trovare una qualche forma di contenimento per i Krini. Al momento non disponiamo di alcun fuoco stellare con cui distruggerlo, quindi era fondamentale catturarlo per impedirgli di chiamare i parenti vicini. Spero di non essere arrivato troppo tardi…”

"S-sto bene...!" Sarah ansimò, accarezzandosi il collo nel punto in cui il tentacolo lo stava restringendo solo pochi istanti prima. "Buona... bella idea." A'luhr sospirò di sollievo, tenendo saldamente il contenitore sotto il braccio. Il tentacolo, ora apparentemente isolato dagli effetti del detonatore a impulso, cominciò a sbattere all'interno della sua prigione, ma era in grado di fare poco più che emettere suoni sordo e sordo.

"Da dove viene!?" Steven sussultò quando il resto del gruppo raggiunse finalmente A'luhr e Sarah.

"Fanculo! Avrei dovuto essere qui!” Adam si rimproverò, sbattendo il piede con rabbia.

"Deve essere stato strappato durante la nostra fuga dalla fossa", disse Zoey con voce tremante. “Probabilmente è rimasto bloccato in una parte dello scafo della nave, ha impiegato del tempo per rigenerarsi e, quando è stato abbastanza grande da potersi muovere, ha preso di mira la preda più facile che riusciva a trovare. Ehm, senza offesa..."

"No", sospirò Sarah. "È colpa mia; Mi sono addormentato... anche dopo che A'luhr ci ha avvertito di stare all'erta. Ora abbiamo un’arma a disposizione proprio per questo. Mi dispiace per tutti..."

“‘Solo per quello!?’” Adam rimase a bocca aperta incredulo. "La tua sicurezza è più importante di... uhh...um..." Si interruppe quando notò che Sarah si stava masturbando pigramente con la mano destra, apparentemente senza nemmeno rendersene conto. "Tu, ehm, devi occupartene tu prima?" Tossì e indicò con il mento la sua fessura bagnata. Il resto del gruppo guardò goffamente in alto e altrove, come se improvvisamente sopraffatto dal bisogno di contare il numero di nuvole nel cielo.

"Che cosa... o-oh!" Sarah balbettò, allontanando dall'inguine le dita già gocciolanti e chiudendo in fretta le gambe. Il suo viso arrossì mentre scuoteva la testa, cercando di scacciare la nauseante e familiare foschia di lussuria che aveva cominciato a turbinare nella sua mente. "Penso che forse un bel bagno rinfrescante mi rinfrescherà un po'." Lei fece una risata imbarazzata mentre si grattava la guancia arrossata..

"Hmm..." rispose A'luhr con malcelata incertezza "Non so se la semplice acqua ti purificherà-"

"Buona idea!" - intervenne Adam. "Ti aiuterò ad andare al fiume per... uh... 'aiutare.'" Lanciò a Sarah un occhiolino furtivo e le offrì la mano. Lei lo prese, condividendo con lui uno sguardo d'intesa, e si alzò in piedi a disagio. Finalmente di nuovo verticale, la testa di Sarah pulsava con rinnovato vigore, ma non era niente che non potesse gestire.

"Voi ragazzi andate a divertirvi," sospirò Zoey, chiaramente senza idee sbagliate riguardo al tipo di "aiuto" che Adam intendeva offrire al suo professore. "Ma... stai attento, okay?"

"E veloce", aggiunse A'luhr, suscitando una risatina appena repressa da Steven. Lei alzò un lungo sopracciglio. «Nel frattempo, voi altri indossate le vostre tute e aiutatemi con alcune riparazioni. Credo che per ora possano bastare semplici patch”.

Adam aveva già iniziato a condurre Sarah verso l'acqua, ma si bloccò momentaneamente a metà passo dopo aver sentito le parole di A'luhr, apparentemente diviso tra riparare una nave aliena o palpare la sua ragazza. Sarah poteva percepirlo soppesare questo dilemma nella sua testa, ma prima che potesse suggerirgli di divertirsi, lui gonfiò il petto, la tenne intorno alla vita e continuò a marciare verso il fiume senza voltarsi indietro. Sarah avvolse il braccio attorno al fianco di Adam, sorridendo felice come se i mesi passati intrappolati sotto la Terra non fossero stati altro che un sogno orribile, anche se bagnato.

Il fiume era solo a pochi passi dalla nave, e presto si trovarono a guadare le acque poco profonde, pigramente gorgoglianti. Sarah affondò le dita dei piedi nel letto del fiume pieno di ciottoli, assaporando la sensazione della melma secca che veniva finalmente ripulita dalla sua pelle.

Nonostante offrisse il ristoro di cui aveva tanto bisogno, il freddo dell'acqua era ancora sufficiente a impedirle di immergersi completamente. Invece, Sarah ha deciso di rimanere nelle acque basse, lasciando che l'acqua le lambisse le cosce mentre la teneva tra le mani per schizzare sul resto del suo corpo coperto di pelle d'oca. Sentì che l'eccitazione di prima cominciava a svanire, ma era difficile scacciare completamente quei pensieri dalla sua mente, specialmente quando il freddo le rendeva i capezzoli così duri, nientemeno che in presenza di un uomo nudo.

Adam aveva già finito gran parte del suo bagno prima, quindi si prese solo qualche minuto per strofinare un po' della sporcizia più ostinata dai suoi capelli scuri e disordinati prima di sedersi sulla riva erbosa del fiume. Immerse i piedi nell'acqua, facendoli volteggiare pigramente nella corrente mentre guardava Sarah accarezzare la sua pelle liscia e lattiginosa.

Non fece alcuno sforzo per essere sottile con il suo sguardo e, vedendo questo, Sarah decise di rendere il suo rituale di bagno un po 'più sensuale di quello che si esibiva normalmente durante la privacy della sua stessa doccia.

Spruzzò una manciata di acqua sul viso, inclinando la testa di schiena per esporre il collo sottile mentre l'acqua si increspava i capelli ramati scintillanti. Fece seducente le dita sulle delicate curve del suo corpo nudo. Ha iniziato facendo scivolare le mani intorno alle cosce e ai fianchi, oltre l'ombelico e poi seducente a coppa le sue tette paffute prima di permettere loro di cadere, rimbalzando e gocciolando acqua dai suoi capezzoli rigidi. Terminò pettinando le unghie tra i capelli inzuppati e drappeggiati mentre le goccioline riflettenti le gocce sul mento, tra i suoi seni delicatamente che si muovono, e poi si raggruppano brevemente nel suo ombelico prima di scivolare sulla tenuta fessura della sua seta femminilità.

Non passò molto tempo prima che avesse sentito un tuffo e sentiva il movimento dietro di lei. Sorridò timidamente e si guardò alle spalle per vedere Adam, che la abbracciava da dietro mentre lo premeva il petto contro la sua schiena nuda. Il calore della sua pelle contro la sua fredda umidità riempì immediatamente Sarah con un senso di conforto, rinnovando le sue pelle d'oca.

"Ah, sei finalmente arrivato ad" aiuto "?" Sarah lo prese in giro, continuando a strofinare allo stomaco fermo. A questo punto era essenzialmente pulita, ma non vedeva alcun motivo per smettere di sedurre Adamo, non che aveva bisogno di molto convincente.

"Pensavo solo che tu avessi un po 'freddo fosse tutto", mormorò Adam all'orecchio. Si sfiorò le ciocche gocciolanti dei suoi capelli ed espirò il respiro caldo sulla nuca. "Forse posso aiutarti a scaldarti?" Notò un brivido che attraversava il suo corpo, anche se non era dovuto al freddo dell'acqua.

"Sì?" Sarah ridacchiò, divertita dalla linea di formaggio. Forse era il nettare che persisteva nel suo sistema, la voce profonda di Adam così vicina all'orecchio o la calda sensazione delle sue palpiti e duri cazzo incastonato tra le sue guance del culo flessibile che lo rendevano così efficace. "Beh, sono ancora un po 'sporco ..."

"OH? Dove?"

"Da qualche parte qui intorno ..."

Sarah allungò la mano e si strinse delicatamente le mani attorno ai polsi di Adam, guidandole lentamente intorno ai lati fino a quando i suoi grandi palmi si stessero cullando il seno tenero. Si strinse le dita, impastandole nella sua carne scissa e emise un piccolo sussulto mentre prendeva l'iniziativa pizzicando i suoi capezzoli desiderosi.

Sarah si ritirò le mani mentre Adam continuava il massaggio intimo, facendoli scivolare dietro di lei per spremere le cosce e le natiche di Adam. Incensò, improvvisamente cominciò a rosicchiare e baciare il lato del collo di Sarah, facendola sussultare a mordicchiarsi e succhiandosi le orecchie setose.

Incapace di aspettare un momento più a lungo, Sarah girò la testa per incontrare le sue labbra con le sue, bloccandole in un bacio appassionato mentre si girava. Rimasero abbracciati mentre lo spingeva goffamente sulla riva del fiume. Le loro labbra si sono separate solo per un breve momento in cui Adam ha contribuito a sollevare Sarah dall'acqua sporgente, dopo di che le labbra di Sarah hanno trovato un nuovo bersaglio sullo stomaco tonico di Adam.

Fu il suo turno di rabbrividire mentre si baciava l'addome, inginocchiandosi sempre più in basso sull'erba morbida mentre le sue lussuose labbra seguivano sempre più vicino alla sua virilità palpitante. Adam ha inalato in previsione di ciò che sarebbe accaduto dopo, ma Sarah improvvisamente allontanò la sua faccia da lui, e iniziò timidamente a ispezionare la sua erezione, con il naso a soli un centimetro da esso.

"Aw, mi stai solo dando un cazzo lungo un piede con cui giocare?" Sarah sospirò, facendo il broncio le guance mentre tracciava pigramente un delicato dito su una delle vene inghiottite sul suo albero. "Immagino che l'acqua fredda ti abbia davvero fatto un numero, eh?"

"Srio S ..." mormorò Adambly, un po 'non perplesso. Sarah ridacchiò dopo averlo visto arrossire e mise delicatamente un bacio sul suo cazzo lentamente abbassato.

"Ero sarcastico, un grande goof", ha chiarito Sarah, un po 'imbarazzato per il fatto che il suo senso dell'umorismo avesse ucciso un po' l'umore. "Il tuo corpo è meraviglioso, con o senza i" miglioramenti "." Lei sfruttava il naso e le labbra nei suoi genitali morbidi e teneri, baciandosi le palle vellutate e strofinandosi la punta del naso intorno alla base del suo asta.

"Sì?" Adam rispose, emettendo un gemito debole mentre si sentiva indurirsi di nuovo dai ministri di Sarah. "Non ti dispiacerà anche se io, ehm, mi riduca un po 'dopo ... se ... i cambiamenti tornano?"

"Certo," lo assicurò Sarah, suscitando un altro gemito dal suo uomo mentre la sua lingua calda scivolava lungo la parte inferiore turgida del suo cazzo ormai completamente eretto. "Non mi interessa così tanto di piacere al cazzo mentre faccio l'uomo a cui è attaccato."

Sarah lo guardò con uno sguardo seducente, inumidendo le labbra con la lingua prima di aprire la bocca larga per bloccare le sue labbra morbide attorno alla base del glande scintillanti e spugnosi di Adamo. Rabbrividiò mentre la sua lingua tremolava e turbinava attorno alla sua punta sensibile.

Strinse una delle sue basette dietro l'orecchio e iniziò a godersi la testa su e giù, prendendo il suo albero quasi spetto da polso in bocca e in gola come riusciva a fare. Sarah si imbavalse leggermente mentre la sua lunghezza le colpì la parte posteriore della gola, ma respirò profondamente attraverso il naso, riuscendo a mantenere la bocca bloccato strettamente attorno al pene mentre si muoveva lentamente la testa su e fuori. Si spense dalla bocca sbavante con un suono soddisfacente.

Sarah afferrò l'albero con una mano e iniziò a pompare il pugno avanti e indietro lungo la sua impressionante circonferenza, diffondendo la sua saliva sulla pelle tesa come una forma di lubrificante. Senza sprecare un altro momento, premette le tette contro il suo cazzo, sandando la sua calda lunghezza tra i voluttuosi tumuli.

Era così grande che, nonostante anche il seno di Sarah avesse gonfiato di dimensioni dopo il loro tempo nell'alveare, c'erano ancora un paio di pollici del suo pene che potevano essere visti sbirciare dalla cima della sua scollatura. La sua testa di cazzo, rossa e gonfia di desiderio, sembrava una ciliegia luccicante appoggiata in cima alle tette simili a marshmallow di Sarah.

Usando le mani, iniziò a spremere e far scivolare il seno su e giù spesso di Adam, che lanciava la lingua contro i suoi glande alcune volte prima di succhiarlo nella sua bocca calda. Ha trascinato delicatamente i denti attraverso la carne delicata, facendo sì che Adam iniziasse inizialmente per sorpresa, apparentemente pronta a staccarsi da lei, ma poi si rese conto che le sensazioni erano effettivamente divertenti, seppure schiacciante.

Sorrise a se stessa, soddisfatta di vedere il suo piagnucolio così sotto il suo controllo. Le ginocchia di Adam tremavano e si stava a malapena a stare in piedi appoggiando le mani sulla testa di Sarah, aiutando a guidare la sua lingua attorno alla sua virilità dolorante.

"TH-THE È INCREDIBILE ..." Gridò Adam, tirando un po 'i capelli bagnati di Sarah. Emise una risata ovattata, sapendo e permise alle sue tette di cadere dal suo cazzo. Sembrava deluso per un secondo, ma presto stava gemendo e ansimando di gioia mentre iniziava a accarezzare rapidamente la sua lunghezza con una mano mentre massaggiava le sue paffute palline di dimensioni di avocado con l'altra.

Incapace di tenere chiusa le porte del proprio desiderio, Sarah lasciò che la mano che stava usando per accarezzare il sacco di Adam scivolava tra le gambe, immergendosi le dita in profondità nella sua fica già sgargiante. Si è follemente toccata mentre continuava a succhiare e accarezzare la deliziosa canna di Adam.

Dopo un po ', la sua mano era completamente inzuppata dei suoi fluidi e si allungò per giocare un po' con le palle di Adam, prima di tornare al suo cavallo disperato. Ha ripetuto questo processo fino a quando il suo sacco non è luccicante e gocciolante con il succo di figa. Sarah si era persa così persa in una frenesia alimentata dalla lussuria che non aveva nemmeno sentito Adam quando parlava.

"F-Fuck!" Ansimò, stringendo la presa sul cuoio capelluto. "Sto già cum se continui ad andare in thaaaaa-!" Non ha avuto il tempo di finire la frase prima di grugnito e sparare un enorme e spesso carico di sperma nella bocca di Sarah.

Teneva la testa in posizione con le sue mani grandi e forti, mentre i suoi occhi si aprivano per sorpresa, prima di rotolare leggermente indietro in pura felicità. Le sue guance sono aumentate con l'improvvisa e incredibile corsa di jizz che si riversava nel suo esofago. Aveva altra scelta che soffocarla in gola, imbavagliata leggermente e inalando attraverso il naso che cola, mentre guardava Adam con gli occhi soddisfatti e annaffianti. Le dinamiche di potere del sesso da dare e ottenere hanno sempre fatto scopare il cuore di Sarah. Questa volta non era differente.

Una volta che il potente orgasmo di Adam finì di scuotere attraverso il suo corpo, allontanò le mani dalla testa di Sarah, permettendole di scivolare fuori il cazzo dalla bocca. Cum lo trasudava sul mento e insaggiò il suo albero ancora duro, mantenendo la pelle scivolosa per la mano di Sarah mentre improvvisamente allungava la mano e si aggirava il palmo attorno ai suoi glande troppo sensibili.

"H-hey!" Adam piagnucolò, tentando di masturbarsi, ma Sarah afferrò le palle con una mano, mantenendolo obbedientemente fermo.

"Cosa", rispose Sarah, un sorriso timido e birichino che cresceva sul suo viso arrossato. "Pensavi di poter ottenere le tue rocce e poi lasciarmi così?" Fece un gesto verso il suo cavallo, che gocciolava un flusso costante di succhi sull'erba liscia sotto il culo.

"Ovviamente no!" Balbettò, sembrando leggermente imbarazzato. "Non ho potuto fare a meno di cumming; Sei troppo bravo, sai? Dovremo aspettare che il mio periodo refrattario si svanisca, è tutto ... "

"Che periodo refrattario?" Sarah lanciò l'erezione duriosa di Adam e la guardò Bob avanti e indietro davanti al suo naso. Nonostante la sua enorme eiaculazione, come evidenziato dal jizz schiumoso ancora scivolando lungo il suo albero, il suo cazzo è rimasto duro come prima.

"Beh, è ​​interessante ..." rifletté Adam, flettendo la sua contaminazione per far saltare il suo cazzo su e giù. "Immagino che anche il nettare stia ancora lavorando alla sua magia in questo senso ... anche se amico, è ancora super sensibile dopo averlo creato in quel modo."

"Beh, non abbiamo molto tempo da perdere, quindi succhialo e fottemi", Sarah lo schernì in modo ingerico, lanciandosi a quattro zampe e scuotendole il culo in aria in modo che le sue guance si sfiorassero contro le palle penzolanti di Adam.

"Bene, ma non biasimarmi se cum di nuovo immediatamente."

"Lo prenderei come un complimennnnnnn-!" Ansimò mentre Adam improvvisamente immergeva la sua rigida virilità in profondità nella sua figa spalancata con una spinta potente. Raggiunse facilmente le parti più profonde della sua vagina, sbattendo contro la sua cervice, ma invece del dolore, provava solo un intenso piacere. Il rimodellamento del nettare delle sue zone erogene probabilmente non sarebbe durata per sempre, quindi era determinata ad assaporare queste nuove sensazioni mentre poteva.

Adam si sbatté forte in Sarah e veloce per alcuni minuti solidi, i loro grugniti, sussulti e gemiti si mescolavano al suono carnoso ritmico delle sue palle che schiaffeggiavano nel suo clitoride pulsante. Gli riempiva i palmi del suo culo flessibile, separando le guance per strofinare il suo stronzo sensibile con il pollice prima di sculacciarsi improvvisamente la sua carne da sbirciare. Continuò a schiaffeggiare il fondo fino a quando non era tenero e rosa.

Sarah gridò in estasi mentre sentiva il suo climax avvicinarsi rapidamente. I suoi seni oscillavano liberamente sotto di lei e le delicate lame di erba sotto di loro sollecitavano i suoi capezzoli rigidi mentre passavano. All'improvviso, Adam allungò la mano e gli ha modificato il clitoride con le dita, mandando gli shock attraverso la vita e facendo cogliere la figa attorno al suo pozzo carnoso.

"Ohhhh Dio, creerò!" Sarah sussultò. "Sarò così forte per te, Adammm!"

"Anche M-Me ...!" Adam ansimò, quasi senza fiato dal rapido cazzo. Grugnò, cercando di trattenerlo il più a lungo possibile, prima di far scivolare rapidamente il suo grosso cazzo fuori dalla sua fica gocciolante e contratta. L'improvvisa sensazione spinse Sarah oltre il bordo. Venne dura, spasming e schizzi succhi su tutte le palle di serratura di Adam mentre lui gettava lo sperma caldo su tutto il culo e la parte bassa della schiena.

"C-cosa stai facendo?" Sarah si suscitò, scuotendo ancora e si contrae mentre il suo orgasmo intorpidito continuava a devastare il suo corpo di sudorazione.

"Solo per essere al sicuro ..." gemette Adam, scivolando in ginocchio accanto a lei e baciando la sua spalla tremante. "Questo sarebbe un brutto momento per avere un bambino." Sarah sbatté le palpebre per sorpresa. Come aveva fatto lei, il professore di biologia, completamente dimenticato di quell'aspetto del sesso?

Sarah aveva avuto la fortuna di non essere allevata direttamente da nessun Krinis mentre era nell'alveare - aveva visto il destino delle donne nei vivai tentacoli che erano stati costretti a spingere infinite uova aliena e viticci fuori dalle loro fighe gonfie - ma si era divertita Un sacco di sesso con altri umani. Tuttavia, le uova umane fecondate venivano sempre rapidamente estratte da donne impregnate dai Krinis e si trasformarono nelle camere di incubazione. In quanto tale, nove mesi di gravidanza, tanto meno la semplice idea della genitorialità, non le avevano affatto diffuso.

"Ah, buon pensiero," borbottò Sarah, scivolando nell'erba. Aveva bisogno di afferrarsi. Mentre la sua testa si schiariva, si rese conto di quanto fosse sciocca. "Mi dispiace ..." mormorò e sospirò, sedendosi.

"Per quello?" Chiese Adam delicatamente, tenendola intorno alle spalle e avvicinandola. Si appoggiò il mento sulla testa e le baciò i capelli asciugati.

"Dovremmo tornare alla nave ... Ho già perso abbastanza tempo e risorse così com'è ..."

"Ehi", disse Adam in tono fermo, trasformando la testa di Sarah per guardarle direttamente negli occhi. “Tutti capiscono, ok? Abbiamo attraversato tutti l'inferno insieme. Non credo che nessuno ti darebbe la colpa per avere queste esigenze. Certamente no. Inoltre, abbiamo bisogno che tu abbia una testa chiara, altrimenti, chi altro ci porterà? " Sarah sbuffò una risata e si rannicchiò sul torace caldo e peloso di Adam.

"Oh, per favore, A’Luhr è più un leader di quanto non sarò mai."

"C'è una differenza tra essere un buon tattico e un buon leader. A’Luhr è fantastico con il primo - eccellente, davvero - ma non ha il cuore umano per capirci e guidarci veramente. Ce l'hai. "

"È razzista?" Sarah ha preso in giro. Adam ridacchiò.

"Ascolta, sto solo dicendo che è più facile guidare le persone a cui puoi relazionarti."

"Non mi sono mai considerato davvero il leader o qualcosa del genere."

"Sei il più alto e compassionevole di tutti noi; Penso che tu stia andando bene senza nemmeno rendertene conto. "

"Grazie ... beh, farò del mio meglio."

"Fin qui tutto bene."

Si alzarono insieme, condividendo un sorriso, poi si guardarono i corpi nudi dell'altro. Entrambi ora avevano un ampio seme di asciugatura e succo di figa che brillavano sulla loro pelle.

"Beh ... immagino che forse avrebbe avuto più senso fare sesso prima di pulire, eh?" Sarah sospirò, astrutando di nuovo nel freddo fiume per fare il bagno rapidamente. Adam si strinse nelle spalle e lo seguì.



***



"OH! Sarah e Adam sono tornati! " Zoey annunciò mentre usciva dal Brightdark, vedendo la coppia che tornava dal fiume. Scivolò brevemente nella nave prima di saltar fuori, dirigendosi verso di loro con due abiti in bundle tra le braccia. "Allora, come è andato?"

Sarah e Adam le sbattono le palpebre, scambiando sorrisi imbarazzanti.

"Oh ... Dio ... non so nemmeno perché l'ho chiesto", balbettò Zoey, praticamente inciampando su se stessa mentre arrossì. “Io, vedi che ti sei ripulito tutto! Sì! Sono contento che sia andato bene! " Rise nervosamente prima di tossire e distogliere lo sguardo dai professori di nudo, tenendo fuori i semi da prendere.

"Quindi questi sono unisex o qualcosa del genere?" Adam chiese, *********** ing uno dei semi.

"Sì, si formano solo attorno al tuo corpo", spiegò Zoey, girandosi dopo che Sarah prese il secondo capo. "In realtà è piuttosto strano, in un modo interessante."

"Affascinante ..." Respirò Sarah mentre scivolava nel vestito monopezzo. Il tessuto sembrava di seta fredda e liquida mentre scivolava sulle cosce e intorno ai fianchi. Il vestito si estendeva come il nylon, rendendo facile da indossare e, con sua sorpresa, iniziò rapidamente a regolare la sua temperatura corporea. I suoi arti erano piuttosto raffreddati dal suo precedente tuffo nel fiume, quindi l'improvvisa inondazione di calore la fece rabbrividire in beatitudine.

Una volta che Sarah aveva completamente indossato il capo, era preoccupata che non si adattava correttamente, poiché si aggrappava troppo al suo seno pieno. Tuttavia, dopo un breve momento, sentì che il tessuto iniziasse ad incresparsi come se si sciogliesse dal calore del suo corpo, e l'intero abito si riformò improvvisamente per abbracciare perfettamente le curve del suo corpo.

Si girò un po 'per ispezionare se stessa, sentendo la cucitura sulla schiena iniziare a sigillarsi come una cerniera liquida. L'abbigliamento a tenuta della pelle aveva segmenti di armatura bianca che si coprivano gli arti e l'addome, con un elegante tessuto nero che si formava attorno al seno e al culo. Lei ridacchiò il petto con le mani, che ora erano anche coperte da tessuto nero stretto, e si meravigliava del luccicante motivo esagonale intrecciato.

Guardando Adam, Sarah vide che aveva anche finito di adattarsi, anche se il suo vestito era leggermente diverso. Il suo petto era coperto da più segmenti bianchi e un bordo bianco era immerso sull'inguine.

Sarah maledette interiormente, poiché era interessata a vedere come il materiale elasticizzato si guardava intorno al suo delizioso rigonfiamento. Non sembrava davvero giusto che i seni delle donne fossero sostanzialmente in mostra mentre i ragazzi avevano molta copertura. Svitò e distolse lo sguardo.

"Come ti sembro?" Chiese Adam, girando come se fosse in passerella. "Stai cercando abbastanza bene." Si fischiò a Sarah. "Chi sapeva che gli alieni potevano essere modelli così magistrali?"

"Mmm", brontolò Sarah. "Sembri ... vestito."

"Non sono fantastici?" Zoey "Questi semi sono così leggeri e facili da spostare. È quasi come non indossare nulla! Vorrei che avessimo questi per l'hockey sul campo ... anche se non so che avrei avuto il coraggio di indossare qualcosa così ... Risqué. " Rise goffamente e tirò leggermente il tessuto stringendo le sue tette considerevoli. I piccoli dossi dei suoi capezzoli potevano essere visti che spuntano leggermente dalla stoffa pura, e Sarah guardò in basso per notare lo stesso su se stessa. Brontolò di nuovo.

"Sono contento che tu stia trovando gli esosuiti tattici a tuo piacimento", ha commentato A’Luhr, uscendo dalla nave e facendosi strada verso il gruppo con Steven al seguito. Entrambi indossavano gli stessi abiti, anche se A’Luhr indossava anche uno degli eleganti caschi che avevano avuto quando la incontrava per la prima volta. Nonostante ciò, la sua voce era solo leggermente smorzata.

"Come sta la nave?" Chiese Adam, una piccola scintilla di invidia visibile nei suoi occhi mentre notò Steven che si asciugò una macchia oleosa dal naso.

"Il danno non è così grave come temevo", rispose A’Luhr, incrociando le braccia e scuotendo la testa. “Non sorprende che non sia stato in grado di ripararlo completamente. Sono riuscito a drenare l'acqua in eccesso e a rattoppare il bacino del refrigerante, ma le crepe nell'alimentazione al motore principale richiedono attrezzature più delicate di quelle che ho a portata di mano. "

"Che cosa vuol dire?" Chiese Sarah, uno sguardo nervoso sul suo viso. "Può ancora volare?"

“Ci credo, anche se a malapena; Dubito che sarà in grado di viaggiare a qualsiasi grande velocità, tanto meno lasciare l'atmosfera. " A’Luhr scrollò le spalle e sospirò. “Tuttavia, dovremmo riempire il liquido di raffreddamento per stare da terra per più di qualche minuto e, sfortunatamente, non possiedo alcun refrigerante in più. Anche se lo facessi, probabilmente perdeva nel tempo mentre circola il motore, il che significa che avremmo bisogno di rifornarlo regolarmente. "

"Accidenti, non posso nemmeno iniziare a immaginare la complessa chimica dietro la tecnologia del motore così avanzata ..." ammise Adam, stringendo il pugno per la frustrazione. "Dubito che potremmo trovare qualsiasi sostituzione adeguata qui sulla Terra."

"Infatti. Sebbene appena complicato, l'elemento necessario è estremamente raro sul lato del pianeta. "

"È solo un singolo elemento?" Chiese Steven, sollevando una fronte.

"Sì," A’Luhr annuì. "Uno che può essere formato solo attraverso innumerevoli anni di decadimento radioattivo, ed è fin troppo facilmente perso nel cosmo dopo l'uso." La mia gente ha raccolto praticamente tutto sul nostro pianeta, costringendoci a sviluppare la tecnologia per estrarre le stelle vicine –Una tecnologia di cui non credo che voi umani siete ancora capaci. "

"Stelle?" Chiese Zoey, una nota di timore reverenziale nella sua voce.

"Sì, lo producono tutti", ha affermato A’Luhr. "Sono stato sorpreso di scoprire che il tuo linguaggio umano ha una parola per questo, ma credo che ti riferisca come ..." elio "?" A’Luhr ha aggiunto un po 'di tocco drammatico alla fine della sua frase, apparentemente cercando di enfatizzare l'entità della rivelazione. Il resto del gruppo ha appena battuto le palpebre e si è guardato in una miscela di stupore e divertimento.

"A’Luhr ..." disse Zoey, sorridendo mentre cercava di reprimere una risatina. "Abbiamo un sacco di elio sulla terra, sai?"

"Che cosa…?" A’Luhr ansimò. Anche senza essere in grado di vedere il suo viso attraverso il suo casco, era chiaro che era completamente sbalordita.

"Bene," annusò Adam, scrollando leggermente. "Stiamo esaurendo: dopo tutto è una risorsa non rinnovabile, che usiamo per un sacco di cose, ma sì, non è particolarmente difficile da trovare al momento."

"Come può essere!?" A’Luhr sembrava pronto a rovesciare a terra, mentre le sue gambe erano visibilmente tremate.

"Hm, beh, forse la Terra ha solo più fonti di elio di Gradien, o la tua razza ha semplicemente raccolto molto più velocemente di noi?"

"Sì, sembra un po 'che tu ne usi un sacco sempre", ha concordato Zoey. "Qui, lo usiamo praticamente per riempire palloncini per le feste."

"Per le feste!?" A’Luhr finalmente cadde in ginocchio, scuotendo la testa incredulo.

"Uhm, beh, in realtà", intervenne Steven, "usiamo anche l'elio per tutti i tipi di cose, come semiconduttori, attrezzature mediche, razzi e, sì, come refrigerante. In effetti, sono abbastanza sicuro che sia usato nei frigoriferi. " La faccia di Zoey si arrossì leggermente mentre distolse lo sguardo dalla faccia compiaciuta di suo fratello.

"Corretto per la maggior parte", interviene Adam. "Ma no, non nei frigoriferi, almeno niente che avresti visto nella tua cucina."

“Oh, y-yeah. Ecco cosa intendevo." Steven balbettò. Era il turno di Zoey a sembrare un po 'compiaciuto.

"Zoey ha un buon punto però," rifletté Sarah, strofinandosi pensieroso il mento. “È ovvio che molto probabilmente troveremmo un po 'di elio in un negozio di feste. So che la città ne ha molti; Deve essere uno nelle vicinanze, giusto? "

"In realtà penso di sapere dove si trova uno nelle vicinanze!" Zoey esclamò eccitato, alzando il braccio in aria come se chiedesse il permesso di parlare. “È stato un po 'difficile dire dove siamo atterrati, data la nostra ... natura affrettata ... e tutto ciò che gunk che copre gli edifici ha reso difficile da vedere, ma penso di riconoscere questo parco. Se è quello a cui sto pensando, allora non siamo lontani dal negozio Fiestaville a cui sono andato all'inizio del semestre per pianificare il compleanno di Diana ... "

La sua voce si allontanò e uno sguardo cupo lavato sul suo viso mentre ricordava la sua amica, che era anche ora a miglia di distanza sotto la terra, probabilmente fu scopata senza senso da enormi cazzi tentacoli mentre parlavano.

"È davvero un'idea intelligente avventurarsi in città ...?" Chiese Steven nervosamente, guardando verso i viticci simili a carne rosata che coprivano lo skyline della città che incombe sugli alberi all'orizzonte.

"Non abbiamo molta scelta se desideriamo riprendere la nostra caccia alla regina", rispose A’Luhr, alzandosi in piedi e spazzando l'erba sciolta e lo sporco dal sedere. Le particelle si allontanavano facilmente dal tessuto della sua tuta. "Non sembrava che la corruzione di Krinis si fosse diffusa alla periferia della città, quindi se questo ..." Fiestaville "... è abbastanza lontano dal peggio, abbiamo una possibilità." Diede un'occhiata a Zoey, che annuì affermativo.

"Sì, è solo ai margini di questo sobborgo", ha confermato Zoey, anche se c'era un pizzico di incertezza nella sua voce.

"Mi chiedo che tipo di incredibili formazioni di Krinis potremmo vedere in giro per la città?" Sarah rispose, facendo ben poco per mascherare l'ovvia e fame curiosità nel suo comportamento.

"Beh, preferirei non incontrarne nessuno", ha grugnito Adam. "Non abbiamo tonnellate di armi, ricorda. Un passo sbagliato e i nostri fluidi possono finire come Alien Chow. " Alla menzione del cibo, lo stomaco di Sarah gorgogliava forte. Emise una risata imbarazzata, ma presto anche tutti gli altri si stavano strofinando lo stomaco. Non avevano mangiato nulla dalla loro ultima ingestione di nettare nell'alveare, e da allora non avevano mangiato un vero pasto ... Sarah non riusciva nemmeno a ricordare.

"Anche se suppongo che valga il rischio", ha continuato Adam, tossendo nel pugno. “Forse possiamo trovare un po 'di chow tutto il nostro? Deve essere cibo in scatola da qualche parte. Forse anche snack confezionati nel negozio di feste. "

"Ormai sarebbe piuttosto vecchio, se non già razziato dai sopravvissuti", gemette Steven.

"I mendicanti non possono essere scelti", sospirò Zoey. "E sarei sorpreso di conoscere molti sopravvissuti. Ricordi quanto le strade sterili erano solo un mese dopo l'invasione? L'unica ragione per cui non siamo stati catturati immediatamente è stato grazie al rifugio di Adam, e dubito che la maggior parte delle persone avesse uno di quelli in giro ".

"... Fair Point", ammette Steven.

"Allora, siamo tutti d'accordo, allora?" Disse Sarah, proiettando leggermente la sua voce. "Intruforeremo in città, troveremo un po 'di cibo e speriamo elio, quindi torniamo alla nave in modo da poter continuare a cercare la regina." Tutti nel gruppo hanno espresso il loro accordo.

"Tieni d'occhio qualsiasi altro Fenfire", ha aggiunto A’Luhr. "Quando troviamo la regina, dove si è nascosta - avremo bisogno di un modo per finirla per sempre."

"Giusto, anche quello," Sarah annuì. "Va bene Gang, raccogliamo le nostre provviste e facciamolo finire prima di morire tutti di fame." Con ciò, tornarono tutti alla nave. Sarah non riusciva a impedire al suo cuore di battere forte quasi quanto il suo stomaco. Aveva paura, sì, ma era altrettanto ansiosa di fare nuove scoperte. I Krinis sembravano sempre spingere i limiti della biologia, ed era sicura che ciò che avrebbero presto trovato nella città infestata non sarebbe stato diverso.



CONTINUA...

Storie simili

Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza. Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera...

654 I più visti

Likes 0

Parte 7, la ragazza con il culo

Spero che questa storia ti piaccia, la parte 7 segna molte cose che arriveranno nelle storie successive. Si prega di commentare e godere. Il padre di Tyler era un cliente abituale di mia madre. L'ha scopata quasi quanto John, ma non più di Bill. La mamma aveva altri ragazzi che si presentavano di tanto in tanto, ma questi 3 erano costanti. La mamma aveva molto lavoro, a volte durante il giorno, a volte di notte. Aveva alcuni ragazzi che si sarebbero presentati durante le ore mattutine, ma lavorava soprattutto di notte. Stavo con la nonna quando lavorava di notte, ea volte...

597 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

400 I più visti

Likes 0

Ossessione video amatoriale parte 2

Ero diventato sempre più ossessionato dal guardare questi film e ho scoperto che stavo nascondendo un orologio in ogni occasione, incluso guardarli a casa anche quando c'era mia moglie (Tracy). La vita familiare non era eccitante, ero stato piuttosto impegnato con il lavoro e normalmente non ero a casa fino a tardi, il risultato era che io e Tracy non passavamo molto tempo insieme, e anche se andavamo d'accordo , non siamo riusciti a passare così tanto tempo di coppia di qualità insieme. Quando è apparso il primo dei nuovi film, l'ho guardato sul telefono mentre la mia Tracy stava guardando...

2K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

Il roseto 4

Beth si morse nervosamente il labbro inferiore mentre Brian conduceva la sua figura nuda al dispositivo sul lato sinistro della radura, un cavalletto modificato con una panca superiore larga circa due palmi e rivestita di morbida pelle imbottita. Le sue solide gambe di mogano portavano ancore a cui erano attaccati i polsini e le manette della caviglia di Beth dopo che avevano adagiato il suo corpo nudo sulla panca a faccia in giù. L'angolo delle gambe della panca allargò le gambe di Beth per rivelare la sua figa e il suo buco del culo, ed è stato quest'ultimo ad attirare l'attenzione...

1.1K I più visti

Likes 0

Incantesimo Delila

Incantesimo Delila Parte 1 Dicono che vedere per credere, che tutto nell'universo può essere spiegato con uno sfondo logico. Dicono che le persone nella loro natura tenderanno alla finzione e al paranormale perché sotto tutte le scuse na dicono promette l'idea di creare qualcosa dal nulla. Ero una di quelle persone che lo dicevano, che quando alle persone non veniva presentata una risposta chiara alle grandi domande della vita, coglievano al volo l'opportunità di creare qualcosa di proprio. Ora sono in ginocchio a pregare Dio per questo. Non so se avrei potuto fare qualcosa, se le mie presenze o la mia...

814 I più visti

Likes 0

Il club delle signore nodose

Il club delle donne nodose Di Drakon Kate era sul balcone e osservava il pittoresco panorama della costa centrale della California. Aveva goduto di quella vista da quando poteva ricordare e anche adesso che aveva cinquantacinque anni le toglieva il fiato. I suoi capelli corvini lunghi fino alla vita svolazzavano nella fresca brezza del tardo pomeriggio mentre rivedeva la lunga lista di cose che dovevano essere fatte prima dell'arrivo dei suoi ospiti, ma l'ambiente sereno la faceva meravigliare. La tenuta di oltre trecento acri che i suoi genitori avevano acquistato era ricoperta di vigneti, che una volta raccolti sarebbero stati venduti...

452 I più visti

Likes 0

Ricordi II

È una bella mattinata nel deserto dell'Arizona. Il sole splende, c'è una leggera brezza e la temperatura è giusta per stare nudi. Io e la mia signora siamo seduti sulla terrazza dei nostri amici a goderci gli uccelli, i conigli e la meravigliosa vista sul deserto. Guardiamo verso ovest e possiamo vedere un corpo di bronzo alto e snello che cammina lentamente verso di noi. Man mano che la persona si avvicina, possiamo vedere che è il nostro amico Al fuori per la sua passeggiata mattutina e la sua visita. Si avvicina al ponte e sale le scale. Ha la sua...

261 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.