Schiavi sessuali rapite_(1)

531Report
Schiavi sessuali rapite_(1)

Il viso di Sara era coperto di lacrime e si poteva vedere l'espressione addolorata sul suo viso. Giaceva legata come un maiale sul pavimento della sua casa. Aveva un anello imbavagliato in bocca, tenendolo aperto. Era ancora vestita. Le sue braccia erano tirate in alto dietro di lei. I suoi polsi erano stati legati strettamente, fissati con una pesante corda di canapa. Una barra di sollevamento era attaccata tra le sue ginocchia; era lungo più di un metro e la teneva aperta e distesa. Una corda era attaccata a ciascuna caviglia, l'altra estremità attaccata ai suoi polsi legati. La corda era stata tesa, costringendo il corpo di Sara a stringersi. Una corda le era stata avvolta attorno al collo usando un nodo scorsoio. L'altra estremità era attaccata alla barra di sollevamento; ha provocato una provocazione, costringendo Sara a tenere la testa alta. Quando era stanca, la sua testa cadeva; la corda le stringeva il collo finché non cominciava a boccheggiare per respirare. Sarebbe stata costretta ad alzare di nuovo la testa, sforzandosi di mantenere la posizione. Sua figlia Becky era di fronte a lei, anche lei legata e vincolata, i seni e la figa inarcati in aria. Era quasi nuda, alcuni dei suoi vestiti, strappati e sbrindellati, le pendevano dal corpo. Le lacrime le scorrevano sul viso mentre si sforzava sotto la stretta schiavitù. Era solo un'ora fa che lei e Becky stavano pranzando. Sembravano giorni.

Michael osservò Sara e Becky che si contorcevano sul pavimento. Erano le sue ultime vittime. La sua occupazione era uno schiavista. Sebbene poco ne sapesse o addirittura credesse che esistesse negli Stati Uniti, era più comune di quanto si credesse. In effetti, questa è stata la prima settimana di addestramento per un nuovo schiavista, Steve di Michael. Michael è diventato uno schiavista quasi dieci anni fa. Era personalmente responsabile della cattura e dell'addestramento di oltre cento schiavi. Ci vogliono circa quattro settimane per addestrare uno schiavo una volta catturato. È un'arte. Era molto importante che la vittima perdesse ogni speranza e controllo sul proprio corpo il prima possibile dopo la cattura. La stretta schiavitù è imperativa non appena la vittima viene catturata. Poco dopo, la vittima sarebbe stata violentata ripetutamente. La sua figa, bocca e culo sarebbero stati tutti stuprati, spesso stuprati di gruppo. La vittima sarebbe costretta a sentire l'impotenza della sua situazione. A Michael piaceva catturare le combinazioni madre-figlia. Portano prezzi più alti ed è più facile controllarli giocando l'uno contro l'altro. Ogni vittima soffrirebbe un dolore e un'umiliazione maggiori per risparmiare all'altra la stessa sorte. A Michael piaceva anche costringere l'altro a vedere gli atti di perversione che avrebbe compiuto sull'altro, specialmente quando violentavano la figlia davanti alla madre.

Gli schiavisti guadagnavano molti soldi. Un giovane schiavo potrebbe essere venduto per oltre $ 200.000 ciascuno; una combinazione madre-figlia potrebbe essere venduta per $ 500.000. Ma era anche costoso catturare e addestrare uno schiavo. Richiedeva una notevole pianificazione delle abitudini delle vittime prima della cattura. Una volta catturate, le vittime vengono portate in una delle sue “aree di detenzione”. Viene addestrata in questa struttura durante il periodo di quattro settimane. La vittima viene poi consegnata al cliente.

La maggior parte degli acquirenti di schiavi proviene dall'esterno degli Stati Uniti. Non tutti sono stranieri; alcuni americani che vivono al di fuori degli Stati Uniti acquistano schiavi. È molto costoso ottenere vittime al di fuori degli Stati Uniti e in altri paesi. I doganieri sono costosi da riscattare. Molti degli acquirenti sono uomini d'affari arabi e giapponesi, tutti molto ricchi e potenti. A loro piacciono le donne americane. Gli schiavi vengono acquistati per abusare, sia mentalmente che fisicamente. Sono utilizzati per scopi di intrattenimento, spesso per i clienti. Potrebbero essere usati in feste di stupro, frustate o torture. Spesso vengono vendute per diventare prostitute quando gli acquirenti si annoiano e vogliono un nuovo schiavo intatto.

Per Sara la giornata era iniziata tranquilla. Sara ha 36 anni, capelli biondi di media lunghezza (naturali), vita sottile, seno sodo 36C, capezzoli grandi, fianchi larghi e un gran bel culo. Era divorziata da oltre 5 anni e si prendeva cura del suo corpo. Frequentava occasionalmente ma non era riuscita a trovare un "brav'uomo". La sua vita sessuale è quasi inesistente, essendo passati più di due anni dall'ultima volta che aveva dormito con un uomo, anche se le piaceva masturbarsi. A Sara piaceva il sesso, il sesso orale solo per protesta e aveva rifiutato l'unica volta che suo marito aveva cercato di convincerla a farsi fottere nel culo.

L'orgoglio della sua vita era sua figlia, Becky. Becky aveva appena compiuto diciotto anni e si era diplomata al liceo. Era stata accettata in tre college ma non aveva deciso quale frequentare. Becky è bionda come sua madre (anche lei naturale). I suoi capelli sono più lunghi, arrivano quasi a metà della schiena. Becky è più magra di sua madre, ha un corpo atletico. Ha gambe lunghe, culo sodo e seni prosperosi come sua madre, anche lei con grandi capezzoli. Sebbene non fosse vergine, avendo perso la verginità sul sedile posteriore di un'auto più di un anno fa, la sua vita sessuale è limitata. Era stata scopata circa cinque volte, aveva rifiutato il sesso orale (disgustoso) e non aveva mai nemmeno considerato il sesso anale come un'opzione.

Era ora di pranzo e Sara e Becky si erano appena sedute in cucina. Si sentì bussare alla porta. Sara aspettava che la sua vicina, Jessica, le portasse alcuni cataloghi che voleva vedere. Sara si alzò e aprì la porta, senza preoccuparsi di controllare chi fosse. Quando la porta si aprì, vide per un attimo quattro grossi uomini entrare, due dirigendosi verso la cucina, gli altri due rapidamente afferrandola e sbattendo la porta. Sara iniziò a urlare ma una mano sulla sua bocca la fece tacere rapidamente. Sentì un urlo soffocato dalla cucina e sapeva che Becky stava subendo la stessa sorte di lei.

Un corpo dietro di lei le teneva le braccia inchiodate al fianco, le grandi braccia strette intorno alla sua vita. Un'altra mano le fu premuta rapidamente sulla bocca per far tacere il suo urlo. Cominciò ad andare in iperventilazione, l'ossigeno che le tagliava la mano sulla bocca.

"Dammi il bavaglio, chiudiamo questa puttana", Sara sentì la voce dietro di lei.

Vide una mano muoversi verso la sua bocca, con dentro un grosso bavaglio. Consisteva in un grande anello con cinghie che cadevano da esso. L'anello è stato spinto verso la sua bocca e le dita sotto il suo mento le hanno premuto con forza sul collo, costringendole ad aprire la bocca. L'anello è stato rapidamente forzato nella sua bocca e incastrato nei suoi denti posteriori. Poteva sentire un meccanismo che iniziava ad aprire le sue fauci sempre di più. La sua mascella iniziò a dolere per lo sforzo finché alla fine non si fermò, la sua bocca ora era un grande buco aperto. Le cinghie erano attaccate dietro la sua testa e strette saldamente. La bocca di Sara era ora spalancata in modo osceno, la bava le colava sul mento, da essa provenivano solo rumori attutiti.

“Non le fotteremmo la bocca per un po', infilandoci un bavaglio. Lascia che si abitui ad avere un cazzo in gola per un po'.

Vide la mano tornare con un grosso oggetto a forma di pene. Cominciò a spingerle in bocca, spingendo via la sua lingua con la forza bruta. Colpì la parte posteriore della sua bocca, proprio all'ingresso della sua gola quando si fermò. Sentì che era bloccato sull'anello nella sua bocca, sigillandole la bocca. Poteva respirare solo attraverso il naso. Le dita raggiunsero il suo rumore e le pizzicarono forte. Cominciò a farsi prendere dal panico, incapace di respirare.

“Ora ascolta, puttana. Se collabori, ti lascerò respirare. Se lotti, aspetterò fino a quando non perderai conoscenza e poi farò quello che devo fare. Hai intenzione di collaborare? Gemi se vuoi che ti lasci respirare.

"GGGGRRR", gemette Sara attraverso il bavaglio. Cominciò a sentirsi stordita, il suo corpo cominciava a diventare molle. “GGGGRRr,” gemette di nuovo, sperando che la lasciassero respirare. Iniziò a soffocare quando l'oggetto sepolto nella sua bocca iniziò a spingerle in gola mentre si dibatteva e gemeva. Cercò di rilassare la gola, permettendo al bavaglio del pene di sedersi all'ingresso della sua gola.

“Sì, ti piace quel cazzo in gola. Non appena ti legheremo, te lo spingerò un po' più a fondo nella gola. Dovrai abituarti ad accettare grossi cazzi in gola. Facciamola legare.

La mano lasciò la sua bocca e Sara inspirò aria dal naso, riempiendosi di nuovo i polmoni. I suoi seni si gonfiavano mentre continuava a riempirsi i polmoni. Cominciò a farsi prendere dal panico. Fino ad ora, la sua unica preoccupazione era la sopravvivenza. Ora cominciava a preoccuparsi di quello che intendevano farle. Sembrava che l'avrebbero violentata. Ciò significava anche che probabilmente avrebbero fatto la stessa cosa a Becky. Non sapeva perché gli stavano facendo questo. Li ucciderebbero? Non hanno cercato di nasconderle la loro identità, quindi non avevano paura che li descrivesse alle autorità.

"Giù vai puttana", le mani la spinsero sul pavimento.

Le sue ginocchia colpirono il pavimento e una mano le spinse la testa in basso, costringendola a sdraiarsi sul pavimento. Le sue braccia erano tirate dietro la schiena. Sentì una corda spessa e ruvida essere legata intorno ai suoi polsi e tirata forte. Gemette di dolore mentre le sue dita cominciavano a formicolare per la tensione della corda. L'estremità della corda è stata sollevata in aria, costringendo Sara ad inarcare la schiena per fermare il dolore. Michael mise il piede sulla schiena di Sara, costringendola a terra, il dolore che le tornava alle braccia e alle spalle. Sembrava che le stesse per spezzare le ossa.

"Apri le gambe o ti spezzo le braccia", le ordinò Michael. Si sollevò sulle sue braccia mentre il suo piede era appoggiato sulla sua schiena.

Sara gemette, "AAAGHHHH, MMMMMGGGHHH", il bavaglio impedisce solo suoni ovattati. Sara si imbavagliò di nuovo, il bavaglio del pene le spingeva in gola per tutto il suo movimento. Le sue braccia si stavano spezzando per lo sforzo. Cominciò ad allargare le gambe, sperando di fermare il dolore.

“Ancora, stronzo, li voglio spalancati. Ho una barra di sollevamento di tre piedi da mettere tra le tue ginocchia. Voglio che si allarghino finché non fanno male, ora muoviti,” Michael alza di nuovo le braccia di scatto.

“MMMGGGHH,” gemette di nuovo Sara, allargando di più le gambe. Continuò ad aprirli, il dolore che le iniziava all'inguine per l'oscena diffusione. Sentì il bordo di un piede tra le sue cosce, che sbatteva contro una coscia, costringendola ad aprirsi ancora di più. Le facevano male le cosce mentre le sue gambe erano divaricate. Sara sentì delle mani toccarsi le ginocchia, la barra di sollevamento attaccata alle sue ginocchia da cinghie. Le sue ginocchia erano bloccate, incapaci di piegarsi, le sue gambe divaricate, incapaci di chiudersi e proteggersi.

“AAAGGHHH,” gemette Sara per il dolore mentre cominciavano ad attaccarle delle corde alle caviglie. L'altra estremità della corda era tirata verso i suoi polsi legati. Tirarono la corda più stretta, piegando il suo corpo all'indietro, la sua testa ei suoi piedi si sollevarono dal pavimento.

“Steve, se leghi strettamente la corda, in questo modo, ha una puleggia attaccata al centro della corda. Una volta assicurato, puoi stringere le corde più strette. Ricorda solo che quando pieghi il corpo se lo spingi troppo in avanti, potresti rompere alcune ossa o la schiena.

Il corpo di Sara soffriva per la schiavitù in cui la stavano mettendo. Poteva sentire il rumore del cricchetto e ogni volta il dolore aumentava. Il suo corpo sembrava sul punto di rompersi. "BBBRR", di nuovo l'arco nel suo corpo aumenta. I suoi seni ora si alzavano dal pavimento. Solo il suo stomaco e l'addome erano supportati. Le sue gambe e la parte superiore del corpo erano tirate indietro.

“Lo scopo della schiavitù è far sentire la vittima impotente. Allo stesso tempo è fatto per infliggere la massima quantità di dolore. Dopo un po', la vittima farà di tutto per uscire dalle corde. Durante l'addestramento, la vittima verrà messa in schiavitù quasi 24 ore al giorno. Diamo da mangiare alle vittime con IV. Questo lo rende meno disordinato, specialmente quando vuoi inculare la vittima. Non devi preoccuparti dei clisteri per ripulire la vittima ogni volta. Michael ha continuato a spiegare a Steve le procedure per addestrare un nuovo schiavo.

"Ancora una cosa e saremo pronti a partire". Michael prese un'altra corda e le fece scivolare un'estremità sopra la testa, facendo un nodo scorsoio e attaccandoglielo al collo. Tirò indietro la corda e mentre si stringeva, Sara dovette alzare la testa o la corda avrebbe cominciato a strangolarla. Michael lo attaccò alla barra di sollevamento e lo strinse. Sara gemette attraverso il bavaglio del pene. Michael ha tirato la corda, costringendo Sara ad alzare la testa più in alto o iniziare a soffocare. Ora doveva tenere la testa alta o iniziare a soffocare. «Afferra l'altra estremità di Sara. Portiamola in cucina in modo che possa vedere cosa è successo a sua figlia.

Becky aveva subito quasi la stessa sorte. Aveva sentito un trambusto alla porta dopo che sua madre era andata ad aprire. Non appena si è alzata, due uomini hanno fatto irruzione dalla porta. Il primo l'ha presa mentre si alzava e le ha dato un pugno allo stomaco. Cadde a terra, cercando di aspirare aria. Delle mani la afferrarono e la tirarono in piedi. Lottò per respirare, i suoi polmoni tentarono di risucchiare l'aria che era stata espulsa dal pugno.

"Fai il tuo ultimo respiro profondo, stronza." Justin afferrò l'ovatta che aveva in mano. Le infilò le dita in bocca. "Apri, stronza." Le aprì la bocca, le spinse le dita in bocca facendola sussultare per il modo in cui veniva trattata. Cominciò a spingerle il panno in bocca, le sue guance cominciarono a gonfiarsi per la grande quantità di materiale che veniva spinto dentro.

Becky urlò mentre le dita ruvide si infilavano nella sua bocca. Sentì un panno asciutto che veniva infilato dentro, il materiale assorbiva rapidamente la sua saliva, la sua bocca si seccava. Poteva sentire le sue guance cominciare ad espandersi mentre il panno continuava a essere spinto nella sua bocca. "MMMMMDGGGHHHH", gridò, il panno ora spingeva più indietro nella sua bocca, dirigendosi verso la sua gola. Fu inserita altra stoffa e lei iniziò a sentirsi infelice quando parte della stoffa iniziò a scivolarle in gola. Sentì del nastro adesivo avvolgerle la bocca, impedendo all'ovatta di fuoriuscire. La sua bocca era imbottita, le sue guance sporgenti, i suoi riflessi di vomito che continuavano a soffocare sul materiale nella parte posteriore della sua bocca.

"Abituati a questa cagna, sarà lì per molto tempo." Justin le pizzicò forte il naso. "Questo è ciò che accadrà se non obbedisci."

Il corpo di Becky iniziò a sussultare, stava cominciando a sentirsi stordita. Lottò, i suoi polmoni ansimavano.

"Gemi se hai intenzione di obbedirmi, stronza"

"MMMMGGGG", gridò, "MMMMMGGHHH", per favore lasciami respirare di nuovo, pregò. Sentì le dita lasciare il suo naso e risucchiò quanta più aria poteva attraverso il naso. Il suo petto si sollevò, i suoi polmoni ricominciarono a gonfiarsi.

“In ginocchio” le sue mani spingono Becky a terra. I suoi polsi furono afferrati e sollevati in aria.

Becky sentì una corda pesante e ruvida avvolta attorno ai suoi polsi e poi tirata forte. Gemette di dolore mentre le sue dita cominciavano a formicolare per la tensione delle corde. Le sue braccia erano sollevate in alto, costringendo i suoi seni fuori mentre il suo corpo veniva preso in giro. Sentì una mano spingersi sulla coscia destra, costringendola ad aprire le gambe. Uno schiaffo questa volta e un ordine di più, costringendola ad aprirsi per loro. Sentì qualcosa tra le sue ginocchia. Una cinghia è stata attaccata a ciascun ginocchio ed è stata posizionata una barra, impedendo alle sue ginocchia di tornare insieme.

“Quella è una barra di sollevamento tra le tue gambe. Questo ti terrà aperto per noi. Avremo accesso alla tua figa e al tuo buco del culo e non sarai in grado di fermarci. Ora abbiamo bisogno di stringerti un po', non vogliamo che tu vada da nessuna parte,” Justin iniziando a tirare la corda dai suoi polsi sopra la sua testa e giù verso le sue caviglie. Le legò la corda alle caviglie, tirando forte.

Becky ha sentito un rumore e ha sentito le corde tendersi. Un altro rumore, ancora più stretto. Il suo corpo si allungò all'indietro, la testa sollevata, fissando il soffitto mentre veniva trascinata all'indietro. La sua schiena sembrava sul punto di rompersi mentre veniva costretta all'indietro, i suoi seni ora sollevati in alto, puntati verso il soffitto.

Sara sussultò sorpresa quando vide sua figlia. Era legata strettamente, la schiena arcuata, la testa tirata indietro, i seni sporgenti. Le mani stavano cominciando a scorrere sul suo giovane corpo, stringendole i seni e un'espressione addolorata sul suo viso. La sua bocca era bloccata da qualcosa, che permetteva solo occasionali grugniti di dolore. Le sue guance erano gonfie.

“Sembra che stia andando bene, Justin. Mi piace il modo in cui l'hai legata, mette davvero in risalto quel corpo giovane e sodo. Steve, ci sono diversi metodi per addestrare uno schiavo, in base all'età. Le ragazze giovani, come Becky, fanno meglio quando vengono umiliate. Nota il modo in cui si dimena mentre Justin fa scorrere le mani sul suo corpo. Anche se è doloroso per lei muoversi, non vuole sottomettersi. Se lo facessi a sua madre, lei lo permetterebbe. Comincerà a esporre il suo corpo, prima le tette, poi la figa e il culo. Non le toglierà tutti i vestiti, è molto più umiliante essere spogliata parzialmente nuda. Prima di partire, Justin la masturberà davanti a sua madre. Anche se è legata, lui la costringerà a venire. Per quanto riguarda sua madre, le donne anziane devono essere addestrate in modo diverso. Ecco perché ha il bavaglio ad anello in bocca. Justin la scoperà in bocca. Ha un cazzo molto lungo, le starà bene e stretto nella sua gola. Ha anche la tendenza a sparare grandi quantità di sperma. Sarà costretta a inghiottirlo, il bavaglio del pene lo spingerà indietro in gola. Da quello che ho capito su Sara, non le piace il sesso orale. Ecco perché lo faremo, soprattutto davanti a sua figlia. Le donne anziane sono migliori come schiave del dolore. Sono buoni per frustate e torture.

Il corpo di Becky faceva male dappertutto. Era legata e allungata all'indietro. Uno degli uomini le stava passando le mani sul corpo, stringendole i seni. Si contorse, cercando di evitare le mani brutali mentre le pizzicavano e tiravano i seni. Riusciva solo a emettere rumori attutiti, l'imbottitura della sua bocca impediva ogni rumore. Ogni volta che si muoveva, il dolore le invadeva le braccia e le gambe. Sentì la camicetta tirata, i bottoni schizzare fuori sul pavimento. Sentì l'aria fresca sullo stomaco, sapeva che potevano vedere il suo reggiseno. La schiavitù le impediva di vedere cosa le stavano facendo, poteva solo vedere i suoi carcerieri che la fissavano. Sapeva che sua madre era stata portata dentro e messa vicino a lei. Una mano si mosse sotto il reggiseno e lo tirò su, i suoi seni si liberarono, l'aria fresca rendeva i suoi capezzoli duri ed eretti.

"MMMGGHHH", gridò nel bavaglio mentre mani ruvide le afferravano i capezzoli nudi e cominciavano a tirarli e torcerli. "MMMGGHH, GGRRR", il suo corpo cercava di divincolarsi ma incitava solo nuovo dolore nel suo corpo legato. Sentì i capezzoli tirati fuori dal corpo, distesi, le dita che li torcevano.

"Belle tette e morsi su questa cagna", le dita di Justin molestano il suo corpo. Le mosse la mano lungo lo stomaco, slacciandole i pantaloncini, la cerniera tirata giù e li tirò giù fino a quando non sarebbero andati oltre a causa delle sue gambe divaricate. "RRRRIIIPPP", i pantaloncini caddero a terra, un mucchio di stracci.

Becky si contorceva tra le corde mentre le mani scendevano sul suo addome coperto di mutandine, correndo lungo il suo corpo, verso la sua figa. La grande mano le afferrò la figa e la strinse forte. Sentì un dito spingere con forza tra le labbra della sua figa, spingendo le sue mutandine nella sua figa. "AAGGGHH", gridò, il dito che si muoveva su e giù per la sua fessura della figa, la sua umidità le inzuppava le mutandine.

"La fica se la sta cavando, le sue mutandine sono fradice", gridò Justin agli altri. Le sue dita le afferrarono di nuovo la figa, stringendola ancora più forte.

Becky si sentiva umiliata, veniva abusata sessualmente e spogliata e si stava bagnando. Non poteva vedere il volto di sua madre, ma sapeva che stava osservando la sua umiliazione. Sentì lo strappo delle sue mutandine, la sua figa ora nuda. Le mani si allungarono di nuovo, questa volta correndo sul suo addome nudo. Una mano si allungò più in basso, sfiorando leggermente i suoi radi peli della figa. Becky sentì un dito allungarsi e dividere le labbra della sua figa e scivolare lungo la sua fessura della figa bagnata. Poteva sentirlo scivolare fino in fondo, quasi fino all'ano prima di risalire di nuovo. Rabbrividì di paura quando il dito cominciò a masturbarla. Becky sentì la sua figa bagnarsi mentre il dito le spingeva il succo lungo la fessura. Due dita ora si muovevano lungo la sua fessura, allargando ancora di più le labbra della sua figa. Raggiunsero la sua figa e un dito cominciò a entrare nella sua figa stretta. "MMMGGG", gemette nella sua bocca imbavagliata. La stretta schiavitù non le permetteva di allontanarsi dal dito ed esso entrò lentamente e con forza nella sua figa, ormai calda e bagnata. "AAAGGGHH, MMMGGGGHHH", il dito ora si infilò nella sua figa stretta fino alla seconda nocca. La figa di Becky era molto piccola e stretta. Era stata scopata solo cinque volte e il cazzo del suo ragazzo era molto piccolo. Poteva sentirlo tirarsi fuori e poi spingersi dentro, questa volta andando più in profondità.

“Questa cagna ha una figa davvero stretta. Non è stata usata molto. Dovrebbe portare un bel penny,” Justin continuando a far scorrere il dito nella sua figa stretta. “Non vedo l'ora di mettere il mio cazzo in questa cagna e cavalcarla per un po'. La scioglierò molto velocemente. Tirò fuori il dito dalla sua figa, sembrava che stesse cercando di afferrarli mentre lo tirava fuori. Spinse di nuovo dentro, questa volta due dita la aprirono. Poteva sentirla gemere di dolore mentre le sue spesse dita si infilavano nella sua figa, costringendola ad aprirsi completamente dalle sue dita che si masturbavano. Becky si è scontrata con la stretta schiavitù, il dolore si irradiava attraverso il suo corpo mentre lo sconosciuto la masturbava.

Becky poteva sentire un altro paio di mani allungarsi verso i suoi seni. Le strinsero forte la carne della tetta, le dita cercarono i suoi capezzoli. Erano ancora duri ed eretti. Le mani pizzicarono forte le estremità e cominciarono a tirarle, allungandole dal suo corpo. I suoi capezzoli erano tirati e pizzicati mentre sentiva le dita nella sua figa spingere più in profondità, allargando la sua figa inutilizzata per aprirsi di più. Quando furono dentro fino alle nocche, lei li sentì iniziare ad aprirsi, la sua figa che si sforzava di accettare le dita brutali che le fottevano la figa. "GGGHJHHHHH", gridò mentre le allargavano la figa, le unghie che scavavano nei lati del suo delicato tratto di figa. Le dita tirate via dal suo corpo, la sua figa costretta ad aprirsi mentre venivano tenute aperte mentre venivano tirate fuori dal suo corpo. Quando furono quasi del tutto fuori, si mossero insieme mentre le tiravano fuori dalla figa. Si precipitarono di nuovo dentro, costringendola ad aprirsi di nuovo, il suo soffocato "GGMMMMGHHH", uscendo dalle sue labbra come brutalmente squarciato nel suo corpo. "GGGGRRRHHHH", gemette mentre affondavano profondamente nella sua figa, le dita che battevano contro la sua cervice mentre spingevano in profondità. Poteva sentirli contorcersi e rigirarsi dentro il suo corpo, le nocche che sfregavano violentemente sulla sua figa. Si tirarono di nuovo fuori dalla sua figa, le sue labbra si avvicinarono lentamente mentre le dita scomparivano.

Sentì di nuovo il dito scorrere lungo la sua fessura. Questa volta si mosse più lentamente, correndo sul suo ano nudo ed esposto. Il suo minuscolo ano sembrava così piccolo e rosa, a forma di piccola stella. Il suo corpo continuava a tradirla, la sua figa bagnata fradicia scendeva lungo le sue cosce per la masturbazione forzata, il suo corpo tremava mentre sentiva il dito scorrere sul suo ano indifeso. Poteva sentire il dito bagnato scorrerci sopra, ogni volta un po' più di pressione esercitata sul dito, il suo ano costretto ad aprirsi lentamente. A Becky sembrò strano quando il grosso dito cominciò a entrare nel suo ano. Cominciò lentamente ad espandersi, il dito che girava leggermente, spingendo dentro di lei, il suo ano costretto ad aprirsi. "AAAGGGGHHH, MMMFFFFF", il suo corpo cerca di allontanarsi, ma la sua stretta schiavitù la costringe ad accettare il crudele rapimento del suo buco del culo vergine. Il suo ano accettò il dito e iniziò ad afferrarlo forte mentre si spingeva più in profondità nel suo corpo. "GGGUUUUGGGGHHH", il dito che spingeva incessantemente nel suo ano, il muscolo dello sfintere forzato ad aprirsi di più mentre penetrava nel suo tratto anale, entrando nel suo retto. Due dita spinsero indietro nella sua figa, spalancandola di nuovo, questa volta con un dito che spingeva più a fondo nel suo buco del culo. Non si era mai sentita così piena, le dita ora affondavano profondamente nel suo corpo.

"Prendi la sua clitoride, vediamo se riusciamo a far venire questa puttana", ordinò. Dita crudeli tirarono indietro il cappuccio del suo clitoride e afferrarono il suo clitoride duro ed eretto. Spiccava di oltre mezzo pollice, implorando di essere usato.

Becky si dimenava nella sua stretta schiavitù, la sua clitoride ora stretta tra due dita, tirando e pizzicando, due dita nella sua figa che strisciavano dentro di lei come minuscoli animali e un grosso dito che si tuffava dentro e fuori il suo stretto buco del culo. Poteva sentire un orgasmo in arrivo. Per favore, non farmi venire davanti a loro, per favore, pensò. Le dita continuarono la loro masturbazione del suo tenero corpo, costringendola a gemere di piacere.

"Cum for us, Becky, show your mother what a cum slut you are", l'umiliazione supera le sue emozioni mentre Justin la scopa con le dita. Il corpo di Becky iniziò a dimenarsi nella stretta schiavitù, cercando di scappare, ma allo stesso tempo accettando le dita che masturbavano il suo corpo quasi vergine. Il suo buco del culo ha succhiato il dito in profondità, stringendolo forte mentre le due dita nella sua figa continuavano la loro implacabile masturbazione. Il suo clitoride era gonfio e duro, il dito lo afferrava crudelmente, il dolore si aggiungeva al piacere.

"Penso che la piccola Becky verrà per noi", disse Justin, le sue due dita spinte in profondità dentro di lei. Poteva sentire la figa di Becky afferrarli forte come se non volesse che se ne andassero.

"GGGHHHHRRR, AAWWWWWW", gemette Becky, il suo primo sperma sorpassò il suo corpo. Mentre era stata scopata prima, non era mai stata portata all'orgasmo. I ragazzi erano troppo interessati a farsi da soli e non sembravano preoccuparsene o voler dare piacere a Becky. Il suo corpo sussultò come un cavallo mentre il secondo sperma la sopraffaceva, il suo corpo tremava per l'intensità. "GGGGGRRRRGGHHH", il bavaglio le impedisce di urlare, il piacere avvolge il suo corpo.

“Beh, mamma, penso che tua figlia sia una troia. È legata come una puttana bondage e viene masturbata da quattro sconosciuti e viene come se fosse naturale. Non vedo l'ora di infilarle il cazzo nella figa e violentarla con forza". Justin guardò Sara, "ora tocca a te succhiarmi il cazzo, vediamo se sei una troia tanto quanto lo è Becky."

Justin si spostò dove giaceva Sara, legata strettamente. Aveva la testa sollevata in alto, la bocca spalancata dal bavaglio ad anello. Le avevano tolto il bavaglio del pene, ora avrebbe ricevuto quello vero. Si slacciò la cintura e si tolse i pantaloni. Si sedette sul pavimento di fronte a Sara, l'inguine a pochi centimetri dal suo viso. Si tirò giù i pantaloncini e il suo cazzo di dieci pollici ne uscì, schiaffeggiando Sara in faccia mentre veniva rilasciato. Sara cercò di muoversi, ma la corda intorno al collo le impediva ogni movimento.

“Ora, Sara, ti ficco il cazzo in bocca. Voglio che tu ci strofini sopra la lingua e gli faccia il bagno. Justin si avvicinò, il suo cazzo si mosse tra le sue labbra divise ed entrò nella sua bocca calda. Lo spinse dentro per più di tre pollici e lo tenne lì, aspettando che Sara obbedisse.

Fanculo, non farò niente, pensò Sara. Ha quasi soffocato quando ha sentito il cazzo duro entrare nella sua bocca. Non aveva mai succhiato un cazzo prima e non gli avrebbe permesso di essere il primo.

“Pensavo che non saresti stato troppo collaborativo, ma questo è ciò in cui siamo bravi. Motivazione. Ecco perché ci piacciono le combinazioni madre-figlia. Lo rende molto più facile. Justin si rivolse a Steve, "ti dispiacerebbe mostrare a Sara perché mi leccherà il cazzo con la lingua."

Sara vide Steve avvicinarsi a Becky. Becky era ancora legata all'indietro, i seni e la figa spalancati per loro. Vide una frusta nella mano di Steve. Era una corta frusta di cuoio nero, un solo filo, ma sembrava molto dura. La sua lingua si mise subito al lavoro, correndo sul cazzo di Justin ma era troppo tardi. Riuscì solo a guardare mentre Steve sollevava la frusta e la portava duramente sulla figa aperta di Becky, schiaffeggiando forte tra le labbra della sua figa.

Becky urlò nel suo bavaglio mentre il dolore più incredibile le riempiva il corpo mentre la sua figa sembrava strappata. "MMMMFFFF, AAAGGGHHHHH", urlò, il suo corpo che sgroppava contro le corde, il dolore intensificato dalla schiavitù. Oh, Dio, pensò, per favore non farmi più questo, per favore mamma, fai come vuoi.

“Così va molto meglio, Sara, devi imparare a obbedire. Sarà molto meno doloroso per te e Becky se non dovrò ripetermi.» Justin sentì la lingua di Sara scorrere sul suo cazzo, il suo precum gocciolare dalla testa, mentre si esibiva come una puttana francese. Justin iniziò a spingere il suo cazzo più in profondità nella sua bocca mentre la sua lingua continuava a bagnargli il cazzo.

"GGAAAGGGGGHHH", Sara sentì il cazzo spingersi nella parte posteriore della sua bocca, i suoi riflessi di vomito iniziarono mentre cercava di entrare nella sua gola. Si tirò fuori, solo per rientrare di nuovo, questa volta ancora più in profondità. “GGGAAAGGHH, AAAAHHHH,” il cazzo la fece vomitare di nuovo, questa volta restandole in gola, il suo vomitare mungeva il cazzo. Sentì una mano sulla sua gola, sentendo il grosso cazzo ora in profondità nella sua gola. Cominciò ad avere le vertigini mentre aspirava grandi quantità d'aria attraverso il naso.

"Sara, hai una gola così bella, mi stai spremendo lo sperma dal cazzo." Justin le tirò fuori il cazzo dalla gola, tenendolo in bocca. "Fottimi con la lingua o è la frusta per Becky."

Sara passò frettolosamente la lingua sul suo cazzo, assaggiando lo sperma che colava dalla testa. Aveva un sapore salato e le rimase in bocca, rifiutandosi di scendere. Sapeva che presto sarebbe venuto e che le sarebbe schizzato in bocca e lei sarebbe stata costretta a ingoiarlo oa soffocarlo. Continuò a massaggiargli il cazzo, sperando di farlo venire presto, qualsiasi cosa era meglio del suo cazzo in gola. Sentì il cazzo spingere di nuovo dentro, ricominciare il soffocamento e il soffocamento. Le lacrime le sgorgarono dagli occhi mentre si spingevano più in profondità nella sua gola, il suo soffocamento era quasi costante ora.

"Questa cagna fa una bella scopata in faccia, la sua gola sta succhiando lo sperma dalle mie palle." Justin spinse ancora una volta forte il suo cazzo nella sua gola, tenendola stretta per le orecchie mentre lo spingeva più dentro di prima. Era pronto a venire. Le tirò fuori il cazzo dalla gola e glielo lasciò sulla lingua. Poteva sentire la sua lingua ricominciare a lavorare sul suo cazzo, proprio mentre lui cominciava a venire.

"CCCOOOFFF, GGAAGGGHHH", Sara soffocò quando il primo batuffolo di sperma uscì dal cazzo di Justin e le schizzò in bocca. La sua lingua bagnò il suo cazzo, lo sperma dal sapore disgustoso la riempì rapidamente. Deglutì a fatica, il primo carico le entrò nello stomaco, proprio mentre il carico successivo le schizzava in bocca. Ancora una volta, la sua bocca era piena, parte di essa le scorreva lungo il mento mentre aveva difficoltà a deglutire la grande quantità di sperma che le riempiva la bocca. Il soffocamento lo rendeva difficile.

"Che brava fica sei, Sara, potrebbe non piacerti succhiare il cazzo, ma di sicuro fai un ottimo lavoro." Justin lasciò che Sara passasse la lingua sul suo cazzo ormai sgonfio mentre la vedeva ancora cercando di ingoiare lo sperma che le aveva depositato in bocca. Tirò fuori il cazzo, la sua lingua lo seguì mentre se ne andava, non volendo che Becky soffrisse per il suo rifiuto.

Michael guardava entrambi i suoi nuovi schiavi davanti a lui. Sara con la sborra che le colava sul mento e Becky con la sua stessa sborra che le scorreva lungo le cosce. «Guarda come reagiscono, Steve. La figlia è stata fatta venire e la mamma è stata costretta a succhiare un cazzo ed entrambe lo hanno fatto volentieri. Sarà un piacere allenarli. Let’s get them out of her and get them to their new home. There they will be raped, both vaginally and anally. There is no better way to get a woman’s attention than having a big cock up her asshole.

Rape Party

Michael was explaining to Steve on how to rape the victims the first time as they drove in the van to the holding area, a new facility about 2 hours from the city, in a deserted section of the county.

Steve was only partly listening to Michael, he was more interested in Sara and Becky. They had been thrown into the back of the van, Sara still hog-tied. Becky had been taken from her kneeling bound position and now was hog-tied like her mother. Sara was still clothed but Becky had only tattered remnants on her. Steve had to hold back on fucking them when they were in the house, his cock hard and erect. Michael said it was imperative that they be raped later, allowing them the time to think about what was going to happen to them and feel their helplessness of the situation. Steve rubbed the front of his pants, his hard cock straining the jeans he wore. He could see the frightened looks from Sara and Becky as they were forced to stare at him.

“One of the requirements of being a slaver is that you must have a large cock. As you know, it must measure at least 4 inches in diameter. In order to break the victims will, we take pleasure in causing as much pain, for as long as possible when popping each and every cherry, mouth, asshole or cunt. We fuck, especially assholes, dry or with just enough lube not to cause us damage. This sets the experience permanently in the victim’s mind and helps bring about the complete helplessness of the victim’s situation. I can see you that you can’t wait to rape them, especially little Becky, but we will soon be there and you will have your fun.” Michael watched Steve, the lust in his eyes in expectations of his first brutal rape.

Becky watched as Steve walked towards her, fear in her eyes. Her body was drawn into a bow, her head pulled back, her eyes forced straight ahead, her hair pulled tightly to her ankles. The strain of the bondage forced her breasts off of the floor, her weight supported on her stomach. She was almost naked. She could see a huge bulge in Steve’s pants. She knew that she was going to be raped, they had already forced her to cum for them. She did not know why they were doing this to her. She just dreaded what they intended to do.

Steve looked down at Becky. Her naked ass, her legs drawn tightly to her wrists. He had made sure she was bound tightly and knew that it was painful. She had a ball gag in her mouth, her lips stretched tightly around it, forcing her mouth open wide. He bent down until his face was in front of hers. His hand moved tenderly over her face, stroking her cheeks, wiping the tears running down her face. “You are such a lovely thing, Becky. Do you know what I am going to do to you?”

Becky moaned into her gag, she could not even move her head. The hand that caressed her cheek repulsed her. This was the same hand that had intimately entered her body and forced her to cum. She was afraid of him and what he could do to her. She was bound and helpless and unable to stop these evil men from doing anything to her body.

“In an hour we are going to be at your new home. You will spend a month with us where you will be trained to be a sex slave. After that, you will be sold to the highest bidder who will do what he wants with you. I am going to rape you when we arrive, in your pussy and your asshole. It will be very painful for you as you may have noticed, I have an extremely large cock. I will enjoy taking you brutally. I will do everything to make the experience as painful as possible for you. You will learn that you only purpose is life are to sexually service your masters.” Steve’s hand moved lower, grabbing her hanging breast, his large hand completely encircling the naked flesh, squeezing it. He could hear her moan in the gag as his fingers sought out her nipples and pinched them tightly. “You have very large nips, they make very good targets. I will enjoy punishing them in the future.”

Becky continued to squirm in her bondage, trying to escape. Every time she moved the pain increased, but she could not stay still and allow him to ravish her body.

Michael watched as Steve played with Becky. He knew that Steve would work out well as a slaver. He was cruel and thought of a woman as no more than a plaything for the male cock. Many women would regret meeting him, losing not only their future but also their virginity’s.

Sara felt the truck moving slower, it now traveling on a dirt road. Her body ached and her mouth could still taste the cum from her rape. She could see Becky out of the corner of her eye, one of them men roughly fondling her body as she squirmed to escape. She was so young and she was now being sexually molested and bound. Sara could not understand why this was happening to them. If seem like days ago when they were having breakfast. She only hoped that the police were looking for them and they would soon be able to return home.

The truck stopped in front of the building. It was a windowless, modern structure, seemingly out of place in the country. It looked more as if it belonged in a big city. High fences surrounded the grounds, with razor sharp barbwire sitting on the top. The sign said “International Services, Inc., Private Property, No Admittance Allowed.” A guard shack and a German shepherd dog sent out the message that no visitors were allowed.

The truck backed up to a loading dock, the cargo to be unloaded hidden from view. The doors being opened startled Sara and Becky. They could not see out the back but they knew their trip was ended. The pain began again as they were hauled up and taken out the truck. The men tossed them around like sacks of potatoes, paying no attention to the pain they caused them. They watched as they were hauled down a long hallway, white sterile walls and floors. They passed a number of doors until they reached the end of the hall. They were pushed into a room, this one stark and antiseptic. They gasped as they saw various pieces of furniture, all seem to have various methods of securing the victim securely to them. Becky and Sara knew that each would soon be bound to one of them to be raped.

“I want them facing each other, I enjoy raping them one at a time. The other can see what will soon happen to the other. Let’s start with Mother. Help me with her,” Michael ordered Steve. They grabbed up Sara and pulled her toward one of the pieces of furniture. This was a large aluminum structure. There was a lower piece consisting of two aluminum tubes running parallel about three feet apart. Straps ran along the tubes. The upper piece was a platform about two feet higher. This also had leather straps in the furthest corners. In the center of the platform were two large holes.

Sara was untied and before she could even try to stand and straighten she was hauled up to her feet. Michael’s hands moved quickly over her, ripping first her blouse, than her pants, lying in tatters at her feet. Her hands moved to cover herself but Steve slapped them down.

“Keep you hands down,” he ordered, slapping her hands again to reinforce his point.

Michael’s hand shot out and hooked into her bra in the front, pulling it out until it strained and began to tear. Sara cried out into the ring gag as it pulled on the skin until it finally tore and was pulled from her body. Her breasts heaved as they were finally released from their constraints. Michael made short work of her panties, the delicate fabric tearing easily. She was now naked. She felt hands push her over to the strange piece of furniture. Hands helped her kneel up on the tubes, her legs having to spread unnaturally to keep from falling. Thick leather straps were secured, first to her ankles, than to her knees, keeping her bound and spread tightly onto the apparatus. A hand on her back forced her forward, her upper body pushed down on the cold metal. She now understood the holes in it, her breasts hung down through the platform. They would be unprotected and vulnerable. Her arms were pulled forward, stretching her body until she felt the leather straps attached to them. She cringed in pain as they were tightened cruelly. Hand began to run over her ass and she now understood how naked and vulnerable she was. She was bound on her knees, her legs spread wide and she was sure her pussy and anus was exposed. She could feel the cool air rushing over them. She felt the fingers run between the cheeks of her ass, running over her anus and down to her pussy. She was dry, afraid of the rape she knew was coming. A rope was attached around her neck and tied to the table, forcing her down onto to it, looking to the side.

Steve grabbed the metal table and pushed it to the side of Sara. He grabbed Becky and started to untie her. Michael came over to help, pulling the last of the remnants of her clothes from her body, as she was untied. He pushed her over to the table forcing her to bend over it, Steve grabbed her wrists and pulled them to the other side, stretching her tightly. He secured the leather straps to her wrists, tying her tightly to the corners.

“MMMMGGG,” Becky groaned into the gag as she felt a hand grab her left ankle. She felt the cold steel attach to it and heard the metal clank as a metal cuff was attached and snapped tightly. Her leg was pulled out to the side, forcing her down on the table. The table was cold, her nipples hardening instantly as they were forced down on the metal table. A loud snap and she pulled her leg, the cuff banging noisily as she found herself securely bound. The hand returned to her right leg, the cold steel attaching another cuff. Her leg was pulled to the other side, her legs spreading obscenely. She could feel her pussy and ass cheeks spreading open. She tried to pull back on her right leg but the powerful hands were stronger, opening her up and she again felt the cuff banging and she knew she was now bound tightly. Her ass was thrust out, her pussy and anus spread open. She knew the only reason she was in this position was to be raped.

Sara watched as Becky was bound. She could see the tears running down her face, as she was bent over the table, naked and spread. Hands manipulated her body until she was in the position they wanted. Like her, they tied a rope around Becky’s neck and bound her tightly to the table, facing Sara. They stared at each other, the helplessness of their situation showing in their faces.

Steve walked in front of Becky. “You look so fuckable, little girl,” his hands stroking her head. He looked down at her tear stained face. “You’re going to be first. I’m going to rape your pussy, than my big fat cock is going up your asshole. I’m going to fuck you hard and long.”

Becky started whimpering, tears running down her face. He intended to hurt her with his cock and there was nothing she could do about it. She watched as he began to undress. First his shirt, than he started unbuckling his belt, the zipper next. She was forced to look at his fat cock bulging out of his shorts. He dropped his pants and stood before her, his cock hard and erect. His hand reached down and stroked his cock, it getting bigger and bigger. He hooked his hands in his shorts and let them drop to the floor. Becky gasped as his cock sprung free. It was huge, over four inches in diameter and had to be at least ten-inches long. It wasn’t a cock, it was a weapon. She watched as he stroked his cock, it seemed to get bigger.

Steve looked at the terrified look on her face as he stroked his cock and moved it toward her face. He rubbed the head of his cock over her lips, spread wide over the ball gag. His precum glistened on her lips. “You’ll suck my cock later. You’ll suck lots of cocks, but first I am going to bust your pussy open with my cock.”

Sara could see the distressed look on Becky’s face. The man had moved out of her view and Becky’s face took on the appearance of fright. She knew that Becky was about to be raped and she could not do anything about it.

Becky saw him move out of her view and knew that he was moving behind her. Her body jumped when she felt hands grasping her hips. They casually moved back over her ass, almost caressing her skin. She groaned, as the fingers became more urgent, squeezing her ass flesh tightly between his fingers. She could the fingers pulling her ass cheeks apart, the cool air rushing over her pussy and anus.

“Look at that juicy pussy, Steve, it looks so tight. You are going to have to earn your keep to fuck that pussy open. And that asshole, it’s just a tiny star. This bitch is going to be in a lot of pain when you fuck her, but it’s going to be the tightest pussy you ever felt.” Michael smiled as he spoke. He looked over at Sara. “Mommy won’t be as tight, but she will feel my cock tearing into her body.”

Steve fisted his cock, the bulbous head swelling larger. He moved forward and felt Becky squirm as he moved between her legs. He moved his cock head over her naked ass cheeks and began to rub it up a down, his precum leaking onto her flesh. He took a bottle of baby oil and put a small amount on his cock, rubbing it over the huge instrument. “This is for me, not you, bitch. It will make it a little easier to put my cock into you but it will wear off quickly. With the pain you will feel, I doubt you will get very wet, so it will be a hard fuck, but that is what I like.”

Becky could feel the huge cock moving over her flesh. She tried to move, but only succeeding in making his cock harder. She looked exceedingly sexy, her ass moving side to side, her pussy spread open. She could not just do anything, waiting for the rape of her pussy. She felt the head of the cock push between her legs, searching out her pussy, now spread open, seemingly begging to be raped. It pushed up against her pussy, a tiny opening in her body. The head felt massive.

Steve fisted his cock and placed it against her pussy, now spread wide before him. His fingers peeled back her pussy lips, her pink insides beckoning his cock. Her tiny opening widened, his cock beginning to push inside of her. He could see her pussy spreading wide under the brutal attack of his huge cock. It began to stretch wider, unable to stop the brutal rape. He pushed harder, watching Becky buck in her restraints, her body trying to escape. He continued to follow her moving ass, limited by the cuffs holding her spread open. His cock pushed her open more, her pussy clinging to the huge head as it began to tear, unable to take the cock. Her body lurched as her pussy tore, the pain increasing as the head of his cock was almost all the way in her pussy. Her painfully stretched pussy lips slipped over the head of his cock, grasping the huge head as if it wanted it in her.

Becky’s pussy felt like it was on fire. The huge cock was tearing her open as it continued its brutal rape. Her body jerked on the table, unable to stand the pain he was inflicting on her young body. She shrieked in the ball gag, only unintelligible sounds escaping through the ball gag. Her eyes were filled with tears as the cock pushed relentlessly into her near virgin body. She felt her pussy being filled, clinging to the cock like it was welcoming a lover, instead of accepting a rape. Her eyes opened wide, her poor pussy now tearing, unable to accept the huge cock, the pain shooting into her groin. She wished she would pass out, the only way she could escape the rape, but her body continued to be alert, the pain increasing as her pussy began to pass over the head of the cock, clasping tightly to the instrument of torture. She felt it stop, her body clinging to it, her movements still, hoping to avoid any additional pain.

Steve’s hands stroked over her ass, caressing her naked flesh like a lover, his cock now held tightly in her pussy. It felt like it was in a vise, her clasping flesh massaging his cock in response to the pain she was feeling. “How does that feel, Becky?” He watched her move her head, the rope preventing only minor movement, tears running down her face, gagged responses coming from her mouth. “Now that you got the head, you are going to get the next nine inches of cock in your pussy. Then we are going to get down to some serious fucking. If you think this is bad, wait until I get to your virgin asshole. I will already have cum once so it will be a long, hard ass raping.” Steve leaned down over Becky’s spread body, his chest on her back, his ass raised up high, his cock just inside her pussy. He began to push his hips in, his cock pushing inside her pussy, spreading the walls of her pussy open, her pussy clinging to every bump and ripple on his cock as it began it’s brutal descent into the depths of her pussy. His cock felt like it was rubbing against sandpaper, her pussy so dry, the pain not allowing her natural juices to flow. It hurt him, but it was hurting her a lot more. Her body jerked and bucked on the table, but his cock held her pinned down, spearing into her tender flesh like a pole. Two more inches of cock entered her body. He pulled it back out until only her pussy gripped the head, than pushed back in again, this time three inches of cock managed to bore into her body, pushing past all resistance. He could see blood covering his cock. At least there would be some lubrication now. Each time he would pull his cock out and then forcefully thrust back in, her back trying to arch to escape the brutal rape, but pinned down like a bug, unable to defend herself. He had never fucked anything so tight, most women would not let them fuck them, his cock too huge. Only whores, their pussies worn and battered allowed him a fucking. This cunt was almost a virgin and there was nothing she could do to stop him. He fucked hard, her body reacting. “You like my cock, Becky. You will get a lot more of it, so you might as well get used to it. You are going to become my little fuck toy.” Steve laughed and ruthlessly plunged into her pussy, changing the angle of his cock, forcing her pussy to stretch even more.

Sara saw Becky lift her head up and tears fill her eyes. She could hear mumbled screams coming from her gagged mouth. She knew that her rape had begun. She watched as her body slammed up and down on the table, the metal cuffs binding her legs clanging noisily as she tried to escape. This went on for long, terrible minutes. Than she was silent and still, tears running down her face. She figured that his cock must be in her now. Becky’s head raised up again, screams again muffled by the gag, her rape beginning again. She saw her body being buffeted forward, knowing that the cock was pushing into her, forcing her pussy to open and allow entrance to the large cock.

Becky could not believe how much pain the cock was giving her. She thought the tearing of her pussy was bad, but the continual rasping of the huge cock in her pussy was worse. Her pussy, than begin its descent until on the head grasped each time the cock would push deeper into her body. A few seconds reprieve and than it would begin its painful journey back down her unused pussy, pushing all resistance out of the way. Each time it would force itself deeper into her body, opening her pussy wide, the tearing and the burning becoming worse. She could feel every bump on his cock as it pushed into her body. The pain forced her pussy to involuntarily grasp the cock, the pain even worse. She knew that this was making his cock harder, but she could not stop her bodies’ natural reactions. Her pussy would squeeze the cock and than he would make it jump in her body, forcing a new batch of pain. The cock felt like it was going to come out her mouth, she had never felt anything that deep. She screamed again, the cock pushing in deeper.

Sweat was running down Steve’s body and landing on Becky’s back as the continual pumping of his cock in her body brought new anguish to his victim. It was hard to push his cock into her tight pussy, but each new muffled scream brought out a fresh batch of energy and a new enthusiasm to the next hard fuck. He laughed as his cock pushed in again, still only five inches of cock in her body. “You’ve got half of it now, cunt. You still got another five inches to go,” his hips pushing forward, another inch added to the fucking. He pulled it out and pushed it back in again, not allowing Becky’s pussy to grow accustomed to the cock. He felt her pussy expand to accept his cock and than shrink and grab at his cock as it pulled from her body. The body under him jerked and thrashed about as it received his painful instrument of torture. He pulled the cock out and than pushed back in again, now eight inches of hard cock filling her up. He continually buffeted her body, each time filling her tight pussy with more cock. A trace of blood covered his cock, he would force her to suck it clean when he finished, lubricating his cock for the rape. One last thrust, pushing with all of his strength, forced all ten inches of cock into her pussy, the head of his cock battering at her cervix. Her body jerked in pain, her cuffs clanging noisily in the room, her battered breathing and muffled screams the only discernable noise. His stomach hit her ass with a loud smack, his cock now fully in her. He paused in her pussy, her body grasping the tool tightly.

Becky felt so full. She could feel his stomach against her ass as his cock was now fully embedded in her pussy. She felt in pulsing her body, her pussy stretched tightly around it. Her body felt bruised as the last powerful push into her pussy beat against her cervix. The pain shot into her brain. She could not conceive that an individual could get so much enjoyment out of her pain. She could hear her own screams, but knew the ball gag prevented others from hearing only but muffled sounds. She could hardly breathe, the body lying on her back, the heavy weight sucking the breath out of her lungs. The cock twitched in her pussy, bringing a fresh batch of pain, as her pussy had to expand further to accept it. She could hear his voice.

“You ready for a good fucking now, Becky. Your pussy is so tight. It will be hard but I will make sure you get all of the cock you deserve.”

Becky felt the cock pull from her pussy, sucking her insides out as it dragged painfully from her body. She could feel every bump and bulge on his cock as it rasped over her stretched pussy tract. It felt like sandpaper on his cock as it dragged over her dry pussy, eliciting new pain through her body. It pulled from her body until only her pussy grasped the head. It paused for seconds and than Becky shrieked as the cock forcefully pushed back in, this time all ten inches forcing itself into her body. Her pussy stretched open again, painfully tearing and rasping as the cock bore into her body in one single, forceful thrust that sent his stomach slapping shamelessly against her ass cheeks. The wind was knocked out of her lungs as the head of his cock banged painfully against her cervix. The pain shot into her brain as the brutal rape of her pussy began. Before she could catch her breath, the cock was pulled out again and than back in again, all ten inches raping her painfully. Hands held her hips down, as the cock began its punishing rape of her body, pushing in and out, tearing her flesh in each painful thrust, opening her body to be used as a receptacle for his cum.

Steve pushed into her hard, forcing his cock into her defenseless body as he pummeled her. His cock tore into her flesh, his body slamming down on her back, his hips pumping his cock into her pussy relentlessly. He watched her head rear up each time his cock banged against her cervix, bottoming out in her pussy. He continued to rape her for long minutes, the blood on his cock increasing as he raped her hard and long. He could feel her body jerk in pain as he pumped his cock in and out, her pussy clinging to his cock as the rape continued. Five minutes and he continued to pump his cock into her painfully stretched pussy. He was trying to hold on as long as possible before he had to cum. He wanted her to feel the pain of his cock for a long time. “How do you like my cock, Becky,” he asked, his cock boring into her pussy at a different angle, forcing a new batch of pain as she was stretched wide. He pumped his cock into her relentlessly, a stroke taking only 5 seconds. The slapping of his stomach against her ass and her muffled sounds the only noise coming from the room as her rape continued.

Becky thought she was going to die. The initial rape of her pussy by the cock was bad enough, but not the continued fucking was taking a toll on her body. It was over ten minutes of his cock fucking into her body, it seemed like hours. Her pussy was being turned into raw meat as the hard cock continued to fuck deep into her body, tearing up her tender flesh. Her body continued to milk the cock, the painful thrusts forcing her pussy to clench and unclench on the huge cock. She felt his cock grow bigger, new pain added as she knew he was ready to cum. She felt one last powerful thrust, the cock feeling like it was going to shoot into her stomach and he bottomed out in her pussy and she felt the head grow bigger and begin to shoot out inside her. The first blast of hot cum filled her. At least it would add lubricant. The cock was pulled out and then pushed back in again, another hot blast of cum filling her pain filled pussy. It felt like gasoline was being poured inside of her pussy as he continued to pump his cock in her pussy and fill her full of his hot cum.

“What a hot pussy, hot do you like my cum, bitch. I am filling your sweet pussy so full,” Steve’s cock continuing to shoot her full as he pumped her pussy with his cock, not caring how much pain he was causing her. He pushed it in her pussy one last time and dumped the last of his cum in her. He pulled his cock out, covered in cum and blood, dripping on her ass as her pussy clung to it. He watched it leave her pussy, still stretched wide from the brutal rape. He slapped her ass hard, “great fuck, cunt. Give me a couple of minutes and I will do your asshole.”

Sara watched as Becky was continually raped before her. She could see the pain in her eyes as she was bucked about on the table. She could not understand how this was happening. It was only a few hours ago that it was breakfast time and now her only innocent daughter was being raped and she could not do anything about it except wait for her own rape. She saw the tears and sweat pouring from Becky’s body as the rape continued. Finally it seemed to be over, the body on her slumped down and Becky’s head fell to the table. She heard the voice tell Becky that her asshole would be next. “No, please, don’t do this to my daughter, “Sara cried out in the gag.

Storie simili

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

530 I più visti

Likes 0

Ex Playboy Playmates Part 5: Stephanie and Son

Nota dell'autore: questa parte della serie coinvolge ex Playboy Playmates immaginari. Sono tutte sorelle e ognuna avrà due storie: la prima sarà interrazziale, la seconda sarà l'incesto. Questa è la seconda storia di Stephanie e si svolge poco più di un anno dopo la sua prima storia. Anche questa storia si svolge circa quattro mesi dopo la parte 3 della serie. Non devi leggere nessuno di questi, ma per riassumere, Stephanie è testimone di un atto incestuoso con sua sorella maggiore Diane nella parte 3. Questo funge da catalizzatore per la sua storia di incesto, aprendo desideri latenti e cattivi. Ex...

750 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta_(1)

Ho un segreto, un oscuro segreto. Ho una vita segreta. Di giorno e quando mio marito è a casa sono mamma e casalinga. Gestisco la mia casa e mi assicuro che tutti siano in giro in orario per il lavoro e la scuola. Tengo la mia casa pulita e mi assicuro che tutto sia in ordine. Ma una volta che tutti sono fuori casa, divento una donna diversa. Ho un'ora per prepararmi che include doccia, capelli e trucco. Sono ben rasato e indosso la mia uniforme. La mia uniforme è composta da una gonna corta nera, calze nere alte fino al...

562 I più visti

Likes 0

Le avventure della ragazza esibizionista, parte 4

Riassunto delle parti precedenti: Kadri, che ha iniziato a 11 anni sperimentando l'esibizionismo e che in seguito è diventata dipendente dal sesso, è stata pensierosa dopo un fallimento nell'essere lasciata nuda in una piccola città. Pensò alle sue maniere, ma decise di continuare. Ora a 13 anni sta pianificando la sua più grande avventura nuda. A quanto ho capito, Kadri voleva provare il suo esibizionismo in un'altra città, ma all'inizio doveva leggere dei libri per la scuola e prepararsi in alcune altre materie. „Ho un programma per l'ultima settimana di vacanze. Forse questo avrà più successo , ha detto. Kadri ha...

535 I più visti

Likes 0

In vacanza al mare

Anche durante il viaggio in ascensore fino alla loro stanza, Mark e Cindy non riuscivano a togliersi le mani di dosso. Con le loro labbra unite in un bacio appassionato, Mark alzò lo sguardo per osservare su quale piano si trovavano. Bing, l'ascensore è atterrato al loro piano, mentre la coppia si dirigeva verso il balcone aperto verso la loro stanza. Camminando velocemente, hanno quasi investito un bambino che urlava a suo padre nel parcheggio sottostante. Avendo già estratto la chiave, Mark tentò di aprire la loro stanza, la numero 817. Cindy si allungò e afferrò il cazzo mezzo gonfio di...

366 I più visti

Likes 0

Viaggio su strada parte 3

Descrizioni del cast Guy Donnelly: 6'0” circa 175 libbre, ottima forma grazie ad un regime di allenamento attivo e regolare. Capelli biondi sporchi rasati e occhi azzurri, pelle pallida di origine irlandese. Parte sporca: completamente eretto a circa 8 pollici. Abbigliamento di marca: giacca di pelle nera con cappuccio. Korinna Patrick: 5'8 circa 125 libbre, corporatura formosa, non attiva nell'allenamento ma non pigra. Capelli castani lunghi fino alle spalle e occhi grigi, pelle leggermente abbronzata ma caucasica. Pezzo sporco: dal seno dalla coppa C alla coppa D, fianchi 36 . Look distintivo: pensa alla ragazza che potresti portare a casa dai...

333 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

300 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

2.1K I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

1.9K I più visti

Likes 0

Cavalcando un grosso cazzo nero

Ero fuori a tarda notte di sabato. Ero stato in una discoteca con alcuni amici ed erano ubriachi. Ero sobrio, non bevo. (Probabilmente è per questo che mi hanno chiesto di accodarmi, così potrei davvero accompagnarli a casa e tenerli fuori dai guai.) Quindi, siamo saliti tutti sul mio SUV rosso e immacolato (sono una specie di maniaco della pulizia, un punto di sporco e io vado fuori di testa.) E ho lasciato i miei amici a casa loro. Ci vediamo, Kate!! Vado solo a guardare un po' di porno perché sono sempre così eccitata quando sono ubriaca!!! Ho sorriso e...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.