La mia vicina incinta, parte 3

543Report
La mia vicina incinta, parte 3

Lunedì mattina mi sono seduto al tavolo da picnic e ho provato a leggere il giornale mentre aspettavo Shelly. I miei pensieri sono tornati a domenica e ho iniziato ad avere un'erezione mentre anticipavo di avvolgere le mie labbra attorno ai suoi capezzoli duri e di bere il delizioso latte dalle sue tette succulente. Sapevo anche che era arrapata da morire e potevo solo pensare al gatto selvatico in attesa di essere scatenato quando ho fatto scivolare il mio cazzo duro nella sua lunga figa affamata di cazzo.

Circa mezz’ora dopo ho sentito Mike andarsene e mi aspettavo Shelly da un momento all’altro, ma il mio caffè mattutino mi stava influenzando e ho pensato che avrei fatto meglio a fare pipì prima del suo arrivo. Mi sono precipitato in bagno ma in stato di erezione ho impiegato più tempo del normale per svuotarmi.

Mi aspettavo di vederla quando tornavo fuori, ma di lei non c'era traccia. Mi sono seduto ad aspettare quando ho notato una piccola pila rosata di quelli che sembravano vestiti stesa sul patio. Avendo una buona idea di cosa avrei trovato, potevo sentire sia il mio cazzo che il mio cuore iniziare a battere più forte mentre camminavo verso il mucchio.

Quando mi accovacciai per ispezionare il fagotto, trovai una vestaglia a fiori piegata sopra una collezione di lingerie da donna. Era un set coordinato di mutandine, reggiseno e camicia da notte, tutto trasparente e guarnito con minuscoli fiorellini. Potevo sentire l'aroma di Shelly mentre prendevo le mutandine e ci facevo scorrere leggermente le dita. La mia curiosità riguardo al fatto che fosse pronta per il sesso è stata confermata quando ho notato una piccola macchia bagnata nell'inguine.

Mi sono sdraiato sui fianchi mentre accarezzavo le mutandine di Shelly, la punta del mio cazzo ormai completamente duro che spuntava dalla gamba dei pantaloncini, e mi sono guardato intorno cercando il mio vicino nudo. Ho annusato velocemente l'inguine, per ricordarmi il suo odore e allo stesso tempo per stuzzicarmi sul suo sapore, dato che fino a quel momento l'unica parte di me che avevo avuto dentro di lei erano le mie dita.

Alzandomi, tenendole ancora le mutandine, ho dato una rapida occhiata al cortile, ricordando quanto le piaceva e l'ho chiamata. “Shelly? Shelley? Dove sei?"

«Quaggiù, Tom, vicino alla cascata.»

Facendomi ombra sugli occhi, guardai oltre e la vidi china sull'aiuola, con il sedere sporgente in modo così invitante e i seni sfrenati che pendevano e ondeggiavano mentre si muoveva tra i fiori. Mentre si raddrizzava e iniziava a camminare verso di me, potevo solo stare lì a bere la bellezza della sua forma nuda.

“Sembra che tu abbia trovato il mio regalo. Ti piace il mio odore?" Potevo vedere una specie di sorriso malvagio sul suo viso mentre si avvicinava. “Mentre aspettavo che Mike se ne andasse, ho iniziato ad arraparmi pensando al tuo cazzo e non ho potuto fare a meno di toccarmi dopo che se n'è andato. Spero non ti dispiaccia se spreco un orgasmo per me stesso, ma ne ho ancora parecchio per te."

Ero un po' imbarazzato per il fatto che mi avesse visto annusare le sue mutandine e non sapevo davvero come rispondere, quindi sono rimasto lì in silenzio mentre lei si avvicinava a me. Il mio uccello stava cercando di sollevarsi dietro la gamba dei miei pantaloncini e circa la metà della mia asta nuda sporgeva con un angolo di 45º. I suoi occhi erano diretti al mio inguine e quando fu di fronte a me si abbassò, avvolgendo le dita attorno alla parte esposta che sporgeva dalla gamba dei miei pantaloncini.

"Pensavo fossi a corto di parole, un po' come un bambino che viene sorpreso a farsi una sega dalla mamma, ma immagino che tu lasci che sia questo a parlare, eh."

Strizzando e massaggiando lentamente il mio cazzo con la mano destra, ha premuto il suo corpo contro la parte anteriore del mio. Mi ha abbassato la testa di circa quindici centimetri davanti al suo viso mentre ruotava la parte superiore del corpo, con i capezzoli induriti che spuntavano dalla mia maglietta.

"Se ti piace così tanto l'odore della mia figa, perché non lo prendi fresco?"

Mise le mani sulle mie spalle ed esercitò una pressione, come se stesse cercando di costringermi a mettermi in ginocchio. Era ovvio che voleva che le infilassi la faccia nel cavallo, quindi non aveva bisogno di forzarmi troppo.

L'ho guardata negli occhi, poi ho tirato fuori la lingua e l'ho passata sulle sue labbra. "Hai qualcosa di più fresco quaggiù?" e ho messo la mano a coppa sulla sua fica pelosa. Ha allargato le gambe per permettermi l'accesso e quando ho accarezzato con un dito la sua fessura non sono stato affatto sorpreso di trovarla bagnata.

"Mmmm'" tubò. "sembra che lo stai scoprendo, eh."

Ho lasciato che mi costringesse a scendere, ma ho controllato la velocità della mia discesa. Le ho dato piccoli baci intorno alla bocca e ho continuato verso il basso, baciandole leggermente e leccandole il collo e la parte superiore del petto fino al seno. Li presi tra le mani e diressi i suoi capezzoli alla mia bocca per allattarla e bere il latte di sua madre. Mi ha cullato la testa tra le mani e mi ha stretto al suo seno mentre ingoiavo qualche spruzzo della sua ambrosia, e solo con riluttanza ha lasciato la sua presa mentre riprendevo il mio viaggio orale verso il suo nido d'amore.

Baciandole la parte inferiore delle tette, ho leccato lungo la piega dove si univano al petto, poi ho fatto scorrere la lingua sulla sua pancia incinta e le ho morso l'ombelico increspato verso l'esterno. Potevo sentire il profumo emanato dalla sua femminilità mentre la mia testa correva sul fondo del suo ventre e si avvicinava alla giuntura delle sue gambe.

In ginocchio sul prato, la mia testa era direttamente davanti alla sua figa e ho messo le mani tra le sue cosce per separarle abbastanza da poter toccare il mio viso. Con le cosce aperte e le labbra separate, le pareti interne rosa del suo tumulo erano appena visibili attraverso la foresta oscura dei suoi peli pubici e brillavano per l'umidità che filtrava dall'interno di lei. I miei sensi furono sopraffatti dalla sua fragranza mentre affondavo il viso nella sua fica per assaporarla.

Stringevo le mani sui morbidi globi delle sue natiche mentre leccavo su e giù la sua fessura e leccavo il suo succo. Shelly mi afferrò la testa e la spinse contro il suo monticello mentre io facevo scorrere la lingua sul clitoride e mordicchiavo la protuberanza distesa, e gemevo e muovevo i suoi fianchi sul mio viso quando allungavo la lingua più profondamente che potevo per scopargliela nel buco.

Pensavo che si divertisse tanto quanto me finché non mi ha tirato fuori la testa dal cavallo, ha spostato le mani sotto le ascelle e mi ha fatto erigere. Quando mi sono alzato in piedi ha infilato le mani sul davanti dei miei pantaloncini e ha preso il mio cazzo tra le mani.

"Oh, Tom", gemette e mi baciò. Mi ha tirato l'asta mentre ci scambiavamo un bacio appassionato. “Adoro che tu mi lecchi la figa, ma sono venuto qui per farmi scopare. Voglio il tuo cazzo nella mia fica, non la tua lingua. Togliti i vestiti e fanculo a me!"

Avrei voluto far scivolare il mio tubo duro su di lei tanto quanto lei lo voleva e ho fatto un passo indietro per spogliarmi. Shelly mi guardò mentre mi toglievo i vestiti, il suo sguardo fisso sul mio inguine e, quando il mio plettro saltò fuori dai pantaloncini. avvolse le mani attorno all'asta.

"Sì", sibilò, "questo è quello che voglio." Mi avvolse il braccio libero attorno al collo e mi tirò contro di sé mentre lentamente cominciava a sollevarmi. Mi sono mosso verso di lei e le ho afferrato le natiche per attirarla a me, ma lei non voleva.

"No, Tom, non qui", mi sussurrò all'orecchio mentre mi leccava la faccia. "Portami a letto."

Ci siamo lasciati andare e io l'ho condotta per mano nella mia camera da letto. Quando siamo entrati, Shelly mi ha lasciato la mano, si è avvicinata e si è seduta sul bordo del mio letto. Allargando le gambe, allungò una mano in mezzo a loro e si accarezzò, massaggiando l'altra mano in circolo sulla pancia.

"Andiamo, Tom, non vedo l'ora." Si sdraiò sulla schiena con le gambe sollevate e divaricate e mosse le mani per aprirsi a me. "Porta quel grosso cazzo duro su di lei e ficcamelo dentro."

Il mio cazzo pulsava e sussultava mentre mi muovevo verso di lei, a pochi istanti dal realizzare i miei sogni lussuriosi dello scorso fine settimana. Potevo vedere l'apertura oscura del suo tunnel dell'amore centrato nel suo rosa e che mi faceva cenno mentre stavo di fronte a lei. Chinandomi in avanti ho esteso il braccio sinistro verso il letto per sostenermi e ho guidato il mio cazzo verso la sua apertura bagnata con la mano destra.

Inserendo la punta della mia asta l'ho guidata su e giù proprio dentro le sue pieghe rosa finché non ho sentito il mio glande annidato all'ingresso del suo buco del sesso. Shelly aveva afferrato le sue gambe e le aveva tirate fuori e indietro e incurvava i fianchi mentre sentiva il mio cazzo scivolare lungo l'interno delle sue labbra esterne.

«Ora, Tom, ora. Infilami quel cazzo nella fica. Fanculo a me."

Non ho prestato ascolto alle sue sollecitazioni mentre lentamente scivolavo dentro e la penetravo. "Oh, Shelly", quasi piagnucolai, "oh sì."

Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che avevo fatto sesso che mi sono semplicemente riposato con il mio cazzo infilato dentro di lei per un paio di secondi, assaporando la sensazione di avere la mia carne circondata da una figa bagnata e calda. Anche se era incinta e sapevo che lei e Mike avevano scopato spesso, la sua figa era aderente mentre si aggrappava alla mia asta. Merda, ho pensato, perché mi ero negato il piacere di scopare per così tanto tempo.

"Nngh", mi ha gobbato. “Nngh…nngh…Oh sì, Tom. Dammi il tuo cazzo. È così bello averti dentro di me."

Ho esteso il mio braccio destro ora libero verso l'altro lato, così mi sono appoggiato su entrambe le braccia mentre spingevo dentro e fuori da lei, a volte tirando indietro finché non ero quasi completamente fuori, poi spingendomi in avanti e dando ai miei fianchi un leggero sughero movimento della vite. Ho guardato in basso tra le mie braccia mentre giravamo insieme, godendomi la sensazione della sua umidità fradicia e del rivestimento lucido che stava lasciando sulla mia asta.

Per quanto mi piacessero i colpi lenti mentre risvegliavano la sensazione di avere la fica di una donna che stringeva il mio cazzo mentre le sue pieghe bagnate scivolavano sulla carne sensibile del mio cazzo, mi sono presto ritrovato ad aumentare la velocità della nostra copulazione. Shelly ha risposto, sincronizzando le sue intuizioni con le mie spinte, e abbiamo stabilito un ritmo rapido.

"Oh sì... Uh eh... Uh eh", gridò. "Questo è tutto. Di più. Voglio di più."

«Anch'io, Shelly, anch'io. Fanculo il mio cazzo, cavalca il mio palo, piccola stronza arrapata.

L'afferrai per i fianchi e spinsi il mio palo dentro di lei più forte e lontano che potevo.
Avrei voluto avere più cazzo da darle, per il suo piacere tanto quanto il mio, ma le stavo già dando da mangiare tutto quello che avevo.

“Esatto, Tom, sono una piccola stronzetta arrapata. Stai zitto e fanculo a me. Riempi quel cazzo nella mia figa affamata di cazzo, bastardo! Voglio tutto!" Avvolse le gambe attorno ai miei fianchi, bloccandomi le caviglie sul sedere, e contrasse i muscoli delle gambe per tirarmi dentro.

Ci stavamo stringendo insieme con abbandono, ognuno desiderava di più del sesso dell'altro. Shelly si era lubrificata rapidamente e presto mi sono sentito come se stessi scopando una spugna bagnata mentre il mio cazzo scivolava e succhiava dentro e fuori dal suo buco bagnato. La sua testa pendeva da una parte all'altra e aveva cominciato a spremere le tette, facendo fuoriuscire goccioline di latte dai capezzoli.

Era erotico ed eccitante e lo volevo. Voleva il suo latte materno caldo nella mia bocca. Ero diventato dipendente dall'allattarla domenica e dovevo semplicemente averne di più. Mi sono ritirato dalla sua figa e mi sono alzato, facendola gemere in un lamento e chiedendomi perché mi ero fermato.

“Ti voglio sopra di me, Shelly. Voglio poter infilare il mio palo il più lontano possibile nel tuo buco caldo. Ma ancora di più voglio che tu mi dia il tuo latte mentre scopiamo."

Si spinse completamente sul letto e rotolò su un fianco mentre io salivo e mi sdraiavo sulla schiena, con l'asta che sporgeva come un bastone. Shelly si girò e mi si mise a cavalcioni sulle ginocchia, afferrando il mio cazzo e guidandolo verso la sua apertura gocciolante, poi sedendosi con un "Ummh".

Alzai le mani verso di lei e le tenni per mano con le dita intrecciate mentre lei si bilanciava sopra di me. Quando ha iniziato a scoparmi su e giù, mi è sembrato davvero che una parte maggiore del mio cazzo riuscisse a penetrarla in questa posizione.

"Oh sì, Tom", gracchiò. Spinsi più forte che potevo mentre lei rimbalzava sul mio cazzo, le pareti del suo tunnel del sesso si stringevano e si rilassavano mentre si stringevano al mio cazzo invasore. Shelly all'improvviso rallentò la sua cavalcata, scivolando lentamente su di me finché il nostro bacino non si unì, roteando l'inguine in alcuni cerchi, poi rallentando sollevandosi finché solo il mio glande rimase dentro di lei.

"Che ne dici di una lunga scopata lenta, eh?" mi ha sorriso. "Per quanto mi piaccia averti nella mia fica, non voglio che tu venga troppo presto, cattivo figlio di puttana."

“Quello che vuoi, tesoro”, ho sorriso di rimando. "A patto che mi dai quello che voglio."

"Oh," allungò la mano per avvolgere le mani attorno alle sue tette e iniziò a mungerle. "Il piccolo Tommy vuole un po' di latte dalle tette della mamma?", mi ha parlato in tono infantile. Lei lasciò andare le mie mani e si appoggiò alle mie spalle, sporgendosi in avanti e facendo dondolare i suoi seni sul mio viso. I suoi capezzoli erano gonfi e perdevano liquidi, le sue areole erano di un rosso intenso e rotte, tanto da essere coperte da piccole protuberanze.

La sua pancia gonfia e incinta appoggiata sul mio stomaco le impediva di piegarsi completamente in avanti per abbassare le tette verso di me, ma alzando la testa potevo sollevare la bocca per succhiare il suo capezzolo all'interno. Ho succhiato avidamente e sono stato subito ricompensato con schizzi del suo liquido materno, ma il mio collo era decisamente affaticato ed era difficile mantenere il contatto. Ma volevo di più, Dio, come volevo di più.

Mi alzai per spingerla leggermente indietro, poi afferrai i cuscini e li misi dietro di me come un cuneo. Bingo, proprio quello di cui avevo bisogno. Quando mi sono rilassato e l'ho attirata di nuovo a me, la mia testa era abbastanza sollevata da far sì che le sue tette mi arrivassero in faccia, i suoi capezzoli bagnati esattamente all'altezza della bocca. Non ho perso tempo nel risucchiare le protuberanze nella mia bocca, mordicchiandole e succhiandole mentre iniziavano a rilasciare il loro dolce flusso.

Sapevo che a Shelly piaceva mentre esalava un lungo "Ahh" mentre la allattavo. Interruppe per un momento il nostro accoppiamento, poi ricominciò a cavalcarmi con rinnovato vigore.

"Oh Dio, Tom, lo adoro", gridò. “Succhiami, tesoro. Dai, succhiami le tette piene di latte e scopami la figa incinta.

Non l'ho fatto, diavolo, non potevo deluderla. Il latte che scorreva nella mia bocca mentre il mio cazzo scivolava dentro e fuori dal suo buco bagnato mi aveva fatto eccitare più di quanto potessi ricordare. Avevo le mani sulle sue natiche mentre scopavamo, e lei si stava mungendo il seno mentre io la succhiavo. Alternavo la suzione, trascorrendo circa un minuto su ciascun capezzolo, e quando muovevo la testa per passare da un capezzolo all'altro, lo spray che rilasciavo dal capezzolo mi schizzava sul viso e sulla testa, rotolando lungo le guance e inzuppando il cuscino.

Non credo di aver mai provato prima le sensazioni che provavo in quel momento. Tutto il mio corpo era sensibile al tocco. Il mio cazzo si era espanso e pulsava al punto che mi sentivo come se stesse per scoppiare mentre sentivo i suoi muscoli afferrare le vene pulsanti, e la mia bocca e il mio viso erano inondati del succo dolce e caldo del suo seno in allattamento.

"Dammi Shelly", la mia voce era quasi un cigolio. "Dammi da mangiare, per favore, e scopami."

"Ungh huh", fu tutto ciò che rispose, "ungh huh".

La sentii rilasciare i seni e spingere con forza il mio viso contro le sue tette, forzando il capezzolo nella mia bocca più che poteva. “Ohhh, scolali, Tom. Bevili asciutti.

Se avessi potuto mi sarei nutrito di lei per sempre, ma mi sono sentito sul punto di esplodere in un orgasmo e l'ho spinta all'indietro. Volevo che il suo inguine si intrecciasse al mio e che il mio cazzo fosse dritto dentro di lei quando ho sparato in modo da poter rilasciare il mio carico il più in alto possibile nel suo grembo pieno di bambino.

“Sto per venire, Shelly. Sto per venire, tesoro.

"Anche io, Tom", ansimò. “Fottimi forte! Riempimi. Riempi la tua carne nella mia figa.

Ho piegato le gambe all'altezza delle ginocchia e ho formato una specie di schienale contro il quale lei poteva appoggiarsi mentre raggiungevamo l'orgasmo. Alzai di nuovo le mani e ci stringemmo l'un l'altro mentre battevamo insieme.

"Aiieee", urlò e mi strinse forte le mani mentre colpiva un'ultima volta e si perdeva nel suo orgasmo.

Ho gridato "Merda" mentre sentivo le mie palle contrarsi e lo sperma esplodere dal mio cazzo. Il mio orgasmo è stato così potente che mi sono sentito tremare e tremare mentre il mio sperma sgorgava dal mio cazzo.

Non ho idea di quanti carichi le ho riversato dentro, ma ognuno sembrava intensificare i miei sentimenti mentre anche Shelly tremava durante il suo climax, la sua fica che teneva stretta la mia asta e ancora all'interno della sua guaina mentre i suoi muscoli si increspavano e mi mungevano.

Ha rilasciato un flusso che si è mescolato con il mio, e i nostri fluidi combinati fuoriuscivano dai lati della sua fica mentre i nostri sessi pulsavano a tempo e liberavano i loro succhi.

Probabilmente non è durato più di un minuto quando abbiamo raggiunto il picco, ma quello deve essere stato il minuto più intenso di tutta la mia vita. Tenevamo ancora le mani strette insieme mentre cavalcavamo l'onda del piacere, e mantenevamo il contatto mentre il brivido attraversava i nostri corpi prima di placarsi lentamente.

Quando ho iniziato a riprendere il controllo dei miei sensi, l'ho guardata proprio mentre stava aprendo gli occhi. Raddrizzai le gambe mentre lei si sedeva in posizione eretta e rotolava via da me. Ho allungato il braccio destro sul letto e quando lei si è allontanata da me l'ho piegato per farla rotolare sul lato sinistro e l'ho tirata contro di me. Ho girato la testa verso di lei e ci siamo guardati negli occhi.

"Wow", mi sorrise dopo un momento. "Di sicuro sai come far divertire una ragazza."

"Me?" esclamai con finto stupore. "Ero quasi pronto a chiamare i servizi di emergenza per me stesso."

Abbiamo riso della nostra piccola battuta e ho chinato la testa per darle un bacio lento e amorevole. Sono rimasto sdraiato in silenzio con lei per un po' mentre ci guardavamo negli occhi, poi ci siamo abbracciati e siamo rimasti immobili.

Aveva la testa appoggiata contro il lato destro del mio viso quando la sentii muoversi.

"Tom?"

"Mmm?" Ho girato la testa per guardarla.

Lei appoggiò la testa contro il braccio piegato e mi guardò in quella che sembrava una maniera seria, per poi sorridere.

"Non osare fare programmi mattutini per il prossimo mese o giù di lì, perché sarai tutto mio finché..." e si diede una pacca sulla pancia.

"Hai capito, tesoro", ho sorriso. "O forse dovrei dire che lo capirai."

E capisci che lo ha fatto.

Storie simili

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

1.3K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1K I più visti

Likes 0

Io e il mio cane

+Ho creato un account qui per raccontare una storia vera di quello che è successo qualche anno fa. L'ho fatto solo per raccontare una storia, ma se volete, potrei scrivere di più.+ Tutto è iniziato il giorno del mio dodicesimo compleanno. Mio padre sa che desidero un cucciolo da sempre, quindi per il mio compleanno mi ha regalato un grazioso cucciolo di golden retriever. Aveva circa 2 mesi all'epoca ed era COSÌ CARINO! Comunque, non ti annoierò con i dettagli. Circa un anno e mezzo o due anni dopo, dopo che è diventato a grandezza naturale, ho notato la sua cosa...

688 I più visti

Likes 0

Lust in Translation, (o Playboy e il dio della melma).

Nel thread CAW 24, Pars001 ha chiesto: può anche avere un tema misterioso di fantascienza o una storia d'amore aliena? dopotutto sono strano La mia risposta è stata: Che ne dici dei negoziati sul trattato tra la razza aliena e gli umani. Il trattato finale deve essere concluso dal sesso tra un alieno e un umano. Per ulteriori punti, raccontalo dal punto di vista sia umano che alieno. A proposito: questa non è un'idea del tutto originale. Ho dovuto provare questo. — Il presidente fissava la pagina web, il suo colore blu troppo saturo gli faceva male agli occhi, ma era...

712 I più visti

Likes 0

Schiavi sessuali rapite_(1)

Il viso di Sara era coperto di lacrime e si poteva vedere l'espressione addolorata sul suo viso. Giaceva legata come un maiale sul pavimento della sua casa. Aveva un anello imbavagliato in bocca, tenendolo aperto. Era ancora vestita. Le sue braccia erano tirate in alto dietro di lei. I suoi polsi erano stati legati strettamente, fissati con una pesante corda di canapa. Una barra di sollevamento era attaccata tra le sue ginocchia; era lungo più di un metro e la teneva aperta e distesa. Una corda era attaccata a ciascuna caviglia, l'altra estremità attaccata ai suoi polsi legati. La corda era...

694 I più visti

Likes 0

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO Anni fa ho lavorato alla pulizia di un hotel locale. È stato poco prima che incontrassi Barry ed ero ancora arrapato anche allora. Ho attraversato una fase in cui indossavo calze e bretelle e lo faccio ancora adesso quando andiamo a dondolare e per lui in camera da letto. Racconterò il più possibile dalla mattina, questo è successo in un hotel a 5 stelle in Australia. .................................................. .................................................. .................................................. Oggi è stata una giornata noiosa e lenta, non c'erano molte stanze occupate, quindi non ci sarebbe voluto molto per finire e fortunatamente la mia amica mi stava...

641 I più visti

Likes 0

In vacanza al mare

Anche durante il viaggio in ascensore fino alla loro stanza, Mark e Cindy non riuscivano a togliersi le mani di dosso. Con le loro labbra unite in un bacio appassionato, Mark alzò lo sguardo per osservare su quale piano si trovavano. Bing, l'ascensore è atterrato al loro piano, mentre la coppia si dirigeva verso il balcone aperto verso la loro stanza. Camminando velocemente, hanno quasi investito un bambino che urlava a suo padre nel parcheggio sottostante. Avendo già estratto la chiave, Mark tentò di aprire la loro stanza, la numero 817. Cindy si allungò e afferrò il cazzo mezzo gonfio di...

537 I più visti

Likes 0

Annie e il lupo

La mia vita non è mai stata particolarmente facile, i miei genitori sono morti in un incidente stradale quando avevo solo tre anni, quindi non capivo del tutto di perderli ma non ha reso più facile non averli. Sono finita nelle cure di mia nonna, una donna che stava per raggiungere i 90 anni, ha fatto del suo meglio per crescermi e io non ho chiesto molto, quindi per quanto riguarda i vestiti, ho preso abiti semplici, voluminosi e un po' tozzi. Gli abiti voluminosi mi offrivano un vantaggio, nascondendo il mio corpo. Non sono mai stata orgogliosa di come progredisco...

340 I più visti

Likes 0

...

195 I più visti

Likes 0

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.