Io sono il burattinaio Capitolo uno: Coin Operated Girl

167Report
Io sono il burattinaio Capitolo uno: Coin Operated Girl

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Clock Work Girl
Mi chiamo Damien, a questo punto avevo diciassette anni per un totale di dodici ore e finora faceva schifo. Forse diciassette anni fa solo schifo in generale, forse tutti quelli che ci sono stati saranno d'accordo con me. Voglio dire, sei ancora considerato troppo giovane per fare qualcosa di divertente, ma per l'amor del cazzo sei abbastanza vicino che non dovrebbe davvero importare. Dovevo comunque ascoltare i miei genitori (non che lo facessi comunque) non bere, non fumare (cosa che comunque facevo) e andare a scuola, che era quello che stavo facendo in quel momento.
Ero seduto a lezione di storia e ascoltavo l'insegnante che parlava come un vecchio vuoto di ciò che un vecchio morto aveva fatto trecento e qualcosa del genere anni fa e perché dovremmo preoccuparcene. In realtà il motivo per cui avevo difficoltà a concentrarmi era il ragazzo che era seduto accanto a me e sembrava trovarmi divertente copiare ogni singola mossa sanguinosa che facevo. Tu conosci il tipo: berretto Billabong di feltro, catene d'oro, maglietta muscolosa senza muscoli reali, in breve un idiota che si comportava come un rifiuto da Jersey Shores. Ogni volta che mi muovevo, voltavo pagina o mi spostavo sulla sedia, lui si impegnava a fare la stessa identica cosa ea ridacchiare tra sé e sé. Ho deciso che invece di arrampicarmi sulla scrivania e prenderlo a calci in gola mi sarei divertita un po'.
Ho frugato nel mio astuccio e ho trovato il mio goniometro geometrico, del tipo con un'unica punta lunga all'estremità. Mi sono aperto e, allargando la mano sulla pagina davanti a me, ho iniziato a tamburellare il punto avanti e indietro tra le mie dita divaricate. Ho guardato la doccia e ho visto che stava facendo la stessa cosa con una penna a sfera e sembrava molto desideroso di starmi dietro. Buona fortuna a lui, ero stato in giro con i coltelli per tutta la vita e facevo questo genere di cose da prima che potessi camminare, quindi ho fatto un passo avanti per andare un po' avanti, solo per vedere quanto tempo ci sarebbe voluto prima che mancasse.
Stavo pugnalando la scrivania tra le mie dita a una velocità che sembrava un ruolo di batteria quando ho notato che la ragazza dall'altra parte mi stava guardando con un senso di stupore, come se non avesse mai visto niente di simile prima. Era piuttosto sexy e guardarla ha interrotto la mia concentrazione per la frazione di secondo necessaria per farmi perdere la scrivania e sfiorare il bordo del mio dito indice con il goniometro. Non era niente in realtà, poco più che un taglio di carta, ma non me ne sono accorto perché in quel preciso momento la sacca che mi stava copiando urlò a squarciagola e cadde a terra, trascinando tutta la sua scrivania con lui. Il motivo per cui la scrivania è caduta e si è posato su di lui era evidente dalla quantità di sangue che gli colava dalla mano perché vedete, mentre io mi ero semplicemente sfiorato, nello stesso istante in cui lui aveva pulito la penna a sfera con la penna mano e si inchiodò efficacemente alla scrivania.
L'intera classe è impazzita, la gente dappertutto urlava in armonia con lo stupido bastardo, alcuni di loro sono svenuti alla vista e ho notato una persona nell'angolo che si gettava nel cestino. Questo genere di cose non mi ha mai infastidito davvero, infatti di solito l'avrei trovato divertente, ma perché era successo quando mi stava imitando? Non c'era modo che sarebbe andato così lontano per copiarmi; forse era appena scivolato per sbaglio e si era pugnalato? Sì, nello stesso posto in cui avevo quasi ragione nel momento in cui stavo pervadendo la ragazza accanto a me? Era una coincidenza troppo grande per gli standard di chiunque.
C'è un vecchio detto, credo sia tratto da un vecchio libro polveroso di Sherlock Holmes. Dice qualcosa del tipo: "Quando hai eliminato tutte le possibilità, qualunque cosa sia rimasta, per quanto improbabile, deve essere la verità". Sono sempre stato interessato a cose come l'Occulto e cose del genere, il paranormale e cose del genere. Non sono uno di quei goti con tre pollici di trucco che siedono nei cortili delle tombe con una tavoletta widgie cercando di parlare con il mio gatto morto o altro, ma mi è sempre piaciuta l'idea che una roba strana come quella sia successa davvero.
L'insegnante ci ha mandati tutti fuori classe e ci ha detto di aspettare nel corridoio, sicuro come l'inferno che batteva ascoltandolo brontolare come se volesse che ci pugnalassimo, mentre cercava di disimpalare la borsa della doccia dalla sua scrivania. Ero seduto su una delle panche basse lungo il muro a pensare a questo quando ho deciso di fare uno stupido piccolo esperimento, sai, solo per dimostrare a me stesso che ero completamente matto e poi potevo lasciare che tutto cadesse.
Seduta di fronte a me c'era la ragazza che aveva ammirato le mie capacità di non pugnalarmi; doveva essere nuova perché non l'avevo vista prima in giro. Era, come sospettavo, tanto sexy dal collo in giù quanto in alto. Aveva un viso dai lineamenti morbidi e una corporatura voluttuosa che mi fece pensare che avesse del sangue tedesco in lei. Era seduta con le mani giunte in grembo come facevano la maggior parte delle ragazze della nostra scuola, l'uniforme era quella che ti aspetteresti in qualche liceo cattolico britannico, non che penso che a nessuno dei ragazzi importasse. Mentre indossavamo abiti simili a completi, la ragazza doveva indossare gonne a quadri, calzini alti fino al ginocchio e top di cotone bianco che aiutano a scatenare l'immaginazione. Durante l'estate potevano indossare gonne più corte per affrontare il caldo, ma meno tessuto significava che dovevano tenere le mani in grembo ogni volta che si sedevano, oppure darci tutti una vista in prima fila sulle loro mutandine. Ad alcune ragazze piaceva allargare di più le gambe quando si sedevano e sembravano godersi l'attenzione, non che nessuna di noi stesse per rimproverarle, credi a me e te.
Ad ogni modo questa nuova ragazza era seduta proprio di fronte a me, parlando con la ragazza accanto a lei e sembrando annoiata quanto me, quando ho deciso di svolgere il mio piccolo test che spero avrebbe funzionato anche se ogni parte razionale di me sapeva che non sarebbe stato così. Misi la mia mano sopra il ginocchio, proprio come lei. Poi, senza sapere davvero a cosa dovevo pensare o su cui dovevo concentrarmi, ho spostato la mano su per la gamba.
È stato uno di quei momenti in cui il tempo sembrava rallentare mentre guardavo in stato di shock totale mentre la mano della nuova ragazza scivolava lentamente sulla gamba, portando con sé l'orlo della gonna, rivelando le sue cosce bianche come la crema. Non ha mai distolto lo sguardo dalla ragazza con cui stava parlando, non sembrava mai rendersi conto che stava mettendo in mostra la sua gamba. Ho deciso di vedere fino a che punto potevo spingermi in questo; Continuai a muovere la mano su per la gamba e la guardai seguire l'esempio. Per provare a me stesso che questa non era una coincidenza, ho trascinato la mia mano fino alla cintura dei miei pantaloni e l'ho vista alzare la gonna altrettanto in alto.
La ragazza con cui stava parlando all'improvviso le indicò una gamba e iniziò a ridere e la testa della nuova ragazza si girò di scatto per vedere che stava sfoggiando le sue mutandine di pizzo rosa a tutta la classe. Come ha sempre fatto e sempre accadrà in una scuola superiore, le risate hanno attirato l'attenzione di tutti fino a quando all'improvviso l'intera sala è stata piena di urla, risate, fischietti di lupi e richiami di gatti. La nuova ragazza è diventata di un rosso acceso ma non si è mossa per coprirsi, sembrava volesse scappare e nascondersi ma qualcosa la stava fermando. Quel qualcosa ero io. Ho mantenuto il mio corpo più immobile che potevo e ho visto che lei stava facendo lo stesso, i suoi occhi erano i suoi mentre sfrecciavano in giro guardando i volti beffardi del suo nuovo compagno di classe. La sensazione per me era strana, a parte la fretta che provavo per il potere assoluto sul corpo di qualcun altro, c'era anche un brivido formicolio proprio alla base del mio cranio, come se qualcuno ci avesse messo un cubetto di ghiaccio che si scioglieva. Mi chiedevo cosa significasse, quel secondo di perdita di concentrazione era tutto ciò che sembrava necessario per interrompere la connessione quando la ragazza improvvisamente balzò in piedi e fuggì lungo il corridoio, seguita dai richiami dei suoi compagni di classe.
Ero estatico, voglio dire, mi sentivo letteralmente come se ci fossero circa tre milioni di volt che mi attraversavano. Potrei controllare le persone, cazzo! Potrei costringerli a fare tutto ciò che volevo! Questo è stato come un sogno che si è avverato per me; ma dato come tante cose nella vita sono più complicate di quanto appaiono per la prima volta, sono stato costretto a chiedermi fino a che punto potevo spingermi. Voglio dire, queste persone potrebbero reagire? C'era un limite al quale potevo controllarli prima che riuscissero a fermarmi? Dovevo scoprirlo, dovevo trovare un modo per testare il mio nuovo regalo trovato; è stato davvero divertente, ho sempre voluto essere in grado di controllare le persone, ora credo di avere il modo perfetto per farlo.

Ho deciso che la mia vittima, o soggetto di prova, quale preferisci, sarebbe stata qualcuno su cui avevo già dimostrato di poter esercitare il controllo. No, non il sacco da doccia che giaceva in ospedale con una mano piena di punti di sutura, ero molto più interessato alla nuova ragazza. Avevo visto che potevo controllarla fino a un certo punto, quindi se c'era qualcuno su cui testarlo suppongo che fosse meglio iniziare facilmente.
Ho chiesto in giro e ho scoperto che si chiamava Fiona, era formata da qualche parte di cui non ricordo il nome, ma a quanto pare fanno una specie di tè lì, insieme a donne dall'aspetto fantastico. È stata qui solo per un paio di settimane e sembrava essersi tenuta per lo più da parte per alcune di quelle persone che vedono come il loro lavoro "accogliere" nuove persone nella nostra comunità scolastica. In altre parole, ragazze che mangiavano troppo zucchero e pensavano ancora di essere le migliori amiche di tutti e i ragazzi che volevano mettersi nei suoi pantaloni mentre lei stava ancora cercando di stabilirsi nella nuova scuola. Un mucchio di fottuti segaioli in altre parole. Bene, stavo per fare quello che tutti stavano cercando di fare, ma forse non nello stesso modo.
Ci è voluto un'eternità per andare in giro per la pausa pranzo. I paramedici si sono presentati e sono riusciti a tirarlo fuori dal tavolo, quella che pensavo fosse la mia prima vittima. Lo strumento non sarebbe nemmeno uscito dall'aula da solo; L'ho sentito insistere con i medici finché non hanno portato la barella e l'hanno portato fuori. Probabilmente stava cercando di ottenere un voto di simpatia per le ragazze o almeno per gli insegnanti, sperando che non gli avrebbero fatto troppe domande su come e perché si era così efficacemente inchiodato alla scrivania.
Tuttavia non ero preoccupato per questo, mi stavo concentrando su come avrei ottenuto Fiona da sola e cosa le avrei fatto una volta che l'avessi fatto. Ho passato circa un'ora seduto in quel corridoio ad esercitarmi, ho pensato che come qualsiasi abilità o abilità fosse qualcosa che potresti migliorare con la pratica, solo ripetizione e ripetizione. Prima che suonasse il campanello avevo fatto alzare in piedi diverse persone, alcune persone picchiavano le persone accanto a loro, due ragazze molto diverse si strofinavano tra le gambe ed ero anche riuscita a far fare ad alcune di loro senza muovere un muscolo del mio proprio, solo visualizzandolo nella mia mente.
Quando finalmente potemmo trascinare i nostri culi doloranti dalle fredde panche di legno e stenderci, mi guardai intorno in cerca di Fiona. Non era tornata dopo aver mostrato l'intera classe, non che nessuno oltre a me sembrasse averlo notato. Immaginavo che fosse andata nel posto dove andavano tutte le ragazze quando erano imbarazzate o spaventate o semplicemente sconvolte. Mi sono diretto verso il bagno più vicino; il bello della nostra scuola era che erano quella strana combinazione di poveri e nuovi. Ciò significava che avevamo qualcosa che ritengo piuttosto unico per la nostra scuola: bagni misti. Erano piccoli e avevano solo servizi igienici invece di orinatoi, ma erano la fonte di molte storie, voci e, per così dire, eventi "discutibili".
Entrai e subito la vidi in piedi davanti al lavandino a fissarsi allo specchio. Era alta con lunghi capelli biondi, grandi occhi castani e un culo tondo e stretto che veniva mostrato magnificamente dal modo in cui era appoggiata al lavandino. Non le ho nemmeno dato una possibilità, mentre entravo nella stanza ho allungato la mano e l'ho afferrata con la mente, tenendola ferma. Mi sono girato e ho chiuso a chiave la porta dietro di me, un pezzo di vista che potrebbe semplicemente non possedere, portando così a molti degli eventi "discutibili" che ho menzionato. Mi voltai per guardarla, la maggior parte delle donne sarebbe stata un po' nervosa all'idea di essere rinchiusa in bagno con un perfetto sconosciuto, ma non ha nemmeno sussultato. Anche se il motivo per cui non stava muovendo un muscolo era perché le stavo dicendo di non farlo; o almeno stavo pensando che le stavo dicendo di non muoversi, se questo ha un senso.
Mi sono avvicinato dietro di lei e ho messo le mie mani sui suoi fianchi; ancora una volta non si mosse affatto, rimase lì e continuò a fissarsi allo specchio. Ho fatto scivolare le mani intorno fino a quando l'ho tenuta in giro per l'attesa, il mio cazzo che si stava rapidamente indurendo premuto tra i suoi culi flessibili. Mentre pensavo che iniziasse a stare un po' più dritta fino a quando la mia faccia non fu sepolta nei suoi capelli profumati, mi ricordai di aver sentito parlare di un film intitolato "Il profumo di una donna". Non l'ho mai visto in realtà, ma ho comunque visto il titolo come piuttosto profondo; c'è solo qualcosa nell'odore delle ragazze, nella combinazione di profumo, balsami e quell'aroma delicato che aleggia naturalmente intorno a loro che fa impazzire gli uomini, o almeno me, totalmente impazziti dal desiderio.
Si girò sul posto con una specie di sussulto meccanico dei fianchi, come se le sue ginocchia si rifiutassero di piegarsi. Si voltò finché non si trovò di fronte a me e io potei guardare quei profondi occhi marroni, occhi che ora sfrecciavano intorno, spaventati sull'orlo del panico. Mi sono concentrato sui suoi occhi, ho cercato di rimanere fermo in modo che potesse guardare solo me; ma per quanto mi sforzi, hanno continuato a muoversi da soli.
'Bene allora' ho pensato tra me e me, facendo attenzione a non perdere la concentrazione in Fiona per così dire 'lascerò che tenga i suoi occhi, almeno finché non imparerò a controllarli anche io'.
Mentre ci pensavo, cadde lentamente in ginocchio, di nuovo con un movimento a scatti, fino a inginocchiarsi di fronte a me. Ho rapidamente decompresso i miei pantaloni per rivelare il mio cazzo ora eretto; qualcosa nell'avere così tanto potere su una donna era davvero inebriante al punto che ero diventato completamente eretto senza che me ne accorgessi. A mio piacimento, voglio dire senza che io ci pensassi, aprì la bocca e iniziò lentamente a ingoiare tutti e sette i pollici del mio cazzo. Potevo vedere i suoi occhi aprirsi, sono scioccato mentre mi chinavo e iniziavo a forzarmi giù per la sua gola. Lo sguardo nei suoi occhi sarebbe stato più appropriato per qualcuno che si stava dimenando, cercando di respingere un aggressore. Ma le sue mani pendevano flosce al suo fianco, fino a quando ho pensato che sarebbe stato fantastico per lei iniziare a usarle per qualcos'altro. L'idea si era appena formata nella mia mente quando la sua mano si alzò dal pavimento e afferrò delicatamente il mio sacco di palline dolorante. L'altra sua mano si alzò e iniziò a massaggiare la base del mio albero. Invece di convincerla a farmi un pompino, le ho tenuto la testa a posto con la mente e ho iniziato a fotterle la faccia. La sua gola iniziò a stringersi intorno alla testa del mio cazzo, non so se fossi stata lei o me ma buon dio in cielo si sentiva bene.
Durante tutto ciò, si muoveva a malapena, a parte i suoi occhi. Si è semplicemente inginocchiata lì, le sue mani si muovevano delicatamente intorno alle mie parti sensibili e la sua gola si agitava attorno al mio cazzo. Funzionava, funzionava, cazzo! Qui stavo conficcando il mio cazzo nella gola di una donna che ovviamente era piuttosto riluttante a lasciarlo fare ma c'era una merda che poteva fare al riguardo.
Volevo di più, non la sensazione del mio cazzo che scivolava dentro e fuori dalla sua gola, anche se era fantastico, volevo più di questa sensazione di controllo. Volevo superare tutte le barriere che potevo e governare completamente il suo corpo. Smisi di infilarmi nella sua bocca aperta e le ordinai di alzarsi; si alzò in piedi come un meccanismo a orologeria, come se i suoi arti fossero controllati da ingranaggi invece che da muscoli e tendini, finché ancora una volta la guardai negli occhi terrorizzati. Al mio volere si appoggiò allo schienale per sedersi sul bordo del lavabo, scivolando indietro fino a quando i suoi piedi non lasciarono il pavimento e le sue gambe iniziarono ad aprirsi. Si chinò e sollevò la gonna, questa volta con entrambe le mani, e fece scivolare le mutandine fino alle ginocchia rivelando la figa. Si era rasata i suoi soffici peli pubici biondi in una piccola pista di atterraggio, molto sexy.
Ho allungato una mano e le ho sbottonato la camicia; una volta aperto, mi sono chinato come se dovessi abbracciarla e le ho sganciato rapidamente il reggiseno. Mentre lo facevo, la mia testa si appoggiava brevemente al suo petto, potevo sentire il suo cuore battere come una mitragliatrice. Non sono un dannato dottore ma la sua frequenza cardiaca era molto più alta di quanto avrebbe dovuto essere, perché pericolosamente alta. Ma non mi importava di questo; Avevo una ragazza delle gole completamente sotto il mio controllo e sarei dannato se non ne avessi approfittato.
Ho messo il mio cazzo bagnato all'ingresso della sua vagina e lentamente ho iniziato a scivolare nel suo caldo tunnel dell'amore. Ho sentito il suo corpo contrarsi mentre lo facevo e mi sono sporto in avanti per prendere uno dei suoi capezzoli in bocca. Mentre le leccavo e succhiavo la sua areola, si è indurita e ho sentito la sua figa più stretta e bagnata. Non volevo che accadesse, ma stava ancora accadendo, forse una specie di riflesso istintivo, qualcosa che andava oltre il controllo che stavo esercitando su di lei. Ho messo la mia mano sui suoi fianchi e ho iniziato a scopare lentamente la sua figa stretta. Mentre mi muovevo, iniziò a muoversi con me, alzando il fianco per incontrare il mio quando mi spingevo in avanti e tirando indietro mentre scivolavo fuori. Non la stavo solo scopando; mi stava ricambiando il cazzo, rispecchiando i miei movimenti proprio come aveva fatto nel corridoio. Ho iniziato a scoparla più velocemente e lei mi ha abbinato mossa per mossa. I suoi capelli le ricadevano sul viso dandole quello sguardo di una troia disperata, i suoi occhi smisero di guardarsi intorno in cerca di un aiuto che non sarebbe arrivato e invece mi guardarono dritti. Si stava divertendo, potrei dire, e mi stavo davvero divertendo; noi due stavamo impazzendo ora, senza fare nemmeno un rumore, la stavo fottendo a sangue e lei stava lanciando l'anca in avanti con la stessa forza di me. Potevo sentire lo sperma ribollire nelle mie palle, quindi l'ho afferrata per i fianchi e mi sono seppellito fino all'elsa in lei. I nostri volti erano a malapena un centimetro di distanza e ho visto i suoi occhi tornare nella sua testa. Mi sono sparato dentro di lei, dimenticando tutti i pensieri sulla contraccezione e sulla protezione mentre arrivavo e potevo dire che anche lei stava venendo, anche se non riesco a spiegare come lo sapevo.
Stavo respirando pesantemente mentre tiravo fuori il mio cazzo fradicio dalla sua figa gocciolante. Rimase proprio dov'era; il sudore ora le brillava su tutto il corpo e i suoi occhi mi fissavano dritti. Ho preso una manciata di asciugamani di carta dal dispenser e mi sono asciugato l'uccello prima di rimetterlo nei pantaloni. Fiona rimase dov'era, seduta sul lavandino come una specie di robot a orologeria a gettoni che si fosse scaricato. Ho cercato di mantenere il controllo su di lei il più a lungo possibile mentre mi avvicinavo e aprivo la porta. L'ultima cosa che volevo era che riprendesse il controllo del suo corpo e iniziasse a urlare stupro nel bel mezzo del bagno della scuola. Continuavo a concentrarmi su di lei mentre sgusciavo fuori dalla porta e mi voltavo per camminare lungo il corridoio ormai vuoto, avevo percorso una dozzina di passi prima di sentire un urlo sconvolgente. Non era un urlo di dolore o rabbia, era un urlo di puro, sfrenato piacere, come se il più grande orgasmo della sua vita fosse stato impacchettato in pochi secondi e l'avesse colpita in quel bagno. Un'insegnante ha fatto capolino da una porta e ha guardato verso il bagno, ma a quel punto le ero già passato, fuori dal suo campo visivo e dietro l'angolo prima che potesse girarsi.

Ho deciso di saltare gli ultimi periodi di scuola e di tornare a casa. Sapevo che se fossi rimasto a scuola avrei passato tutto il giorno a praticare il mio nuovo potere e non avrei davvero imparato nulla dagli insegnanti, non che fosse una novità. Non appena sono stato a casa mi sono cambiato e sono saltato direttamente al computer, ho acceso Internet e ho trascorso le prossime ore a fare ricerche, beh, sarò onesto, non avevo idea da dove cominciare. Ho appreso che quasi tutte le culture del pianeta avevano una specie di storia su persone che potevano controllare i corpi degli altri. Alcuni li chiamavano maghi o demoni o addirittura semidei; non che pensassi a me stesso come a un dio, anche se sarebbe stato molto bello.
Erano appena passate le quattro quando il telefono ha raggiunto la portata. Ho risposto aspettandomi che fosse un venditore di telemarketing e mi chiedevo se sarei stato in grado di controllare le persone al telefono e poi di picchiarsi a morte con il proprio ricevitore.
"Ciao Damien", disse una vecchia voce europea scoppiettante "Buon compleanno".
“Ciao nonno,” dissi. Anche se mia madre non andava molto d'accordo con suo padre, gli parlavo sempre. Ha tenuto a chiamarmi il giorno del mio compleanno ogni anno, come fanno la maggior parte dei nonni.
"Come è andata la tua giornata?" ha chiesto "È successo qualcosa di interessante?"
"Beh", ho pensato per un momento di raccontare quello che avevo scoperto su di me, ma ho deciso di non farlo. "Non proprio, solo le solite cose."
"Quindi non è successo niente di strano?" disse mio nonno con voce sorniona. “Non hai imparato niente di nuovo? Ad esempio, come fare in modo che le persone facciano quello che vuoi?"
Il mio sangue si è trasformato in ghiaccio nelle mie vene; Ho dovuto sedermi un momento. 'Come?' Ho pensato tra me e me 'Come potrebbe mai essere a conoscenza di questo?' Mi sono reso conto che stavo respirando pesantemente quando ho sentito mio nonno ridacchiare dall'altra parte della linea.
"Va tutto bene figliolo", ha detto, "so cosa sei e so cosa ti succede. La stessa cosa è successa a me il giorno del mio diciassettesimo compleanno, non è niente di cui aver paura".
"E allora che c'è?" chiesi, forse un po' rudemente ma al diavolo i convenevoli "E come fai a saperlo?"
"Rilassati", ha detto, "penso che tu venga a casa mia, dobbiamo parlare".
Continua

Storie simili

La mia cugina preferita, la mia troia preferita - Pt. 2

La mattina dopo mi sono svegliato e ho trovato la stanza vuota, Erin si era svegliata e se n'era andata prima di me. Era metà mattina e ho pensato che mi sarei vestito e sarei andato a casa. Ero preoccupato per come si sentiva Erin la scorsa notte e come avremmo cercato di mantenere la nostra conversazione normale dopo quello che era successo. Sapevo di essermi goduto tutto la notte scorsa, infatti, finché non è successo, non mi rendevo conto di quanto desiderassi mio cugino minorenne, per quanto terribile sia in realtà. Lei voleva me e io volevo lei e ieri...

594 I più visti

Likes 0

Ballo lento_(0)

Una volta nella vita, ti imbatti in un partner molto potente e forte, uno che può spazzarti via in un batter d'occhio... uno che promette di essere il massimo amante memorabile che tu abbia mai avuto. Molte persone cercano invano di trovare un tale amore - il mio è entrato nel mio ufficio un giorno. Ero seduto alla mia scrivania, lavorando sodo... e mi è capitato di alzare lo sguardo per vedere il l'uomo dei miei sogni che aspetta fuori dall'ufficio del mio capo. L'aura di potere che irradiato da quest'uomo è stato sufficiente per farmi smettere di lavorare sull'urgenza progetto...

475 I più visti

Likes 0

Heather e Ava si trasferiscono

È tardi quando vengo a varcare la soglia. Heather tiene il braccio intorno alla vita di sua figlia Ava. Sono in piedi nell'atrio vestiti solo con una delle mie camicie. Ava è una bellissima giovane donna proprio come sua madre Heather. Ti siamo mancati? Heather mi dice con un sorriso d'intesa. Puoi scommetterci, dico incontrandoli a metà strada. Heather alza le labbra per un bacio, che ho incontrato. Ava inizia a baciare il collo di Heather. Le mani di Ava scivolano tra di noi, una mi accarezza mentre l'altra strofina la figa di Heather sotto la sua maglietta. Li accarezzo entrambi...

755 I più visti

Likes 0

Attrice e io (Pt 3 Viaggio a ovest)

Ho guardato l'aereo taxi per la pista e decollare. Me ne andai e tornai a casa con le lacrime agli occhi perché già mi mancava. Ho girato per il cottage in motorino per il resto della giornata. Più tardi quella notte chiama per dire che è arrivata a casa sana e salva. Abbiamo chiacchierato per un'ora sul suo soggiorno di 2 settimane qui. Dopo che ha riattaccato, mi sono sentito un po' meglio e sono andato a letto. L'estate dell'82 è passata rapidamente all'autunno e abbiamo parlato numerose volte di quando sarei venuto a farle visita a ovest. Ho continuato a...

632 I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

618 I più visti

Likes 0

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

525 I più visti

Likes 0

Schiavo delle Amazzoni

Farsi catturare fa schifo. Tende a coinvolgere cose come pisciarti per il terrore, mentre le terrificanti Amazzoni tengono le loro lance mortalmente ferme sul tuo pomo d'Adamo, lasciandoti troppo spaventato da ingoiare. Essere fatto prigioniero fa schifo. Implica infinite marce ammanettate e crudeli frustate ogni volta che inciampi o vacilli. Essere venduti come schiavi fa schifo. Si tratta di stare nudi sotto il sole cocente, mentre le Amazzoni borbottano e si scherzano a vicenda su di te, mentre la tua gola si secca e un sottile strato di polvere ti addolcisce. L'inizio di essere uno schiavo non è stato così male...

579 I più visti

Likes 0

Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze. Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui...

123 I più visti

Likes 0

Lussuria parte 2

Parte 2 Mentre tornavo a casa dalla palestra ho potuto notare l'umidità che usciva dalla mia figa. Ero davvero emozionato perché finalmente cose del genere non mi sembravano più così sbagliate. Sapere che mio marito stava approvando tutto ciò che stavo facendo, è stata una grande svolta per me. Quando sono tornato a casa non c'era nessuno. Sono andato di sopra, sono salito sul letto e ho guardato i due video che avevo nel telefono. Entrambi erano estremamente espliciti e mi hanno fatto così eccitare che ho dovuto prendere il mio vibratore e masturbarmi proprio lì. Quando mio marito è tornato...

957 I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

603 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.