La coppia sottomessa

542Report
La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto.
Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone.
Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone.

Adesso era davanti a casa loro. A casa sua, finché è stato lì. Il giovane aveva uno zaino con alcuni giocattoli che voleva provare e una lista di regole che sarebbero state appese nel soggiorno. Per precauzione aveva addirittura incorniciato la lista, come se fosse una foto.
Seth suonò il campanello e John aprì la porta. Leggermente più basso di Seth, John aveva capelli neri senza peli sul viso, una corporatura muscolosa e occhi castani. Indossava solo un paio di boxer e un papillon nero, come gli era stato detto.
"Benvenuto padrone." John parlò mentre guardava Seth. «Occhi bassi. Uno schiavo guarda il suo padrone solo quando gli viene dato il permesso.' Seth parlò brevemente. "Mi dispiace, Maestro." disse John abbassando lo sguardo, senza osare guardare di nuovo il suo padrone negli occhi. L'uomo si trascinò verso il soggiorno e Seth lo seguì.
La sua ragazza Mary era già in posizione espositiva. Aveva i capelli neri e ricci e gli occhi azzurri. Aveva una pancia morbida e delle belle gambe. Mary indossava un perizoma blu e un reggiseno dito.
Non appena Seth entrò, John raggiunse la sua ragazza in posizione di esposizione; in posizione eretta, le ginocchia leggermente piegate e le mani dietro la schiena.

Seth si avvicinò lentamente a una sedia, lasciò cadere la borsa e si sedette. 'Dammi una birra.' Disse ai due, chiedendosi chi avrebbe agito per primo. Fu John ad agire e ad avviarsi verso la cucina. Un minuto dopo tornò con la bevanda e, dopo averla data al suo padrone, si mise di nuovo in posizione.
Seth si prese un minuto per guardarli. Lui fece un passo avanti e le strofinò i seni di Mary. Una buona Coppa C. Poi le ha dato una pacca sul sedere e ha afferrato John per l'inguine. Seth notò che John era già mezzo duro. Gli diede anche una pacca sul sedere e si sedette di nuovo.
Dopo un sorso di birra, Seth tirò fuori dalla borsa la lista con le regole.
"Regola 1. Voi due siete miei 24 ore su 24, 7 giorni su 7, finché non decido di rilasciarvi o di darvi a un altro proprietario." Seth guardò i due, cercando i loro occhi. Voleva vedere in loro sia la paura che l'eccitazione poiché questo era molto importante e quasi un impegno permanente. Quando vide che non se ne pentivano, continuò. "Posso decidere di utilizzare uno di voi o entrambi insieme a casa vostra, a casa mia o in qualsiasi altro posto che ritengo opportuno." La coppia annuì.
"Regola numero 2. John sarà lo schiavo 1 e Mary sarà la schiava 2. Ti chiamerò schiavo 1 o schiavo 2. I tuoi nomi non significano niente per me."
Senza aspettare una risposta, Seth continuò. «Regola 3. Ogni decisione importante verrà presa con il mio consenso. Se c'è qualcosa che cambia la vita, ho l'ultima parola." Si trattava più di un'estensione della regola 1 ma Seth voleva che fosse chiaro. Anche queste erano tutte cose che erano state discusse e concordate in precedenza.
"Regola 4." Voi due potete fare sesso solo con il mio permesso diretto. Se vuoi fare sesso, chiedimelo e spiegane il motivo. Approverò o rifiuterò la tua richiesta.' Questa era una delle regole che Seth sperava venissero infrante. Se era così, aveva una bella gabbietta per il gallo di John.
I due annuirono e Seth continuò.
'Regola 5. Voi due riceverete dei collari e potrete toglierli solo con il mio diretto permesso' A questo punto Seth notò che entrambi squittivano un po'. Ovviamente pensavano al loro lavoro, ma a Seth non importava.
'Regola 6. Quando deciderò di dormire qui, dormirò nel letto con uno di voi. L'altro dormirà in un posto di mia scelta.' Ciò che non ha ancora detto è che con i loro soldi intende acquistare una gabbia per cani, che sarà il luogo in cui l'altro partner dormirà. Anche questo lo ha portato alla regola 7.
'O tu o io spenderemo i tuoi soldi per cose che miglioreranno la nostra relazione o per cose di cui avrai bisogno come schiavo. Se spendo i tuoi soldi, o restituisci i soldi che ho usato oppure porto uno di voi con me.' Nelle conversazioni i due avevano chiarito che era giusto spendere i loro soldi se era per loro. A Seth non era permesso usarlo per il suo guadagno personale e lui era completamente d'accordo. Non era interessato a questo per i soldi, ma sentiva che avrebbero potuto pagare per le cose di cui avrebbero avuto bisogno.
'Regola 8. Ho l'ultima parola su come ti vesti. Se voglio che ti vesti per una certa occasione, te lo farò sapere in anticipo e sarai vestito così al mio arrivo.
Regola 9. Se hai ospiti quando vengo, voi due dovete spiegare la situazione o allontanarli rapidamente. Se non se ne vanno entro dieci minuti, spiego la situazione e ordino loro di andarsene.' Questo era stato un punto difficile da discutere, dato che volevano che il mondo esterno sapesse il meno possibile del loro nuovo stile di vita, ma Seth non voleva avere a che fare con altre persone intorno. Questo è stato un buon compromesso.
"Regola 10. Questa lista sarà appesa nel tuo soggiorno così potrai leggerla ogni singolo giorno." I due annuirono. "Per la mia prossima visita, lo voglio appeso alla porta." E ancora un cenno, questa volta da parte di John.
«Ora un'altra cosa importante. 'Se uno di voi pronuncia la parola Matita, interrompo direttamente quello che sto facendo. Farò anche qualsiasi cosa con cacca, vomito o sangue.' Era stata concordata la parola di sicurezza, come limiti rigidi della coppia.
'Accetti?' chiese Seth. 'Sì maestro.' Arrivò la risposta di Giovanni, seguita dal sì maestro di Maria.

Seth guardò i due, chiedendosi quale avrebbe usato per primo il primo giorno ufficiale in cui sarebbe diventato suo schiavo. Aveva già in programma diverse attività divertenti. Alcuni includevano solo Maria mentre altri li includevano entrambi. Forse a volte poteva includere anche Barbara. Ma quelli erano discorsi futuri. Per prima cosa Seth voleva giocare con i suoi nuovi giocattoli.
«Schiavo due. Togli i boxer allo schiavo uno.' disse Seth. Mary alzò lo sguardo, annuì e si avvicinò al suo ragazzo. Con un bel strattone tirò giù i boxer e apparve un pene molto piccolo. "Non c'è da stupirsi che la tua ragazza cerchi altre attenzioni." Seth parlò mentre lo guardava. «Voltati e mostrami il culo. John si voltò e Seth vide che l'asino era sodo ma piccolo. Si avvicinò a lui e gli diede una pacca sul sedere. "Sei mai stato scopato lì?" 'No signore.'
"Schiavo due, lecca il culo dello schiavo 1." disse Seth voltandosi di nuovo. "Sì, Maestro", rispose Maria mettendosi a quattro zampe e cominciando a leccare il culo di suo marito. Seth prese qualcosa dalla borsa e guardò i due lavorare. "Schiavo 2. Ecco." Mary alzò lo sguardo e vide un butt plug che le veniva lanciato. Sapendo cosa fare, lo prese in bocca e lo bagnò.
"Vuoi che lo metta?" chiese Maria. 'Signore.' Seth la corresse. «Vuole che lo inserisca, signore? Il nuovo schiavo ci riprovò. "Sì." Seth sorrise vedendo come lei spingeva il plug anale nel culo del suo ragazzo, che gemette quando entrò.

«Alzatevi di nuovo tutti e due», ordinò loro Seth. I due fecero quello che gli era stato detto e Seth comandò nuovamente. «Schiavo uno. Spoglia lo schiavo due.' 'Si signore.' rispose John mentre camminava lentamente verso la sua ragazza. Era evidente che aveva problemi con la spina.
John prima ha slacciato il suo brah e le coppe C sono scappate dalla loro trappola. Seth ne afferrò uno, lo strofinò e ci giocò per un po' prima di succhiare il capezzolo. 'Carino.' Parlò mentre il maestro gli faceva cenno di continuare. 'John poi tirò giù il perizoma della sua ragazza, scoprendola per la prima volta davanti al loro nuovo padrone. La fica era rasata e calva e quando Seth inserì un dito la trovò bagnata ma tesa. "Non c'è da stupirsi che tu sia così stretto, con un cazzo così piccolo con cui giocare," arrossirono entrambi.
'Schiavo 1, siediti per terra accanto alla sedia.' disse Seth. L'uomo fece come gli era stato chiesto e una volta seduto, Seth fece cenno a Mary di succhiarlo. Lei gli slaccia lentamente i pantaloni e i boxer, prima di leccare il cazzo e spingerselo in bocca. Seth sentì la sua lingua giocarci mentre succhiava e le sue mani gli accarezzavano le palle.
Ha permesso alla testa di uscire dalla bocca e ha iniziato a leccare e succhiare le palle. Seth vide che John guardava in basso e parlò severamente. 'Orologio.' L'uomo alzò la testa e ora vide come Mary stava succhiando un altro uomo.
'Sul tavolo.' disse Seth all'improvviso. Non poteva più aspettare. La donna salì sul tavolo e allargò le gambe. Seth spinse la testa contro le labbra inferiori e sorrise mentre sbatteva dentro il suo cazzo. Mary gridò mentre cominciava a scoparla. Iniziò lentamente a gemere e Seth decise di amplificarlo un po'. Ha schiaffeggiato le tette del suo schiavo e ha iniziato a morderle sia le tette che i capezzoli. Grida e gemiti si uniscono mentre la ragazza viene scopata in modo primordiale.
Seth sentì le labbra della sua fica tendersi e le afferrò la gola. La tenne stretta mentre la scopava, poi la rilasciò per un momento, per afferrarla di nuovo. Seth la sentì venire mentre continuava a scoparla. Il gemito della sborra fu sufficiente perché John iniziasse a massaggiarsi il cazzo, che era duro ancora piccolo. 'No' Seth urlò ad alta voce, John sorpreso lasciò andare il suo cazzo e continuò a guardare la sua ragazza mentre veniva sbattuta.
Alla fine Seth venne duro nella sua fica. Sapeva già che lei prendeva il controllo delle nascite e che entrambi erano stati testati. Seth uscì e fece cenno a John di venire. "Leccale la figa." Disse mentre il suo cazzo si librava vicino al volto di Mary. Mentre John iniziava a leccare e bere la sua sborra, Mary gli stava pulendo il cazzo. Quando la sua fica fu pulita, Seth guardò i due baciarsi, entrambe le facce ancora sporche del suo sperma. Sarebbe stata una coppia divertente con cui giocare negli anni a venire.
"Posso venire, per favore?" chiese John. 'NO. chiedimi sempre se ti è permesso giocare con te stesso.' Seth parlò rigorosamente. "Tieni la spina fino a mezzanotte." disse Seth tirandosi su i pantaloni. "Riceverai un messaggio se avrò bisogno di informarti." disse poi Seth mentre usciva.

Storie simili

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

2.3K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.2K I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

2.1K I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

2.1K I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

1.5K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.