Aiuto per la matematica dopo la scuola - Sessioni 1 e 2_(1)

772Report
Aiuto per la matematica dopo la scuola - Sessioni 1 e 2_(1)

Teaser: Sia Emelie, una studentessa di scambio dalla Svezia, che Michael hanno vinto dei premi durante una riunione del consiglio scolastico. È stata quella genesi che ha portato Michael a usare le sue abilità matematiche per fare da tutor all'adolescente delle scuole medie dai capelli biondi e dagli occhi azzurri dopo la scuola a casa sua.



All'inizio sembrava che non fossero molti i genitori e il personale che si sarebbero presentati alla riunione mensile del consiglio scolastico, ma man mano che si avvicinavano le 19:30, i posti cominciavano a riempirsi. Carl Johnson era lì con suo figlio, che era stato invitato a partecipare perché era andato molto bene in una gara di matematica nella sua scuola media. Mike era un sedicenne molto brillante che aveva appena iniziato a notare le ragazze. Suo padre stava guardando l'orologio, curioso di sapere quanto tempo avrebbe dovuto aspettare prima di poter tornare a casa e prendere gli addominali scolpiti che lo aspettavano. Stava crescendo suo figlio da solo e avevano sviluppato uno stretto rapporto. . . ma ben presto quella relazione coinvolgerà una giovane signora che era presente anche lei al consiglio con i suoi genitori.

Uno per uno i nomi degli studenti sono stati chiamati per ricevere il loro certificato. Poi all'improvviso è stato chiamato il nome "Emelie Petersson", e una ragazza estremamente bella si è alzata e si è diretta verso il posto dove era seduto il Consiglio e dopo essersi fatta fotografare, ha stretto la mano al Presidente del Consiglio e si è diretta verso il suo posto. Ma questa volta, decise di entrare nella fila in cui erano seduti Mike e suo padre e si scusò, mentre attraversava diverse persone verso il suo posto.

Ha guardato Mike e ha detto "Ciao Michael, congratulazioni per il tuo premio". Mike le offrì un rapido "Grazie" e spostò educatamente i piedi indietro in modo che lei potesse passare. Mentre passava davanti al signor Johnson, perse leggermente l'equilibrio e dovette mettergli una mano sulla spalla per evitare di inciampare e diventò scarlatta. Carl guardò la ragazza, che aveva lunghi capelli biondi intrecciati in una raccolta sulla schiena, e notò subito le sue piccole tette che erano ben visibili perché il top che indossava era molto stretto.

Indossava anche una gonna plissettata e scarpe di vernice nera. Di proposito o no, Carl le mise una mano sul culetto stretto e la tirò su in modo che potesse percorrere il resto della distanza fino al suo posto. Ha sussurrato "grazie" a Carl ma ha notato fugacemente l'inizio di un'erezione nei pantaloni di Mike.

"La conosci?" chiese Carl a suo figlio.

"Sì, pranza come me e di solito si siede al mio tavolo."

"È una bella 'bella', questo è sicuro," disse abbastanza forte da permettere alla donna accanto a lui di lanciarle un'occhiataccia. La prima parte dell'incontro si è conclusa e ai genitori è stata data la possibilità di andarsene e loro si sono alzati per farlo. Dopo essere usciti nel corridoio fuori dal media center, Carl era pronto a dirigersi verso il parcheggio quando una mano lo toccò sulla spalla.

"Mi scusi signore... ma ho notato il bel premio che suo figlio ha ricevuto in matematica e mi chiedevo se potrebbe dare lezioni di matematica a mia figlia?" Carl si posizionò in modo da poter vedere Emelie e i suoi genitori. Sia lui che Mike furono così sorpresi dalla domanda che si guardarono l'un l'altro per diversi secondi e poi alla fine il signor Johnson disse: "Dipende da lui... ma immagino che potremmo trovare una soluzione".

A quel punto la madre di Emelie prese in mano la conversazione, indicando che venivano dalla Svezia e erano qui negli Stati Uniti da un paio d'anni e che la matematica era l'unica materia in cui sua figlia aveva difficoltà. Mentre i genitori parlavano e camminavano lungo il corridoio verso la parte anteriore dell'edificio, Mike ed Emelie si avvicinarono e iniziarono la loro conversazione.

"Sono così imbarazzata, Michael. Non aver paura di dire di no. Mia madre è piuttosto un'organizzatrice/pianificatrice," ha sottolineato con cautela.

"Non è un problema. Sarei felice di aiutarti in matematica. Potresti prendere il mio autobus per tornare a casa e potremmo lavorare prima di cena, magari un paio di giorni a settimana."

"Mi piacerebbe", disse con un grande sorriso sul viso mentre gli stringeva la mano. Quando Mike la guardò negli occhi vide un luccichio e capì che lei doveva averlo trovato piuttosto bello e, di conseguenza, il suo cazzo cominciò a sollevarsi ancora una volta. Lui aveva appena compiuto 16 anni durante l'estate e lei era un mese più giovane, ma questo non sembrava avere importanza dato che continuavano a portare avanti una tipica conversazione del liceo. Mentre continuavano a parlare, il suo cazzo continuava a crescere e presto si sentì improvvisamente in imbarazzo.

Con nonchalance, Emelie guardò in basso, e si eccitò allo stesso modo quando notò l'erezione del ragazzo che sporgeva sul davanti dei pantaloni ed era certa che fosse lei la causa. Ripensandoci, si era seduta al suo tavolo a pranzo, perché aveva una cotta per lui, ma proprio ora, venendo a conoscenza dei ragazzi che fanno sesso, era certa che la grande erezione del ragazzo fosse un BUON segno. Poi sua madre lo interruppe:

"Allora Michael, ci faresti l'onore di insegnare matematica a nostra figlia. Forse potrebbe iniziare domani dopo la scuola?"

"Mi ha suggerito di tornare a casa con il suo autobus e di studiare un paio d'ore prima di cena. Magari papà potrebbe venirmi a prendere dopo, mentre torna a casa? Scriverò il mio indirizzo email, nel caso ti servisse per contattarmi," disse Emelie strizzando l'occhio mentre scarabocchiava le sue informazioni di contatto per lui. Lui annuì e poi ascoltò sua madre ancora una volta.

"Se a suo padre va bene, penso che abbiamo un piano allora", ha detto sua madre.

"Per me va bene. Porta con te tutti i tuoi libri e le tue cose e potranno lavorare al tavolo della cucina", ha detto il signor Johnson. Ci furono molte educate strette di mano e lodi mentre entrambe le famiglie uscivano nella notte e tornavano a casa.

Poco prima di andare a letto, Mike inviò un'e-mail a Emelie ricordandole di portare con sé la calcolatrice, il libro di matematica e qualcosa su cui scrivere appunti e problemi. Quasi istantaneamente lei gli rispose via email:

"Ho tutto pronto nel mio zaino. Per la prima ora o giù di lì, voglio essere sicuro che ci concentriamo sui miei concetti di matematica. I miei genitori mi daranno dei soldi extra se riesco a portare il mio B- fino ad A A Con il tuo aiuto, so che posso farcela. La seconda ora prima che arrivi mio padre... voglio mostrarti il ​​mio personale apprezzamento... che potrebbe aiutarti con quel grosso bernoccolo che hai nei pantaloni stasera- Em"

Prima di tutto, a Mike è bastato ricevere una sua email per infilare la mano nei pantaloni del pigiama e tirare fuori il cazzo. Quando arrivò all'ultima frase della sua email, lui perse tutto il controllo e un caldo flusso di sperma si catapultò fuori dalla punta della sua asta e gli arrivò direttamente al mento. Guardò uno specchio vicino e osservò il suo sperma gocciolare via dal viso e rapidamente fantasticava. . . potrebbe essere così che apparirà Emelie domani.

Una lezione di matematica oscena

Durante il pranzo a scuola, Mike si sedette direttamente di fronte a Emelie. Continuarono a conoscersi meglio e poco prima che suonasse la campanella, lui prese accordi per incontrarla fuori dalla sua ultima ora di lezione. Non sembravano una coppia quando salirono sullo scuolabus, ma si sedettero uno accanto all'altro. Proprio quando l'autobus stava per fermarsi, lei gli afferrò la mano e disse: "Sono così felice che sarai il mio tutor. Andiamo a divertirci un po' insieme".

Suo padre aveva effettivamente preparato dei biscotti con gocce di cioccolato e li aveva messi sul tavolo della cucina quando entrarono in cucina. Mentre lei tirava fuori le cose dallo zaino, lui si indossò rapidamente un paio di pantaloncini Nike e un top che metteva in mostra il suo petto e i suoi muscoli. Gli piaceva allenarsi nel seminterrato e il suo duro lavoro era facile da vedere dallo sviluppo delle sue braccia. Quando tornò, lei stava già facendo i compiti.

Lei alzò lo sguardo e disse: "Non hai un aspetto delizioso! Ma dobbiamo concentrarci sulla matematica per almeno un'ora, ok?" Lui annuì e guardando oltre la sua spalla notò il compito di Pre-Algebra su cui stava lavorando. Parlarono per diversi minuti e lei spiegò quali parti della matematica non capiva. Dato che l'argomento gli risultava così facile, ha immediatamente offerto alcuni suggerimenti e cosa doveva essere memorizzato. Dopo quasi un'ora e mezza, stava quasi ridacchiando per quello che aveva capito.

"Abbiamo solo circa 15 minuti e devo ancora mostrarti il ​​mio personale apprezzamento, come ho detto nella mia e-mail ieri sera... il che potrebbe aiutare quel grumo nei pantaloni che ora sta diventando piuttosto grande. Non ho fatto molto con i ragazzi prima quindi abbi pazienza, ma in Svezia, le ragazze imparano come piacere MOLTO ai loro ragazzi facendo cose cattive per loro. Quindi facciamo un gioco veloce. Tu sei il leader e dimmi cosa dovrei fare per darti un po' sollievo".

"Sei sicuro?" chiese, non pronto al suo suggerimento.

"Uh, eh... tu sarai come il padrone e io sarò il tuo schiavo e non aver paura di parlarmi sporco... perché mi piace!" Si alzò dal tavolo e si fermò a circa trenta centimetri da lei.

"Per il modo in cui mi pulsano le palle in questo momento, non ci vorrà più di un minuto o due per farmi venire." Era un po' scioccata dal fatto che all'improvviso lui le avesse parlato in modo così volgare, ma era stata lei a chiederlo.

"Bene... vediamo cosa hai nascosto allora," ridacchiò. Mike guardò l'orologio e si rese conto che suo padre sarebbe arrivato a breve e non voleva perdere un altro minuto. Cominciò ad abbassarsi i pantaloncini Nike e all'improvviso prese il coraggio e se li lasciò cadere fino alle caviglie. Mentre si alzava e ne usciva, il suo cazzo palpitante agitò avanti e indietro ed Emelie sussultò per la sorpresa.

"Non avevo realizzato che potessero essere così GRANDI", mormorò. Apprezzò il complimento e ricordò che lei non aveva avuto molta esperienza con i maschi prima e con il loro equipaggiamento distintivo. Incoraggiato dal suo commento, Mike cominciò a tirare la sua asta gonfia. . . facendo scorrere lentamente la mano su e giù, e allo stesso tempo osservò l'espressione affascinata e stupita sul suo viso innocente. Si concentrò ancora una volta sui suoi lunghi capelli biondi e sui suoi occhi azzurri cristallini. Poi si ricordò che era lui a prendere le decisioni e smise subito di masturbarsi davanti a lei e sorrise alla sua nuova ragazza.

"Okay schiavo," disse con un sorriso, "Questo è tutto quello che TU devi fare," disse in modo convincente, "basta accarezzarlo... finché non vengo, e la mia GRANDE erezione se ne andrà." Lei ricominciò a ridacchiare nervosamente, ma si avvicinò al ragazzo eccitato e poi si fermò. Era quasi come se fosse in trance. Voleva così tanto sparare, e sapeva che sarebbero stati interrotti in pochi minuti, prese la sua piccola mano umida e la posò saldamente sul suo cazzo palpitante. Avvolse le sue giovani dita attorno alla sua asta e le tenne la mano lì mentre le mostrava come sollevarla correttamente. Una volta che fu soddisfatto che lei sapesse cosa fare e che avesse un ritmo costante, lasciò la presa sulla sua mano.

"È così bello, schiavo... continua così," gemette.

"Davvero? Non ho MAI toccato un ragazzo prima. Lo sto facendo bene?" lei chiese.

"Non hai idea di quanto sia fantastico", deglutì. Osservò di nuovo la sua mano sul suo lungo cazzo, cercando di ricordare quel momento esatto per dopo.

"Finirai presto... allora?" lei chiese. "Non voglio che papà sia qui e ci prenda... ma adoro quello che ti sto facendo, tenendoti il ​​cazzo e tutto il resto... e dico sul serio."

"Non passerà molto tempo se continui a farlo proprio così," disse con un sospiro soffocato. La vista della ragazza bionda, con la lingua rosa che sporgeva leggermente dalle labbra in segno di concentrazione, i suoi grandi occhi azzurri quasi chiusi mentre studiava la punta scivolosa della testa gonfia del cazzo e il movimento ritmico della sua mano delicata, avrebbe potuto portarlo fuori in secondi. . . ma si stava sforzando di far sì che durasse, nonostante l'urgenza che suo padre potesse arrivare da un momento all'altro.

"Devi fare presto o ci prenderemo," gli ricordò, il che, considerate le circostanze, era un po' indelicato e probabilmente aveva comunque avuto l'effetto opposto.

"Allora devi smetterla di parlare," sbuffò. "Mi stai rompendo la concentrazione."

"Hai bisogno di concentrarti?" chiese mentre la sua mano rallentava leggermente il passo. "Concentrarsi su cosa?"

"Cosa ne pensi?" ha risposto. "Sto immaginando le tue dolci tette proprio qui (mentre lui le metteva delicatamente le dita sul seno) nella mia mente mentre afferri il mio cazzo ed è così incredibile." Si ricordò di avergli chiesto di parlare sporco ma quando le parole uscirono dalla sua bocca, sussultò e arrossì profondamente. Dopo le sue parole, si morse il labbro inferiore e si concentrò sul farlo fare una sega in modo più costante.

"Dovrai venire presto," disse ansiosamente dopo qualche altro minuto. "Non posso fare tardi."

"Mostrami le tue tette allora," disse Mike, con l'intenzione di sfidarla, ma venne fuori che suonava più come un ordine.

"Che cosa!!" strillò.

"Vuoi che venga VELOCEMENTE, giusto... e vedere le tue bellissime tette farà sì che ciò accada molto più velocemente."

"N-non posso farlo oggi. Forse la prossima volta quando avremo più tempo."

"Perché no? Stai guardando il mio CAZZO. Apri semplicemente la camicetta e lascia che ti guardi."

"Come posso aprire la camicetta mentre ti faccio una sega?" disse malinconicamente. "Dovrei lasciarti andare e non mi fermerò: questo lo farà durare ancora più a lungo." Era già preparato alla sua obiezione e, allungandosi in avanti, iniziò a sbottonarle rapidamente i bottoni della camicetta.

"Cosa... cosa stai... FACENDO" urlò.

"Solo per aiutarti," disse piano. "Non voglio che tu ti fermi, quindi lo farò per te." Si morse un po' più forte il labbro inferiore, ma non riusciva a pensare a un'obiezione ragionevole, così le sue dita finirono rapidamente il lavoro, lasciandole la camicetta aperta fino alla vita. Senza fermarsi, tirò il suo fragile reggiseno e lo sollevò sopra i suoi deliziosi e giovani seni ed espose un paio di preziosi capezzoli al suo sguardo. E questo è bastato!

Stava per stuzzicare i suoi boccioli rosa, e all'improvviso il suo cazzo stava esplodendo con la forza e la quantità che non aveva MAI sperimentato prima. Emelie strillò stupita e lasciò la presa sulla sua asta che sgorgava. Ma è stato un errore! Era ben un piede più bassa di lui e i suoi seni tremanti erano in perfetto allineamento per lo spruzzo di fluido appiccicoso che le ricopriva le tette con spessi grumi del suo sperma appiccicoso.

La sua nuova ragazza guardò i suoi seni schizzati con grande sorpresa proprio nel momento sbagliato mentre lui afferrava la sua asta schizzata in mano e un altro getto le schizzava su tutto il viso. Era la quantità di sperma più grande che avesse mai prodotto in una sola volta, ma la vista erotica di Emelie con il suo sperma che gocciolava dai suoi capezzoli e ancora più colando lungo il suo dolce viso per ricoprirle le labbra era un incentivo sufficiente per le sue palle sovraccariche per produrre un finale. un'ondata che le passò direttamente tra le labbra.

Per una volta era senza parole. La sua bocca si aprì e lui vide il suo sperma sulla sua lingua, che fu probabilmente la parte più fantastica dell'intero episodio. Sorprendentemente, ingoiò rapidamente il suo seme e si asciugò furiosamente il viso con il dorso della mano, ma riuscì solo a diffondere la densa vischiosità su un'area più ampia. Sembrava più bella e desiderabile che mai con il suo sperma che le ricopriva entrambe le tette e le spalmava tutto il viso. (E per un attimo si ricordò il punto in cui aveva ricevuto la sborra sul mento la sera prima e quanto sorprendente si fosse avverata la sua previsione su Emelie e sul doposcuola).

"Cosa mi hai fatto?" balbettò quando finalmente riuscì a parlare.

"Mi hai fatto venire", spiegò semplicemente. "Stavi tenendo il mio cazzo quindi non avevo alcun controllo su dove zampillava."

"Aspetta fino a domani, signore... quando sarà il MIO turno di essere il Maestro", annunciò. Mike corse in cucina, prese un panno caldo e umido e glielo diede perché potesse pulirsi. Era ansioso di toccarle le tette piccole, ma si rese conto che non era il momento. Corsero per ripulire le cose così lei si abbassò rapidamente il reggiseno (con suo grande sgomento) e poi si abbottonò la camicetta e la infilò dentro. Sentì suo padre suonare il clacson e mentre usciva dalla porta sul retro si affrettò a baciò Mike sulle labbra.

"Se mamma e papà me lo permetteranno, tornerò domani. Ho adorato quello che abbiamo appena fatto. È stato tremendamente sporco, ma è stato fantastico farlo con te. Spero di non avere bruciori di stomaco per lo sperma che ho appena inghiottito. Mandami un'e-mail!" E con questo se n'era andata. Pochi minuti dopo, suo padre arrivò a casa.

"Allora, come è andata la sessione di studio?" chiese il padre di Mike, mettendo da parte il cestino del pranzo e guardando suo figlio. Mike aveva preparato velocemente la cena, così si sedettero e chiacchierarono.

"È andata molto bene. È piuttosto intelligente e dubito che avrà bisogno di molte altre sessioni con me che la aiuto," disse Mike con un tono pratico nella sua voce.

"Sarà intelligente, ma è anche assolutamente bella... non credi?"

"Su questo possiamo certamente essere d'accordo", ha detto Mike con un sorriso sul volto.

"Tornerà domani?"

"Ne dubito... ha un quiz di matematica e pensa che i suoi genitori vorrebbero vedere come se la cava, prima di programmare altre sessioni."

"Bene, conosceva il materiale quando se n'è andata?" chiese Carlo.

"Oh sì. Abbiamo anche avuto il tempo di passare al capitolo successivo." La loro conversazione continuò ancora per diversi minuti, ma Mike non vedeva l'ora di accedere alla sua email per vedere se lei gli aveva inviato qualcosa. . . così si scusò dal tavolo indicando che stavano per fare i compiti.

Quando salì le scale nella sua camera da letto, il suo cazzo cominciò a sollevarsi in anticipazione. . . e infatti gli aveva mandato un'e-mail contenente anche un allegato. Lo aprì e c'era scritto:

Caro Michael,

Ci siamo mai divertiti alla grande questo pomeriggio. . . Eh? Che meraviglioso primo appuntamento di studio! E penso di aver mantenuto la parte del patto di mostrare il mio apprezzamento, no? Mentre scrivo questo, tutto quello che ho addosso sono le mie mutandine (e in questo momento sto scrivendo con una mano sola, perché ho la mano destra DENTRO le mutandine, sulla mia figa bagnata, pensando solo a te!) e non vedo l'ora fino a quando siamo di nuovo insieme. Purtroppo non lo sarà prima di un paio di giorni. I miei genitori vogliono prima vedere il punteggio del mio quiz di matematica. . . come ti ho detto. Una delle cose che mi è piaciuta di più di oggi. . . ci stavamo parlando sporco. So che è un po' perverso e una ragazza della mia età non dovrebbe farlo, ma mi fa sentire così arrapato lo stesso. A proposito di far arrapare qualcuno, ho scattato una breve foto di me stesso da mettere come salvaschermo sul tuo computer, in modo che quando ti masturbi stasera (e sono SICURO che lo farai). . . avrai qualcosa di nuovo da guardare invece di qualsiasi altra ragazza nuda. Per favore, nascondilo a tuo padre però!!! E comunque . . . quando ci incontreremo di nuovo a casa tua, voglio che tu schiacci e magari pizzichi un po' e soprattutto SUCCHI ciò che ho fotografato. Questo ovviamente è quando ti chiedo di farmi cose cattive dopo la nostra prossima lezione. AMORE, Emélie

Mike non è riuscito a fare clic sul pulsante di collegamento abbastanza velocemente e ciò che è apparso sullo schermo lo ha fatto esplodere. Lì davanti a lui c'era una foto perfetta delle tette nude di Emelie, con due capezzoli rosa rigidi come il suo cazzo, che doveva aver appena scattato con il suo iPhone.

Il giorno dopo a scuola

Mike stava uscendo dalla lezione di inglese quando all'improvviso Emelie gli corse incontro con un grande sorriso sul volto.

"Devo prendere A nel quiz di matematica!" strillò, mettendogli le braccia attorno e poi sussurrandogli all'orecchio: "Ho mandato un messaggio a casa con quella bella notizia, e mia madre dice che posso venire oggi dopo la scuola per studiare ancora un po'. Non sa cosa studieremo oltre a la matematica però... vero?" La ragazza arrapata spostò le mani da dietro la sua schiena fino al suo culo stretto e muscoloso e lo attirò più vicino, facendo sì che il suo cazzo ascendente si strofinasse contro di lei.

"No, lei non lo fa, ma io sì," sussurrò in risposta. "Dobbiamo solo continuare a studiare molto i calcoli, in modo che tu non solo possa ottenere più A ma magari anche entrare in matematica avanzata l'anno prossimo. Questo li renderebbe molto felici." All'improvviso il suo insegnante di inglese ha messo la mano tra i due abbracciatori e li ha avvertiti dell'affetto pubblico. Emelie ridacchiò e tornò in classe, guardandosi indietro e vedendo la sua asta rigida che sapeva di essere appena diventata dura.

"Ci vediamo al mio autobus," disse Mike lungo il corridoio, aggiustando la sua erezione in modo che non fosse così evidente nel corridoio. Manca ancora un'ora, pensò mentre correva verso la lezione. Un'ora e mezza dopo, l'autobus si fermò davanti alla casa di Mike e la coppia scese. Emelie fece finta di continuare a camminare verso casa sua, ma dopo pochi minuti tornò indietro. Aveva già aperto la porta sul retro e preso un paio di Coca-Cola dal frigorifero.

"Fammi andare in bagno e possiamo iniziare il prossimo capitolo," disse posando lo zaino sul tavolo. Osservò la sua gonna dell'uniforme scolastica supplicare svolazzare avanti e indietro mentre si dirigeva lungo il corridoio. Durante l'attesa, fece la punta a un paio di matite e quando lei tornò erano pronte per iniziare. Quello che non sapeva era che lei si era tolta sia le mutandine che il reggiseno, mentre faceva pipì e lavava i piatti. . . assicurandosi di usare un panno e del sapone sulla sua figa nuda che sperava fosse eccitata continuamente dopo la sessione di studio.

"A che ora sarà qui tuo padre?" chiese, guardandola. Si chiese se avesse notato che non indossava il reggiseno, ma il suo sguardo era esclusivamente rivolto ai suoi occhi azzurri, il che era altrettanto eccitante.

"Verso le 17.30 o giù di lì... dipende dal traffico. Allora cominciamo." Mike tirò fuori il cellulare e, con il supporto integrato, lasciò visualizzare l'ora mentre lo posizionava all'estremità del tavolo. Erano le 3:00 adesso, quindi probabilmente avrebbero potuto lavorare sulla matematica per un'ora e mezza, e poi lui avrebbe lavorato su di lei, per l'ultima ora (lol). Aveva ottenuto una copia del suo libro di matematica dal suo insegnante e aveva preparato una breve serie di quiz relativi a ciò che stava studiando. Hanno lavorato duro ma alle 4:20 lei aveva ricevuto lezioni sufficienti per un giorno.

"La sessione perversa di oggi sta per iniziare... e oggi è tutta una questione di ME," ridacchiò. "Sposta la tua sedia accanto alla mia, Michael," gli chiese Emelie mentre gli dava le prime istruzioni. Mentre lui seguiva la sua richiesta, lei si allontanò da lui e sbottonò i primi due bottoni della camicetta bianca da scuola.

"Ora... baciami come dici sul serio," chiese. In tutto il tempo trascorso insieme, non avevano mai partecipato molto alle basi, e Mike si voltò volentieri di lato, le posò le mani sulla spalla e posò delicatamente le sue labbra sulle sue. Per entrambi, ci fu un'istantanea ondata di eccitazione, e non ci volle molto perché la lingua di Michael entrasse nella sua bocca e presto le loro lingue cominciarono a dimenarsi con urgenza l'una contro l'altra.

Dopo alcuni minuti di pura euforia, il ragazzo eccitato sentì la mano di Emelie sui suoi jeans, mentre lei cominciava a massaggiargli piccoli cerchi sulla gamba. Mike non poteva credere alla sua audacia e decise di abbassare la mano dalla sua spalla verso il davanti della sua camicetta. Quando sentì la giovane volpe iniziare ad accarezzare delicatamente la zona sopra il suo cazzo duro, continuò a inserire la lingua nella sua bocca (molto simile a un cazzo) con più voracità. . . e il palmo della sua mano percepì presto il capezzolo rigido sotto di lei mentre cominciava ad accarezzarle dolcemente il seno.

Ben presto si rese conto che sopra non indossava nessun tipo di biancheria intima, il che aumentò la sua passione. Mentre le sue dita si spostavano verso i bottoni della sua camicetta, si rese conto che lei aveva preparato l'invasione delle sue tette sbottonandone alcuni, e a velocità record, fece lo stesso con gli altri finché la sua mano tremante raggiunse l'interno e catturò il suo piccolo seno. Emelie gemette immediatamente la sua approvazione, e lui cominciò ad eccitare meticolosamente entrambi i suoi capezzoli, fino alla massima estensione, avanti e indietro. . . avanti e indietro. Ancora e ancora le pizzicò i boccioli con le dita, e i suoi gemiti aumentarono in termini di pura lussuria e volume. Ma subito interruppe il loro bacio e disse:

"TOGLI TUTTI I TUOI VESTITI, MIO SCHIAVO! TI VOGLIO NUDO DAVANTI A ME", urlò. Il ragazzo scosse la testa incredulo e si chiese se fosse saggio. . . ma si alzò e guardò la bellezza bionda con la camicetta ancora spalancata e il suo paio di seni completamente visibili ai suoi sguardi con i suoi capezzoli rigidi che chiedevano attenzione. Con molta fretta si sbottonò la camicia e la sfilò, mostrandole il suo petto nudo e muscoloso. Poi tirò indietro la cintura, la sganciò, slacciò il bottone di ottone in alto e tirò giù con urgenza la cerniera.

Infilò le dita nella vita dei pantaloni sui lati e si tirò in piedi SIA i boxer che i pantaloni. Emelie guardò il suo grosso cazzo rimbalzare letteralmente davanti a lei, con la punta viola che scaricava il suo pre-cum scivoloso. Per un attimo si sedette di nuovo, ma solo il tempo necessario per slacciarsi le scarpe, gettarle al centro della stanza e circumnavigare pantaloni e pantaloncini dai piedi e nella stessa direzione.

La ragazza arrapata ha lasciato la camicetta aperta. . . infatti prese i lembi del tessuto e li legò dietro la schiena in modo da poter continuare a mostrarsi a lui. Scostò con un calcio la sedia su cui lui era seduto originariamente, girò la sedia un po' di lato, si sedette di nuovo, poi alzò la gonna sullo schienale in modo che il suo sedere nudo toccasse il sedile di pelle. Poi cominciò lentamente ad aprire le gambe.

"Inginocchiati davanti a me... mio servitore", ordinò, e Mike fece quello che aveva chiesto. Ben presto si ritrovò a guardare la sua gonna a pieghe blu e grigia.

"Ora metti le mani sulle mie ginocchia e sollevami lentamente la gonna." Inutile dire che il quindicenne arrapato non poteva credere a tutta la situazione mentre infilava i pollici sotto l'orlo della gonna.

"Ora parlami SPORCO... mentre apri il tuo regalo!" disse Emelie con un sorriso sul viso, sapendo che le labbra della sua figa erano quasi grondanti di desiderio e anticipazione. Mike iniziò con un sorriso stampato in faccia.

"Eccomi qui in ginocchio davanti alla mia principessa... che ha la camicetta spalancata e le tette nude che mi fissano. So che dovrei SUCCHIARLE ma aspetterò le sue istruzioni. Il mio cazzo di CAZZO è più lungo di non è mai successo prima e muoio dalla voglia di tirarle su la gonna per poter vedere la sua FIGA nuda. Mentre le tiro su la gonna... mi ricordo che un paio di giorni fa... che ho sparato un carico feroce di caldo sperma scivoloso su tutto il suo viso... e queste graziose tette (e lui usò una mano per pizzicarle momentaneamente ciascuna) e persino nella sua bocca e la guardò ingoiare TUTTO.

“Guardo le sue gambe sexy e molto nude mentre mi avvicino a svelare la sua piccola figa carina. Non ho mai visto una vera figa prima. . . e muoio dalla voglia di vedere il suo. Ha rallentato nell'avvicinarsi al suo corpo, ma ora è a meno di quindici centimetri dal suo clitoride. “Tieni tutto. . . la mia principessa sembra non indossare NESSUNA mutandina. Che ragazza cattiva! Dovrò sculacciarle il culetto nudo più tardi per quello. Oh CAZZO. . . guarda questa figa nuda davanti ai miei occhi. Nemmeno un capello da nessuna parte e queste piccole labbra qui sono tutte scivolose e bagnate.

“Questa ragazza deve essere molto arrapata in questo momento. . . e scommetto che se tocco questo piccolo clitoride proprio qui. . . qualcuno di nome Emelie si ecciterà VERAMENTE. "E questo è quello che iniziò a fare. Le sue mani le afferrarono le gambe, sollevandole e allargandole, e guardò nella sua figa da pochi centimetri di distanza. Lei lo guardò con gli occhi spalancati , il suo viso ora rosso. Lui fece scivolare le mani lungo le cosce fino alla figa, poi strofinò le dita lungo la sua fessura, premette contro di essa e aprì le labbra della sua fica, rivelando la sua carne interna rosa.

"Guarda cosa ho trovato! La figa più bella di sempre!" egli gridò. "Mia signora... ti sei mai fatta leccare la figa?" chiese Mike.

"NO!" ansimò, non credendo a quello che stava succedendo.

"Voleva che io?" chiese. Lei lo guardò, a bocca aperta.

"Non l'ho mai fatto prima... ma dicono che sia davvero, davvero bello", ha promesso. E senza ulteriore preavviso, andò avanti e iniziò la sua festa. Si sporse in avanti e premette la lingua contro il suo squarcio, leccando su e giù la scintillante carne rosa. Lei sussultò per lo shock, ma non cercò di spingerlo via mentre lui le leccava ripetutamente il clitoride. Poi Mike ha spinto la lingua contro il suo piccolo buco del cazzo. Lui infilò la lingua dentro di lei, pompandola rapidamente mentre il naso le massaggiava il clitoride.

Poi tirò fuori la lingua e fece scivolare le labbra sul clitoride, succhiando e baciando il pancione birichino, e poi soffiandovi sopra un getto di aria calda. . . e infine leccandolo con la lingua. Cercò di ricordare il film per adulti che aveva visto a casa di un amico in cui un ragazzo leccava la fica della sua ragazza in modo da poterlo fare bene.

Emelie non diceva più molto. Era sdraiata contro la sedia della cucina, con gli occhi chiusi, il petto che si alzava e si abbassava. Le sue mani si abbassarono sulla sua testa e la strinsero, e lei cominciò a sollevarsi contro di lui mentre cominciava a gemere leggermente. Fece scivolare il dito nel suo buco della fica. Iniziò a gemere più forte quando il suo dito iniziò a penetrare, ma lui lo inserì senza troppe difficoltà e iniziò a pomparlo dentro e fuori.

Fantasticava che il suo unico dito fosse il suo cazzo. . . nel futuro prossimo. Stava iniziando a lanciarsi verso di lui sempre più velocemente, piagnucolando e gemendo mentre le sue gambe sussultavano spasticamente. Alzò lo sguardo lungo il suo corpo che si dimenava e la osservò stringersi ripetutamente i seni. . . con la testa tirata indietro e rotolante da un lato all'altro. Lui spinse il dito più velocemente nel suo buco del sesso, poi ne inserì lentamente un secondo, spingendo i due dentro di lei fino alle nocche.

"Michael! OhhH! OhhhOhh! Oh, Michael! Michael!" gemette. E dopo ha cominciato a urlare e il suo climax ha preso il sopravvento su tutto il suo corpo. Michael continuava a infilarle le dita nella fica e allo stesso tempo le leccava il clitoride. Presto sentì le sue dita sulla sua testa, facendo del suo meglio per allontanarlo dalla sua figa quasi esausta. Lui colse l'occasione per alzarsi, con il cazzo ancora completamente eretto e puntato verso di lei. Poi con il panico guardò il suo telefono in quel momento.

"Dobbiamo darci una ripulita, ragazza!" disse, rendendosi conto che mancavano solo 5 minuti prima che suo padre arrivasse. Mentre si alternavano nel bagno, nessuno dei due si accorse che suo padre stava osservando suo figlio in azione mentre divorava il corpo della giovane e la mangiava come spuntino. È tornato di nascosto nel garage e ha persino salutato il padre della ragazza quando è arrivato. Salutò la bellezza svedese invitandola a tornare ogni volta che avesse avuto bisogno di aiuto e poi guardò l'auto allontanarsi. Ora . . . cosa potrebbe fare LUI la prossima volta, per assistere suo figlio nella prossima sessione di tutoraggio?

Storie simili

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

2.2K I più visti

Likes 0

Rose, la mamma da sola

Rosa Nei giorni successivi ho ricevuto messaggi dai gemelli. Helen mi voleva più di ogni altra cosa ed era disposta a incontrarmi ovunque per mostrarmelo. Rose mi ha inviato un messaggio chiedendomi di incontrarci e parlare prima di incontrare una o entrambe le sue figlie. Il suo secondo messaggio mi invitava a incontrarla. Mi è stato appena dato un indirizzo e un'ora. Quindi quando sono arrivato sono rimasto sorpreso di trovarmi di fronte a una sala massaggi. Mentre varcavo la porta una giovane e carina donna ispanica mi ha salutato e mi ha chiesto che tipo di piacere volevo. Sono Mike...

261 I più visti

Likes 0

Camera Vergine

Questa è la terza storia che scrivo per questo sito e ancora una volta mi scuso se ci sono errori di ortografia o grammaticali o qualsiasi altro errore. Mi piace molto il feedback e se vuoi sottolineare eventuali errori fallo in modo costruttivo, non rispondo bene alle persone che criticano la mia punteggiatura quando il loro messaggio è scritto tutto maiuscolo o simili. Tieni presente che questa storia è completamente vera con una piccolissima quantità di abbellimenti per mantenere la storia in corso, quindi non pubblicare post dicendo che non potrebbe mai essere vero, perché lo è. Sono uscito con questa...

263 I più visti

Likes 0

Giochi per computer_(1)

Mandy Wilson sedeva tristemente sul sedile del passeggero mentre l'auto di sua madre Carol seguiva il grande camion di trasloco fuori Londra. Oh per l'amor del cielo, rallegrati, esalò la donna più anziana. Mandy, andiamo e questo è tutto. Le parole fecero semplicemente crollare Mandy sul sedile e incrociare le braccia ancora più strettamente sul petto sinuoso finché non le fece male. A volte puoi essere un bambino così piccolo, osservò Carol. Mandy rispose con il consueto ringhio di frustrazione e impotenza. Il motivo del suo umore cupo era stato messo in moto sei mesi prima quando, del tutto all'improvviso, sua...

286 I più visti

Likes 0

Fratelli curiosi (parte 1)

Tutto quello che riesco a ricordare di mamma e papà quando ero giovane era urlare e litigare. Vivevamo in una casa minuscola che non aveva molta privacy quindi potevi sempre sentire le urla. Per fortuna hanno divorziato quando ero giovane. Ci siamo trasferiti, mia sorella minore, mia madre e io. All'inizio è stato difficile non avere papà accanto, ma mi sono abituato presto. In ogni caso sono sempre stato più legato a mia madre. Era la mia sorellina che sembrava avere difficoltà, chiedendo di papà molto più spesso di quanto pensassi di lui. Ben presto si abituò al fatto che anche...

357 I più visti

Likes 0

Twat

Twat New York City è composta da cinque distretti, che equivalgono alle contee del resto dello stato. I cinque distretti sono Bronx, Brooklyn, Manhattan, Queens e Staten Island. New York City ha oltre 8,2 milioni di residenti. L'area metropolitana di Greater New York ha una popolazione di quasi 19 milioni di persone e si colloca tra le più grandi aree urbane del mondo. Quindi naturalmente mia figlia voleva andarci. Mia figlia Amanda odia il suo nome perché è troppo permaloso e corretto. Le piace che i suoi amici la chiamino acida. Ha attraversato il suo palco rosa da ragazza carina, il...

2K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Rachel scopa la coppia

Rachel scopa la coppia Un giorno, sono andato a una festa a casa di amici dove una giovane testa rossa che ballava ha attirato la mia attenzione; vederla ballare mi ha eccitato. Mi sono avvicinato a lei e ho iniziato a ballare anche io, presto stavamo ballando insieme. Dopo aver ballato per un po', ci siamo seduti e abbiamo iniziato a parlare. Mi sono presentata come Rachel, mi ha detto che si chiamava Jennifer. Dopo un po' di conversazione Jennifer e io abbiamo notato che la festa stava finendo e la gente se ne andava. Jennifer ha chiesto se può avere...

1.4K I più visti

Likes 0

Esperienza sessuale con la madre del mio amico 2

Vibratore tecno coniglio. Esperienza sessuale con la madre del mio amico -2 “Se ce ne sono più di uno, c'è un modo che devi fare per deviarli completamente in modo che io possa avere la possibilità di distruggere i dati. Le ho detto. Lei ha risposto che cosa devo fare? Devi provocarli per una penetrazione multipla, in modo che siano impegnati a fotterti senza sapere cosa sta succedendo intorno a loro “Ooooooh! No. Non posso farlo, non posso resistere ai loro fottuti cazzi che entrano in me alla volta, rispose in aggressività. “Se non puoi farlo, allora non posso aiutarti. ...

1.6K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.