Annie e il lupo

352Report
Annie e il lupo

La mia vita non è mai stata particolarmente facile, i miei genitori sono morti in un incidente stradale quando avevo solo tre anni, quindi non capivo del tutto di perderli ma non ha reso più facile non averli.

Sono finita nelle cure di mia nonna, una donna che stava per raggiungere i 90 anni, ha fatto del suo meglio per crescermi e io non ho chiesto molto, quindi per quanto riguarda i vestiti, ho preso abiti semplici, voluminosi e un po' tozzi.

Gli abiti voluminosi mi offrivano un vantaggio, nascondendo il mio corpo. Non sono mai stata orgogliosa di come progredisco fisicamente più velocemente delle ragazze della mia età, avevo 13 anni e già un seno di taglia 32E, dovendo indossare un brutto reggiseno bianco sporco, ma ancora una volta, è tutto ciò che mia nonna poteva permettersi. All'età di 10 anni il mio seno è germogliato, a 11 anni indossavo già un reggiseno da allenamento economico e a 12 avevo 38°C.

Non mi sono mai fatta molti amici a scuola, per lo più venivo evitata e insultata, venivo chiamata grassa a causa dei miei brutti vestiti. Una parte di me soffriva, l'altra era contenta che nessuno sapesse del mio corpo, mi sentivo a disagio e mi vergognavo anche un po', perché non conoscevo nessuno con cui parlare di questo genere di cose.

Finché un giorno...

Spesso sceglievo di andare a scuola a piedi, sperando di prolungare il mio tempo lontano dagli altri. La mia passeggiata mi ha portato attraverso una piccola zona boscosa, un po' di terra era stata calpestata molto tempo fa per creare un sentiero poco chiaro, ho notato nuove tracce, lasciate da pneumatici e all'inizio però qualcuno era passato in bicicletta.
Ma ho cominciato a sentire dei suoni, suoni come grugniti e ansimanti.

Non ero esattamente vestita per esplorare i boschi, con addosso il mio vestito voluminoso, un reggiseno semplice, biancheria intima vecchio stile chiamata mutandine della nonna, scarpe da ginnastica semplici e i miei capelli castano scuro legati in uno chignon, ma ero interessato a sapere cosa stava facendo quel suono, camminando lentamente tra i cespugli, ho sentito dei rumori provenire da un gruppo di alberi, ho fatto capolino lentamente, sono arrossito a quello che ho visto, una donna era sdraiata su una moto, con la camicetta aperta, i suoi seni che sussultavano mentre gemeva, il suo testa arrotolata e gambe divaricate, la gonna sollevata, un uomo si stava infilando dentro di lei, era nudo, ho visto i suoi vestiti a pochi centimetri da lui nella terra, da dietro ho potuto vedere solo i muscoli della schiena, le gambe, le sue braccia, le sue natiche che stringevano ad ogni spinta, non conoscevo quella donna, non che conoscessi molta gente in città, rimasi ipnotizzato da tutto questo e osai guardarlo più da vicino.

Camminando il più silenziosamente possibile verso l'albero successivo, con i cespugli che quasi si impigliavano nel mio vestito, ho colto una vista laterale del volto dell'uomo, era bello, con lineamenti robusti, occhi scuri, un sorriso diabolico, sudore formato sulla sua fronte mentre spingeva di nuovo e Ancora. Mi sono sentito tremare e la mia figa vergine formicolare.
La donna gridò "oooh...ooh..dio sì...mmm..." e una parte di me soffriva, desiderando essere quella donna.
Quando ho alzato lo sguardo sul viso dell'uomo ho visto che mi stava guardando, sorridendo, spingendo ancora in profondità nella donna, non parlava, ma alzava un dito con la mano, indicando che avrei dovuto aspettare.

Non mi sono mosso, non potevo... non volevo. Ero stupito, volevo conoscere quest'uomo eppure ero terrorizzato nel profondo, era un estraneo, poteva essere un assassino o peggio. Lo guardai mentre si sollevava, spingeva e infine grugniva, lasciandosi andare nella donna, dopo che scivolò fuori da lei, vidi il suo membro, era grosso, non avevo mai visto il pene di un vero uomo ma era tremendo, quasi sette pollici lungo e largo più di un pollice e mezzo. Luccicante di sperma e succo di figa.
La donna si abbottonò la camicetta, si aggiustò la gonna e disse "beh... buona giornata". L'ho riconosciuta ora, era l'insegnante di matematica per i bambini più piccoli della mia scuola. Non potevo crederci.

Ma mentre si avviava verso la scuola, l'uomo parlò con voce sicura, forte, potente.
"Beh, giochi a nascondino o ti fai vedere?"
Tremavo ma sapevo che non sarei mai riuscito a superarlo e non volevo.

Sono uscito da dietro l'albero e sono arrossito leggermente, guardando a terra, lui ha fatto un ampio sorriso e ha fischiato "Mmm... cosa sexy".
Mi sono sentito diventare ancora più rosso nelle guance, guardandolo negli occhi, come pozze d'acqua scure, ho chiesto "s..sexy? me?"
Lui annuì "Certo, di chi altro dovrei parlare?" si avvicinò a me
Ho sentito la schiena irrigidirsi e ho detto "No..sono brutto...grasso..lo dicono tutti i ragazzi"
Ha riso un po', ho pensato che se i lupi potessero ridere, suonerebbe così.
Allungò la mano e mi prese delicatamente il mento "Penso di non riuscire a capire che aspetto abbia una bella signora...?"
Mi sentivo congelato, nella paura, nella lussuria, nel desiderio, non lo sapevo ma ho detto "Ho 13 anni...non...non una signora"
La sua mano destra mi teneva il mento, la sua sinistra si allungò, trovò il mio fianco e accarezzò delicatamente i cerchi lenti che mi fecero indebolire le ginocchia, emisi un'involontaria fusa di piacere e lui sorrise "Sei una signora... bella. ."

Detto questo si è avvicinato e mi ha baciato le labbra, il suo respiro caldo, il viso un po' affilato dalla barba sottile, ha preso il mio primo bacio, succhiando e accarezzando le mie labbra con le sue e ho sentito le mie labbra cercare di ricambiare la passione che mi aveva dato, il mio corpo tremava di gioia febbrile e avrei voluto allungare la mano e fargli scivolare le braccia attorno al collo, tenerlo stretto ma sono rimasta lì.

Tirò indietro le labbra e mi sorrise "Una bella signora come te... merita un vero letto... non il retro della mia bicicletta come quella sgualdrina da due soldi... andiamo" andò alla sua bicicletta, vestendosi velocemente, si sedette in pelle e denim in cima alla scintillante macchina che solo pochi istanti prima fungeva da letto improvvisato per lui e l'insegnante.
Ha picchiettato delicatamente sul sedile dietro di lui, ho guardato lui, il sedile e ho fatto la mia scelta.

(ditemi cosa ne pensate della prima parte, se vi è piaciuta fatemelo sapere e presto pubblicherò la seconda parte).

Storie simili

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

1.5K I più visti

Likes 1

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.4K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 12

Capitolo dodici PRESTIRO Yavara era di buon umore, avendo ricevuto il messaggio stamattina che sia Brock che Elena erano vivi e stavano bene. Da quello che il piccolo Zander aveva rischiato di mettere sulla pergamena, ho dedotto che aveva messo in atto dei piani per trovare un Froktora. Brock mi piaceva, davvero, ei Terdini erano famosi per la loro forza e le loro dimensioni, ma erano semplicemente un clan troppo piccolo. I Protaki erano la tribù più numerosa di The Pines, ma anche loro impallidivano in numero rispetto alle orde di The Tundra. Le dieci tribù di The Tundra (giustamente chiamate...

1.4K I più visti

Likes 0

Sesso con la mia babysitter

Sono una vergine di 17 anni. Sì l'ho detto. Ho avuto delle fidanzate ma non sono durate abbastanza a lungo da poterle scopare. Penso solo che non ci sarà mai un giorno in cui potrò farlo con una bella ragazza. Sono probabilmente l'unico ragazzo della scuola che non l'ha ancora fatto. Vabbè.. Comunque oggi è venerdì ei miei genitori stanno uscendo, il che significa che sarò bloccato con una babysitter. I miei genitori pensano ancora che io sia un bambino piccolo. Giuro che potevo sentire i bambini a scuola che mi prendevano in giro. Hunny... vieni qui disse la mamma. Sono...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

1.1K I più visti

Likes 0

Wonder Woman e l'anello del potere rosa

Sin dalla guerra della luce, Diana non aveva smesso di pensare alla sua esperienza con l'anello rosa. Certo, le dava immensi poteri indicibili e il potere dell'amore era intenso, ma c'era un altro effetto collaterale dell'anello che Diana non si aspettava. L'anello rosa l'aveva fatta arrapare oltre ogni immaginazione! Non aveva mai provato una tale euforia, ed essere vicina all'orgasmo per ore e ore le stava, francamente, cambiando la vita. Ora si ritrovò a pensare a poco altro. È stato un risveglio per la supereroina altruista che faceva sempre buone azioni per gli altri. L'improvvisa ondata di piacere per la sua...

977 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.