Insegnami Parte 2

651Report
Insegnami Parte 2

Insegnami Parte 2: Il giorno dopo

Non ricordo di essermi alzato da Kay, o di essermi rimesso i vestiti, o di essere andato in camera mia a rimboccarmi le coperte, quindi posso solo supporre che Kay abbia fatto quelle cose per me. Mi sono sdraiato sulla schiena nel letto, sbattendo le palpebre alla luce del sole che si rafforzava, ricordando gli ultimi 2 giorni, che erano volati via, alla velocità della luce. Ricordai il mio primo, poi il secondo incontro con Doe, e poi la mia piccola sessione di coccole con Kay. Ricordavo quanto fossero sode e impertinenti le sue tette, quanto fosse morbido il suo capezzolo tra le mie labbra, la leggera morbidezza del suo pube.

La mia mente tornò a Doe e pensieri indesiderati si insinuarono nella mia testa. Che diavolo c'era di sbagliato in me? Scopare un cane prima di scopare una ragazza. Ho iniziato a rimproverarmi all'infinito, finché il mio stomaco non ha brontolato. Ieri sera non avevo cenato, nonostante le tette di Kay. Mi alzai, feci la doccia, mi vestii e andai in cucina. Mi sono alzato abbastanza presto per vedere Nick uscire dalla porta e salire sul suo pick-up. Mi chiedevo se sospettasse qualcosa.

Presi una ciotola di cereali e mi sedetti a tavola. Kay si sedette di fronte a me, radiosa e raggiante, mentre io ero su me stesso. L'abbigliamento di Kays per la giornata mi stava sollevando leggermente il morale. Indossava un top corto che si mostrava sotto la scollatura senza reggiseno, con i capezzoli che spuntavano dalla camicia. Seguendo il suo ventre piatto, vidi che indossava una gonna molto corta fatta di un materiale piuttosto fragile, che svolazzava ogni volta che la brezza si alzava ed entrava dalla porta a zanzariera. Ancora una volta, mi chiedevo se Nick fosse uno zombi per non accorgersene.
"Come hai dormito?" mi ha chiesto, con un gioco di sorrisi sul viso baciato dal sole, mettendo in mostra dei bianchi perlati
"Va bene" dissi, cercando di mantenere la mia amarezza per il mio problema cane/umano fuori dalla mia voce e l'argomento lontano da ieri sera.
Cerca di tenere l'argomento lontano da QUELLO, sì giusto. La mia Venere personale, seduta dall'altra parte del tavolo rispetto a me, non aveva nient'altro che quello nella sua mente, ma ha colto il limite del mio tono nella mia voce, per quanto sottile fosse.
"Qual è il problema?" interrogò, la sua preoccupazione di lettura experession. Si alzò e si sporse sul tavolo per toccarmi il viso, apparentemente inconsapevole che le sue tette stavano scivolando fuori dal fondo della sua maglietta. Ho delineato il mio problema mentre mi accarezzava il viso, facendo scorrere le dita lungo la mia mascella e sulle mie labbra, sempre così dolcemente. Questo, come avrai intuito, non ha aiutato ad accelerare ulteriormente il processo, con il sangue che mi scorreva dalla testa alla testa.

Una volta che ho finito di parlare, si è alzata in piedi, con la camicia che le ricadeva sulle tette, e mi ha detto quanto fosse stato sciocco.
"Pensi, Matteo, che sarei così crudele da farti questo? Lasciarti andare via di qui senza sentire il tocco di una donna?"
Farfugliai, incerto su cosa dire, non volendo offendere mentre la portata del suo piano si svelava da sola.
"Va bene." Mi ha detto "Preparati solo per fare una passeggiata. Non ti serviranno i tuoi vestiti, solo le scarpe. Vediamoci qui tra cinque minuti. Corsi nella mia stanza, mi spogliai nuda e mi guardai nel specchio, agitazione. Mi sono ricordato della protezione e ho frugato nella mia valigia per trovare l'unico preservativo che ho comprato da un bagno di autocarro un anno fa per curiosità. L'ho trovato e l'ho portato con me, uscendo dalla mia stanza nudo, tenendo in mano il brillante pacchetto d'argento come un cavaliere manterrebbe la sua spada andando in battaglia.

Ho visto Kay in piedi accanto alla porta, che mi aspettava. Sorrise quando mi vide tenere in mano il preservativo.
"Non ne avrai bisogno" disse sorridendo. Ho iniziato a chiederle perché quando mi ha interrotto: "Ti spiegherò tutto strada facendo. Sei pronto?"
Ho annuito.
"Bene!" esclamò, e rimbalzò sulle punte dei piedi, le tette che rimbalzavano con lei. Era la prima volta che notavo che non aveva i segni dell'abbronzatura e pensavo che dovesse fare spesso queste passeggiate. Le ho chiesto e le ho chiesto del traffico dei passanti.
«Be', siamo abbastanza lontani nel bel mezzo del nulla, Matthew, e la nostra strada finisce in un vicolo cieco circa un miglio più in basso, senza case e tutti i campi appartengono a noi. Le uniche persone che vengono quaggiù sono i persone che invitiamo, e io non ho invitato nessuno per oggi"
Lascio andare un respiro che non sapevo di star trattenendo, un po' più rilassato. Abbiamo continuato a camminare e Kay ha continuato a parlare della vita nella fattoria, di quanto ci si senta soli e di come ci sia poco da fare. Aveva un luccichio negli occhi mentre lo diceva, e ho notato che stavamo superando il corallo del cavallo. Pegasus e Kara, ha detto che i loro nomi erano. Si avvicinò a me e mi prese la mano tra le sue.
"Amo moltissimo questi cavalli, loro e i cani, sono la mia unica soddisfazione qui fuori quando la vita diventa lenta." Si abbassò e strinse il mio cazzo, dolcemente e con fermezza, e lo lasciò andare, lasciandomi più duro di prima.
«Se vuoi, Matthew, qualche volta puoi fare uno spettacolo con Kara, so che ne ha bisogno. al recinto, e poi ho saltato sopra. Ho visto un lampo rosa per un secondo prima che lei fosse dall'altra parte, e il mio cazzo ha iniziato a desiderare. Mi ha afferrato la mano dopo che ho saltato oltre il recinto, e mi ha portato da Pegasus Quando ci siamo avvicinati a lui, ho visto un luccichio sulle sue gambe, e non sapevo come l'avessi perso prima. I succhi di fica scorrevano lungo le sue gambe, fino alle caviglie in alcuni punti, e ho capito perché indossava soffici calzini con le sue scarpe.

Mentre ci avvicinavamo a "Peg" come lo chiamava lei, un gigantesco Clyde nero, lei lasciò andare la mia mano e si avvicinò a lui e lo accarezzò su un fianco. Continuava a guardare avanti e non aveva alcun segno di riconoscimento. Beh, a dire il vero all'inizio non me ne sono accorto, ma man mano che cresceva, ho visto che stava facendo il massimo sforzo per stare fermo. Mentre continuava ad allungarsi, mi sentivo diventare più rossa. Non ho mai avuto alcun tipo di pensieri gay, e non credo che neanche questi fossero gay, era solo la sensazione che volevo avere il suo cazzo, piuttosto che il mio. Sapendo che Kay voleva scoparmi comunque, ho soffocato ogni pensiero sulla mia "inadeguatezza" mentre mi inginocchiavo accanto a Kay che stava iniziando a provare ad avvolgere le sue mani intorno al cazzo mostruoso.
"è..." iniziai
"Splendido" sospirò
"Sì"
"Aiutami, vuoi?" chiese, con l'espressione più dolente negli occhi, avrei corso per la città nuda se me l'avesse chiesto. Aprì la bocca più che poteva e si strofinò la lingua prima di averla in bocca, strofinando furiosamente le mani su e giù per la sua asta. Mi unii, un po' a malincuore, finché lui le svuotò tutto il suo carico in bocca e sulle sue tette.

Sorridendo con un boccone di sperma, sorrideva da un orecchio all'altro mentre mi diceva
"Mi sento molto meglio, grazie Matthew" Deglutì con un forte sorso e di nuovo mi prese per mano, conducendomi nella stalla. Mi ha portato su una scala (l'ho seguita per poter guardare la sua luccicante fica) e su un balcone ricavato dal tetto del lato sud, quindi se qualcuno avesse guardato oltre il livello del tetto, non avrebbe visto nulla. Diedi una rapida occhiata all'ambiente circostante. C'erano un paio di sedie a sdraio e Kay stava togliendo la fodera di un grande materassino futon, che era ricoperto da un grande piumino dall'aspetto morbido e soffice.
Mi ha sorriso
"Il mio nascondiglio segreto." spiegò. "Qui è dove vado per scappare, rilassarmi o divertirmi. Ma ora vieni da me e dai filo da torcere a Thumper." Sorrisi dentro di me. Pensavo che l'avesse scopato prima. Era seduta sul bordo del letto e sembrava che fosse lì solo per apparire bella. Mi ha fatto l'occhiolino. Mi sono avvicinato a lei e l'ho spinta sul letto, la mia mente era piena di nient'altro che lussuria, le nostre bocche si toccavano e la saliva e lo sperma di cavallo si mescolavano insieme. Tentai una tetta mentre lei faceva scivolare la mano lungo la parte posteriore della mia gamba e dirigeva il mio cazzo nella sua fica fradicia ed eccitata.

Tutto il mio cazzo era scivolato fino in fondo prima che una spia luminosa mi lampeggiasse in testa.
"Preservativi?" Le ho chiesto.
"Sto prendendo la pillola" disse senza fiato.
E con ciò ha abbassato il fianco il più possibile senza far scivolare fuori il mio cazzo, e poi li ha spinti verso l'alto, sbattendosi dentro di me.
Stavo pompando furiosamente, la sua fica mi afferrava dolcemente il cazzo, strofinandolo, non stretto, ma non allentato, più che sufficiente per mantenere una salda presa sul mio membro.
Il mio cervello era in fiamme. Ogni singolo movimento che facevo mi spingeva a scopare più velocemente, entrambe le mie mani sulle sue natiche, attirando il suo calore sempre più vicino. Le nostre labbra si sono incontrate e lei mi ha morso il labbro inferiore, prima di infilarmi la lingua in bocca. Staccai la mia bocca dalla sua e abbassai la testa sul suo seno. Ho usato il naso per scostare i suoi lunghi capelli rossi dalla tetta a cui avrei dedicato la mia attenzione. Le mie labbra scesero attorno al suo capezzolo e si strinsero molto dolcemente, e iniziarono a tirarmi su la testa, assaporando la sensazione del capezzolo che scivolava lentamente fuori dalla presa della mia bocca.

La sentii ansimare e alzai lo sguardo, sorpreso. I suoi occhi erano spalancati, ogni muscolo del suo corpo morbido sembrava contrarsi. Questo era troppo per il mio povero membro eccitato, e sono venuto con una sensazione che non avevo mai provato, le mie gocce di sperma sembravano uscire a spirale dal mio cazzo per atterrare tra le stelle.

Crollai su di lei, sentendo i suoi seni sollevarsi mentre respirava, premendo i capezzoli durissimi contro il mio petto. L'ho baciato velocemente e mi sono girato.
"Un dieci, credo, mio ​​buon signore," riuscì finalmente a dire dopo un po'. Restammo sdraiati lì alla luce del sole del mattino, a cucchiaiare, permettendo alle mie dita di giocare leggermente sul suo corpo, insieme a dolci sussurri e baci. L'ho esplorata lentamente per intero, deliziandomi nel trovare i punti del suo corpo che la facevano sobbalzare e squittire.
"Continuerai a insegnarmi Kay?" chiedile le chiese dolcemente
"Solo se rimani uno studente così entusiasta", ha detto. Le pizzicai delicatamente il capezzolo.
"SÌ." Lei disse. Ti insegnerò tutto quello che so sul compiacere una femmina, umana" le ho infilato un dito nella fica, "o altro."

Fine Parte 2
A/N Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo, sono stato lontano dal mio computer. Spero che ti piaccia e che la scrittura non sia diventata un po' sciatta per te.
Inoltre: verrà preso in considerazione qualsiasi suggerimento su ciò che vorresti vedere, come Kays pov o una nipote di Kay, o più amorevole in generale.
Dottor Hyde

Storie simili

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

989 I più visti

Likes 0

La mia introduzione al gioco della pipì

È stata mia sorella a farmi conoscere per prima il piacere della pipì. Aveva poco più di un anno più di me. La nostra casa aveva solo due camere da letto. Uno era dei nostri genitori e l'altro era nostro. Mia sorella aveva 9 anni e io 8 quando ebbe luogo questa presentazione. Avevamo anche un'altra sorella di 6 anni e un fratello minore di 3. Quindi noi quattro bambini condividevamo tutti la stessa stanza. Potrei essere nato e definito come un ragazzo, ma non ho mai sentito che fosse vero e indossavo sempre i vestiti di mia sorella quando potevo...

958 I più visti

Likes 0

Sedurre tutta la famiglia parte 3

PARTE 3 Dopo le nostre entusiasmanti e molto energiche attività mattutine, sapevamo tutti come avremmo fatto parte del resto della giornata, ma a quel punto eravamo completamente esausti, quindi ci siamo separati per fare la doccia e, nel caso di Jim e me, fare un pisolino (ne avevamo bisogno, ok?). In realtà, come ho scoperto in seguito, Daniella ha invitato Tracey e Josh a unirsi a lei sotto la doccia e apparentemente un bel po 'di gioco dopo è andato avanti nel processo di ripulirsi a vicenda - vedi cosa ti perdi quando fai un pisolino? Ci siamo riuniti più tardi...

959 I più visti

Likes 0

Piccolo Popper.

La scorsa settimana la figlia del mio vicino è venuta a casa mia per vedermi per qualcosa e mi ha visto fare sesso con la mia ragazza a bordo piscina. All'epoca non ne ero a conoscenza, ma è venuta di nuovo per ottenere ciò che voleva dopo che la mia ragazza se n'era andata: stava aspettando che se ne andasse. Abbiamo fatto il bagno magro e abbiamo fatto sesso insieme lì la maggior parte delle volte: io ho 26 anni e la mia ragazza circa un anno più giovane. Holley, la ragazza dall'altra parte della strada, ha 17 anni. Quando è...

821 I più visti

Likes 0

Punizione dell'adultera

*** Dichiarazione di non responsabilità: questa storia ha forti temi di non consenso. Non perdono nessuno di questi atti nella vita reale e questa è una fantasia oscura - niente di meno, niente di più.*** Miranda si è svegliata in un grande container lungo circa 8 piedi per 40 piedi. Questo è tutto ciò che sapeva mentre veniva da qualunque cosa l'avesse drogata. Miranda Shaw era una bellissima ragazza di 23 anni. Era alta un metro e novanta, magra quasi al limite della minuta, con lunghi capelli color carbone, occhi castani, pelle pallida e seni perfettamente modellati che non erano né...

868 I più visti

Likes 0

Barbara lancia la sfida, parte 1

Barbara Lewis sedeva al tavolo della cucina nel suo appartamento con un'espressione preoccupata sul viso. Davanti a lei sul tavolo c'erano un mucchio di banconote. Era indietro con i pagamenti, alcuni anche di più di trenta giorni, e aveva bisogno di quasi 1000 dollari per ripagarli tutti. Non aveva la minima idea di come avrebbe realizzato quell’impresa. Bene, c'era un modo, ma non era sicura di poterlo fare. Circa due giorni prima, la sua amica Lena le aveva parlato di questo posto sotterraneo in cui era stata una volta nel quartiere a luci rosse. Si chiamava Il Guanto. La spiegazione di...

355 I più visti

Likes 0

Basta andare in giro

Basta andare in giro Stasera è iniziata proprio come tutte le altre sere. Io e i miei due amici uscivamo a bere e andavamo in giro. Io avevo quattordici anni, il mio amico Jason sedici e Max stava per compiere diciotto anni. Max conosceva un ragazzo che ci comprava birra e whisky senza fare domande. Era il mio turno di comprare, quindi ho dato a Max i due venti che avevo guadagnato falciando i metri la settimana precedente. Max era un ragazzo grosso, probabilmente alto un metro e ottanta o giù di lì e pesava circa centocinquanta chili. Aveva i capelli...

266 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

2.2K I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.