Impregnare Sarah - Parte 2

592Report
Impregnare Sarah - Parte 2

Impregnare Sarah - Parte 2

Le prime esperienze di Sarah

“Mia madre è stata adottata alla nascita. I miei nonni, almeno gli unici nonni che abbia mai conosciuto, non potevano avere figli propri. Quindi hanno adottato mia madre. Quando aveva circa 17 anni adottarono un ragazzo, mio ​​zio Matt. Ha 7 anni più di me. Mentre crescevo, sembrava che Matt fosse sempre in giro. Ricordo che, da bambino, giocavo con lui durante le funzioni familiari. Quella relazione ebbe vita relativamente breve perché lui divenne un adolescente e naturalmente perse interesse per una persona molto più giovane come me. A quel punto aveva deciso che trascinare la sua giovane nipote in giro per stare con questi amici non era molto bello. Ma avevo solo 7 o 8 anni e nemmeno allora avevo una grande stima degli adolescenti.

“Quando sono cresciuto, intorno agli 11 o 12 anni, ho sviluppato una cotta da ragazzina per lui – non è una cosa veramente romantica; era più un culto degli idoli che una vera cotta. Dopotutto, lui era un atleta liceale popolare, di bell'aspetto e io ero un preadolescente goffo e sottosviluppato, e poiché eravamo imparentati, non per sangue, ma per legge, ho avuto modo di stare molto con lui alle funzioni familiari. . Sembrava sempre protettivo e premuroso nei miei confronti, e ripensandoci ora, posso vedere che avevo frainteso la sua cura e pensavo che potesse essere interessato a me in un modo più serio. Sembra così stupido, vero?"

“No, non credo”, ha risposto Laura. “Eri molto giovane. Queste emozioni erano completamente nuove per te. Non è affatto insolito sviluppare una relazione platonica con un parente stretto. Per favore continua con la tua storia.

“Un'estate, quando avevo 15 anni, andammo a una riunione di famiglia nel Midwest e passammo due settimane a visitare i parenti. La maggior parte della famiglia viveva a un’ora o due dalla casa dei miei nonni, quindi usavamo la loro casa come hotel. Sai, andavamo a trovare qualcuno, ma tornavamo sempre a casa dei miei nonni la sera e, quando non eravamo a trovare altre persone, passavamo tutto il tempo in veranda o nella loro piscina.

“Matt viveva a casa quell'estate e la sua camera da letto era nel seminterrato. Ricordo che aveva un lavoro part-time, ma sembrava che fosse in casa per la maggior parte del tempo. Per me andava bene, perché in quel momento la mia cotta per Matt era in piena fioritura.

Sarah rise piano tra sé e sé, quasi come se Laura non fosse affatto nella stanza: “Ero una ragazzina di 15 anni che cercava di comportarsi in modo sexy e flirtare con mio zio. Mi sedevo accanto a lui ogni volta che potevo, durante i pasti o quando la famiglia era seduta a parlare. Ricordo il mio costume da bagno! Ero assolutamente mortificato dal fatto che mia madre mi avesse fatto comprare un semplice abito intero. Ho implorato, blandito e piagnucolato finché lei alla fine ha ceduto e mi ha permesso di comprare un bikini. Credimi, era modesto rispetto ai tanga che vedi oggi, ma pensavo di essere davvero sexy e non vedevo l'ora di indossarlo quando saremmo andati tutti a nuotare.

Sarah fece una pausa, guardando Laura: "Sono troppi dettagli?"

Lottando con la sua curiosità interiore, Laura ha fatto del suo meglio per mantenere il suo comportamento obiettivo, ma aveva la sensazione di dove la storia la stava portando ed era ansiosa che Sarah continuasse. "Niente affatto, continua per favore."

Sarah si rilassò sulla comoda sedia e riprese il suo racconto. “Bene, il giorno dopo aver indossato il bikini, tutti i bambini hanno deciso che era una buona giornata per nuotare. Ho chiesto a Matt se si sarebbe unito a noi e inizialmente ha detto che pensava che sarebbe andato a vedere cosa avevano pianificato gli adulti. Ma dopo averlo pregato di venire a nuotare, ha accettato con riluttanza di entrare in piscina per qualche minuto.

“Ho sempre pensato che il mio seno fosse troppo piccolo, ma quel vestito mi stava benissimo perché creava l'illusione di avere molto più sopra di quanto ne avessi in realtà, e Matt se ne accorse subito. Mi è capitato di vedere la sua faccia quando sono uscita dalla porta e ho lasciato cadere l'asciugamano sul bordo della piscina, e persino io ho potuto vedere il cambiamento nella sua reazione nei miei confronti. Sono sicuro che sia un'esagerazione, ma da quel momento in poi mi è sembrato che fosse lui a contendersi la mia attenzione e non il contrario.

“Siamo stati in piscina per gran parte del pomeriggio, sguazzando, ridendo e in generale divertendoci. Matt mi è stato vicino per tutto il tempo e ho adorato l'attenzione. Dopo un po’ abbiamo iniziato a giocare a “pollo”. Hai presente quel gioco di combattimento in acqua in cui una persona cavalca sulle spalle di qualcuno e tu cerchi di travolgere gli altri ragazzi?"

Laura annuì in segno di comprensione.

“Beh, Matt ha insistito affinché giocassimo tutti ed è stato deciso che io fossi il suo partner. Ero emozionato e con entusiasmo salii sulle sue spalle. Ha sfruttato l'opportunità per passarmi le mani intorno alla vita, toccarmi in alto sulle cosce e sfiorarmi momentaneamente le natiche. All'inizio pensavo che fosse accidentale, sai, solo parte della difficoltà di mantenere l'equilibrio in una piscina con qualcuno sulle spalle. Ma nel corso della partita ha continuato ad accarezzarmi le gambe, anche quando non c'era alcun tentativo evidente da parte di un'altra squadra di buttarci a terra. Ho iniziato a preoccuparmi, ma ammetto che era bello sentirlo massaggiare le mie cosce e ho scelto di ignorarlo come meglio potevo.

“Una volta siamo stati travolti e sono caduto dalle sue spalle nella piscina. Nel tentativo di tornare rapidamente nella mischia e rimettermi sulle sue spalle, la sua mano si spostò tra le mie gambe e si posò momentaneamente sul mio monticello pubico. In quel momento, non ci ho pensato molto perché stavamo tutti scalciando e urlando per essere stati investiti ingiustamente e stavamo correndo per tornare alla battaglia. Ora, ovviamente, sono sicuro che il suo raggruppamento fosse intenzionale.

«Ricordi che ho detto che la stanza di Matt era al piano di sotto, nel seminterrato? Anche la stanza in cui dormivo era nel seminterrato, di fronte alla sua. Tutte le altre camere da letto della casa erano situate al secondo piano, quindi le nostre stanze erano relativamente isolate da tutti gli altri. Una sera, i miei genitori e i miei nonni erano fuori per la sera – erano andati a cena, a vedere un film o qualcosa del genere – Matt e io eravamo rimasti soli in casa. Ci hanno lasciato i soldi per una pizza e un film dal negozio di noleggio locale. Abbiamo ordinato una pizza e abbiamo iniziato a guardare il film. Era uno di quei film slasher che ho accettato di guardare solo perché non volevo che Matt pensasse che fossi un debole. Beh, il film mi ha spaventato e all'inizio ero rannicchiata accanto a lui sul divano. Aveva avvolto il suo braccio attorno a me in modo protettivo. Indossavo la mia camicia da notte che in realtà era solo una maglietta lunga e pesante che usavo come camicia da notte. Ero completamente coperto. La maglietta aveva il colletto alto e mi arrivava sotto le ginocchia, ma era pur sempre una maglietta. Indossavo le mutandine, ma senza reggiseno.

“Matt aveva spento le luci per migliorare l'atmosfera spaventosa, il che mi ha fatto accoccolare ancora più vicino a lui mentre il film andava avanti. Non passò molto tempo prima che sentissi il dorso della sua mano sfiorarmi il seno. Ancora una volta, ero sicuro che fosse un incidente e non ho reagito. Qualche istante dopo, la sua mano si posò sul lato del mio petto, appena sotto il seno, e la lasciò lì per diversi secondi. Ricordo di essermi voltato per chiedergli di muovere la mano quando improvvisamente abbassò la testa e mi baciò dolcemente sulle labbra. Sono rimasto totalmente sorpreso e mi sono subito allontanato. Si limitò a sorridere e mi disse di chiudere gli occhi e rilassarmi.

“Ero molto confuso. Il mio ragazzo "da sogno" mi aveva appena baciato, ma era mio zio e non sapevo cosa fare. Prima che potessi riprendermi per rispondere, mi baciò di nuovo, e questa volta potevo sentire la sua lingua che mi sondava le labbra. Senza pensare, ho aperto la bocca per accettarlo. Ancora oggi ricordo quanto mi ha fatto sentire meraviglioso quel bacio. Non so se fossero ormoni adolescenziali o cosa, ma ricordo distintamente di aver provato una piacevole "agitazione" nella mia vagina, simile alle sensazioni che provavo quando mi masturbavo. Ricorda, tutto questo era nuovo per me. Non avevo mai baciato un ragazzo in quel modo prima, ma ho subito iniziato a ricambiare il bacio, usando più forza ed esuberanza di quanto pensassi di avere.

“Prendendo la mia risposta come un'accettazione delle sue avances, la sua mano cominciò a massaggiarmi delicatamente il seno attraverso il cotone della maglietta. I miei capezzoli si indurirono all'istante e Matt concentrò rapidamente le dita su uno di essi, rendendolo ancora più difficile di prima. Dopo alcuni istanti di carezze attraverso la barriera di stoffa, mi ha raggiunto sotto le ginocchia e ha spostato la mano sotto la mia maglietta. In un periodo di tempo sorprendentemente breve, e con la mia collaborazione, mi aveva spinto la maglietta sopra la vita e stava prendendo a coppa il mio seno nudo nel palmo della mano. È stato meraviglioso. Continuai a baciarlo, anche se ormai ero io a forzare avidamente la mia lingua nella sua bocca.

“Potremmo aver fatto sesso proprio lì sul divano, ma siamo stati improvvisamente interrotti dal rumore dell’auto dei miei genitori che entrava nel vialetto. Entrambi saltammo giù dal divano e iniziammo rapidamente a ripulire tutto ciò che pensavamo potesse indurre qualcuno a sospettare quello che avevamo fatto sul divano. È divertente pensarci adesso perché in realtà non c’era alcuna prova incriminante. A quanto pare stavamo mangiando pizza e guardando un film. Non c'erano segni su di me che indicassero quanto fossi incredibilmente eccitato, o che Matt mi avesse palpato il seno, o che il cavallo delle mie mutandine fosse bagnato fradicio. Ma correvamo qua e là come topi spaventati. Il nostro nervosismo era probabilmente più significativo di qualsiasi prova fisica.

“Finalmente i miei genitori e i miei nonni entrarono in casa e, dopo una breve conversazione sulla loro serata, scesi in camera mia e chiusi la porta. Ero molto confuso e ansioso e non riuscivo ad addormentarmi. Qualche tempo dopo, ho sentito Matt scendere le scale e chiudere la porta della sua camera da letto. Non sapevo decidere se intrufolarmi nella sua stanza o no. Sapevo che volevo andare da lui, ma era mio zio e sapevo che l'incesto era una cosa immorale e vergognosa. Quindi rimasi lì a rimuginare nella mia indecisione.

“All'improvviso, come se potesse sentire i miei pensieri più intimi, la porta della mia stanza si aprì leggermente e sapevo che era Matt. Mi chiamò piano per vedere se ero ancora sveglio. Gli ho assicurato che ero sveglio e lui è scivolato rapidamente nella mia stanza, chiudendo la porta dietro di sé, e nel mio letto. Io indossavo ancora la maglietta e le mutandine, Matt indossava i boxer. Mi avvolse le braccia attorno e potevo sentire il calore del suo petto contro il mio seno. Ha aperto la bocca per baciarmi e la mia lingua è entrata nella sua cavità orale.

"Non ero sicuro che volessi che venissi a vederti così", ha detto.

"Ho spinto forte il mio giovane corpo contro il suo e ho detto qualcosa di stupido come: 'Perché ci hai messo così tanto tempo?'"

“Mi ha baciato di nuovo e ha allungato la mano per prendere l’orlo della mia maglietta, ho sollevato i fianchi dal letto, permettendogli di sfilarmi l’indumento oltre i miei fianchi e sopra la testa, e di strapparmelo. Una volta tolta la maglietta, saltò giù dal letto e accese una piccola luce notturna, dicendomi che voleva vedermi meglio. Tornò al letto e la sua bocca andò immediatamente al mio capezzolo e lo succhiò per diversi istanti, facendomi venire i brividi lungo la schiena. Le sue mani iniziarono a vagare sul mio petto e sul mio stomaco, afferrando il mio seno libero e sondando delicatamente verso il mio ombelico. I miei sensi erano sovraccaricati. Sapevo dove questo mi avrebbe condotto e sapevo che avrei dovuto davvero fermarlo, ma il mio corpo non mi permetteva di agire. Inarcai la schiena nel futile tentativo di spingere una parte maggiore del mio seno nella sua bocca e, mentre lo facevo, lui si staccò da me e si mise a sedere.

“Mi ha chiesto se avessi mai visto il pene di un uomo prima, e ovviamente non l’avevo fatto, quindi mi ha detto che voleva che vedessi il suo. Detto questo, si alzò dal letto e si fermò accanto ad esso, di fronte a me. Mi esortò a sedermi sul bordo del letto con le gambe divaricate. Quando l'ho fatto, si è messo tra le mie ginocchia, con l'inguine a pochi centimetri dal mio viso. La sua erezione sporgeva dal suo corpo, ma era ancora nascosta dietro il tessuto dei suoi boxer. Infilò i pollici nella cintura dei pantaloncini e li spinse a terra. Il suo pene apparve alla vista, puntato direttamente verso il mio viso. Ha preso la mia mano destra e, stringendola nella sua, ha messo la mia mano sul suo pene: "Toccalo", ha detto.

“Ho iniziato a tirare via la mano, ma lui mi ha tenuto il polso e ha forzato delicatamente la mia mano sul suo membro. Mi sembrava naturale afferrare il suo pene nel pugno e così feci. Gemette leggermente e, sempre tenendomi il polso, iniziò a forzare lentamente la mia mano avanti e indietro lungo il suo pene.

Laura la interruppe: “Sarah, puoi usare parole diverse da pene. Cazzo e uccello sono perfettamente accettabili qui, così come la figa e la fica possono essere usate per la vagina. Usa la terminologia con cui ti senti a tuo agio. Il tuo linguaggio non mi sconvolgerà né mi offenderà. Per favore vai avanti."

Sarah annuì, radunò i pensieri e riprese il suo racconto. “Dopo pochi minuti, mi ha chiesto se avevo mai assaggiato un pene. . . ah, intendo un cazzo. Gli ho detto che il suo era il primo adulto che avevo visto, e no, non mi ero nemmeno avvicinato ad assaggiare un pene. Lui rise e mi suggerì di iniziare dandogli un piccolo, veloce bacio. Gli ho chiesto se era serio riguardo al fatto che toccassi la sua cosa sporca con le labbra. Rise ancora e mi assicurò che era molto serio e che probabilmente il suo cazzo era più pulito delle mie mani.

“C’era un senso di coraggio nella sua voce e, ancora una volta, non volevo che pensasse che fossi un debole, quindi ho chiuso gli occhi e ho spostato lentamente le mie labbra verso il suo pene. Una volta che le mie labbra sono entrate in contatto con la testa, mi sono subito allontanato e gli ho chiesto se era soddisfatto. Ha semplicemente scosso la testa e poi mi ha sfidato ad aprire la bocca e a prendere tutta la testa. Ho fatto un commento sul fatto che solo le puttane fanno cose del genere, e lui ha ribattuto che era abbastanza sicuro che mia madre lo avesse fatto a mio padre fin dalla maggior parte dei casi. le coppie sposate lo fanno continuamente. Non avevo idea di come lo sapesse, ma continuava a dirmi che il sesso orale era normale.

“Con qualche ulteriore persuasione, ho accettato di lasciargli mettere solo la testa in bocca per qualche secondo. Ho messo le mani sulla parte anteriore delle sue cosce, ho chiuso gli occhi e ho aperto la bocca. L'ho sentito avvicinarsi al mio viso e il suo pene è entrato nella mia bocca. La mia lingua ha risposto a questo oggetto estraneo saettando avanti e indietro lungo la punta del suo pene. Gemette di nuovo e cominciò a tirare fuori, e proprio quando pensavo che la prova fosse finita, spinse delicatamente di nuovo nella mia bocca, iniziando rapidamente un movimento di dentro e fuori. Ogni spinta sembrava spingermi più in profondità nella mia bocca, ma lui si fermava sempre prima di soffocarmi. Ancora una volta la mia inesperienza mi lasciò completamente confuso su quello che stava facendo, ma scoprii che non mi importava il movimento, né avevo nulla in contrario al suo gusto. Quasi per caso, la mia lingua cominciò a dare dei colpetti ritmicamente sulla punta del suo cazzo ad ogni colpo mentre si ritirava dalla mia bocca, e fu durante uno di quei colpi innocenti che assaggiai una goccia di fluido salato e leggermente amaro.

“Poco dopo Matt gemette e si ritirò completamente dalla mia bocca. Ho notato che il suo respiro era più pesante del normale e che il suo viso era arrossato. Mi sembrava anche che il suo cazzo fosse più duro di quanto lo fosse stato quando mi era entrato per la prima volta nelle labbra. È stato meraviglioso, mi ha detto, e mi ha assicurato che avremmo fatto di più. Ma prima ha detto che voleva assaggiarmi.

“Mi ha indirizzato verso il centro del letto e mi ha detto di sdraiarmi sulla schiena. Mentre mi sdraiavo, mi ha tolto le mutandine dalle gambe. Ho dovuto sollevare i fianchi per permettergli di sfilarli completamente. Una volta che si furono allontanati, mi fissò per diversi secondi, le sue mani si muovevano lentamente su e giù per il mio corpo, toccandomi il seno, le costole, il monticello e le gambe. I suoi movimenti erano molto sensuali, i miei occhi si chiudevano, il mio respiro aumentava e i miei succhi cominciavano a fluire con ogni nuova area che esplorava.

“Ho sentito il letto muoversi un po’ e l’ho sentito dirmi di aprire le gambe. Li ho allargati un po', ma le sue mani erano all'interno delle mie cosce e delicatamente le hanno allargate ancora di più. Lo guardai abbassare la testa verso il mio ombelico e sentii la sua lingua sfiorarmi leggermente la pelle. Lentamente, la sua lingua si spostò più in basso nel mio addome, e quando finalmente realizzai cosa stava facendo, la sua testa era già tra le mie gambe, e la sua lingua stava lentamente leccando le labbra esterne della mia vagina.

“All’inizio ero scioccato e ho cercato di dirgli di smettere, ma non riuscivo a formare le parole. Ogni nervo del mio corpo reagiva alla sua lingua e i muscoli dell'interno delle mie cosce tremavano involontariamente. Non sapevo cosa stesse succedendo, ma sapevo che non volevo che si fermasse. Continuò a leccarmi per diversi minuti, la pressione nel mio inguine aumentava ad ogni tocco della sua lingua e diventavo sempre più bagnato ad ogni secondo. All'epoca non lo sapevo davvero, ma stavo costruendo il mio primo vero orgasmo. Avevo avuto diversi orgasmi mentre mi masturbavo, ma nessuno era paragonabile a questo. Ancora qualche gesto della sua lingua ed ero oltre il limite. Gli afferrai la testa con le mani, afferrandogli i capelli per tenerlo fermo. I miei fianchi si sollevavano dal letto ad ogni spasmo. La sensazione era così intensa e così diversa da qualsiasi cosa avessi mai provato prima, ricordo di aver pensato che avrei potuto morire.

"Matt, ovviamente, non aveva intenzione di andarsene, e mentre giacevo lì, crogiolandomi nell'incredibile bagliore del mio primo orgasmo completo e cercando di riprendere fiato, ero vagamente consapevole che Matt si stava muovendo, posizionando il suo corpo tra il mio gambe. Sapevo che avrei dovuto fermarlo, ma davvero non volevo. L'ho sentito dire qualcosa che gli dispiaceva di avermi fatto del male, ma che il dolore sarebbe passato rapidamente, e poi ho sentito la grossa punta del suo pene premere contro l'ingresso della mia vagina. Potevo sentire che stava usando la mano per guidarsi nella mia figa, e ho sentito il glande muoversi facilmente oltre le mie labbra, ma poi ha incontrato il mio imene. Con una voce che era più un debole gracidio che altro, gli chiesi di fermarsi. Ma lui continuava a spingere dentro di me e potevo sentire i miei tessuti separarsi per permettere il suo ingresso. Continuavo a chiedergli di smetterla, dicendogli che faceva male, ma le mie parole non erano all'altezza della sua lussuria.

“Con un grugnito finale è crollato completamente su di me, il suo pene completamente sepolto nel mio grembo. Fortunatamente, non iniziò immediatamente a spingersi dentro e fuori da me. Se lo abbia fatto apposta o no, non lo so, ma è rimasto completamente immobile per diversi istanti, con l'inguine stretto contro il mio. Questa breve tregua mi ha dato un po' di tempo per adattarmi alla sua durata. Mi ha anche dato il tempo di riacquistare la mia capacità di parlare.

“Gli ho detto che non potevamo farlo; eravamo imparentati e lui ha dovuto andarsene in fretta prima che rimanessi incinta. Si è alzato sulle braccia, mi ha guardato e ha risposto che non eravamo parenti di sangue. E poi, ha continuato, nessuna rimane incinta la prima volta.

“Ovviamente Matt non era uno specialista della fertilità e la sua conoscenza dei meccanismi del concepimento era idiota, ma anche se la mia voce gli diceva di no, il mio corpo diceva di sì a entrambi. Rimase in quella posizione di “flessione” e cominciò a fare piccole spinte dentro e fuori dalla mia figa. Il suo sguardo lasciò il mio viso e si concentrò sull'unione dei nostri corpi. La mia attenzione seguì la sua e rimasi stupito nel vedere il suo grosso cazzo scomparire completamente dentro di me ad ogni spinta. Era ancora doloroso ma il piacevole attrito tra i nostri corpi cominciava a sopraffare il dolore. Ero più bagnato di quanto non fossi mai stato. La velocità e la profondità delle sue spinte iniziarono ad aumentare e presto la mia stanza si riempì dei suoni umidi e schiaffeggianti del sesso. Le mie braccia si aggrapparono alla sua vita come se potessi attirarlo più profondamente nel mio corpo. Il suo respiro divenne molto irregolare e potevo sentire che stava succedendo qualcosa, ma allora non sapevo cosa fosse. All'improvviso grugnì e si spinse profondamente dentro di me, tenendo stretto il suo inguine contro il mio. Questo fu seguito da una serie di grugniti e profondi affondi. . . stava venendo dentro di me.

“Dopo qualche secondo rimase immobile, con il suo cazzo in profondità nella mia figa. Poco dopo, rotolò giù e si sdraiò accanto a me. Continuava a ripetere quanto fosse fantastico e quanto fossi fantastico. Il suo più grande elogio è stato: "Hai una figa fantastica". L'ho preso come un complimento volgare, ma anche allora mi è passato per la mente che doveva aver avuto altre ragazze per poter fare quel paragone.

“Ero preoccupata di rimanere incinta, quindi gli ho chiesto se mi fosse venuto dentro. Penso che la mia domanda fosse formulata come: "Hai lasciato lo sperma in me?". La sua risposta è stata molto maschile: "Puoi scommetterci!" Non venivo così da molto tempo.'

“Poi ha continuato a chiedermi se pensavo che il suo cazzo fosse grande o piccolo. Questa era, ovviamente, una linea di domande ridicola perché era il primo uomo che avessi mai visto, ed era ovviamente il primo con cui avessi mai fatto sesso. Ma lui insistette, e quando alla fine dissi che mi sembrava piuttosto grosso, rise e disse che avrei dovuto riservare il giudizio finché non avessi visto il suo amico Derek. Pensavo fosse strano che si aspettasse che "vedessi" il suo amico, ma ero troppo na? interrogarlo.

“Abbiamo continuato a parlare per diversi minuti quando mi ha chiesto se ero pronto a farlo di nuovo. Ovviamente non avevo idea di quante volte le persone potessero fare sesso, quindi annuii docilmente con la testa. Si spostò rapidamente in posizione tra le mie gambe. La mia figa era ancora bagnata dal suo sperma e dalle mie stesse secrezioni, rendendo il suo ingresso molto più semplice dello sforzo precedente. Si spinse completamente dentro di me con un colpo veloce.

“Questa volta non è venuto così velocemente. Ha pompato dentro e fuori da me per molto tempo, e più a lungo lo ha fatto. . ."

Laura lo interruppe: "Vuoi dire più a lungo ti ha scopato?"

Ore fa, Sarah sarebbe stata imbarazzata e offesa dalla terminologia cruda di Laura, ma finalmente raccontare la sua storia dopo averla repressa per anni è stato liberatorio e rafforzante.

“Sì”, continuò, “più a lungo mi scopava, più mi avvicinavo all'orgasmo. Sono sicuro che non stesse cercando intenzionalmente di portarmi all'orgasmo, ma l'attrito del suo cazzo che si muoveva dentro e fuori dalla mia figa mi ha portato di nuovo oltre il limite. Penso che sia rimasto molto sorpreso quando ho gemito, l'ho afferrato forte con le braccia e ho spinto i fianchi contro di lui ripetutamente, perché ha smesso di scopare, mi ha guardato con curiosità e mi ha chiesto se avevo appena eiaculato.

“Ormai avevo capito cosa intendesse con la parola ‘cum’, quindi ho annuito. Lui sorrise e disse che amava la mia figa e riprese a scoparmi. Nel giro di pochi istanti, ha eiaculato nel mio grembo per la seconda volta in altrettante ore.

Il sesso sembrava renderlo loquace perché ha cominciato a parlare non appena si è staccato da me, chiedendomi come mi sentivo, e ora che avevo preso lo sperma nella mia figa, come ci si sentiva ad essere una vera donna. Mi ha anche chiesto se mi piaceva "cavalcare senza preservativo". Gli ho detto che non capivo il termine e quando mi ha detto che significava fare sesso senza preservativo, gli ho detto che ero davvero preoccupata che mi avesse messo incinta. Ancora una volta rise e fece un altro riferimento al suo amico Derek, dicendo che se si fosse scoperto che ero incinta (frase sua), Derek sarebbe stato in grado di aiutarmi.

Laura la interruppe di nuovo: “Sarah, la sua insensibilità ti ha disturbato? Ti stava usando sessualmente con pochissima finzione di affetto.

“All’epoca non sapevo di meglio. Non ho riconosciuto quello che mi stava facendo se non più tardi. Ma in quel momento ero davvero abbastanza felice. Avevo fatto sesso con l'amante dei miei sogni e ho avuto un orgasmo durante la mia seconda esperienza sessuale. Sai, ora che ne parlo, ricordo che mi ha scopato una terza volta quella notte. Ci eravamo addormentati nella posizione del "cucchiaio" e ricordo di essere stato svegliato dal suo cazzo che mi entrava da dietro. Odio continuare a riferirmi alla mia ingenuità, ma semplicemente non sapevo che uomini e donne potessero fare sesso in una posizione diversa da quella del missionario. Dato che era già tardi ed ero stanco, ho trovato questa nuova posizione un cambiamento delizioso.

“Che tu ci creda o no, in realtà abbiamo trascorso il resto della notte insieme. Mi sono svegliata prima di Matt e ho capito cosa era successo e avevo paura che qualcuno scendesse e ci trovasse insieme. Ho svegliato Matt e l'ho fatto andare via. Ha cercato di convincermi a lasciarlo fare sesso ancora una volta, ma mi sono arrabbiata e ho insistito perché se ne andasse prima che venissimo scoperti.

Storie simili

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

2K I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze. Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui...

1.4K I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

1.3K I più visti

Likes 0

L'ultima vacanza estiva-Capitolo 2

Lasciamo in pace questi due amanti. Ho detto. Vieni, scusa il gioco di parole, unisciti a noi sul lanai quando hai finito. Meg e io ci dirigemmo verso la cucina per preparare una caraffa di Vodka Martini da portare nel patio. Ci siamo seduti insieme sul divano. Beh, cosa ne pensi? Ho iniziato. Meg ha un'espressione contemplativa sul viso. Beh, è ​​stata una sorpresa per Matt. Non aveva idea di cosa stesse succedendo. Ha resistito per un minuto ma alla fine l'ha capito. Non credo che pensasse che avremmo mai fatto una cosa del genere. Gli è piaciuto? Lo spero perché...

1.3K I più visti

Likes 0

La lampada malconcia Capitolo ventinove: L'harem del guerriero

Lampada malconcia da miopenname3000 Capitolo ventinove: L'harem del guerriero Diritto d'autore 2014 Nota: grazie a b0b per la beta che legge questo. Cast di personaggi Personaggi principali Kyle Unmei Jr .: proprietario mezzo giapponese / mezzo curdo di Aaliyah e detentore di Earthbones. Avvelenato da Burke mentre combattevano. Aaliyah Unmei: un Jann mandato a sposare il profetizzato salvatore dei Djinn. La prima moglie di Kyle. Riunito con Kyle. Fatima Unmei: sorella minore e moglie di Kyle, detentrice di Fireheart. Christy Unmei nata Leonardson: la fidanzata di lunga data di Kyle diventata terza moglie. Fumi Unmei nata Nakamura: la quarta moglie di...

1.2K I più visti

Likes 0

Il Carnevale Capitolo 4

Ho ripensato alla scorsa notte mentre pranzavo da Danny Kaye's Pizza, l'unico posto nel raggio di un miglio dal lotto del carnevale. Il tempo era freddo e piovigginoso da due giorni. È stato un gradito cambiamento passare la scorsa notte in una bella roulotte calda e accogliente, specialmente con tre belle donne. Non mi sarei mai aspettato che sarebbe diventato un momento memorabile della mia vita. Più rivivevo l'avventura della scorsa notte, più diventavo confuso su come si svolgeva tutto. Ho bevuto troppo e apparentemente sono svenuto. Mi sono svegliato nel cuore della notte per trovare una delle tre donne a...

962 I più visti

Likes 0

I sogni di Racos diventano realtà!!!_(1)

Mi chiamo Raco e ho 15 anni non sono atletico sono sempre stato quello a cui piacevano i libri e stare dentro... sono nell'armadio e nessuno sa che sono gay non ho mai avuto una ragazza o addirittura ho baciato una ragazza perché semplicemente non mi interessano... mio padre è via la maggior parte del tempo a lavorare a progetti di costruzione fuori città e quando è a casa dorme ed è difficile svegliarlo. ...mia madre non ci presta molta attenzione perché lavora e va a scuola...beh, questa storia parla di me e del mio fratellastro più grande e atletico Jacob...

805 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta_(1)

Ho un segreto, un oscuro segreto. Ho una vita segreta. Di giorno e quando mio marito è a casa sono mamma e casalinga. Gestisco la mia casa e mi assicuro che tutti siano in giro in orario per il lavoro e la scuola. Tengo la mia casa pulita e mi assicuro che tutto sia in ordine. Ma una volta che tutti sono fuori casa, divento una donna diversa. Ho un'ora per prepararmi che include doccia, capelli e trucco. Sono ben rasato e indosso la mia uniforme. La mia uniforme è composta da una gonna corta nera, calze nere alte fino al...

715 I più visti

Likes 0

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO Anni fa ho lavorato alla pulizia di un hotel locale. È stato poco prima che incontrassi Barry ed ero ancora arrapato anche allora. Ho attraversato una fase in cui indossavo calze e bretelle e lo faccio ancora adesso quando andiamo a dondolare e per lui in camera da letto. Racconterò il più possibile dalla mattina, questo è successo in un hotel a 5 stelle in Australia. .................................................. .................................................. .................................................. Oggi è stata una giornata noiosa e lenta, non c'erano molte stanze occupate, quindi non ci sarebbe voluto molto per finire e fortunatamente la mia amica mi stava...

635 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.